MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Estirpatori

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • cepy75
    ha risposto
    Originalmente inviato da Cri86 Visualizza messaggio
    P gepy 75:la tecnica culturale è diretta conseguenza dell'atrezzo usato
    Chiaramente, tenendo conto di tutti i fattori, non solo l' attrezzatura utilizzata.

    Originalmente inviato da Cri86
    ,nello specifico la tecnica cultiurale che prevede una rippata e passata con erpice rotante nel MIO caso non ha portato i frutti sperati.Questo non vuole essere una verità gnoseologica,ma solo una pura esperienza.
    Giusta la precisazione del tuo
    caso...ma non dev' essere portata come verità assoluta a chi cerca info.

    Originalmente inviato da Palo83
    mi è stato consigliato di lavorare il terreno con un ripper piuttosto che con l'aratro bivomere..
    cosa mi consigliate ??
    Dai una lettura anche alle discussioni su minima lavorazione e tecniche alternativa all' aratura.

    Lascia un commento:


  • Cri86
    ha risposto
    P gepy 75:la tecnica culturale è diretta conseguenza dell'atrezzo usato,nello specifico la tecnica cultiurale che prevede una rippata e passata con erpice rotante nel MIO caso non ha portato i frutti sperati.Questo non vuole essere una verità gnoseologica,ma solo una pura esperienza.

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da cepy75 Visualizza messaggio
    Confrontare tecniche alternative all' aratura, considerando solo l' attrezzo in se, è molto semplicistico e riduttivo.
    Questo perchè sono ben altri i fattori che possono influire sull' andamento del raccolto.
    Giusto per citarne qualcuno: struttura e condizione terreno al momento delle varie entrate in campo, gestione residui colturali, difese da malerbe.
    Esatto,non esiste una tecnica in assoluto giusta o sbagliata,ognuna ha vantaggi e svantaggi,ma sopratutte delle regole da seguire e condizioni favorevoli.

    Lascia un commento:


  • cepy75
    ha risposto
    Originalmente inviato da Cri86 Visualizza messaggio
    Per farti un esempio in un campo arato e seminato a grano tipo bologna la resa è stata di quatro quintali e mezzo alla pertica,nel terreno solo rippato e passato con erpice rotante è stata di tre quintali abbonfanti, negli anni scorsi fai te.
    Confrontare tecniche alternative all' aratura, considerando solo l' attrezzo in se, è molto semplicistico e riduttivo.
    Questo perchè sono ben altri i fattori che possono influire sull' andamento del raccolto.
    Giusto per citarne qualcuno: struttura e condizione terreno al momento delle varie entrate in campo, gestione residui colturali, difese da malerbe.

    Lascia un commento:


  • Cri86
    ha risposto
    671 metriquadri,pensavo che si usasse anche da voi

    Lascia un commento:


  • palo83
    ha risposto
    grazie cri86
    pensa che da me la resa è già bassa facendo la normale aratura...ma quanto vale una pertica??

    Lascia un commento:


  • Cri86
    ha risposto
    Io parlo per esperienza diretta avendo in coltivazione con mio zio 20 ha di terreno in pianura;il ripper se potessi tornare indietro non o comprerei più il campo si riempie di infestanti e la resa cala di ca il quindici per cento.Per farti un esempio in un campo arato e seminato a grano tipo bologna la resa è stata di quatro quintali e mezzo alla pertica,nel terreno solo rippato e passato con erpice rotante è stata di tre quintali abbonfanti, negli anni scorsi fai te.

    Lascia un commento:


  • palo83
    ha risposto
    scelta ripper

    salve a tutti...faccio una piccola premessa.
    ho un azienda agricola in un paese di montagna...il terreno è molto duro e pieno di pietrame..ho un fiatagri 82/94 e un fiat 640..coltivo cereali e legumi..
    mi è stato consigliato di lavorare il terreno con un ripper piuttosto che con l'aratro bivomere..
    cosa mi consigliate ??

    Lascia un commento:


  • gion
    ha risposto
    Estirpatore ripper

    Ciao a tutti! sono nuovo di questo forum. Volevo porvi una donanda , io ho un estirpatore della ofg ad ancore curve , a balestra per capirci, ma non va tanto bene. Tempo fa ne ho provato uno di un mio amico che ha lo stesso telaio del mio ma con le ancore a rippere e devo dire che lavora tanto megli. sapreste dirmi dove posso trovare dele ancore ripper da poter applicare al mio, possibilmente in veneto. so che le sue sono marchiate bpt italy , ho provato a cercare su internet ma con questo nome non trovo niente , voi sapete dove posso trovare questa dita? grazie!

    Lascia un commento:


  • claud
    ha risposto
    Il terreno che ho è abbastanza pesante, senza sassi; lo voglio abbinare a un trattore a ruote da 38 cv.
    Ma tecnicamente che differenze ci sono tra le varie tipologie di estirpatori?

    Lascia un commento:


  • 605CM-TERAMO
    ha risposto
    Dipende dal tipo di terreno e dalla trattrice a cui lo abbini.
    Di massima andrei sul primo (il rullo è amovibile) che potresti usare anche per fare altro e sul terzo. Usati li trovi a buon prezzo.
    Quello a balestra va soprattutto sui sassi.

    Lascia un commento:


  • claud
    ha risposto
    Ho visto che in commercio ci sono varie tipologie di estirpatori:




    Thanks to ImageShack for Free Image Hosting
    Qual' è la tipologia più adatta per lavorazioni in un frutteto?

    Lascia un commento:


  • VICTOR_SAME
    ha risposto
    BUON ANNO A TUTTI -Ho un Same Minitaurus 60 dt syncro, visto che devo comprare un estirpatore vi chiedo per il mio trattore quale è più adatto? vorrei comprarlo usato.Sera a tutti

    Lascia un commento:


  • Dj Rudy
    ha risposto
    Beh si direi che per un landini 10000 un estirapatore su 2 file a 11 ancore con dischiera va più che bene, sul nuovo con 3000-3500 € dovresti cavartela.

    Lascia un commento:


  • Mike65073
    ha risposto
    ciao Rudy, dovrei usarlo con un Landini 10000.
    non sono andato dai fratelli Rossetto perchè ero di passaggio in quella zona ed ho approfittato, poi ho un amico che lo usa (11 balestre + dischiera) e me ne ha parlato molto bene.
    cercavo anche un usato ma se nè trovano pochi

    Lascia un commento:


  • Dj Rudy
    ha risposto
    Ciao Mike, a che trattori dovresti abbinare questo estirpatore? Sei andato a sentire anche da F.lli Rossetto si trovano a metà strada della strada che da Padova porta a Verona.

    Lascia un commento:


  • Mike65073
    ha risposto
    spero che non vado contro le regole del forum a scrivere una marca produttrice di attrezzi.....
    stò cercando anch'io un estirpatore da 9 o 11 ballestre ed ho guardato sia l'usato che il nuovo, sentendo le varie esperienze.
    la ditta Pastò (prov. di Padova) fà un buon prodotto, solido e fatto bene... fà anche dischiere da abbinarci.
    Ho visto altre marche che costano pochi euro in meno ma sono meno robusti

    Lascia un commento:


  • kekko
    ha risposto
    qualcuno della zona bologna o dintorni usa un estirpatore di marca collari?

    Lascia un commento:


  • ziopeppino
    ha risposto
    Io uso un tiller a 9 ancore a molle ritorte da 30 a cui aggiungo all'occorrenza un'altra ancora. Il lavoro lo fa molto bene in presenza di pietre e/o erba per via delle ancore alte e della buona flessione. Posseggo anche un ottimo tiller Nardi, buono in presenza di suolo molto tenace ma che si ingolfa facilmente con l'erba.Poi uso un ripper 5 ancore come da foto. http://www.omapassarelli.it/image/prodotti/001.jpg
    Ultima modifica di ziopeppino; 17/10/2007, 06:55. Motivo: Aggiunta di considerazioni

    Lascia un commento:


  • orsibruno51
    ha risposto
    ciao, sono nuovo del foro e da poco coltivo per hobby un pezzo di terra, quindi inesperto un po' su tutto. Possiedo un vecchio same del 1966, 26 cv , un po' giu' di motore, pensi che potrei tirarci un estirpatore? e di che grandezza? poi dopo aver lavorato il terreno con l'estirpatore, prima di eseguire le piantaggioni, che altre lavorazioni necessita di fare? grazie ciao lamberto

    Lascia un commento:


  • il_conte
    ha risposto
    io uso molti di questi modelli , con larghezze diverse, per esempio quel giorno usavo un 15 bracci da 4,20 metri , con profondità che arriva sui 35 max, su strada dato che si ribaltano i 3 bracci per ogni lato si è a regola, il suo peso è 820 kg e l interasse tra i bracci è di 28 cm.

    noi lo usiamo per spianare i terreni arati o spianare i terreni lavorati col ripuntatore , o per coprire il concime, non usiamo nessun alto tipo di coltivatore.

    i ruotini laterali ci servono nelle colline dove, lavorando piano per piano , l attrezzo sta sempre in piano , se si tolgono , ovviamente , l attrezzo in "costa" sta piu abbattuto dal lato inferiore ed essendo molto largo , la parte superiore poggia poco.

    la pressione dei bracci con i pistoni e regolabile con un tubo:
    1) metti tubo , azioni la leva del distributore, fuoriesce l olio dalla valvola e i tubi sono in pressione
    2) ha due bocce , il motivo è semplice : se lo usi con una hai una pressione hai bracci di 145 bar circa, se lo usi con 2 hai una pressione di 100 bar circa.
    il tutto si cambia avvitando o svitando un semplice raccordo e senza modificare la pressione col tubo .

    3) ho gia detto che su strada i bracci si ribaltano sopra quindi si è sempre a norma
    4) quando prendi una pietra i bracci si alzano non rompendo mai ne telaio ne bracci
    5) Vi si possono montare tre tipi di vomerine: a scalpello per dissodare, triangolari o a lancia per i ripassi.

    infine questo coltivatore a 15 bracci è indicato per un mezzo da 200 cv circa , ma purtroppo avevo quello piccolo impegnato ed avevo quello li , ma il mezzo non se la passava tanto bene , infatti la nafta è volata come un fulmine, circa 30 litri ora.
    normalmente uso un 13 bracci sempre siderman calà , larghezza 3.65 , con peso di 750 kg ed il trattore riesce a fare 20 ettari al giorno tranquillamente.
    Attached Files

    Lascia un commento:


  • 1880 DT
    ha risposto
    non dovrebbe essere difficile. Ne sto preparando uno per il mio da 1,40 che è molto simile al tuo. io pensavo di attaccare alla stuttura (la specie di putrella rovesciata dove sono attaccate le ancore) due bracci lateralmente e unirli subito dietro alle ancore più lunghe con un tubolare quadro, al quale saldare due barra piatte con un foro (del tutto simili a quelle dove attacchi il 3° punto). per avere la profondità basterà collegare un puntone a vite tra il castello dell'estirpatore e il tubolare che collega le estremità dei supporti rullo. Per i rulli poi tutto dipende dal risultato che vuoi ottenere. Un consiglio, procurati 2 ruote di profondità sono utilissime. Quanto largo è? che tipo di terreno hai? Io sullo stesso tipo di ancora ho tagliato le punte laterali trasformando il triangolo in un rombo (circa). Solleva meno zolle però va più a fondo, rompe meglio la crosta sotterranea e il trattore fa molta meno fatica, per non parlare di quando lavori con presenza di erbacce.

    Lascia un commento:


  • AMERIGO____
    ha risposto
    ecco il mio invece, comprato usato un mese fa a 500 euro.....



    come protei fare per montarci un rullo per livellare il terreno ?
    Ultima modifica di urbo83; 06/12/2009, 10:43.

    Lascia un commento:


  • tex76
    ha risposto
    Io ho invece un estirpatore - tiller - coltivatore a 5 punti della ditta Andolina di Siracusa, serie leggera, che prima utilizzavo nel mio Goldoni e adesso invece continuo ad utilizzare col Mistral.
    E' molto comodo per passare sotto gli alberi di ulivosenza provocare danni alle radici, cmq in prossimità degli alberi, faccio sempre massima attenzione.

    Lascia un commento:


  • mirotocci
    ha risposto
    in collina toscana con terrreni argillosi gli esplosori sono molto utili poichè consentono di tenere il craker non necessariamente a profondità folli... io personalmente uso un badalini modificato da un artigiano ..funziona bene anche se l'architettura del badalini tendea lavorare solo in profondità si si tiene troppo in superficie 30 cm non lavora gran chè.....
    l'artigiano si chiama aratri mariannelli di Certaldo Firenze è bravissimo e un ripper da sana pianta con rullo posteriore per un 200 cv te lo fa con 3000 euri circa e l'acciaio è ottimo con tanto di garanzia..

    Lascia un commento:


  • Dj Rudy
    ha risposto
    capisco benissimo l'inutilità di rulli e dischi nei tuoi terreni, il mio era un discorso puramente economico relativo ai prezzi, cioè che si sono ottimi attrezzi i s.m. però mi sembrano un pelo cari tutto qui.

    Sono felice per te che non hai sassi, comunque se un attrezzo è fatto bene e attaccato al trattore giusto non devi star a cambiare sempre bulloni di sicurezza anche se il terreno è molto tenace. Anche qui da me c'è molta gente che ara in collina in discesa, e poi risale a vuoto e anche senza aratri con pistoni non mi sembra che stia dalla mattina alla sera a cambiar bulloni di sicurezza, per questo pensavo che i pistoni venissero utilizzati solo nei terreni molto sassosi.

    Riguardo alla tenacità dei terreni delle mie zone varia molto, io fortunatamente lavoro quasi totalmente in pianura e di terreni molto tenaci ne ho pochi (40-50 Ha), ma basta andare a 15 km da casa mia (colline di Orciano,o Volterra), e li ti assicuro che con 130-150 cv a ruote ti dimentichi ti tirare un trivomere anche a solo 25 cm, per fare quelle cose ce ne vogliono oltre 200 cv, perchè di argilla si passa il 40 % che non è poco quando il campo non è pari ma sale e scende e tu sai bene cosa vuol dire.
    Ultima modifica di Dj Rudy; 25/07/2007, 01:23.

    Lascia un commento:


  • il_conte
    ha risposto
    onestamente parlando proprio dove abito , per trovare una pietra devi girare un bel pò. nelle altre due aziende (più distanti ), ho qualche "collina" e qualche pietra.
    io però ho visto molti attrezzi senza pistoni lavorare qui da noi......sei sempre a cambiare bulloni .......
    poi una cosa è lavorare con 15 quintali un altra è lavorare con quasi il doppio.
    il rullo dietro è un più che da noi non si usa per nulla, tra l altro l estirpatore non lascia le zolle di un arato , quindi sarebbe superfluo .

    Poi dato l uso "estivo" di quest attrezzo è sempre consigliato farla qualche piccola zolla e non lasciare la terra troppo fine, sennò se piove forte , oltre che ci sono inizi di frane nelle colline, si ci posso mettere i pesci e fai un bel lago!
    Con un pò di zolle la terra si prende il bel sole (dopo l estirpatore ovviamente) e dopo che piove un pò ci vai a ripassare e non usi ne frese, ne rulli, ne vibro e ne erpici rotanti.

    Comunque le vostre tecniche quando avrò tempo le vedrò a vedere , soprattutto per vedere la tenacità dei terreni e la potenza che gli attrezzi pesanti richiedono ai vostri mezzi.

    per fare un esempio banale: senza esplosori mettevamo anni fa l estirpatore al cingolato fa120 col carrello ovviamente, su sei marce nelle colline potevi andare di 3 , mentre che col coltivatore andavi di 5 o di 6 marcia.
    con gli esplosori montati penso che farebbe ancora più sforzo ,proprio per questo mi son permesso di scrivere che bisognano molti cv per muovere bene quest 'attrezzo.

    Lascia un commento:


  • Dj Rudy
    ha risposto
    10 mila € per un estirpatore da 3 metri senza rulli o dischi non sono pochi, certo ha tutto il sistema no-stop, ma con quei soldi ho preso il Vulcano da 4 metri 9 ancore di Rossetto, con ancore (con doppia molla di sicurezza), dischi, rullo e chiusura idraulica, (24 q.li), oppure sempre con quella cifra puoi prendere un Alpego supercrakker 7 ancore (anchesse con esplosori) da 3 metri con doppio rullo spuntoni posteriore (peso ben oltre i 15 q.li).

    Vedo che tutti i tuoi attrezzi (aratri compresi) hanno il sistema no-stop, ma avete così tanti sassi nei vostri terreni?

    Lascia un commento:


  • il_conte
    ha risposto
    nel senso che se hai un buon mezzo d avanti che se lo tira, dove ci passi tutto l anno col molti trattori e non fai altro che pestare , lui sistema tutto passandoci una volta sola!
    il prezzo..........beh circa 10 mila euri....

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da il_conte Visualizza messaggio
    anche se per me l arato è insostituibile perchè ti gira la terra e i semi delle malerbe vanno giu ,!!
    Ma il terreno è pieno di semi,tanti ne mandi sotto ,tanti ne tiri sù.....

    Originalmente inviato da il_conte Visualizza messaggio
    questo ripuntatore per me è un ottima arma di distruzione terreni!!
    In che senso "distruzione" ?

    Lascia un commento:

Caricamento...
X