MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Targhe e passaggi di proprietà

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • ninno
    ha risposto
    furbacchioni?

    Originalmente inviato da GabrieleB. Visualizza messaggio
    Risorgo dalle ceneri dopo la dura battaglia IMU.

    Ancora una volta non si è voluto perdere tempo a leggere questa discussione o a credere ad altri utenti navigati.
    Per la questione di P.IVA nate e morte, non fare come altri utenti che hanno si fatto i furbacchioni, aprendo e chiudendo la P.IVA. La P.IVA la apri e la lasci aperta fino a che tieni il trattore. Non è nessuna furbata, finchè è previsto legislativamente non vedo che paura si deve avere. Quando un giorno qualcuno modificherà, ne prenderemo atto.

    saluti

    Gabriele
    Guardi, io non penso di essere un furbacchione, avendo aperto e poi chiuso una partita iva..... le pratiche le ho pagate...... non nascondo niente......mi sentirei più un furbacchione se facessi finta di essere un coltivatore diretto.....
    Vede io ho più volte cercato di focalizzare la discussione su un altro punto: perchè una persona che abiti in campagna con un piccolo orto, giardino non possa possedere una motoagricola pasquali ed essere in contemporanea in regola col codice della strada?
    A me pare che la norma sia sbagliata ed ingiusta..... insomma è come dire che un daily lo possa guidare solo un artigiano!
    Quindi non mi sento un furbacchione!!!
    Saluti a vossia

    Lascia un commento:


  • GabrieleB.
    ha risposto
    Originalmente inviato da ALE#24 Visualizza messaggio
    Certo, ma un pensiero mi sorge spontaneo... : Dopo che i signori comandanti hanno introdotto queste regole, vuoi vedere che un giorno diranno: ma perché tutte queste p. iva nate e morte quasi subito? Vuoi vedere che sti furbacchioni si comprano il trattore con questo giochetto? Adesso gli facciamo vedere noi...
    Risorgo dalle ceneri dopo la dura battaglia IMU.

    Ancora una volta non si è voluto perdere tempo a leggere questa discussione o a credere ad altri utenti navigati.
    Per la questione di P.IVA nate e morte, non fare come altri utenti che hanno si fatto i furbacchioni, aprendo e chiudendo la P.IVA. La P.IVA la apri e la lasci aperta fino a che tieni il trattore. Non è nessuna furbata, finchè è previsto legislativamente non vedo che paura si deve avere. Quando un giorno qualcuno modificherà, ne prenderemo atto.

    saluti

    Gabriele

    Lascia un commento:


  • Gio75
    ha risposto
    Originalmente inviato da ALE#24 Visualizza messaggio
    Certo, ma un pensiero mi sorge spontaneo... : Dopo che i signori comandanti hanno introdotto queste regole, vuoi vedere che un giorno diranno: ma perché tutte queste p. iva nate e morte quasi subito? Vuoi vedere che sti furbacchioni si comprano il trattore con questo giochetto? Adesso gli facciamo vedere noi...
    Non vedo che paure/fregature ci possano essere , visto che:
    1) Non usufruisci di nessun contributo/sgravio fiscale, uno su tutti il carburante agevolato: già quando vai al distributore e paghi il gasolio a prezzo pieno stai facendo un favore allo Stato!!!
    2) Se circoli su strada devi essere assicurato: quindi dai da "mangiare" allo Stato oltre che alla compagnia assicurativa... e comunque già dalla polizza sei "rintracciabile" (p.iva o meno)

    MORALE:
    Se compri un trattore per uso "privato" (o per puro divertimento) non stai rubando niente a nessuno, ne stai evadendo il fisco...
    anzi fai anche girare l'economia!!!

    Lascia un commento:


  • ALE#24
    ha risposto
    Originalmente inviato da B 225 Visualizza messaggio
    Come volevasi dimostrare.
    La legge è quella, non ci sono scappatoie!
    Comunque aprire la p.iva è gratis se vai direttamente all'agenzia delle entrate, sennò costa circa 30 euro dai vari coldiretti, cia ecc.
    E dopo che l'hai aperta non hai nessuna incombenza da sbrigare.
    Certo, ma un pensiero mi sorge spontaneo... : Dopo che i signori comandanti hanno introdotto queste regole, vuoi vedere che un giorno diranno: ma perché tutte queste p. iva nate e morte quasi subito? Vuoi vedere che sti furbacchioni si comprano il trattore con questo giochetto? Adesso gli facciamo vedere noi...

    Lascia un commento:


  • B 225
    ha risposto
    Come volevasi dimostrare.
    La legge è quella, non ci sono scappatoie!
    Comunque aprire la p.iva è gratis se vai direttamente all'agenzia delle entrate, sennò costa circa 30 euro dai vari coldiretti, cia ecc.
    E dopo che l'hai aperta non hai nessuna incombenza da sbrigare.

    Lascia un commento:


  • ALE#24
    ha risposto
    Dopo varie vicissitudini, ma soprattutto grazie ad un funzionario serio e competente dell'Aci che mi ha illustrato la situazione, credo di essere arrivato a capire e le possibilità che si hanno in casi come il mio.
    1 - la radiazione per uso su terreni privati non e' più fattibile, puoi radiare per esportazione ma se domani pesti un piede a qualcuno sono c...i amari perché quel trattore doveva trovarsi all'estero e te hai dichiarato il falso.
    2 - niente intestazione a ditte non agricole x nessun motivo tipo "pulizia terreno circostante" o altro.
    3 - l'unica e sottolineo l'unica possibilità x un privato che vuole acquistare un trattore targato e' quella di aprire stà benedetta partita iva agricola e far finta di fare l'agricoltore di professione, anche x qualche mese.
    Commenti? Lasciamo perdere... Grazie a tutti per i consigli che mi avete dato.

    Lascia un commento:


  • birrocama
    ha risposto
    Originalmente inviato da ALE#24 Visualizza messaggio
    Che ne dite dell'intestazione alla ditta non agricola x manutenzione del terreno circostante alla stessa? Qualcuno lo ha gia' fatto? Grazie
    prima nella zona c'era uno che adoperava trattori grossi con la botte per stasatura pozzi neri prima cheinventassero i camion appositi, viaggiava sempre con vari permessi, rinnovi di permessi eccetera e tutte le vlte che lo barattava, ne cambiava tanti, erano + peso di fogli che di trattore.

    l'unica scappatoia al tuo problema penso sia fare p.i. agricola e poi dopo un pò di anni scancellarsi e che sappia io non hanno mai ricercato a nessuno il fatto di avere un trattore ed aver scancellato la p.i.

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da ALE#24 Visualizza messaggio
    Che ne dite dell'intestazione alla ditta non agricola x manutenzione del terreno circostante alla stessa? Qualcuno lo ha gia' fatto? Grazie
    Siccome ci sono delle regole molto precise,
    siccome ogni motorizzazione è un mondo a se,
    vai in un agenzia di pratiche auto e chiedi.
    Siccome non è detto che in quell'agenzia trovi personale competente sulla questione agricola,vai anche in altre agenzie.
    Quando trovi chi ti dice che si può fare ci provi.
    Se poi non ci riesci è solo perchè ogni tanto le regole vengono rispettate...........

    Lascia un commento:


  • ALE#24
    ha risposto
    Che ne dite dell'intestazione alla ditta non agricola x manutenzione del terreno circostante alla stessa? Qualcuno lo ha gia' fatto? Grazie

    Lascia un commento:


  • ilcorsaro
    ha risposto
    Originalmente inviato da birrocama Visualizza messaggio
    te lo puoi reimmatricolare, ma ti serve il certificato di origine, cmq è una strada senza via d'uscita, non finisci +
    Siamo proprio in ITAGLIA... non ce dubbio.

    Lascia un commento:


  • birrocama
    ha risposto
    Originalmente inviato da ALE#24 Visualizza messaggio
    Per me ad oggi e' difficile aprire una p.iva per motivi miei. Ecco xché non posso intestarmelo. Sul fatto della possibile reimmatricolazione il funzionario della motorizzazione di Firenze e' stato proprio fermo e mi pareva parlasse con cognizione di causa.. come detto si e' raccomandato di farmi una copia dei documenti del mezzo per facilitare la futura operzaione di reimmatricolazione. Qualcuno sa a quale legge, decreto o circolare posso riferirmi x controllare la fondatezza di queste affermazioni?
    Nel frattempo pensavo ad un'altra opzione: Sono socio di una ditta (non agricola), all'interno della cui proprietà vi sono dei terreni: posso intestarlo alla ditta anche se non agricola dichiarando che il trattore mi serve per la manutenzione di tali aree? Tutto ciò risponderebbe a pura verità... Così non dovrei più radiare il mezzo. Grazie
    te lo puoi reimmatricolare, ma ti serve il certificato di origine, cmq è una strada senza via d'uscita, non finisci +

    Lascia un commento:


  • ALE#24
    ha risposto
    Originalmente inviato da B 225 Visualizza messaggio
    Mi pare proprio un discorso senza senso quello della motorizzazione!
    Radiare un trattore perfettamente a norma non è di nessuna utilità, anzi dopo per re-immatricolarlo dovrà rispettare le norme anti inquinamento in vigore, il che è impossbile.
    E poi se devi fare anche 100 metri di strada non puoi farli se è radiato.
    Quindi la soluzione è aprire una partita iva in regime di esonero che costa poco niente, e fare il passaggio di proprietà tra te e tuo zio con regolare scrittura privata di compravendita.
    Per me ad oggi e' difficile aprire una p.iva per motivi miei. Ecco xché non posso intestarmelo. Sul fatto della possibile reimmatricolazione il funzionario della motorizzazione di Firenze e' stato proprio fermo e mi pareva parlasse con cognizione di causa.. come detto si e' raccomandato di farmi una copia dei documenti del mezzo per facilitare la futura operzaione di reimmatricolazione. Qualcuno sa a quale legge, decreto o circolare posso riferirmi x controllare la fondatezza di queste affermazioni?
    Nel frattempo pensavo ad un'altra opzione: Sono socio di una ditta (non agricola), all'interno della cui proprietà vi sono dei terreni: posso intestarlo alla ditta anche se non agricola dichiarando che il trattore mi serve per la manutenzione di tali aree? Tutto ciò risponderebbe a pura verità... Così non dovrei più radiare il mezzo. Grazie

    Lascia un commento:


  • B 225
    ha risposto
    Originalmente inviato da ALE#24 Visualizza messaggio
    Ciao a tutti sto per acquistare da un parente un Fiat 35-66 del 1995, targato e perfettamente in regola con sistemi di sicurezza e dispositivi per la circolazione. Al momento che mio zio comprò il mezzo (appunto nel 1995) probabilmente non era ancora in vigore l'obbligo della p.iva per l'intestazione di un trattore, quindi mio zio non ha p.iva. Nemmeno io ce l'ho e vorrei evitare di aprirla. Alla motorizzazione di Firenze mi hanno detto che mio zio può radiare il trattore riconsegnando targa e documenti, dodpodiché può venderlo a me tramite scrittura privata, così io potrò utilizzarlo ma solo in aree private (che mi va anche bene). Mi e' stato detto anche che in futuro si potrà re-immatricolarlo (mi ha consigliato x questa prospettiva di fotocopiarmi tutti i documenti attuali del mezzo). Questo mi consentirebbe di stare tranquillo se un giorno volessi rivenderlo, perché il nuovo acqiuirente qualora volesse potrà re-immatricolare il mezzo. In questo modo il trattore manterrebbe un buon valore, xché si sa, i trattori radiati non valgono più nulla... Sapete confermarmi la veridicità delle informazioni che ho ricevuto? Altro dubbio... nel caso in cui io in futuro provochi con il mezzo un incidente, chi risponde dei danni? Io o mio zio? Grazie per l'ascolto
    Mi pare proprio un discorso senza senso quello della motorizzazione!
    Radiare un trattore perfettamente a norma non è di nessuna utilità, anzi dopo per re-immatricolarlo dovrà rispettare le norme anti inquinamento in vigore, il che è impossbile.
    E poi se devi fare anche 100 metri di strada non puoi farli se è radiato.
    Quindi la soluzione è aprire una partita iva in regime di esonero che costa poco niente, e fare il passaggio di proprietà tra te e tuo zio con regolare scrittura privata di compravendita.

    Lascia un commento:


  • ilcorsaro
    ha risposto
    Originalmente inviato da ALE#24 Visualizza messaggio
    Ciao a tutti sto per acquistare da un parente un Fiat 35-66 del 1995, targato e perfettamente in regola con sistemi di sicurezza e dispositivi per la circolazione. Al momento che mio zio comprò il mezzo (appunto nel 1995) probabilmente non era ancora in vigore l'obbligo della p.iva per l'intestazione di un trattore, quindi mio zio non ha p.iva. Nemmeno io ce l'ho e vorrei evitare di aprirla. Alla motorizzazione di Firenze mi hanno detto che mio zio può radiare il trattore riconsegnando targa e documenti, dodpodiché può venderlo a me tramite scrittura privata, così io potrò utilizzarlo ma solo in aree private (che mi va anche bene). Mi e' stato detto anche che in futuro si potrà re-immatricolarlo (mi ha consigliato x questa prospettiva di fotocopiarmi tutti i documenti attuali del mezzo). Questo mi consentirebbe di stare tranquillo se un giorno volessi rivenderlo, perché il nuovo acqiuirente qualora volesse potrà re-immatricolare il mezzo. In questo modo il trattore manterrebbe un buon valore, xché si sa, i trattori radiati non valgono più nulla... Sapete confermarmi la veridicità delle informazioni che ho ricevuto? Altro dubbio... nel caso in cui io in futuro provochi con il mezzo un incidente, chi risponde dei danni? Io o mio zio? Grazie per l'ascolto
    Ciao, interessa anche a me una cosa simile, avendo comprato un trattore da un privato (senza p.i.) e non avendo io p.i...attendo risposta.

    Lascia un commento:


  • ALE#24
    ha risposto
    Reimmatricolazione

    Ciao a tutti sto per acquistare da un parente un Fiat 35-66 del 1995, targato e perfettamente in regola con sistemi di sicurezza e dispositivi per la circolazione. Al momento che mio zio comprò il mezzo (appunto nel 1995) probabilmente non era ancora in vigore l'obbligo della p.iva per l'intestazione di un trattore, quindi mio zio non ha p.iva. Nemmeno io ce l'ho e vorrei evitare di aprirla. Alla motorizzazione di Firenze mi hanno detto che mio zio può radiare il trattore riconsegnando targa e documenti, dodpodiché può venderlo a me tramite scrittura privata, così io potrò utilizzarlo ma solo in aree private (che mi va anche bene). Mi e' stato detto anche che in futuro si potrà re-immatricolarlo (mi ha consigliato x questa prospettiva di fotocopiarmi tutti i documenti attuali del mezzo). Questo mi consentirebbe di stare tranquillo se un giorno volessi rivenderlo, perché il nuovo acqiuirente qualora volesse potrà re-immatricolare il mezzo. In questo modo il trattore manterrebbe un buon valore, xché si sa, i trattori radiati non valgono più nulla... Sapete confermarmi la veridicità delle informazioni che ho ricevuto? Altro dubbio... nel caso in cui io in futuro provochi con il mezzo un incidente, chi risponde dei danni? Io o mio zio? Grazie per l'ascolto

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da debra Visualizza messaggio
    Buongiorno, sono in possesso di una trattrice fiat immatricolata nel 1970. Ora vorrei vendere tale mezzo però non sono più in possesso della carta di circolazione (ma delle traghe si) . Ho fatto regolare denuncia ai carabinieri che mi hanno rilasciato un'attestazione provvisoria da presentare poi in motorizazzione civile 8come da normativa vigente) . Il problema sorge proprio in motorizzazione dove non risulta piu il libretto di circolazione che è andato al macero essendo trascorsi un tot di anni e quindi non posso vendere la trattrice!
    Non riesco a capire come possano i carabinieri rilasciare un "permesso provvisorio",senza che siano disponibili i dati del mezzo.
    Anche la dichiarazione"è andato al macero",non è ortodossa.
    Di solito con denuncia di smarrimento è possibile chiedere il duplicato.


    Originalmente inviato da debra Visualizza messaggio
    Come devo agire? Rimmatricolare il mezzo, fare un nuovo libretto e poi fare un regolare passaggio di proprieta? Oppure ci sono altre soluzioni alternative? grazie per la cortese attenzione.
    "Reimmatricolare"il mezzo è possibile solo come nuova targa e nuovo libretto,in sostituzione degli smarriti.Non è invece possibile se viene inteso come nuova immatricolazione di mezzo senza certificazione di origine del produttore e/o rispondenza del mezzo alle normative attuali sulle emissioni.
    Non chiedere a destra o manca,affidati direttamente ad una agenzia di pratiche auto.

    Lascia un commento:


  • birrocama
    ha risposto
    Originalmente inviato da ik0qdd Visualizza messaggio
    salve a tutti,
    siccome avrei intenzione di comperare un rimorchio agricolo al di sotto dei 15 ql di portata quindi devo applicarci la targa ripetitrice, io ero convinto che bastasse fare una fotocopia oppure con dei numeri adesivi... invece non è così... sembra che si debbano pagare degli oneri intorno ai 60 euro !!
    vi risulta ??
    grazie
    si è vero bisogna pagare una cifra e bisogna richiederla alla motorizzazione dicendo la targa del trattore

    Originalmente inviato da debra Visualizza messaggio
    Buongiorno, sono in possesso di una trattrice fiat immatricolata nel 1970. Ora vorrei vendere tale mezzo però non sono più in possesso della carta di circolazione (ma delle traghe si) . Ho fatto regolare denuncia ai carabinieri che mi hanno rilasciato un'attestazione provvisoria da presentare poi in motorizazzione civile 8come da normativa vigente) . Il problema sorge proprio in motorizzazione dove non risulta piu il libretto di circolazione che è andato al macero essendo trascorsi un tot di anni e quindi non posso vendere la trattrice! Come devo agire? Rimmatricolare il mezzo, fare un nuovo libretto e poi fare un regolare passaggio di proprieta? Oppure ci sono altre soluzioni alternative? grazie per la cortese attenzione.
    credo che ti possa rispondere solo la motorizzazione o un agenzia pratiche auto
    Ultima modifica di Motivo: unione messaggi consecutivi. Utilizza il "multi-quote".

    Lascia un commento:


  • ik0qdd
    ha risposto
    Targa ripetitrice rimorchio

    salve a tutti,
    siccome avrei intenzione di comperare un rimorchio agricolo al di sotto dei 15 ql di portata quindi devo applicarci la targa ripetitrice, io ero convinto che bastasse fare una fotocopia oppure con dei numeri adesivi... invece non è così... sembra che si debbano pagare degli oneri intorno ai 60 euro !!
    vi risulta ??
    grazie

    Lascia un commento:


  • debra
    ha risposto
    libretto di circolazione

    Buongiorno, sono in possesso di una trattrice fiat immatricolata nel 1970. Ora vorrei vendere tale mezzo però non sono più in possesso della carta di circolazione (ma delle traghe si) . Ho fatto regolare denuncia ai carabinieri che mi hanno rilasciato un'attestazione provvisoria da presentare poi in motorizazzione civile 8come da normativa vigente) . Il problema sorge proprio in motorizzazione dove non risulta piu il libretto di circolazione che è andato al macero essendo trascorsi un tot di anni e quindi non posso vendere la trattrice! Come devo agire? Rimmatricolare il mezzo, fare un nuovo libretto e poi fare un regolare passaggio di proprieta? Oppure ci sono altre soluzioni alternative? grazie per la cortese attenzione.

    Lascia un commento:


  • ilcorsaro
    ha risposto
    Allora io essendo pensionato(purtroppo) e avendo appena acquistato un trattore (per lavoretti) ho fatto un contratto privato con il venditore, e targato e in regola con le luci..posso circolare per la strada? grazie.

    Lascia un commento:


  • ntt89
    ha risposto
    Originalmente inviato da mab80 Visualizza messaggio
    Salve a tutti non ho ancora ben capito cosa ci vuole per acquistare un trattore usato ho solo un pò di terra per coltivarla come hobby c'è chi dice ci voglia la partita iva agricola e c'è chi no e se ci vuole cosa mi comporta grazie!
    Ciao mab80
    Certo è necessario aprire la partita iva agricola (presso l'agenzia delle entrate). E' completamente gratuito e non costa nulla poi tenerla aperta! Ti assicuro che la devi aprire!

    Lascia un commento:


  • lares
    ha risposto
    io ho aqquistato un trattore usato e ho dovuto aprire una partita iva agricla a costo zero annuo se non superi un certo fatturato che ora nn ricordo ma credo sulle 5-6 mila euro.

    Lascia un commento:


  • mab80
    ha risposto
    Salve a tutti non ho ancora ben capito cosa ci vuole per acquistare un trattore usato ho solo un pò di terra per coltivarla come hobby c'è chi dice ci voglia la partita iva agricola e c'è chi no e se ci vuole cosa mi comporta grazie!

    Lascia un commento:


  • amarcord
    ha risposto
    Originalmente inviato da chingo Visualizza messaggio
    io o fatto da poco l'intestastazione del trattore 30 cavalli pasquali con targa ma senza documenti, o dovuto modificare la partita iva in aggiunta di lavori forestali, poi con ladenuncia di smarrimento del libretto e la prtaita iva deve essere o agricola o c ome la mia inerente ai lavori di giardinaggio con questio documenti mi anno intestao il trattore devo solo ritirare il libretto semplice no ricordarsi se non ai tutti questi ingredienti il trattore non siu puo intestare ma si puo tenere senza targa
    Si può tenere anche con la targa e il libretto
    semplicemente se non te lo intesti non te lo assicurano.. e di conseguenza non si può circolare per strade pubbliche

    Lascia un commento:


  • chingo
    ha risposto
    io o fatto da poco l'intestastazione del trattore 30 cavalli pasquali con targa ma senza documenti, o dovuto modificare la partita iva in aggiunta di lavori forestali, poi con ladenuncia di smarrimento del libretto e la prtaita iva deve essere o agricola o c ome la mia inerente ai lavori di giardinaggio con questio documenti mi anno intestao il trattore devo solo ritirare il libretto semplice no ricordarsi se non ai tutti questi ingredienti il trattore non siu puo intestare ma si puo tenere senza targa

    Lascia un commento:


  • amarcord
    ha risposto
    Originalmente inviato da ninno Visualizza messaggio
    L' Iva anche questa non l' ho capita: cioè alla coldiretti mi hanno dato un foglio da far compilare all' ex propietario che recitava: -Preciso inoltre che la cessione è avvenuta senza emissione di fattura inquanto il cedente non è soggetto a IVA ai sensi dell' Art 2 e 4 del DPR 633/72......- non capisco : se per possedere un mezzo agricolo devi avere la partita iva, quindi dovrebbe averla anche chi vende... allora come si fà a non essere soggetti a IVA?
    Appunto....
    Nessuno sà spiegare che differenze ci siano vendendo un trattore se si è privati senza partita iva oppure avendo partita iva in regime di esonero????

    Lascia un commento:


  • ninno
    ha risposto
    Originalmente inviato da amarcord Visualizza messaggio
    Lascia perdere Scandiano già per far il bollo alla macchina se è il primo pareva un problema insormontabile
    ma forse all'aci non si occupano di trattori,boo!!!!
    Oggi son andato a reggio alla mtc.. stavolta c'era un'altra signora,arrogante e indisponente come na vipera...
    Mi ha fatto tornar a casa a prender il foglio provvisorioperchè diceva che doveva ritirarlo????mi sa strano,con le auto non lo ritirano.. e il precedente proprietario del trattore mi aveva dato libretto e pure foglio provvisorio
    poi perchè non sapendo la targa non poteva mica mettersi a cercar il mio libretto per nome e cognome
    Roba da matt dabun c'ho 60km andar e tornare da Castellarano!!!!! tornato poi mi ha dato il libretto
    Per Actros.....
    Beh per rivenderlo come privato basta na scrittura privata,no??
    che poi anche in regime di esonero vendendolo ad un privato va fatta la scrittura privata ugualmente,no???o c'è da versare l'iva??
    L' Iva anche questa non l' ho capita: cioè alla coldiretti mi hanno dato un foglio da far compilare all' ex propietario che recitava: -Preciso inoltre che la cessione è avvenuta senza emissione di fattura inquanto il cedente non è soggetto a IVA ai sensi dell' Art 2 e 4 del DPR 633/72......- non capisco : se per possedere un mezzo agricolo devi avere la partita iva, quindi dovrebbe averla anche chi vende... allora come si fà a non essere soggetti a IVA?

    Lascia un commento:


  • RocchiLuciano
    ha risposto
    Originalmente inviato da Actros 1857 Visualizza messaggio
    Non ho mai capito il motivo per cui bisognerebbe chiuderla. E' un regime di IVA speciale e di conseguenza non rientra nella categoria delle "dormienti" come ha già spiegato Gabriele nell'apposito argomento.
    A chi la chiude faccio questa domandina...se un domani voleste comprarvi un rimorchio per circolare su strada? Come fareste ad intestarvelo? E se un domani doveste rivendere il trattore?
    Caro Actros, anch'io sono uno di quelli che ha chiuso la partita IVA, probabilmente mal consigliato, quindi se io volesse vendere la mia trattrice con pianale di carico, come dovrei comportarmi? A presto, Luciano.

    Lascia un commento:


  • amarcord
    ha risposto
    Originalmente inviato da ninno Visualizza messaggio
    io caro amico non ce l' ho con nessuna signorina tanto meno a Reggio! ma aScandiano all' ACI non me lo hanno fatto e aveva già pronto il numero dell' altra signorina della coldiretti..., dopo le mie dimostranze l' impiegata ha telefonato a Reggio e le hanno detto la stessa cosa..... a Reggio non sono andato in Motorizzazione, ma ho telefonato e sono stato delle loro parole, che avrei dovuto rivolgermi in coldiretti!
    Comunque siccome mi sembrava che ci fosse qualcosa di strano/ingiusto ho scritto un post... è ne ho avuto conferma se a te lo hanno fatto!
    Del provvissorio non ricordo... la partita iva l' ho chiusa, ma ora mi è capitata un altra occasione.....
    Ciao e grazie
    Lascia perdere Scandiano già per far il bollo alla macchina se è il primo pareva un problema insormontabile
    ma forse all'aci non si occupano di trattori,boo!!!!
    Oggi son andato a reggio alla mtc.. stavolta c'era un'altra signora,arrogante e indisponente come na vipera...
    Mi ha fatto tornar a casa a prender il foglio provvisorioperchè diceva che doveva ritirarlo????mi sa strano,con le auto non lo ritirano.. e il precedente proprietario del trattore mi aveva dato libretto e pure foglio provvisorio
    poi perchè non sapendo la targa non poteva mica mettersi a cercar il mio libretto per nome e cognome
    Roba da matt dabun c'ho 60km andar e tornare da Castellarano!!!!! tornato poi mi ha dato il libretto
    Per Actros.....
    Beh per rivenderlo come privato basta na scrittura privata,no??
    che poi anche in regime di esonero vendendolo ad un privato va fatta la scrittura privata ugualmente,no???o c'è da versare l'iva??

    Lascia un commento:


  • ninno
    ha risposto
    Originalmente inviato da amarcord Visualizza messaggio
    Non capisco perchè ce l'hai con la signora di reggio emilia
    con me è stata anche gentile,mi ha finito di compilare anche la richiesta,spiegato bene tutto per filo e per segno e non mi ha davvero chiesto mappe o altro ma solo fotocopia della mia partita iva in esonero aperta appositamente!!!
    Ah,e nemmeno detto di andare alla coldiretti,poi se hai letto sopra lo sportello c'è scritto "passaggi e intestazioni di macchine agricole"... e ti dovrebbe dire di andar a farla da un'altra parte???
    Domattina provo ad andare a vedere se è pronto il libretto,il foglio provvisorio me l'han dato il 3gennaio.
    La partita iva poi la chiuderò anch'io(non c'è da pagare niente alla agenzia delle entrate,come non ho pagato niente ad aprirla!!!!!) Poi sentivo che dovrebbero chiuderle per legge se dormienti da tempo??? non ho seguito però attentamente se è una proposta,se è in attesa di approvazione o cosa!!!!
    io caro amico non ce l' ho con nessuna signorina tanto meno a Reggio! ma aScandiano all' ACI non me lo hanno fatto e aveva già pronto il numero dell' altra signorina della coldiretti..., dopo le mie dimostranze l' impiegata ha telefonato a Reggio e le hanno detto la stessa cosa..... a Reggio non sono andato in Motorizzazione, ma ho telefonato e sono stato delle loro parole, che avrei dovuto rivolgermi in coldiretti!
    Comunque siccome mi sembrava che ci fosse qualcosa di strano/ingiusto ho scritto un post... è ne ho avuto conferma se a te lo hanno fatto!
    Del provvissorio non ricordo... la partita iva l' ho chiusa, ma ora mi è capitata un altra occasione.....
    Ciao e grazie

    Lascia un commento:

Annunci usato

Collapse

Caricamento...
X