MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Carciofo: agronomia e tecniche colturali

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • Marco.C
    ha risposto
    Buongiorno,
    siamo una piccola azienda agricola specializzata in cucurbitacee (meloni e angurie) e alcuni ortaggi, nella bassa Emilia, tra Reggio e Mantova. Disponiamo di serre tunnel, principalmente 7 metri di campata. Vorremmo sapere come gestire i carciofi sotto serra, in particolare una volta trascorso il pericolo di gelate. Già con i primi soli si raggiungono temperature di oltre i 30 °C, le piante trapiantate la scorsa primavera sembra abbiano un po' sofferto l'eccessivo caldo. Qualche consiglio su quando scoprire le piante e sulla temperatura ideale in fase di prefioritura e fioritura?
    Qui da noi le piante fioriscono da metà aprile.

    Eventualmente se qualcuno conosce qualche vivaio specializzato a cui fare qualche domanda tecnica, ammessa la loro disponibilità. Grazie.

    Lascia un commento:


  • S'Orzu Moriscu
    ha risposto
    Non servono a nulla il carciofo ha ovuli tutti diversi e vanno piantati diritti..... nella mia azienda si pianta tutto a mano

    Lascia un commento:


  • Principi
    ha risposto
    Buonasera a tutti.Vorrei impiantare una carciofaia nelle marche.avendo una trapiantatrice Ferrari fpa evolution volevo sapere se qualcuno ha avuto esperienze con questa macchina o simili nel trapianto dei carciofi,perche io ho avuto qualke difficolta.ringrazio tutti anticipatamente.

    Lascia un commento:


  • S'Orzu Moriscu
    ha risposto
    Ciao che varietà usate di spinoso? Il micropropagato o quello che non va in aborto il primo taglio?

    Lascia un commento:


  • S'Orzu Moriscu
    ha risposto
    Anche noi eseguiamo la stessa tecnica per la raccolta degli ovuli

    Lascia un commento:


  • S'Orzu Moriscu
    ha risposto
    Salve sono nuovo in questa discussione ma molto esperto visto che coltiviamo circa 10 ettari di carciofaia a Ittiri in Sardegna in particolare lo spinoso

    Lascia un commento:


  • rusticano
    ha risposto
    La tecnica "migliore" credo sia quella( già scritta da un mio collega qua in zona) di "decapitare la pianta a un paio di cm sotto terra e aspettare che in pezzo di radice rimasta ricacci fuori i Carducci.
    Ma se la ripresa vegetativa è già da iniziata puoi capitozzare come nella foto, la pianta crescerà ugualmente.

    Lascia un commento:


  • vmax69
    ha risposto
    ...la raccolta se non ricordo male verso giugno.... Considera che è stato il primo anno e hanno avuto una produzione piuttosto vigorosa!
    Poi ho capitozzato il tutto come puoi vedere dalle foto. Quest'anno quindi mi consigli di lasciare la pianta integra senza tagliare?

    Lascia un commento:


  • rusticano
    ha risposto
    Eh, le differenze climatiche si fanno sentire! Pensa che qua a luglio stiamo riniziando il ciclo....
    Secondo me puoi lasciarla anche integra, da noi(in pieno campo) si spizzano ad un altezza di circa 20cm circa per comodità nelle lavorazioni, ma dal punto di vista agronomico credo non cambi niente.
    Una curiosità, ricordi quando hai iniziato la raccolta?

    Lascia un commento:


  • vmax69
    ha risposto
    ....la foto è stata fatta ad agosto a raccolta ultimata e mentre la pianta stava rigettando perché mi avevano detto che poteva dare una seconda produzione. In realtà qui su al nord forse fa troppo freddo e non ce la fanno. Mi rimane il dubbio se una volta finita la raccolta capitozzo comunque o se devo lasciare la pianta integra.
    Grazie

    Lascia un commento:


  • rusticano
    ha risposto
    Originalmente inviato da vmax69 Visualizza messaggio
    Salve a tutti.
    Mi hanno regalato una decina di piante di carciofi e così mi sono fatto la mia carciofaia, seguendo anche i vostri preziosi consigli.
    Ne ho raccolti davvero una gran quantità e al termine ho capitozzato tutte le piante a una ventina di cm. dal terreno. Due si sono completamente essiccate e, ahimè, le ho perciò perse. Mentre le altre stanno rigettando vigorosamente come da foto.
    Il mio dubbio è se lasciare tutti i rigetti o eliminarne quanti per pianta???
    ....grazie!!
    Scusami, ma non conoscendo quando sono i tempi di raccolta su da voi, non ho capito bene se la foto è delle piante esauste a fine raccolta, o stanno riniziando a germogliare x andare a raccolta nei prossimi mesi.
    È importante saperlo x consigliarti...

    Opsss, scusatemi di nuovo...dal cell. non mi ero accorto che era un post dell'anno scorso
    Ultima modifica di

    Lascia un commento:


  • vmax69
    ha risposto
    Salve a tutti.
    Mi hanno regalato una decina di piante di carciofi e così mi sono fatto la mia carciofaia, seguendo anche i vostri preziosi consigli.
    Ne ho raccolti davvero una gran quantità e al termine ho capitozzato tutte le piante a una ventina di cm. dal terreno. Due si sono completamente essiccate e, ahimè, le ho perciò perse. Mentre le altre stanno rigettando vigorosamente come da foto.
    Il mio dubbio è se lasciare tutti i rigetti o eliminarne quanti per pianta???
    ....grazie!!



    Lascia un commento:


  • rusticano
    ha risposto
    Allora, non è facile per me spiegarvi in termini tecnici le varie operazioni che facciamo dalle nostre parti per la raccolta degli ovoli di carciofo spinoso e tema ( le 2 varietà che coltivo), a breve inizieremo e se riesco farò delle foto per documentarvi meglio come si svolgono.
    Nel frattempo vi lascio questo link di vita i campagna che parla del carciofo
    dalla messa a dimora alla raccolta, spero possa essevi d'aiuto. http://carciofoviolettodiniscemi.it/...lacarciofo.pdf di

    Lascia un commento:


  • ik0qdd
    ha risposto
    Originalmente inviato da grupel Visualizza messaggio
    ma i ricacci che hai potato dalla parte aerea, non i nuovi ricacci. i ricacci che hanno già prodotto
    come diceva grupel... dalla mie parti si usano i carducci... ossia con la pianta ancora alta, si staccano i carducci di lato con parte dell'ovulo e si ripiantano... in effetti io ho fatto così circa 2 anni fa un amico mi ha portato un fascio di carducci e li ho piantati... alcuni hanno preso altri no....
    siccome io non ho molti carciofi ma un totale di una 30ina di piante... posso fare lo stesso procedimento staccando i carducci e poi tagliare la pianta con un coltello raso terra ???
    siccome ho ancora una 10ina di piante giovani... devo farlo anche ad esse ?
    pensate che luglio sia il periodo adatto ??

    Lascia un commento:


  • grupel
    ha risposto
    ma i ricacci che hai potato dalla parte aerea, non i nuovi ricacci. i ricacci che hanno già prodotto
    Originalmente inviato da rusticano Visualizza messaggio
    per noi gli ovuli sono i ricacci che si formano intorno alla pianta madre, stacchiamo quelli con dimensioni di 6/8 cm di lunghezza e un 2 cm di diametro e poi puliamo, a lavoro finito vengono cosi


    Lascia un commento:


  • rusticano
    ha risposto
    Originalmente inviato da grupel Visualizza messaggio
    praticamente si tirano su le parti basali con un po' di radice delle piante esaurite? non i carducci nuovi
    per noi gli ovuli sono i ricacci che si formano intorno alla pianta madre, stacchiamo quelli con dimensioni di 6/8 cm di lunghezza e un 2 cm di diametro e poi puliamo, a lavoro finito vengono cosi


    Lascia un commento:


  • rusticano
    ha risposto
    esatto, generalmente prima si irriga bene poi si mette a dimora l'ovolo stando attenti che la punta sia rivolta verso l'alto e rimanga sotto terra qualche cm

    Lascia un commento:


  • grupel
    ha risposto
    si piantano e si irrigano,poi emettono radici e foglie?

    Lascia un commento:


  • grupel
    ha risposto
    praticamente si tirano su le parti basali con un po' di radice delle piante esaurite? non i carducci nuovi

    Lascia un commento:


  • rusticano
    ha risposto
    Tecnicamente a parole non mi è facile spiegarlo, sul web ho trovato queste foto che danno un idea della raccolta e preparazione degli ovoli, spero vi sia d'aiuto


    Lascia un commento:


  • grupel
    ha risposto
    ma mi spiegate in pratica come si ottengono gli ovuli e quale è la parte che interessa per la propagazione. ho capito che è la parte basale dei carducci esauriti, ma non riesco a capire quale è la parte buona.

    Lascia un commento:


  • rusticano
    ha risposto
    Da noi il romanesco mi pare lo piantano ad agosto e iniziano a raccogliere a gennaio, ma tieni presente che qua sino ad ottobre generalmente non piove e oltre a tutte le altre tecniche agronomiche si irriga ogni 7\10 giorni, da voi non conosco le condizioni climatiche che magari son diverse e può darsi che il periodo per piantare non corrisponda al nostro.

    Lascia un commento:


  • ik0qdd
    ha risposto
    Originalmente inviato da rusticano Visualizza messaggio
    Ciao, più o meno hai letto bene. Devi prima tagliare la pianta stando attento a non rovinare gli ovoli, poi gli stacchi e gli dai una pulitina con delle forbici da potare stando attento a non tagliare la punta da cui normalmente germoglia la prima piantina e poi devi piantare ed irrigare abbondantemente.Per il periodo non saprei dirti, dipende dalle varietà e dal clima. Da noi in medio campidano si inizia a luglio con le varietà precoci e si finisce ad agosto\settembre con quelle tardive.
    grazie per il consiglio... la mia zona è il sud pontino in sostanza tra Latina e Napoli, al centro...
    quindi questa operazione di taglio e trapianto posso farlo già verso fine mese oppure luglio ??
    non conosco se sono tardive ma ho una 20 di piante romanesco e quest'anno ho piantato 4 di violetto di romagna...

    Lascia un commento:


  • rusticano
    ha risposto
    Ciao, più o meno hai letto bene. Devi prima tagliare la pianta stando attento a non rovinare gli ovoli, poi gli stacchi e gli dai una pulitina con delle forbici da potare stando attento a non tagliare la punta da cui normalmente germoglia la prima piantina e poi devi piantare ed irrigare abbondantemente.Per il periodo non saprei dirti, dipende dalle varietà e dal clima. Da noi in medio campidano si inizia a luglio con le varietà precoci e si finisce ad agosto\settembre con quelle tardive.

    Lascia un commento:


  • ik0qdd
    ha risposto
    tecnica colturale dei carciofi...

    ciao a tutti amici, siccome ho anche io impiantato lo scorso anno una piccola carciofaia... quast'anno sono riuscito a mangiarne un paio di dozzine ...
    ho letto i messaggi precedenti e vorrei pare il punto della situazione per vedere se ho capito come fare manutenzione alla carciofaia...

    ormai non vi è più produzione... leggo che devo tagliare le piante una decina di centimetri sopra terra...sia se sono piccole che grandi ??
    poi conviene togliere prima i carducci e poi tagliarle oppure il contrario ??
    infine tolti i carducci posso ripiantarli subito nel terreno oppure devo aspettare il mese propizio ??
    grazie per le info

    Lascia un commento:


  • bobmat
    ha risposto
    E' recentissima: ho fatto la foto ieri dopo aver vangato.
    Ho pulito intorno ai due carciofi, ed ho vangato un pò, ma ieri era durissima, non era certo in tempera: sembra ghiaia...
    Però da quando li ho messi (l'anno scorso mia moglie è arrivata a casa con due piantine di carciofo, ed abbiamo provato a metterli), non li ho bagnati molto, se non subito...
    Con l'acqua ho un brutto rapporto: uso solo quella piovana, e non so dosarla bene, perchè ho sempre paura di restare a secco; per cui viti, alberi con più di un anno, e pomodori vari se ne beccano poca; va tutta alle zucchine e all'insalata, e qualche secchio alle piante messe a dimora nell'inverno...sono proprio un cane...
    Ho un po' di terra da compost degli anni scorsi (2-3 metri cubi): mi conviene usarla quando faccio le buche dei carducci, o il terreno argilloso può andar bene per i carciofi?
    Ultima modifica di

    Lascia un commento:


  • michelelimoso
    ha risposto
    Se l'immagine è recente, intanto che aspetti, cerca di effettuare una irrigazione.

    Lascia un commento:


  • bobmat
    ha risposto
    Ridete: questa è la mia nuova carciofaia...

    A parte gli scherzi, non ho capito molto dei messaggi precedenti:
    Queste sono due piantine che ho comprato lo scorso anno; erano due carducci invasati?
    L'anno scorso hanno fatto qualche foglia, poi, col caldo, è sparito quasi tutto; quest'anno sono rispuntati.
    Però le due piante sono rimaste due: adesso non devo fare nulla? solo quando si moltiplicheranno (tipo fragola) da soli, allora taglierò qualche pollone, comprensivo di zolletta e radici, e lo trapianterò, dico bene?
    Quindi adesso devo solo aspettare?
    Attached Files

    Lascia un commento:


  • T.D.K.12
    ha risposto
    Originalmente inviato da kentarro Visualizza messaggio
    I carciofi che coltivo per me stesso hanno i capolini pieni di afidi. Non voglio irrorare insetticidi perchè ormai è ora di raccogliere. Conoscete pratiche preventive?
    Ciao!! Io in questi casi qui utilizzo il decis che ha un tempo di carenza di 3 giorni dopo puoi subito raccogliere ed il tempo non è così lungo come ad esempio altri prodotti.

    Lascia un commento:


  • kentarro
    ha risposto
    I carciofi che coltivo per me stesso hanno i capolini pieni di afidi. Non voglio irrorare insetticidi perchè ormai è ora di raccogliere. Conoscete pratiche preventive?

    Lascia un commento:

Caricamento...
X