MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

AUTOCOSTRUZIONE: attrezzature per motocoltivatori e piccoli trattori

Collapse
X
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • AUTOCOSTRUZIONE: attrezzature per motocoltivatori e piccoli trattori

    Apro un nuovo topic per chi, come me, per diletto e spesso per necessità si auto-costruisce le attrezzature per il proprio motocoltivatore o piccolo trattore.
    Chi usa questi mezzi lo fa in molti casi a livello amatoriale e non è facile giustificare l'acquisto di attrezzature nuove (che quasi mai si trovano a buon mercato).
    Inoltre spesso ci troviamo a usare "mezzi d'epoca" e quindi risulta proprio difficile reperire attrezzi compatibili.
    Se poi scatta la passione e la soddisfazione personale il gioco è fatto!

    Per i moderatori:
    Ho cercato in giro per il forum ma ho trovato solo dei messaggi "sparsi"... ma se volete spostate pure questo post dove ritenete più opportuno.


    Per chi già non lo sapesse il mio parco macchine è costituito da un motocoltivatore Pasquali 917 con motore Lombardini diesel da 14cv e da un trattorino snodato Ferrari MC60 con motore Lombardini diesel da 18cv.
    Quest'ultimo ha un sollevatore a 2 punti a cui negli anni passati abbiamo costruito/applicato una barra porta attrezzi che ci ha permesso di utilizzare gli attrezzi che avevamo comprato in precedenza per il Pasquali.

    Premetto che:
    1) Utilizzo il più possibile materiale di recupero.
    2) Prima dello scorso anno non avevo mai preso in mano una saldatrice in vita mia!!!



    Inizio con lo SCAVAPATATE che ho costruito lo scorso anno: tutto ferro di recupero, unici materiali acquistati: elettrodi, dischi per la smerigliatrice e vernice.
    L'attacco è quello di un assolcatore già in nostro possesso (non arrivo a tanto ).

    Nell'uso pratico ho riscontrato qualche problema nel caso in cui le file delle patate siano voluminose e il terreno compatto:
    Al primo problema si ovvierebbe allargando l'attrezzo (attualmente fa 50cm) e allungando il "pettine" posteriore... (modifiche che penso di apportare nel prossimo futuro).
    Invece per il terreno compatto l'unica soluzione sarebbe applicare un sistema vibrante ma la complessità dell'operazione va oltre le mie attuali capacità tecniche.
    Attached Files

  • Teodofilo
    ha risposto
    Grazie, per quanto riguarda il problema di rotazione delle testine chiedevo appunto se esistono con filettatura contraria, o come posso intervenire.
    Grazie

    Lascia un commento:


  • Cinghiale
    ha risposto
    Giustissimo progettare le testine controrotanti, tuttavia, il problema non sta nella testina, bensì nel filetto sul quale si avvita: di solito, considerando la testina in posizione di lavoro su terreno orizzontale, il vettore velocità angolare punta verso l'alto, ruotando la stessa in senso antiorario e, dovendosi avvitare in senso contrario a quello di rotazione, il filetto è sinistro (l'elica sale in senso orario, nelle ipotesi di cui sopra). Per avere una testina controrotante e, quindi, con il vettore velocità angolare diretto verso il basso e rotazione oraria, occorre un fissaggio con filetto destro (l'elica sale in senso antiorario).
    Un'altra soluzione, potrebbe essere quella con testine a spezzoni di filo, ma con le stesse accortezze in merito ai filetti per il fissaggio.
    I motori idraulici debbono essere rotanti come descritto e, quanto alla potenza, occorre fare riferimento a quella di un comune decespugliatore: non meno di un paio di kiloWatt per ciascuno.

    Lascia un commento:


  • Teodofilo
    ha risposto
    Tagliaerba a filo

    Buongiorno, desidero costruirmi un attrezzo per sfalciare l'erba delle sponde inclinate (irregolari) dei gradoni in un vigneto (ovviamente in collina) da applicare ad un telaio a pantografo con regolazione idraulica dello spostamento laterale e inclinazione degli utensili applicati attaccato ad una trattrice New Olland 40 TF.
    Pensavo di realizzare una barra con tre testine di decespugliatore a filo movimentate da altrettanti motori idraulici; Domanda: che caratteristiche devono avere i motori assiali idraulici? esiste una testina portafilo con movimento sinistroso (per quella centrale)
    Grazie

    Lascia un commento:


  • Giusepppee13
    ha risposto
    Buonasera, spero mi perdonerete la mia mini intromissione, anche io sono un amante del fai da te, e mi chiedevo se per costruire una raccoglitrice di nocciole da agganciare alla PDP anteriore ci volesse anche un omologazione per circolare su strada, ho in mente una raccogliere classica a trattore ma con dimensioni ridotte. voi ne sapete qualcosa? Grazie in anticipo ��

    Lascia un commento:


  • francesco8
    ha risposto
    Grazie Bodo
    Io pensavo di mettere 4 avanti e 5 dietro ma di misura più piccola sarebbero 25x8 . Il dubbio è la potenza del mio Carraro tigre 2600 che dovrebbe avere 24 cavalli circa riesco a tirarle? Quelle che hai messo tu sono molto più grandi.
    Sennò potrei valutare di mettere 3 avanti e 4 dietro per un metro di larghezza .

    Lascia un commento:


  • bodo81
    ha risposto
    ciao Francesco......se guardi un po' indietro http://www.forum-macchine.it/showpos...4&postcount=57 ce un mio post con le foto della mia realizzazione, 7 ancore 32x10, (3 avanti e 4 dietro)
    Ti dico subito che io con 30CV e terreno mezzo bagnato non riuscivo andare avanti, quindi se il tuo trattore e sotto 30CV ti conviene stare su 5 ancore (2 avanti e 3 dietro)

    Lascia un commento:


  • francesco8
    ha risposto
    Autocostruzione di un vibrocoltivatore

    Buonasera ,
    volevo un vostro aiuto cimentarmi nella costruzione di un piccolo coltivatore estirpatore per preparare il letto di semina e per utilizzarlo tra gli ulivi in modo da estirpare l'erbe infestanti .
    L'attrezzo deve essere tirato da un trattorino di bassa potenza largo un metro quindi l'attrezzo lo farei di un metro uno e dieci circa , ma il problema principale sono le ancore, ho visto delle ancore piccole in rete a un prezzo irrisorio circa 5 euro sono da 25 cm dall'attacco misura 8x25 , e pensavo di mettere una fila di 5 avanti e 4 nella fila posteriore a una distanza di 22 cm cira uno dall'altro, oppure passare a delle ancore leggermente piu grandi 32x10 e mettere 4 avanti e 3 dietro a 25 cm di distanza circa .
    Secondo voi potrebbe andare ? Con quali delle due ancore sarebbe la soluzione migliore tenendo conto che dovrò anche utilizzarlo per rompere la crosta e estirpare gli ulivi ?
    Grazie

    Lascia un commento:


  • ale56
    ha risposto
    Personalmente lo farei diretto su motocoltivatore senza fresa,ma se è cosi robusta,tentar non nuoce.A riconvertirlo poi ci vuole poco.

    Lascia un commento:


  • albert85
    ha risposto
    Originalmente inviato da ale56 Visualizza messaggio
    Certo,se fresi prima,che patate vuoi levare dopo?
    Ciao ale56
    Ovviamente senza fresare sennò sarebbero già pronte da buttare in padella!! 😁
    La mia idea è quella di costruire il Cavapatate che rimanga più basso dei coltelli della fresa così non rovino le patate!
    Il mio dubbio è proprio se il trascinamento del Cavapatate attraverso il telaio della fresa possa dare problemi!

    Lascia un commento:


  • ale56
    ha risposto
    Certo,se fresi prima,che patate vuoi levare dopo?

    Lascia un commento:


  • albert85
    ha risposto
    Ho scritto una castroneria secondo voi?

    Lascia un commento:


  • albert85
    ha risposto
    Scavapatate per pasquali 946

    Ciao a tutti
    Secondo voi è possibile costruire uno scavapatate da applicare retrofresa come un assolcatore?
    Il motocoltivatore monta una fresa tipo 596 che mi sembra bella robusta come telaio...

    Con l'assolcatore non c'è sforzo perché si tratta di terra fresata e leggera mentre con un cavapatate c'è da tirare abbastanza!

    Che ne dite?
    Si potrebbe fare o vi sembra un stupidata?
    Grazie in anticipo
    Alberto

    Lascia un commento:


  • rex
    ha risposto
    Questo è il mio carro-botte per trattamenti. Saldare non è cosa mia ,mi sono rivolto ad un parente che se la cavicchia, io mi sono accontentato di procurarmi tutto il materiale e mi sono “divertito” con la verniciatura ed il montaggio. Concettualmente però è tutta mia la creatura…errori in primis. Ha i suoi difetti …appena mi viene lo sfizio dovrò eliminarli.
    Ciao!.

    Lascia un commento:


  • villar51
    ha risposto
    in effetti si creerebbero non pochi problemi il goldoni è un isometrico, con la saldatrice me la cavo ma di oleodinamica ne so molto poco, oltretutto non saprei poi proprio dove andarmi ad attaccare con i tubi e in effetti non aprirei più il cofano. Ok rinuncio , meglio opzione spazzaneve cingolato da 11/13 cv avete consigli? grazie

    Lascia un commento:


  • Arkans
    ha risposto
    Quale modello hai della Goldoni da 20 cv? Comunque sono trattori molto bassi, lo spazio per il sollevatore anteriore verrebbe fuori a fatica se conti di piazzare il pistone idraulico sotto al carro, altrimenti bisognerebbe studiare una staffa da applicare bene al telaio e a questa attaccare il pistone davanti (in verticale). A parole tutto sembra facile e sembra fattibile, bisogna anche capire quanto sei bravo te con l'oleodinamica e la saldatrice. Posta una foto del profilo laterale anteriore del tuo trattore e magari ti sarà suggerito un possibile progetto. Resta il discorso del "dire" e del "fare" C'è da considerare l'apertura del cofano, l'attacco per i tubi oleodinamici, dove agganciare la staffa...

    Lascia un commento:


  • villar51
    ha risposto
    ho un goldoni 20cv con sollevatore post. è possibile montare anche sull'anteriore un sollevatore? mi sono costruito una lama per la neve con due posizioni di sollevamento manuali ,l'esperimento non è andato a buon fine perché in una ondulazione del terreno questa si è piantata piegandosi e piegando le staffe di sostegno che avevo costruito. grazie ciao

    Lascia un commento:


  • guadagni
    ha risposto
    Grazie Castagnetto per la risposta. Ieri ho saputo che vicino a Firenze c'è un'officina presso la quale è possibile trovare anche vecchi pezzi e attrezzi per i Pasquali. Prima di cimentarmi nel costruire il pezzo, in caso ti invio la foto dell'attacco del trattore, provo ad andare li. Tieni presente che non ho alcuna esperienza di autocostruzione. Di nuovo grazie.

    Lascia un commento:


  • castagnetto
    ha risposto
    Salve,
    bisognerà costruirselo con un pezzo di trave UPN (ferro a C) alto come lo spazio fra le due orecchie.
    Andrà praticata una serie di fori,sulle ali del profilato,per permettere la regolazione trasversale dell'aratro.
    Poi rimane da vedere come fissare il traverso al sollevamento...
    Non so come sia fatto l'attacco sul sollevatore.
    C

    Lascia un commento:


  • guadagni
    ha risposto
    adattatore per aratro

    Click image for larger version

Name:	aratro pasquali.jpg
Views:	1
Size:	142,5 KB
ID:	1085347]Ho un aratro con un attaccatura tipo quella che si vede nella foto. Il trattore è un vecchio Pasquali 996 con attacco a due punte. Vorrei sapere quale adattatore mi serve. Mi presento: sono un pensionato e da poco mi sono comprato un pezzo di terra di un ettaro ed ho trovato sia il trattore che gli attrezzi. Nel caso dell'aratro non riesco a trovare l'adattatore. Grazie

    Lascia un commento:


  • giuseppecarta52
    ha risposto
    Effettivamente ho omesso di indicare che tipo di materiale volevo usare. Si tratta di porzioni di ferro utilizzati in carpenteria edile avente spessore 14 o 16 mm opportunamente sagomati in forgia. Vista la limitata potenza del trattorino (18 cv.) penso possa andare.

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da giuseppecarta52 Visualizza messaggio
    . Sto costruendo un estirpatore per un kubota b6000 con materiale di recupero
    Dire "materiale di recupero" dice tutto e dice nulla,dipende sempre dal materiale e da come lo utilizzerai.

    Originalmente inviato da giuseppecarta52 Visualizza messaggio
    e volevo chiedere qualche consiglio. Potrebbero resistere le rampe sagomate a caldo.
    Che cosa sono?

    Lascia un commento:


  • giuseppecarta52
    ha risposto
    Originalmente inviato da Gio75 Visualizza messaggio
    Seconda realizzazione: ESTIRPATORE a 7 ancore a molla.

    Genesi:
    Questo attrezzo era nato a 1 sola fila di 4/5 denti rigidi (tondini di ferro) per usarlo con il motocoltivatore Pasquali.
    Quando è arrivato il Ferrari è stata aggiunta "alla meglio" una seconda fila con 5 ancore a molla e la "cesta" superiore per le zavorre.

    Ora mi sono deciso a ricostruirlo quasi completamente riducendo a 7 il numero di ancore (tutte a molla) e ricostruendo la struttura in modo che sia più "organica" e resistente.
    Anche in questo caso (tranne le ancore) ho usato solo materiali di recupero.
    Per i test aspettiamo che il fango asciughi....
    Scusate l'intromissione. Questo perché sono nuovo del forum. Sono un appassionato del "fai da te", anche se non ho la tecnica che vedo sui vostri lavori. Vengo al punto. Sto costruendo un estirpatore per un kubota b6000 con materiale di recupero e volevo chiedere qualche consiglio. Potrebbero resistere le rampe sagomate a caldo. Saluto e ringrazio per eventuali consigli

    Lascia un commento:


  • Gio75
    ha risposto
    Originalmente inviato da bodo81 Visualizza messaggio
    un disco da 5kg si trova tra 11-14€
    Una catena sportiva francese molto diffusa in Italia vende online i dischi da 5Kg a 9€ tondi tondi.
    Poi il web è pieno di "pentiti della palestra a domicilio" che rivende attrezzature per il fitness seminuove pur di far spazio in casa...
    Fine OT.

    Lascia un commento:


  • bodo81
    ha risposto
    e forata e riempita bene, al interne del tubo ce un pezzo di tondino da 16 che e stato saldato separatamente, non si rompe con 25kg
    un disco da 5kg si trova tra 11-14€

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da bodo81 Visualizza messaggio
    continuiamo con la autocostruzione
    zavorre anteriore fai da te, molto economiche rispetto alle classiche valigette
    Quanto costano al Kg nuove?


    Originalmente inviato da bodo81 Visualizza messaggio
    ho usato un pezzo di putrella su quale ho saldato due tubi, con al interno un pezzo di tondino per aumentare la resistenza
    La saldatura non sembrerebbe delle migliori,hai forato la putrella o messi solo in appoggio?

    Lascia un commento:


  • bodo81
    ha risposto
    continuiamo con la autocostruzione
    zavorre anteriore fai da te, molto economiche rispetto alle classiche valigette






    ho usato un pezzo di putrella su quale ho saldato due tubi, con al interno un pezzo di tondino per aumentare la resistenza
    i pesi li avevo già in casa, 19kg su ogni latto con un totale di 38kg
    devo prendere altri 4 da 5kg e sostituire i 2 da 2kg sul latto cosi arrivo a 25kg sul latto con un totale di 50kg
    per me basterebbe visto che il massimo sul libretto e di 60kg

    Lascia un commento:


  • Arkans
    ha risposto
    Veeerissimo Ma volevo passare un altro concetto, cioè che con la zappa larga è più facile lavorare la superficie perché si muove più terra ma per contro l'attrezzo affonda meno.

    Lascia un commento:


  • Gio75
    ha risposto
    Originalmente inviato da Arkans Visualizza messaggio
    Più è dritta la zappetta, più eventuali residui di erba possono sfilare tra le ancore, la lavorazione però sarà meno superficiale e più profonda...
    Se l'estirpatore affonda troppo si può sempre agire sul sollevatore..
    E' quando non va giù che si comincia a tribolare!

    Lascia un commento:


  • bodo81
    ha risposto
    ok seguirò il vostro consiglio.....grazie

    Lascia un commento:

Annunci usato

Collapse

Caricamento...
X