Visualizza versione completa : Same Iron Continuo, Lamborghini R6 VRT


A-TEAM
23-11-2007, 12.51.35
vorrei sapere qualche informazione sull'iron contino.sapere come và

cepy75
07-11-2009, 11.54.49
Con una settimana di ritardo, causa il sempre poco tempo, eccovi resoconto di una prova in campo del 170 continuo :111:.
Attrezzatura utilizzata: quadrivomere pieghevole.
Terreno limo-argilloso, sempre molto umido e poco avvezzo allo scorrere sui vomeri.
Macchina allestita in quasi full-optional (mancava radar antislittamento).

Un ringraziamento, per la realizzazione della prova :vabene:, al concessionario SAME di zona Cavagliato Snc ed al Sign. Vittone Mario, costruttore dell' aratro utilizzato.
Un grazie anche al mio compagno di ventura, Mefito, che ha avuto la (s)fortuna :333: di dividere la cabina con me. Ovviamente restiamo in attesa anche delle sue considerazioni.

Partendo dagl' interni, è rimasta la classica impostazione dell' Iron tradizionale, in versione Hi-line, quindi con bracciolo multifunzione e trimmer di regolazione varie nel sotto-bracciolo.
Sulla leva multifunzione, troviamo quindi i comandi per:
- Inversione senso di marcia (col. arancione)
- Comandi rapidi sollevamento (col. verde)
- Comandi elettroidraulici di 2 distributori (col. blu).
Entrando invece nello specifico dei comandi del Continuo, la funzione di gestione impostata ed il settaggio velocità vengono visualizzati in un display sul montante dx, dove troviamo, partendo dall' alto, velocità max espressa in numeri, lo stesso valore ma espresso in barra grafica, senso di marcia o neutrale, impostazione del cambio (auto, manual o power) e velocità effettiva.
Per l' occasione è stato utilizzato in modalità auto.
La velocità viene impostata tramite cloche, ad ogni movimento corrisponde un aumento graduale al tempo che viene spostata.
Nei trimmer sotto bracciolo inoltre, troviamo regolazioni per limitatore di giri motore e variazione d' accelerazione, ovvero il tempo entro il quale il sistema deve raggiungere la velocità max impostata.

Con la stesa cloche, si richiamano anche le funzioni pre impostate (tipo svolte fine campo), ma per l' esiguo tempo, non è stata utilizzata tale funzione.

Come guidabilità in campo, mi son trovato bene. Sempre ben progressivo, anche lasciando impostato un tempo d' accelerazione più breve possibile.
Molto comoda, nelle inversioni, la frenatura della trasmissione quando l' acceleratore a piede viene rilasciato.

Idraulica ottima, nell svolte non ha dato segni di scarsa portata pur avendo più movimenti in contemporanea.

Sollevamento anche di comportamento egregio, anche se le condizioni d' aderenza erano tali da non avere mai riscontrato problemi di slittamento. Certo con la zavorratura max disponibile, montata sul sollevatore anteriore, era alquanto difficile mandarlo in crisi.
Peccato non avere a disposizione una pesa per verificare peso e distribuzione dello stesso..

Inserisco 2 foto veloci del mezzo e dell' aratro utilizzato. Per tutta la raccolta, appena riesco carichiamo nel nuovo album mmt.

mefito
08-11-2009, 12.16.10
Come anticipato da Cepy ho partecipato alla prova,tempi e condizioni sono purtroppo limitati ,per cui posso solo inserire delle impressioni
Macchina compatta e di buona visibilità ,di primo impatto anche predisposta ad una facile manutenzione ordinaria.
Semplice sistema di apertura radiatori per la pulizia e buona impressione di accessibilità ai componenti(filtri).
Immediata percezione di controllo del mezzo,che si presenta intuitivo e semplice nell'utilizzo delle pincipali funzioni e gestione cambio.
Facilissimo da usare e confortevole(impressione personale).
Una cabina che comincia ad essere stilisticamente datata come strumenti e comandi,ma questo non è un difetto essendo ordinata razionale e molto intuitiva nei comandi,anche per chi è poco avvezzo a gestioni elettroniche.
Il motore non si può valutare, considerando solo produttore e prodotto non secondari a nessuno,ma in un vario la risposta è totalmente modulata dall'elettronica,e non permette valuazioni soggettive.
Non aveva nessuna fumosità visibile in nessuna condizione,e questo a conferma delle garanzie del concessionario che era un mezzo assolutamente standard.
Il terreno era tenace,ma non scivoloso per cui non si è potuto "giocare" con le impostazioni del sollevatore che comunque come tradizione Same,non ha nulla da invidiare a nessuno,anzi.....
In queste condizioni,con un qualsiasi sollevatore elettronico su quel terreno,la potenza determina solo la velocità di avanzamento.
Su massa e bilanciamento del mezzo nessun dubbio,mai neppure in manovre e sobbalzi con aratro alzato si è avuta la percezione di avere un peso a sbalzo che alleggerisse.
Poi con queste trasmissioni basta dare il via a "manetta" e la gestione mantiene il mezzo al massimo del potenziale al regime di giri più opportuno.
Ho apprezzato quel sistema che blocca il mezzo al rilascio dell'accelleratore in manovra,anche se ci si deve prendere un minimo di "piede", usandolo come d'abitudine e rilasciando totalmente l'acceleratore nelle manovre , si fermava anche se non era voluto....:222:
Ma è solo una questione di poche manovre e poi diventa un piacere, non necessitando più dell'uso dei freni che ,piccola nota dolente in questo mezzo nell'uso a pedali disaccoppiati avevano una corsa eccessiva .

Apro quì una personale parentesi a favore dei vario e di chi ne teme la sofisticazione.
Certamente è una gestione elettronica complessa,ma che ormai ha mostrato grande affidabilità,ma non è questo il punto che voglio mettere in risalto.
Si teme che sia una tipologia utilizzabile solo da esperti e che una conoscenza sommaria oltre che non permetterne lo sfruttamento possa essere magari anche "pericolosa"per il mezzo.
Nulla di più insensato,come per le più comuni apparecchiature elettroniche,un uso degli automatismi permette già un utilizzo pienamente soddisfacente del sistema.
Oltretutto la gestione elettronica permette lo sfruttamento totale della potenza disponibile senza pericolosi picchi o manovre "sconsiderate" che non vengono permesse.
Quì neppure volendolo si possono fare danni.
Due piacevoli sorprese,l'affabilità e simpatia di tutta la famiglia
Cavagliato e del ragazzo che ci ha portato il mezzo,che ci hanno supportato e dato piena disponibilità e ,aprendo un altra parentesi molto ampia,l'officina ed i prodotti Vittone.Ottima impressione dei dettagli costruttivi,semplicità ed originalità dei meccanismi,bellissima ed originale la chiusura che riduce al massimo lo sbalzo restando in sagoma.
Poi,ma questo è un capitolo aperto,interessanti anche le attrezzature di Vittone per la lavorazione del terreno,che siano erpici a dischi piuttosto che ripper vari,sarebbe interessante vederli meglio.


Che dire,alla prossima....;)

serena
10-11-2009, 14.12.50
Da oggi è online il nuovo Album MMT ed è visibile a questo indirizzo: www.album-mmt.it/foto (http://www.album-mmt.it/foto/main.php).
Oggi nella categoria Macchine Agricole è stato aggiunto un nuovo album : "Iron 170 Continuo - Prova in Campo - Riva presso Chieri (TO) 31/10/2009 (http://www.album-mmt.it/foto/v/macchine-agricole-e-forestali/prove-in-campo/prova_iron_170/)", l'album contiene già delle foto, e essendo un album pubblico tutti possono inserire nuove immagini e foto, e lasciare dei commenti

http://www.album-mmt.it/foto/main.php?g2_view=core.DownloadItem&g2_itemId=248119 (http://www.album-mmt.it/foto/main.php?g2_itemId=248115)