MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Coltivazione di antiche varietà di cereali

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • Coltivazione di antiche varietà di cereali

    Metto una foto scattata ieri di 2 frumenti antichi: quello di sinistra si chiama Poulard di Ciano (originario della prov. di Reggio Emilia e del 1800) ; a destra l'Autonomia B del 1938. Notare l'altezza del Poulard (io sono alto 1,83 cm) la cui paglia molto lunga e grossa veniva anche usata per coprire tetti.
    Attached Files
    Antonio Bocchi

  • #2
    saluti
    caro Antonio ho provato a ricercare qualche argomentazione con domande appropriate per incitarti a scrivere dei tuoi esperimenti, prove o idee,ma la mia ignoranza non mi aiuta,e ho il timore di un tuo o vostro allontanamento per noia
    in alcuni incontri con amici abbiamo parlato di prodotti alimentari biologici ,a lotta integrata o anche da produttori seri e coscienziosi,e a riguardo un po di tempo fa' a Sorbolo un gruppo di consumatori si sono organizzati per fare acquisti mirati e commissionano anche coltivazioni di determinati prodotti o allevamenti di specie(3bovini 5maiali 50polli 50conigli e cosi via...)
    credo che queste iniziative siano molto costruttive,utili e possono avvicinare il consumatore alla percezzione delle difficolta e fatiche di alcune scielte
    spero in un rileggerci presto
    ciao a tutti

    Commenta


    • #3
      Puoi farmi le domande che vuoi perché tutto è cultura e conoscenza, quindi anche le cose più banali possono essere utili e anch'io che sono più vecchio di voi(ho 58 anni, non ho timore a dirlo) ho ancora tanto da imparare.
      Quella dei gruppi di acquisto ne ho sentito parlare da tempo ma non mi sono mai messo in contatto; io generalmente vendo ad amici o conoscenti sia la carne ottenuta in modo bio che farine e legumi. Io guadagno un po' di più che venderla all'ingrosso e il consumatore compra volentieri perché la roba è coltivata a 600 metri di altezza nel comune di Tizzano val Parma, lontana dalle fonti di inquinamento che avete in pianura. Certo l'idea della coltivazione a contratto preventiva sarebbe migliore, così il consumatore può avere anche la varietà della specie preferita. Inoltre il consumatore può visitare preventivamente l'az. agricola e seguire direttamente l'evolversi delle coltivazioni o la crescita di capre,pecore,manze o animali da cortile. Allego una foto di una parte di un campo catalogo di grani antichi, ciao Antonio
      Attached Files
      Antonio Bocchi

      Commenta


      • #4
        Ciao Antonio e ciao a tutti!

        Ho un piccolo podere sulle colline Romagnole ed assieme alla mia compagna stiamo iniziando un progetto di recupero delle vecchie speci animali e vegetali. Inutile dire che saranno nel pieno rispetto dei tempi di crescita e senza prodotti chimici.

        Mi sto approcciando alla coltivazione del monococco e desidererei avere qualche informazione in merito alla preparazione del terreno, alla coltivazione ed alla decorticazione.
        Per la molitura sapete se esiste qulache buon molitore in zona?
        Per la decorticazione, qualcuno ha un suggerimento per macchine vecchie o autocostruite?

        Grazie in anticipo
        Roberto.

        Commenta


        • #5
          Per me è il primo anno che semino una piccola parcella di monococco, ma questo cereale mi ha sempre affascinato perché è stato il primo frumento coltivato dall'uomo e questo si dimostra dal livello di ploidia, ossia dal numero di cromosomi che compongono il genoma; il farro monococco(Triticum monococcum monococcum) è diploide ed ha 14 cromosomi. Il farro dicocco che è venuto dopo nell'evoluzione è infatti tetraploide con 28 cromosomi e il farro più recente,cioè la spelta è esaploide con 42 cromosomi.
          Da qui l'importanza e il fascino di coltivare il monococco. Qui da noi per i cereali prepariamo il terreno con un 'aratura fatta in agosto (così le malerbe seccano cuocendo sotto il sole caldo), poi in settembre se è venuta qualche pioggia che sgretola le zolle passiamo con l'estirpatore. Se non piove usiamo l'erpice rotante. A fine settembre se si vede che nascono delle erbacce passiamo subito con l'erpice a denti fissi che livella anche il terreno (unico inconveniente che tira fuori anche dei sassi). Poi dalla metà di ottobre si fa la semina a seconda che piova o meno. Per il monococco mi hanno detto di non concimare, così è meno facile che alletti. Noi facciamo la rotazione con la medica di cui sfruttiamo la funzione azoto fissatrice. Bisogna trovare la giusta gradazione da impostare sulla seminatrice perché ne esce meno rispetto al frumento; Un amico ha provato con la seminatrice aperta tutta e non ne è uscito abbastanza, ha dovuto passare 2 volte, perciò l'importanza di fare qualche prova.
          In Toscana dove vado con un amico per il dicocco, che hanno un impianto all'avanguardia mi hanno detto che decorticare bene il monococco è ancora più difficile,quindi ti sconsiglio di usare macchine improvvisate. Bisognerebbe fare una prova alla macchina aziendale di Zanotti come proposto dall'utente cioccospak.
          Per i mulini a pietra ti posso indicare dove vado io in prov. di RE, ma sei troppo scomodo. Ciao Antonio
          Ultima modifica di
          Antonio Bocchi

          Commenta


          • #6
            Per antonio.bocchi@
            Grazie mille per il messaggio, in effetti RE è un po' scomodo.
            Ora mi guardo un po' in rete e cerco delle decorticatrici, come lavorano, cosa costano.
            Non mi voglio impegnare troppo presto in spese.
            Chiedo nei mulini in zona.

            A presto!
            e buon lavoro!
            Roberto.

            Commenta


            • #7
              ricerca grano Mentana

              ciao a tutti sono nuova e nemmeno del vostro settore ma ho bisogno di informazioni, e da quello che ho letto tanti di voi sono esperti e ..ne sanno un sacco.
              Ho un'azienda di produzione di torte confezionate e vorrei far seminare nella mia zona del grano tenero antico da usare per le mie ricette.Il grano che vorrei mettere e' il Mentana perche' nella mia zona: Montefiorino appennino modenese altitudine 800 metri era coltivato in molte zone.Non riesco pero' a trovarne neanche 50 kg da seminare.
              Vorrei consigli anche su tipi forse piu' adatti alla produzione di dolci o di pane.
              Vi ringrazio tanto

              Commenta


              • #8
                Ciao a tutti, qualcuno di voi ha per caso del grano Mentana o Gentil Rosso o entrambi da vendere per fare un po' di farina e provare ad assaporare il gusto del "pane come una volta"? Sapete per caso dirmi eventualmente dei contatti di persone che lo vendono??

                Grazie infinite, ciao
                Matteo

                Commenta


                • #9
                  Per il pane nelle prove fatte a Parma i migliori sono Terminillo, Risciola e Autonomia B; il Mentana viene dopo. Vedi le prove sul sito www.stuard.it di Parma.
                  Antonio Bocchi

                  Commenta


                  • #10
                    Originalmente inviato da antonio.bocchi@ Visualizza messaggio
                    Bisogna trovare la giusta gradazione da impostare sulla seminatrice perché ne esce meno rispetto al frumento; Un amico ha provato con la seminatrice aperta tutta e non ne è uscito abbastanza, ha dovuto passare 2 volte, perciò l'importanza di fare qualche prova.
                    A tutt'oggi io semino il frumento con lo spandiconcime ( edizione moderna della vecchia semina a spaglio ) e devo dire che dopo qualche prova si riescono ad ottenere discreti dosaggi di distribuzione ( che possono essere migliorati ), qualcuno di voi vuole provare con le vecchie varietà ?

                    Commenta


                    • #11
                      Da noi nell' Appennino Parmense una volta seminavano a spaglio e per non ripassare dove si era già seminato venivano delimitate le file con dei bastoncini. Col trattore e lo spandiconcime vedi le tracce delle gomme, però bisogna farci su la mano altrimenti la semina non è omogenea. Qui il 90% usa la seminatrice trainata col trattore a cingoli che pesta molto meno e quando si gira a fondo campo è velocissimo; anche i campi non sono tutti regolari e spesso ci sono ostacoli come siepi o alberi. Poi con la seminatrice il lavoro è finito (a parte i solchi acquaioli per salvare il seminato quando poi piove), mentre a spaglio bisogna coprire la semina con l'erpice a denti fissi che tira fuori dal terreno un sacco di sassi o rullarla,ma in questo caso resta scoperto molto frumento e corvidi e piccioni fanno man bassa.
                      Quest'anno col bagnato ho tribolato molto anche con la seminatrice(sempre intasata di terra e radici). Voglio cambiarla con una a dischi, la mia essendo a stivaletto.
                      I grani antichi accestiscono molto di più dei moderni, vanno seminati più radi, senza concimi, altrimenti allettano facilmente. Per il Terminillo,l'Autonomia B e Mentana faccio almeno un grado in meno con la seminatrice rispetto ai moderni Bolero e Taylor. Addirittura col Poulard di Ciano che oltrepassa i due metri chiudo una bocchetta si e una no.
                      Antonio Bocchi

                      Commenta


                      • #12
                        Varieta' antiche di grano.

                        Chi mi sa indicare un testo/i dove poter trovare indicazioni sulle varieta' di grano/cereali coltivate ad inzio 1900 nelle diverse regioni d'italia? Oppure altre info?

                        Commenta


                        • #13
                          Originalmente inviato da STAFFDOGS Visualizza messaggio
                          Chi mi sa indicare un testo/i dove poter trovare indicazioni sulle varieta' di grano/cereali coltivate ad inzio 1900 nelle diverse regioni d'italia? Oppure altre info?
                          Secondo me un grande selezionatore fu Jacometti , che per questioni politiche venne radiato ( fu il selezionatore anche del pioppo 214.......................) da ogni lavoro presso enti pubblici , inquanto era assunto presso Istituto Sperimentale Pioppicoltura.
                          Jacometti presso l'istituto agrario di Villafranca Piemonte seleziono' vari grani resistenti a malattie e piu' produttivi. Con la SIS seleziono' il grano che portera' il suo nome , frumento molto appprezzato sino agli anni 78 / 80
                          Jacometti fu l'esempio di come ceche ed ottuse persone riuscirono ad accantonare un ricercatore , precursore genetista di rara capacita'

                          Commenta


                          • #14
                            saluti a tutto il forum,

                            io quest'anno ho seminato (mezza collina nelle marche) il grano duro senatore cappelli.

                            Grano antico,qualcuno ha esperienza in merito.
                            preciso che sono in bio
                            grazie per le risposte

                            Commenta


                            • #15
                              Originalmente inviato da coccinella Visualizza messaggio
                              saluti a tutto il forum,

                              io quest'anno ho seminato (mezza collina nelle marche) il grano duro senatore cappelli.

                              Grano antico,qualcuno ha esperienza in merito.
                              preciso che sono in bio
                              grazie per le risposte
                              Anche io sono un produttore di grano Senatore Capelli Come ti e' andata quest'anno?Io mi trovo in trexenta Sardegna e lo semino da parecchi anni ciao

                              Commenta


                              • #16
                                ciao asso4,
                                non molto bene come resa, ca. 16 q.li ht e tutto allettato.Però devo dire che non ho concimato per nulla poichè era su maggese e non hò neanche arato solo ripuntato e affinato con frangizolle.>Il prezzo per contro è stato ottimo euro 55 q.le direttamente al pastificio previ contratto.Tu a chi lo vendi?

                                Ciao

                                Commenta


                                • #17
                                  Salve sig Bocchi, io sono nella prima collina di Reggio e vorrei iniziare la semina di frumenti antichi, quantità uso famiglia. Può indicarmi dove trovare le sementi? Si scambiano tra produttori? Ho letto che parlava di Mulini in Pietra a Reggio me li indicherebbe? Lei cosa mi consiglia di seminare (terreno argilloso)?
                                  Grazie

                                  Commenta


                                  • #18
                                    vorrei seminare un po' di grano poulard
                                    in mezzo al trifoglio alla fine di giugno
                                    anche poco qualcuno me lo può vendere??
                                    cioa Nino

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Originalmente inviato da ninno Visualizza messaggio
                                      Salve sig Bocchi, io sono nella prima collina di Reggio e vorrei iniziare la semina di frumenti antichi, quantità uso famiglia. Può indicarmi dove trovare le sementi? Si scambiano tra produttori? Ho letto che parlava di Mulini in Pietra a Reggio me li indicherebbe? Lei cosa mi consiglia di seminare (terreno argilloso)?
                                      Grazie
                                      Io semino, in un terreno argilloso-limoso,Terminillo come antico perché da al pane un colore e un sapore della crosta eccezionale,però lo uso insieme a Bolero e Taylor per farlo lievitare meglio. Il Terminillo me lo aveva fornito lo Stuart di Parma. Al mulino vado a Currada nel comune di Ciano(RE).
                                      Antonio Bocchi

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Salve a tutti,
                                        anche io ho iniziato con qualche cereale antico quest'anno,
                                        è andata male all'Isola d'Elba il mese dopo aver dopo aver seminato non è più piovuto per 4 mesi..
                                        Mi mancava l'attrezzatura per trebbiare, ho una mietilega ed ora una piccola trebbiatrice. Avevo seminato 2 duri, Senator Cappelli, Saragolla, (ma mi hanno detto che poteva essere simile al Kamut...) un tenero appena riscoperto, il Verna, e poi il farro dicoccum e lo spelta.
                                        Questa'anno ho seminato di nuovo 1 ql di Senator Cappelli, qualche kg degli altri grani dell'anno scorso, e il dicoccum.
                                        Mi hanno regalato 2 pannocchie di mais, una dovrebbe essere un "Ottofile" viene dal Piemonte ed è molto indicato per fare la polenta, l'altra varietà, con chicci più piccoli a punta trasparenti e più scuri, viene dalla riviera di ponente l'aveva un anziano, qualcuno le conosce?
                                        [IMG]

                                        Uploaded with ImageShack.us[/IMG]

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Il grano del Saragolla Turchesco(Triticum Turgidum sp.bulgaricum) che ho io ha i chicchi più grandi del solito Kamut (Triticum Turgidum sp. turanicum) e anche la spiga è diversa, più chiara,pesante e con le ariste più lunghe. Personalmente il Saragolla (visivamente) lo trovo più affascinante del Kamut o Khorasan come si chiama in realtà(Kamut è un marchio come Barilla o Cirio per es.). La trebbiatrice che hai come è fatta?
                                          Antonio Bocchi

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Grazie Antonio!
                                            Finalmente ho il nome scientifico della specie!
                                            effettivamente il chicco era molto allungato e un pochino..."a banana" più grosso del Senator cappelli, inoltre la spiga era molto bella grande chiara e con le ariste molto lunghe a volte un pò ondulate.
                                            la Trebbiatrice è una f.lli Pozzo
                                            avevo chiesto notizie qui: http://www.forum-macchine.it/showthread.php?t=55948



                                            Uploaded with ImageShack.us


                                            Uploaded with ImageShack.us

                                            Commenta


                                            • #23
                                              [Tre foto delle varietà che ho seminato all'Isola d'Elba, la Prima è Saragolla
                                              URL=http://imageshack.us/photo/my-images/51/saragolla.jpg/][/URL]

                                              Uploaded with ImageShack.us
                                              La seconda è Senator Cappelli


                                              Uploaded with ImageShack.us
                                              La terza è farro dicoccum



                                              Uploaded with ImageShack.us
                                              Ultima modifica di

                                              Commenta


                                              • #24
                                                caro antonio io coltivo grani antichi e cercavo il poulard(lo avevo visto in francia)il tuo è un grano duro?ne hai disponibile? ciao franco

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Il Poulard appartiene alla famiglia dei Triticum turgidum e come il grano duro è tetraploide, cioè ha 28 cromosomi ; è un grano molto bello e che viene molto alto ( a volte 2 e più metri), si corica in terra spesso nonostante la robustezza del gambo, ha una spiga che a maturazione ha una colorazione scura con riflessi azzurrognoli. Attualmente non ne ho in casa perché quel poco che avevo l'ho seminato tutto. Ciao Antonio
                                                  Antonio Bocchi

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Ciao Antonio, io sto nell'alto appennino in provincia di Arezzo a 750m le parco nazionale delle foreste Casentinesi, ho seminato due anni fa circa un ettaro di Verna che ho mietuto a mano e mietuto a mano perchè da me la mietitrebbia non arriva.Allora ho poi cercato una mietilega e una battitrice a fermo che sto ancora sistemando.pi ho dovuto trovare la puleggia per la pdf, ma ancora non l'ho provata è dura la strada del piccolo coltivatore...
                                                    Vengo alla domanda: essendo certificato bio, quest'anno mi son visto negare la deroga dall'ENSE perchè il Verna non risulta più iscritto all'elenco delle varietà coltivabili. Ne parlavo col titolare del mulino Grifoni (macina ad acqua dal 1600) che mi ha detto che è il frutto della legge fatta quest'estate per eliminare le vecchie varietà che non hanno interesse commerciale, a beneficio delle multinazioneli del seme.
                                                    Ma tu come hai fatto? sei certificato? che sei ugualmente bio l'ho bell'e capito!
                                                    Sei interessato ad uno scambio anche solo di un paio di manciate giusto per propagare il seme?
                                                    Salutoni
                                                    Marzio

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Anch'io mi sono visto negare la deroga all'Ense, ma poi ho imparato a scrivere nella deroga stessa la dicitura "Trattasi di coltura sperimentale" e dopo me le hanno sempre accettate, altrimenti telefonaci e spiega la tua situazione. I miei grani antichi compreso il farro monococco e dicocco sono tutti certificati bio regolari. La puleggia io l'ho trovata usata per 50 €. Saluti e auguri Antonio
                                                      Antonio Bocchi

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Poulard

                                                        caro antonio conosci qualche agricoltore in italia che ha disponibilita vdi poulard? ciao franco

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Il Poulard è un frumento per appassionati e al momento non conosco nessuno che lo semini. Puoi sentire l'azienda sperimentale Stuart di Parma,ciao Antonio
                                                          Antonio Bocchi

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            io la puleggia l'ho pagata 400 e devo far fare ancora la flangiatura per il mio trattore.
                                                            Allora richiedo la deroga con la dicitura magica...
                                                            Maaa si fa uno scambio a raccolto avvenuto?
                                                            Salutoni
                                                            Marzio

                                                            Commenta

                                                            Annunci usato

                                                            Collapse

                                                            Caricamento...
                                                            X