MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Tagliaspacca

Collapse
X
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • #31
    Il fatto di essere rintracciabile nn è assolutamente un problema, è stai tranquillo che l'accertare dei difetti (tutti documentabili) che hanno creato dei guasti per un pò di € nei due primi due mesi di lavoro nn è un operazione che nn implica già un assunzione di responsabilità da parte di un libero proffessionista.

    La macchina da me menzionata è un giugno 2004, probabilmente una prima serie riuscita male

    Confermo che comunque la ditta costruttrice a seguito di un pò di pressing ha provveduto a risolvere i problemi completamente a loro spese, (in circa sei mesi dalla data di messa in funzione) e che dall'ultimo intervento la macchina oltre alla manutenzione ordinaria nn ha + avuto problemi.

    Allo stesso tempo nn ho detto di nn pagare la macchina e ne che questa nn sia buona, anzi questo produttore copre le sue attrezzature con moltissimi brevetti innovativi, ma di assicurarsi un pò di celerità negli interventi di assistenza da parte del venditore riservandosi, un ultimo pagamento un pò + dilazionato come garanzia.

    Ricordiamo che qui si parla di attrezzature di lavoro che devono avere degli eventuali fermi macchina ridotti all'osso.

    Commenta


    • #32
      Così già è meglio, il tuo primo messaggio era un po' troppo "duro".
      Io per quello che posso dire l'impianto l'ho visto all'EIMA e non era affatto male, ma dalla Fiera alla pratica ne cambia di roba....
      Fa piacere sapere che i problemi son stati risolti, in tempi non troppo rapidi ma si sono risolti...
      Ciao
      ACTROS
      "CB COMINO"

      Commenta


      • #33
        Originalmente inviato da andreadig Visualizza messaggio
        La macchina da me menzionata è un giugno 2004, probabilmente una prima serie riuscita male
        Ciao, la macchina che abbiamo preso è la nuova versione uscita a metà dello scorso anno, con varie nuove modifiche.
        Quello che citi tu sono problemi di software, so che avevano avuto qualche problema ma poi sono stati tutti risolti.
        Cmq penso che non avrò problemi con questo impianto, Pinosa mi è sembrato veramente molto disponibile, inoltre da un mio punto di vista vedendo lavorare sia gli impianti di Pinosa che quelli di Pezzolato, Pinosa non ha confronti!!! Secondo me sono i migliori impianti del mercato.
        WHY STAY ORDINARY

        Commenta


        • #34

          Beh sono molto contento per la tua Ditta che d'ora in poi avrà a disposizione un valido aiuto per l'incremento della produttività.

          Sicuramente LA PINOSA ha risolto le pecche di gioventù della propria produzione consegnando ai propri clienti un prodotto valido.

          Commenta


          • #35
            Pinosa arrivata!!!

            Ciao a tutti!!!
            Dopo un'infinita attesa per la consegna del nuovo centro di lavorazione per legna da ardere Pinosa EPC3300, finalmente stasera è arrivata !!!
            Ovviamente ho fatto un lungo servizio fotografico che metterò presto sul thread.
            Con le nuove modifiche posso dire che si tratta di una vera e propria signora macchina.
            Appena andrà in funzione poi vi dirò un pò come va, dalla produzione oraria, consumo elettricità, e via dicendo...
            WHY STAY ORDINARY

            Commenta


            • #36
              Perchè sei lontanuccio altrimenti un giretto lo farei volentieri per vederla in azione, ma non con il classico "legname da fiera" o con bei tondelli calibrati....voglio vederla lavorare sul serio per confermare i miei (e non solo) pareri positivi sulla macchina.
              Aspettiamo il reportage fotografico...se son tante foto ti consiglio di inserirle sull'album...se vuoi ti faccio aprire da Gianni l'apposita cartella.
              Ciao
              ACTROS
              "CB COMINO"

              Commenta


              • #37
                Originalmente inviato da Actros 1857 Visualizza messaggio
                Perchè sei lontanuccio altrimenti un giretto lo farei volentieri per vederla in azione, ma non con il classico "legname da fiera" o con bei tondelli calibrati....voglio vederla lavorare sul serio per confermare i miei (e non solo) pareri positivi sulla macchina.
                Aspettiamo il reportage fotografico...se son tante foto ti consiglio di inserirle sull'album...se vuoi ti faccio aprire da Gianni l'apposita cartella.
                Ciao
                Ma si una domenica prendi la macchina e vieni a fare un giretto, così dopo si beve un bicchiere in compagnia ...
                Per lavorare sul serio cosa intendi??? sto scaricando bilici di roba che va dai 15 ai 45 cm di diametro lunghezza 2,3 e 4 metri. Poi se gli butti dentro ramaglia, rifile e scarti di falegnameria, basta escludere la spaccatrice posizionando idraulicamente il convogliatore a ridosso della segatrice.
                Poi abbiamo fatto fare una griglia aggiuntiva per spaccare legna da pizzeria con fulcro centrale da 120 mm di diametro.
                Per le foto, aspetto prima di finire il reportage, finora ho effettuato quelle inerenti allo scarico e posizionamento. Fai conto che alla fine saranno una trentina.
                Se vuoi far aprire una sezione nell'album, benissimo le metto la.
                Ciao!!!
                WHY STAY ORDINARY

                Commenta


                • #38
                  Ciao a tutti!!!
                  Come promesso, anche se c'ho messo un'eternità a inserirle, sono disponibili nell'album mmt la maggior parte del reportage fotografico del nostro centro di lavorazione per legna da ardere automatico Pinosa EPC3300, versione 5000mm, caricatore a 4 catene e spaccatrice con potenza di 35 Tonnellate.

                  L'indirizzo diretto è: http://www.album-mmt.it/categories.p...3d5166dea09377

                  Appena verrà completato l'altro impianto per lo stoccaggio automatico del materiale lavorato, dentro il capannone adiacente, invierò altre foto.
                  Intanto, buona visione .
                  WHY STAY ORDINARY

                  Commenta


                  • #39
                    Sam, oramai data la quantità di segatura che si vede dovresti averne lavorata un po' di legna.
                    Potresti farci un resoconto? sopratutto vorrei capire se la macchina corrisponde alle "promesse" dei depliant.
                    Hai avuto problemi con legname storto o nodoso (vedendo le cataste non penso te ne capiti molto)?
                    La resa oraria hai già potuto quantificarla?
                    Immagino che per far funzionare la macchina servano comunque due persone di cui una al caricatore semovente e una a controllare eventuali inceppamenti a bordo macchina.
                    Poi una domanda che mi son fatto dopo aver visto la macchina all'Eima e parlato col tecnico...conviene attaccarla alla rete ENEL oppure acquistare un generatore dedicato? In termini economici intendo.
                    ciao
                    P.S. ma la segatura avete intenzione di "recuperarla" in qualche modo?
                    ACTROS
                    "CB COMINO"

                    Commenta


                    • #40
                      Originalmente inviato da Actros 1857 Visualizza messaggio
                      Sam, oramai data la quantità di segatura che si vede dovresti averne lavorata un po' di legna.
                      Potresti farci un resoconto? sopratutto vorrei capire se la macchina corrisponde alle "promesse" dei depliant.
                      Hai avuto problemi con legname storto o nodoso (vedendo le cataste non penso te ne capiti molto)?
                      La resa oraria hai già potuto quantificarla?
                      Immagino che per far funzionare la macchina servano comunque due persone di cui una al caricatore semovente e una a controllare eventuali inceppamenti a bordo macchina.
                      Poi una domanda che mi son fatto dopo aver visto la macchina all'Eima e parlato col tecnico...conviene attaccarla alla rete ENEL oppure acquistare un generatore dedicato? In termini economici intendo.
                      ciao
                      P.S. ma la segatura avete intenzione di "recuperarla" in qualche modo?
                      Eccomi qua, allora nel complesso la macchina lavora molto bene, si devono apportare qualche altra modifica per perfezionare il funzionamento, ma nulla di grave, tipo il rovesciamento del pezzo segato nella culla della spaccatrice se di lunghezza corta (stufa).
                      L'EPC3300 potrebbe lavorare anche 150 q.li l'ora (come viene descritto nel depliant), ma deve essere la versione più grande di tutte (culla alimentazione da 6mt, culla spaccatrice da 1,2mt e potenza spaccatrice 35tonn.).
                      L'impianto nostro è la versione da 4,7mt con culla spaccatrice da 75cm e potenza spaccatrice da 35tonn.
                      Inoltre per fare quantità alte all'ora bisogna lavorare tutti tronchi da 47cm di diametro.
                      Noi con materiale medio-piccolo (abbiamo grossi problemi di corrente), riusciamo a lavorare di media 35-40 q.li/ora.
                      Come tronchi lavoriamo cerro, faggio e carpine, quasi tutta roba bella dritta, quindi problemi con materiale storto non l'abbiamo ancora riscontrato.
                      Per lavorare bene servono due persone, una dedicata solamente alla lavorazione (carico su impianto e lavorazione) e l'altra per le consegne. Abbiamo due camion, quindi uno che va e l'altro in fase di carico.
                      Per il discorso corrente, conviene allacciarsi alla rete Enel, in quanto costo di acquisto generatore + gasolio, costerebbe di più. Noi per il momento abbiamo problemi perchè la linea è ancora sottodimensionata e siamo a una distanza dalla cabina elettrica di circa 500mt (e la macchina assorbe spunti anche da 250A per fase). Il prossimo intervento che farà l'Enel sarà quello di passare un cavo diretto dalla cabina all'impianto sezione 4X150mm2 in rame. Risolto questo problema vedremo la vera produttività della macchina, intanto ci accontentiamo...
                      Per il discorso segatura, penso che per l'invernata monteremo un ulteriore impianto per produrre bricchetti.
                      WHY STAY ORDINARY

                      Commenta


                      • #41
                        Originalmente inviato da sam85 Visualizza messaggio
                        Eccomi qua, allora nel complesso la macchina lavora molto bene, si devono apportare qualche altra modifica per perfezionare il funzionamento, ma nulla di grave, tipo il rovesciamento del pezzo segato nella culla della spaccatrice se di lunghezza corta (stufa).
                        Cosa succede? il pezzo si dispone perpendicolarmente o in malo modo rispetto allo spaccalegna?
                        Noi con materiale medio-piccolo (abbiamo grossi problemi di corrente), riusciamo a lavorare di media 35-40 q.li/ora.
                        Non sono un po' pochini per giustificare l'acquisto di un impianto simile? Pensi che con l'adeguamento della rete elettrica riuscirete ad aumentare la produttività?
                        Come tronchi lavoriamo cerro, faggio e carpine, quasi tutta roba bella dritta, quindi problemi con materiale storto non l'abbiamo ancora riscontrato.
                        Peccato avrei voluto vedere se come dicono è una delle pochissime macchine a poter lavorare legname contorto tipo "maremma".
                        Per lavorare bene servono due persone, una dedicata solamente alla lavorazione (carico su impianto e lavorazione) e l'altra per le consegne. Abbiamo due camion, quindi uno che va e l'altro in fase di carico.
                        Tralasciando il post-spacco basta una sola persona e la macchina agisce senza "presidio continuo"?
                        Ovvero se tu carichi il nastro puoi andarti a bere un caffè che la macchina fa tutto da sola?
                        Per il discorso corrente, conviene allacciarsi alla rete Enel, in quanto costo di acquisto generatore + gasolio, costerebbe di più. Noi per il momento abbiamo problemi perchè la linea è ancora sottodimensionata e siamo a una distanza dalla cabina elettrica di circa 500mt (e la macchina assorbe spunti anche da 250A per fase). Il prossimo intervento che farà l'Enel sarà quello di passare un cavo diretto dalla cabina all'impianto sezione 4X150mm2 in rame.
                        Quindi anche considerando l'adeguamento tariffario della rete elettrica conviene rispetto al generatore...buono a sapersi...
                        Grazie per le risposte.
                        P.S. qualche fotina in fase di lavor sarebbe gradita...grazie
                        ACTROS
                        "CB COMINO"

                        Commenta


                        • #42
                          Originalmente inviato da Actros 1857 Visualizza messaggio
                          Cosa succede? il pezzo si dispone perpendicolarmente o in malo modo rispetto allo spaccalegna?

                          Non sono un po' pochini per giustificare l'acquisto di un impianto simile? Pensi che con l'adeguamento della rete elettrica riuscirete ad aumentare la produttività?

                          Tralasciando il post-spacco basta una sola persona e la macchina agisce senza "presidio continuo"?
                          Ovvero se tu carichi il nastro puoi andarti a bere un caffè che la macchina fa tutto da sola?

                          Quindi anche considerando l'adeguamento tariffario della rete elettrica conviene rispetto al generatore...buono a sapersi...
                          Grazie per le risposte.
                          P.S. qualche fotina in fase di lavor sarebbe gradita...grazie
                          Il pezzo si dispone in entrambe i modi che hai citato, dobbiamo saldarci una nuova piastra sul trasferitore in modo che venga gettato nella maniera giusta.

                          E' vero che la produttività al momento è poca, purtroppo con il problema Enel, siamo messi in croce... sono convinto che risolto il problema la produttività aumenterà in modo significativo (adesso la facciamo lavorare dal 20 ad un massimo del 60% della potenzialità, in base alle giornate).

                          Volendo è disponibile un kit composto da ulteriore software e vari sensori che andrebbe ad automatizzare anche il caricatore tronchi. La macchina com'è composta adesso è automatizzata solamente nella lavorazione del tronco.
                          Per automatizzare anche il caricatore tronchi, il materiale deve essere una candela, ovvero non può superare un'inclinazione pari a 10°.

                          Per le foto durante il funzionamento, vedrò di farle il prima possibile.
                          WHY STAY ORDINARY

                          Commenta


                          • #43
                            tagliaspacca

                            ciao a tutti, qualcuno che si è recato al forlener ha visto la novità bellario forestello? che impressione vi ha fatto? io ho provato a spingere il basculante e sinceramente mi sembra che richieda uno sforzo elevato. Qualcuno l'ha già provata?

                            Commenta


                            • #44
                              Ho visto una massiccia presenza di B&F con alcune (per pe) novità tipo la taglia e spacca a disco molto simile alla BGU, se ti riferisci a quella pare proprio una bella macchinetta.
                              Ciao
                              ACTROS
                              "CB COMINO"

                              Commenta


                              • #45
                                tagliaspacca

                                si mi riferivo a quella con scritto novità, ma ribadisco che il basculante richide uno sforzo enorme per azionarlo, possibile che nessuno abbia provato a spingerlo

                                Commenta


                                • #46
                                  un saluto a tutti questo e' il mio primo messaggio,ma vi leggo con interesse da parecchio
                                  mi presento brevemente
                                  con i miei fratelli abiamo iniziato da primavera scorsa una attivita' boschiva in provincia di roma si tratta di un taglio di un castagneto ceduo con discreta presenza di cerro,carpino etc. per ora siamo riusciti a dotarci di un vecchio (ma valido) fiat 765 C con apripista e verricello fransgard(unico pezzo nuovo) motoseghe stihl 340 e 460...alla apertura di stagione (il 15 ott.)vorremmo iniziare da una zona di ca. 3 Ha. di cerro e concentrarci sulla legna da ardere
                                  e qui viene la mia richiesta di vostro parere
                                  dato che l'esperienza di questi giorni con la legna da ardere e' stata economicamente non valida, (in quanto i mezzi usati x spaccarla sono motosega e accetta con un costo di oltre 3 euro/qle per il solo spacco) si pensava di dotarsi di un segaspacca
                                  ho visto che in questa e altre discussioni avete parlato molto di queste macchine, volevo sapere se ci sono state ultimamente delle esperienze pratiche vostre sull'argomento segaspacca e combinata con nastro trasportatore
                                  qui in zona sono molto diffuse le comap e sto chiedendo un po' di preventivi
                                  un venditore mi ha detto che la combinata (con pistone orrizontale) da' grande resa con un opreatore solo ma va bene solo con legna di diametri non troppo grossi ed omogenei
                                  sulla sega spacca consigliava quella con spacca verticale perche' piu' veloce (mi pare che qui sul forum si diceva il contrario)
                                  un commerciante di legna che ha una combinata comap mi ha detto che il suo operaio spacca oltre 200 qli al giorno con un costo di 0,35/qle (vorrei andare a vederlo all'opera...)
                                  che ne pensate?
                                  qualcuno ha esperienza diretta con le comap?
                                  grazie

                                  Commenta


                                  • #47
                                    Vorrei rispondere a vivalegna.
                                    Le segaspacca della comap non le conosco, però vorrei consigliarti di informarti anche sui prezzi di macchine come pezzolato che anche dai giudizi dei partecipanti al forum e da esperienza personale (le usa un mio vicino) e l'ho provata proprio l'altro giorno sono ottime machine. Poi sono leader del settore almeno nel centro italia. Non abbiamo avuto modo di calcolare la produzione oraria, ma ti posso dire che si rende e non poco.
                                    Poi se per caso hai bisogno solo dello spaccalegna leggiti la discussione specifica nella quale ho postato dei messaggi sul mio ultimo acquisto.
                                    Valuta poi visto che la produzione è alta di vendere ad un grossista senza lavorare, magari il prezzo al q.le è piu basso, ma ti evita l'investimento della segaspacca o di qualsiasi altro attrezzo. Bada che quest'ultima affermazione è frutto di una sola una valutazione personale.

                                    Commenta


                                    • #48
                                      Originalmente inviato da vivalalegna Visualizza messaggio
                                      un saluto a tutti questo e' il mio primo messaggio,ma vi leggo con interesse da parecchio
                                      mi presento brevemente
                                      con i miei fratelli abiamo iniziato da primavera scorsa una attivita' boschiva in provincia di roma si tratta di un taglio di un castagneto ceduo con discreta presenza di cerro,carpino etc. per ora siamo riusciti a dotarci di un vecchio (ma valido) fiat 765 C con apripista e verricello fransgard(unico pezzo nuovo) motoseghe stihl 340 e 460...alla apertura di stagione (il 15 ott.)vorremmo iniziare da una zona di ca. 3 Ha. di cerro e concentrarci sulla legna da ardere
                                      e qui viene la mia richiesta di vostro parere
                                      dato che l'esperienza di questi giorni con la legna da ardere e' stata economicamente non valida, (in quanto i mezzi usati x spaccarla sono motosega e accetta con un costo di oltre 3 euro/qle per il solo spacco) si pensava di dotarsi di un segaspacca
                                      ho visto che in questa e altre discussioni avete parlato molto di queste macchine, volevo sapere se ci sono state ultimamente delle esperienze pratiche vostre sull'argomento segaspacca e combinata con nastro trasportatore
                                      qui in zona sono molto diffuse le comap e sto chiedendo un po' di preventivi
                                      un venditore mi ha detto che la combinata (con pistone orrizontale) da' grande resa con un opreatore solo ma va bene solo con legna di diametri non troppo grossi ed omogenei
                                      sulla sega spacca consigliava quella con spacca verticale perche' piu' veloce (mi pare che qui sul forum si diceva il contrario)
                                      un commerciante di legna che ha una combinata comap mi ha detto che il suo operaio spacca oltre 200 qli al giorno con un costo di 0,35/qle (vorrei andare a vederlo all'opera...)
                                      che ne pensate?
                                      qualcuno ha esperienza diretta con le comap?
                                      grazie
                                      Ciao vivalegna, io posseggo una comap combinata sega spacca carrellata,con volani di 70cm,spaccalegna da 10 ton.,con movimento albero cardanico,secondo me e' una buona macchina,lo spaccalegna e 'sufficentemente veloce,l'olio non surriscalda anche lavorando ininterrottamente per diverso tempo,noi in due lavoriamo circva 20 q.li ora di legna.Ho provato anche una pezzolato di un mio amico,con volani da 60 , e spacca idraulica,ma piu' lento della comap,per il resto non ho trovato grosse differenze, la qualita' della pezzolato non e' da mettere in dubbio ,ma bisogna fare i conti con il prezzo, in quanto la pezzolato costa piu' della comap,e a mio parere come rapporto qualita' prezzo e' migliore la comap

                                      Commenta


                                      • #49
                                        grazie dei consigli marronaro. l'ingrosso lo valuteremo,vediamo cosa offrono...

                                        altofusto, mi puoi chiarire se il tuo COMAP ha lo spacca verticale o orrizontale?

                                        qualcuno ha provato tutti e due i tipi?
                                        vorrei capire quali diversi vantaggi offrono rispettivamente..

                                        Commenta


                                        • #50
                                          Originalmente inviato da andro 88
                                          altofusto quanto hai pagato la comap con volano da 70, e lo spacalegna? ma lo spacalegna è quello orizzontale?
                                          ciao vivalegna,la mia combinata ha lo sopaccalegna verticale ,e mi sembra di averla pagata 3200 euro,quelle con spaccalegna orizzontali con le quali puoi lavorare bene anche da solo hanno altri prezzi ben piu'alti.Se voui vedere qualche foto della mia comap al lavoro vai sul capitolo foto dai boschi (i nostri mezzi all'opera).Per un consiglio che ti posso dare ,non prendere in considrazione l'idea di acquistare separatamente lo spaccalegna , e la sega , prima di acquistare la combinata , lavoravo anche io in quel modo ,con la motosega appezzavamo la legna , e con uno spaccalegna della iross da 9 tonnellate la spaccavamo, troppa perdita di tempo e tanta fatica, con la combinata e' tutta un altra cosa

                                          Commenta


                                          • #51
                                            ciao a tutti
                                            voelvo aggiornarvi che alla fine abbiamo preso una segaspacca comap con volano da 80 e spacca orrizontale, modello con ruote e azionato a PDF
                                            + nastro trasp. da 6 metri azionato da pompa olio integrata alla segasp. cosi' va tutto con una sola PDF
                                            appena avremo un po' di esperienza provvederemo a postare le ns. impressioni d'uso...
                                            a presto!

                                            Commenta


                                            • #52
                                              Finalmente avendo l'occasione di usarla "alla luce del sole", riesco a fare le foto alla mia tagliaspacca OMA mod. SCSPC700.
                                              E' una segaspacca portata ai tre punti, azionata con PDF del trattore con volano in ghisa da 700mm di diametro e spaccalegna da 11 ton con 45cm di corsa.
                                              La comodità della "portata" è, oltre a quella di non avere le ruote tra i piedi, quella di poter tranquillamente circolare alla velocità consentita dal trattore, a differenza di quelle trainate che sono omologate solo per il traino lento.
                                              La macchina lavora tranquillamente con il mio trattore (60CV) a 1000/1100 giri e in due persone con legna di diametro 20/25 di arriva tranquillamente a 20Q.li\ora di resa da legna in stanga.
                                              L'azionamento dello spaccalegna avviene a pedale, questa modificaa era già presente quando l'ho acquistata usata. Non so dire se è eventualmente a norma 626.
                                              Attached Files
                                              ACTROS
                                              "CB COMINO"

                                              Commenta


                                              • #53
                                                Ciao raga !!
                                                Dopo una lunghissima attesa, la nuova linea elettrica per alimentare sufficientemente la EPC3300, è arrivata .
                                                Sono state installate 3 corde da 240mm2 l'una, vorrei dire che per la lunghezza, ben mezzo chilometro, costa un vero capitale per l'enel ...
                                                Ora possiamo sfruttare l'impianto al 100% della potenzialità, e posso dire che con tronchi belli tondi, diametro medio 28-35cm, lunghezza 3mt, la produzione oraria MEDIA va dalle 5 alle 9 tonnellate all'ora.
                                                Chiaramente per produrre 9 tonn./h, bisogna lavorare il materiale con una lunghezza di 50cm. Misura caminetto (35cm), la produzione si aggira sulle 7 tonn./h.
                                                Gli spunti di corrente misurati, sono arrivati a ben 250A per ciclo di lavoro (cronometrato in circa 6-7 sec.), per fase. Chiaramente per consumare a questi livelli, la macchina lavorava a dimensioni limite, quindi spacco con fulcro centrale da 12 vie, diametro 40-45cm, in combinazione con la segagione del tronco.
                                                La segatura si fa notare, con 2 bilici di legno lavorati giornalieri, si "buttano" circa 2 - 2,5 tonn. di segatura.
                                                WHY STAY ORDINARY

                                                Commenta


                                                • #54
                                                  La segatura si fa notare, con 2 bilici di legno lavorati giornalieri, si "buttano" circa 2 - 2,5 tonn. di segatura.

                                                  Ciao Sam, a parte le felicitazioni per l'ormai risolto problema, volevo chiederti se per caso la segatura risultante visto che la quantità sembra piuttosto importante avete pensato di riciclarla in qualche modo tipo pressarla per farne bricchetti o altro.

                                                  Commenta


                                                  • #55
                                                    Originalmente inviato da sandro Visualizza messaggio
                                                    avete pensato di riciclarla in qualche modo tipo pressarla per farne bricchetti o altro.
                                                    Ciao Sandro, tutto bene ?? stiamo provando a costruire una pressa meccanica a volano per comprimere la segatura in bricchetti.
                                                    Speriamo funzioni ... A presto per maggiori info
                                                    WHY STAY ORDINARY

                                                    Commenta


                                                    • #56
                                                      ma scusatemi ma per fare i bricchetti non occorre avere la segatura asciutta e secca?
                                                      altrimenti quando hai finito il lavoro e li lasci li per un periodo ti tornano segatura
                                                      B.filippo

                                                      Commenta


                                                      • #57
                                                        come spaccare un tronco in 4

                                                        ho un problema che spero qualcuno di voi abbia già affrontato e risolto.

                                                        Devo spaccare un tronco di robinia in 4 per farne dei soprusci e vorrei farlo sul posto dove si trova per poterlo così trasportare meglio visto che dove si trova adesso non è raggiungibile col trattore a meno che non mi metta a disboscare una via d'accesso.

                                                        è circa 3 metri di lunghezza e 50 cm di diametro.

                                                        Con la mazza e alcuni (numerosi) cunei c'è speranza di riuscire ad ottenere una spaccatura piuttosto precisa?

                                                        Ho visto qualcosa di simile fatto in USA in modo molto approssimativo, con cunei di legno autocostruiti, ma il risultato mi è sembrato molto scadente e temo di rovinare il tronco.

                                                        Commenta


                                                        • #58
                                                          per fare una spaccatura meglio io ti consiglierei di fare due linee con la motosega profonde un centimetro o due da tutte due le parti e po con i cunei batti sulla linea fatta precedentemente con la motosega cosi almeno ti facilita lo spacco se ha pochi nodi se ne ha molti sara molto piu difficile.....
                                                          best linde,segherie,bosco

                                                          Commenta


                                                          • #59
                                                            che ve ne pare?? la scheda tecnica non è che spieghi molto sul funzionamento,l'ho vista in fiera dalle mie parti ma non c'era nessuno da chiedere info..
                                                            Come marca sarà buona??chissà quanto costa però
                                                            http://www.gandinimeccanica.it/home....0&IDPagina=190

                                                            Commenta


                                                            • #60
                                                              La Gandini è una delle marche leader del settore da diversi anni, quindi, di quello ti puoi fidare

                                                              Commenta

                                                              Annunci usato

                                                              Collapse

                                                              Caricamento...
                                                              X