MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

AUTOCOSTRUZIONE: spaccalegna idraulico a pistone

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • HF 83
    ha risposto
    Il pistone è l unico componente che ho. Quindi parto da li per il dimensionamento di tutto l impianto.
    ho un martinetto semi nuovo di sezione 140mm(camicia esterna,interna presumo almeno 120) stelo 60mm, sfilo 550mm
    Sono consapevole essere molto grande.

    Per la pompa,mi è arrivata la risposta direttamente da Casappa. La CPL doppia sopporta Max 140b di picco.
    direi di abbandonare questa pompa e passare su una gruppo 3.

    Per pochi euro potrei avere una gruppo 3 da 45 litri/min a 1000rpm.
    con questa,e la sua moltiplica 1:3.5 potrei tenere la pdp de trattore (60cv.) a 300 giri mi dovrei trovare una velocità di sfilo di 6cm/s.
    le macchine di commercio hanno velocità di sfilo dai 5 ai 8cm/s (ho preso i dati di un noto corruttore che produce spaccalegna di colore verde!)
    se non sbaglio, lavorando a 180b di esercizio,dovrebbe assorbire circa 20cv. e dare una spinta reale sulle 20 ton.

    secondo voi i calcoli sono adeguati?

    Date le forze in gioco,telaio con putrella HEB 180 con rinforzo continuo di 6mm tra le ali,il tutto saldato da un professionista, al costo di molte birre. Slitta su bronzo. Poiché il martinetto ha gia occhini da 50mm lo fisserei con 2 perni e un punto rigido in prossimità dello sfilo.
    distributore nuovo,filtro nuovo,tubi nuovi.

    se si notano incongruenze in quel che scrivo...fate sapere,ogni critica mossa con adeguate maniere è ritenuta produttiva!

    prego astenersi consigli da chi non è veramente ferrato.. grazie a tutti!!

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Quindi hai già il pistone,di che sezione e stelo?
    A che motore accoppi le pompe ?
    In rete dovresti trovare le caratteristiche delle pompe.
    ad occhio é una velocità elevata.

    Lascia un commento:


  • HF 83
    ha risposto
    Buongiorno a tutti.
    vi seguo da diversi anni,intervenendo di rado.
    avrei piacere condividere un dubbio con chi è davvero esperto.
    Sto costruendo uno spaccalegna orizzontale per uso privato,ma ho un paio di dubbi:
    1) velocità di sfilo adeguata? Se considero sui 6 cm/s può essere adeguata? Secondo la vostra esperienza di utilizzo, quale velocità permette un buon compromesso di utilizzo?
    2) ho una pompa Casappa gruppo 2 doppia 26+26 in alluminio. Modello CPL di cui non riesco a trovare le specifiche tecniche. Tale pompa che pressione di esercizio può sopportare? Secondo voi potrei arrivare a 180 b di esercizio?

    ringrazio anticipatamente tutti coloro che vorranno condividere esperienze e conoscenza.
    grazie!

    Lascia un commento:


  • sergiom
    ha risposto
    Originalmente inviato da Riboli Visualizza messaggio
    Ringrazio in anticipo chiunque se la senta di rispondere a questo disorientato boscaiolo
    in maniera molto schietta! Rimanda il tuo progetto a quando ne saprai di più, nel frattempo puoi leggere la presente discussione.
    Con l'idraulica non si scherza, o si è in grado di calcolare le forze in gioco o meglio lasciar stare

    Lascia un commento:


  • Riboli
    ha risposto
    Ciao ragazzi mi sono appena iscritto al forum perchè ho visto che c'è un sacco di gente che sembra potersene intendere della costruzione di uno spaccalegna.
    Ho intenzione di costruirlo sia per utilizzo che per passione.
    Pensavo di farlo orizzontale azionato da un motore a scoppio (cotiemme CA350P da 8,5 cavalli 3200 giri/min) con la classica struttura con la putrella con saldato in fondo il cuneo.
    Il mio primo dubbio è legato alle dimensioni del pistone (ho a disposizione un pistone di uno escavatore ma ho il dubbio che sia troppo grande) e, soprattutto, a che negozio dovrei rivolgermi per poterlo comprare? Altro dubbio sulla pompa idraulica: che prese di potenza hanno di solito? Il motore di cui parlavo sopra ha un'albero con calettata una puleggia: la pompa può essere messa in moto da una puleggia doppia? dove posso comprare il distributore-manicotti?
    il mio motore come posso capire che tipo di pompe riesce a spingere? In soldoni: come faccio a capire se riescea far erogare alla pompa ,per esempio, 20 litri al minuto, 150 bar?

    Ringrazio in anticipo chiunque se la senta di rispondere a questo disorientato boscaiolo
    Ultima modifica di sergiom; 01/11/2014, 00:14. Motivo: doppio messaggio in doppia discussione

    Lascia un commento:


  • canepres
    ha risposto
    salve devo costruire uno spaccalegna ad uso familiare ilo tutto per spaccare tronchi di diametro max 35 cm mi serve per fare i listelli da accendere nel forno a legna ho un pistone con diametro esterno 60 e stelo interno 35 lunghezza carcassa 65 vorrei adattarlo ad un motore 220 penso 2 hp vorrei capire che tipo di pompa idraulico dovrei comprare

    Lascia un commento:


  • bodo81
    ha risposto
    a 200 bar e pistone alesaggio 100, puoi arrivare a una forza di spinta intorno a 15700 kg

    Lascia un commento:


  • ugigante
    ha risposto
    andrà bene?

    Buon giorno a tutti,mi sono appena iscritto al forum.vorrei costruirmi uno spaccalegna,come base di partenza ho un motore a scoppio con 11 cavalli accoppiato tramite apposita lanterna ad una pompa se non sbaglio gruppo 2 da 10 litri minuto,con spunto massimo a 14.tutto l'insieme a detta del costruttore funziona a 200 bar con picco a 250, premettendo che userei un pistone con alesaggio di circa 100 pensate che funzioni lo spaccalegna,e secondo voi che prestazioni posso raggiungere?

    Lascia un commento:


  • Previsto
    ha risposto
    In effetti non ho nessuna intenzione di cimentarmi arbitrariamente, per questa ragione ho subito fornito per quel poco che ho giá in possesso, almeno i dati tecnici!
    Tuttavia non sono uno sprovveduto ed anche per questa ragione riconosco i miei limiti, ho lavorato 12 anni come meccanico qualificato ( Centro autorizzato Renault)
    Oggi a 45 anni dopo molti percorsi formativi ed esperienza sul campo, sono il responsabile tecnico di una struttura alberghiera non indifferente!
    E tralascio la pubblicitá altrimenti sembrerebbe che voglia approfittarne per pubblicizzare!
    Chiedo solo una consulenza da persone piú addentrate appunto nel settore oleodinamica in quanto non é il mio ramo, tutto ció che occorre é poter dimensionare e dare un minimo di forma progettuale all'idea!
    "Mi insegnate"e alcuni di voi giá lo hanno scritto in altri post, che é buona norma e regola, PRIMA dimensionare,progettare, fare due conticini per valutare i pro e i contro sia economici che tecnici, "E POI" eventualmente procedere o meno allo sviluppo dell'idea stessa!
    Probabilmente i dati che ho fornito non sono soddisfacenti, ma non ho fatto null'altro che chiedere gentilmente il supporto di persone piú competenti in materia!
    SE ció non fosse possibile io chiedo umilmente scusa e vi ringrazio ugualmente per il tempo dedicatomi, quanto prezioso é stato!
    Grazie
    Francesco

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da Previsto Visualizza messaggio
    Riguardo alle capacitá carpentieristiche problemi zero assoluto, ottime potenzialitá personali piú supporti tecnici con officine di carpenteria in caso di necessitá!
    Bene,sappiamo che la carpenteria non dovrebbe essere un problema.
    Originalmente inviato da Previsto Visualizza messaggio
    Gradita ogni considerazione e critica di qualsiasi genere all'occorrenza, e ringrazio sempre e comunque per i vostri preziosi interventi!
    Francesco
    Il mio parere è che non puoi cimentarti con qualcosa che non conosci(oleodinamica) e che potrebbe avere implicazioni sulla sicurezza.

    Lascia un commento:


  • Previsto
    ha risposto
    Buongiorno
    mefito
    Questo era il mio post originario!
    Originalmente inviato da Previsto Visualizza messaggio
    Ciao a tutti!
    Sono Francesco da Lecce
    Ho intenzione di realizzare uno spaccalegna orizzontale, avendo giá a dispozione alcune parti, motore diesel 10 Hp, serbatoio per olio, pompa Galtech 2SP A6 D-10N.
    Qual'é la giusta misura del pistone da utilizzare e dello scambiatore?
    Che potenza avrebbe lo spaccalegna a lavoro ultimato?
    Grazie a tutti
    Riguardo alle capacitá carpentieristiche problemi zero assoluto, ottime potenzialitá personali piú supporti tecnici con officine di carpenteria in caso di necessitá!
    Gradita ogni considerazione e critica di qualsiasi genere all'occorrenza, e ringrazio sempre e comunque per i vostri preziosi interventi!
    Francesco
    Ultima modifica di sergiom; 21/03/2013, 12:43. Motivo: sistemate quote

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da Previsto Visualizza messaggio
    Grazie per la celere e preziosissima risposta!
    In effetti ho sbagliato ad esprimermi, per scambiatore intendevo la leva comandi(deviatore)!
    I tronchi hanno sempre un diametro compreso tra i 30 e 50 cm ed una lunghezza massima di 45 cm.
    Con i dati della pompa che abbiamo, riusciamo a dimensionare un tantino i giusti accessori da combinare nell'insieme!
    Sempre riconoscente
    Francesco
    Tolto che un'autocostruzione del genere prevede anche capacità di carpenteria meccanica che non possiamo valutare,appare certamente insufficiente la conoscenza dei componenti oleodinamici,sia per dimensionamento che per un'eventuale esecuzione in sicurezza.

    Lascia un commento:


  • Previsto
    ha risposto
    Grazie per la celere e preziosissima risposta!
    In effetti ho sbagliato ad esprimermi, per scambiatore intendevo la leva comandi(deviatore)!
    I tronchi hanno sempre un diametro compreso tra i 30 e 50 cm ed una lunghezza massima di 45 cm.
    Con i dati della pompa che abbiamo, riusciamo a dimensionare un tantino i giusti accessori da combinare nell'insieme!
    Sempre riconoscente
    Francesco

    Lascia un commento:


  • tonino.ciocci
    ha risposto
    Originalmente inviato da Previsto Visualizza messaggio
    Ciao a tutti!
    Sono Francesco da Lecce
    Ho intenzione di realizzare uno spaccalegna orizzontale, avendo giá a dispozione alcune parti, motore diesel 10 Hp, serbatoio per olio, pompa Galtech 2SP A6 D-10N.
    Qual'é la giusta misura del pistone da utilizzare e dello scambiatore?
    Che potenza avrebbe lo spaccalegna a lavoro ultimato?
    Grazie a tutti
    La potenza del motore è sufficiente, il diametro del pistone dipende dalle prestazioni che si vogliono (in termini di spinta e velocità) in relazione alla portata della pompa. Lo scambiatore non serve perché il raffreddamento dell' olio avviene nel serbatoio. Per il calcolo della potenza si devono stabilire la spinta e la velocità del cuneo che comunque devono rimanere al di sotto di 10 cv che hai a disposizione.
    saluti e buon lavoro

    Lascia un commento:


  • Previsto
    ha risposto
    Ciao a tutti!
    Sono Francesco da Lecce
    Ho intenzione di realizzare uno spaccalegna orizzontale, avendo giá a dispozione alcune parti, motore diesel 10 Hp, serbatoio per olio, pompa Galtech 2SP A6 D-10N.
    Qual'é la giusta misura del pistone da utilizzare e dello scambiatore?
    Che potenza avrebbe lo spaccalegna a lavoro ultimato?
    Grazie a tutti

    Lascia un commento:


  • doctor46
    ha risposto
    Riguardando le foto della tua realizzazione ho visto che il serbatoio e più basso della pompa, questo non è un bene perchè potrebbe andare in cavitazione e bruciarsi in poco tempo. La trave sembra ben dimensionata per il pistone che hai montato ora, ma per quello nuovo potrebbe essere sottodimensionata inoltre se avessi saldato il tubolare di rinforzo nel senso opposto avresti ottenuto una struttura molto più resistente alla flessione di quanto lo sia adesso.

    Lascia un commento:


  • doctor46
    ha risposto
    Il motore ha un regime di rotazione variabile ed eroga una potenza anch'essa variabile in proporzione ai giri che fa il motore, quindi ipotizzado che tu stia lavorando con il motore a 1500 giri/min la potenza erogata non sarà di 10 CV ma più probabilmente saranno 5, che poi sono sempre teorici.
    Una pompa da 16 cc a 1500 giri quando raggiungi 80-90 Bar di pressione necessità di più potenza di quella che eroga il motore ed è per questo che tende a spegnersi e non riesci a rompere i tronchi più grossi.
    Per aumentare la spinta la soluzione migliore è quella di cambiare il cilindro con uno pù grosso; quello attuale (alesaggio stimato di 50 mm) con la pressione che raggiungi non ti garantisce più di 1500-1600 Kg di spinta, che è un valore molto differente da quanto ti eri prefissato in partenza.
    Con un cilindro alesaggio 80 mm con la stessa pressione di lavoro avresti una spinta nettamente superiore ( 4000-4200 Kg) a scapito della velocità di lavoro che diminuirebbe in proporzione.
    Valuta tu le dimensioni del cilindro in base a quello che riesci a reperire tenendo conto delle proporzioni che ti ho indicato sopra.

    Lascia un commento:


  • navimus
    ha risposto
    Hai ragione doctor46, perdonami.
    Ora provo a caricare le foto del prototipo su cui sto lavorando ed oggetto della presente discusssione, verniciatura a parte.











    Sono, però, giunto alla conlusione che metterò il pistone più grosso.
    Che ne pensate amici?
    A presto.

    Lascia un commento:


  • vincent
    ha risposto
    non so darti indicazioni in termini di numeri....come è costruito adesso il suo ritmo è veloce o tarda un pochino?..considera che a parità di pompa se metti il martinetto più grande perderai velocità ma avrai sicuramente più forza...potrai in un secondo momento cambiare anche la pompa se il ritmo è molto lento....ma devi sempre tener presente i 10 cv del motore....

    Lascia un commento:


  • vincent
    ha risposto
    il tuo limite principale sono i 10 cv del motore endotermico....per arrivare alle 10-12 tonn di spinta dovresti avere un martinetto con camicia da 80 o meglio ancora 100 mm e stelo da 50 mm....buona l'idea di Sergiom della doppia pompa....già uso questa soluzione applicata ad un 30 tonn...ma esiste anche una valvola che non saprei definire il nome che usa la stessa tecnica di variazione di portata ma con una sola pompa...su di una taglia-spacca addirittura questa tecnica è manuale...quando il martinetto si inceppa si apre un rubinetto manuale e lo stelo diminuisce la velocità e prende forza....99% si termina lo spacco....

    Lascia un commento:


  • sergiom
    ha risposto
    Originalmente inviato da navimus Visualizza messaggio
    circa 10-12 T con una velocità accettabile, ma che non mi faccia addormentare .
    ammesso che tutto il resto del circuito vada bene, il risultato che desideri si ottiene avendo due pompe, una con una grande portata ed una con una piccola portata il tutto regolato da una valvola disgiuntrice.
    Quando la pressione è bassa (corsa a vuoto o piccoli tronchetti) la valvola disgiuntrice è chiusa e tutte e due le pompa sono in mandata verso il pistone, quando la pressione aumenta la valvola disgiuntrice manda in scarico libero la pompa di grande portata e resta a lavoro (ed ad assorbire potenza) solo la pompa piccola, la velocità diminuisce solo in questo momento di massimo sforzo.
    Quanto sopra dal punto di vista descrittivo, dal punto di vista dei calcoli non sono idoneo ad aiutarti.

    Lascia un commento:


  • navimus
    ha risposto
    Grazie Vincent per avermi risposto.
    Il mio obiettivo è raggiungere un potenza di circa 10-12 T con una velocità accettabile, ma che non mi faccia addormentare anche perchè di tempo ne ho molto poco.
    Quanto alla coltello lo ritengo già stretto è a lama, te lo farò vedere in foto.
    I miei dubbi sono sulla componentistica, cioè:
    - se è necessario solo cambiare il pistone, quali dimensioni dovrei cercare?
    - se invece bisogna intervenire sulla pompa dovrei ridurla o aumentarla?
    - il motore che utilizzo mi dicono che eroga 10hp, se così fosse, va bene?
    - il serbatoio e la quantità di olio idraulico vanno bene?
    Infine, sono disponibile a qualsiasi intervento, ma in modo razionale soprattutto economicamente.
    Grazie di cuore.
    Ultima modifica di navimus; 10/11/2012, 08:43. Motivo: integrazione

    Lascia un commento:


  • vincent
    ha risposto
    in effetti il tuo martinetto è un po piccolo per legna di quel genere....cambiarlo con uno piu grande ti si presentano almeno due problemi....la possibilita di poterlo adattare ed una minor velocita di lavoro...giocare sulla pressione non si puo perchè il motore arriva gia al suo limite...qualcosa si puo guadagnare restringendo l'angolo di penetrazione del coltello o addirittura assottigliando lo stesso...

    Lascia un commento:


  • navimus
    ha risposto
    Salve, ritorno a parlarvi della costruzione del mio spaccalegna.
    Motore Ruggerini RD 81 3000g/min;
    pompa idraulica 16cc/lt;
    distributore da 3/8;
    pistone idraulico: diam. stelo 35mm, diam. est. camicia 60mm, lunghezza camicia 90cm;
    serbatoio con 30lt
    Si verifica che con i tronchi piccoli (20-30 cm di diam x 40 cm lungh.) li spacca una meraviglia, con quelli più grandi (superiore a 30 cm di diam x oltre 40 cm di lungh.) non spacca ed il motore cala giù e tende a spegnersi.
    Mi è stato detto che bisogna regolare la pressione dal distributore, altri, invece, che è necessario cambiare il pistone con uno più grosso.
    Qual'è il vostro consiglio? Grazie.
    Ultima modifica di navimus; 27/07/2012, 17:02. Motivo: integrazione testo

    Lascia un commento:


  • doctor46
    ha risposto
    Mi sembra che i calcoli li sai fare ed anche abbastanza bene, e quanto hai ipotizzato potrebbe anche funzionare.
    Mi sembra piccolo il serbatoio e non conoscendo il ciclo di lavoro che intendi fare con tale macchina non è facile stabilire se basti un serbatoio con capacità maggiore o se utilizzare uno scambiatore di calore, articolo molto costoso e delicato soprattutto in impieghi come questo.
    Per il filtro abbinato ad una pompa ad ingranaggi direi che possa bastare un 60 micron a trama metallica, il 30 micron in carta dovresti cambiarlo molto spesso.
    La pressione viene controllata dalla valvola di massima che è incorporata nel distributore a 4 leve e che dovrai tarare intorno ai 200 Bar (dai calcoli che hai fatto almeno è quello il valore per ottenere la spinta ipotizzata) ed è una pressione che una pompa di quel tipo può tranquillamente raggiungere senza comportare decadimento precoce delle prestazioni.
    Per la sega devi prima di tutto considerare se vuoi farla lavorare contemporaneamente ed indipendentemente dallo spaccalegna, in tal caso avresti bisogno di una pompa doppia, altrimenti se consideri di usarlo alternativamente bisognerà individuare un motore oleodinamico che con la portata ipotizzata dell'impianto ti dia in uscita un valore di giri e coppia adeguato per la sega che vuoi realizzare.
    Avendo conoscenze prettamente di oleodinamica non posso consigliarti quale tipo di taglio sia meglio utilizzare, qualcuno sul forum saprà sicuramente indirizzarti meglio di me, ma una volta stabilità la velocità periferica necessaria sarò lieto di aiutarti nel dimensionamento del motore, sempre che tu ne abbia bisogno.....

    Lascia un commento:


  • bassotto
    ha risposto
    Vorrei costruirmi un sega spacca ed ho letto molte discussioni in merito e mi sarei fatto una mezza idea su come procedere ma avrei bisogno di una mano per sapere se sono sulla giusta strada, cilindro alesaggio 100 stelo 500 corsa 600, pompa gr.3 - 44 cc. a 1500 giri portata = 62 l/min. P.200 bar, moltiplicatore pdf rapp. 1:3, trattore 65 hp., distr. manuale 4 leve d.1/2, tubi a.p. andata 1/2 - ritorno 3/4, filtro d. 1"1/4 impurità 10 micron, serbatoio 50 lt (meglio applicare un radiatore o si può farne a meno?). Se ho ben capito dovrei avere 15.70 t.di spinta per lo spacco ed una vel. di uscita completa dello stelo di circa 7.6 secondi ed un rientro di circa 5.2 secondi, inoltre: come posso controllare che la pressione non schizzi a valori pericolosi? quale tipologia di motore idraulico serve per la giusta rotazione della sega a catena? e per un disco circolare d. 800? scusate ma sono indeciso su quale tecnica di taglio utilizzare. sono gradite critiche e bacchettate oltre a consigli ed indirizzi utili allo scopo. mi farebbe molto piacere un parere di doctor46. grazie a tutti

    Lascia un commento:


  • tommaso2732
    ha risposto
    secondo me il cuneo è troppo aperto, prova a mettere un ferro di 2 cm di spessore e una 15 di altezza e poi lo moli per circa 10 cm per fare la v e vedrai che entrando piano piano il pezzo non esplode

    Lascia un commento:


  • silvano68
    ha risposto
    Se la trave va in flessione si carica come una molla e quando il ceppo si rompe si ha la reazione violenta.

    Con una struttura più rigida il problema si risolve.

    Lascia un commento:


  • fantaman5
    ha risposto
    Premetto che io ne faccio un uso famigliare. Mi sono autocostruito uno spaccalegna verticale con pezzi di recupero. Purtroppo non ho foto ma era molto semplice, un trave ad H verticale attaccato ai 3 punti del trattore e pistone idraulico collegato con i rapidi sul circuito idraulico del trattore, con una prolunga sulla leva del distributore.
    Il pistone vincolato in alto che spinge il cuneo (non una lama singola ma a V) sulla slitta e base di appoggio per il ceppo in basso alla fine del trave ad H.

    Inizialmnte ero contento, buona velocità del pistone (bastava il trattore da 55 cv appena un po' accellerato) e buona ergonomia ma aveva 2 problemi fondamentali:
    - il primo era la larghezza insufficiente della guida su cui scorreva il cuneo, solo poco più di 6 cm (avevo solo quel trave a disposizione) rispetto al pistone troppo potente, quindi tendeva a torcersi lateralmente con troppa facilità (dopo un paio di pomeriggi il trave era tutto storto)
    - il secondo è che spesso le sezioni dei tronchi (max 30/40 cm di lunghezza) invece di spaccarsi progressivamente, praticamente esplodevano!!!

    Il primo problema è risolvibile ricostruendo il tutto con trave/telaio più robusto, ma il secondo problema è più grave perchè riguarda la sicurezza.
    Non capisco come mai una reazione così "violenta", in pratica nel momento in cui il cuneo si appoggiava nel legno c'era un attimo di incertezza o rallentamento nella corsa del pistone e poi le 2 metà saltavano letteramente via!

    Forse il cuneo essendo di 30 cm era troppo "alto"? O forse troppo aperto?
    Altri hanno avuto reazioni simili? Dovrò fare una gabbia di contenimento?

    Inoltre dovendolo in pratica rifare da capo, sto pensando se non è più comodo farlo orizzontale.
    Con il verticale non alzi mai il ceppo intero ma lo rotoli (stando piegato però), poi devi raccogliere i pezzi da terra. Mentre con l'orizzontale devi alzare il ceppo intero fin sullo spacca legna, ma poi le 2 metà possono finire sul un supporto o tavolo ad altezza comoda.

    Consigli?

    Lascia un commento:


  • ftato
    ha risposto
    Il diametro interno del pistone deve essere di 110mm

    Fausto

    Lascia un commento:

Caricamento...
X