MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Targhe e passaggi di proprietà

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • trincia
    ha risposto
    ci sono novità per il passaggio di proprietà: sono stato alla motorizzazione nella regione dove ho i terreni e mi hanno detto di eseguire la prassi più volte riportata nel sito(circa 40 euro di bollettini alla posta, vaie fotocopie documenti, consegna libretto, modulo da compilare tt2119 dove dichiaro alla voce impresa il mio nome e l'indirizzo dove ho i terreni, non essendo un agricoltore di professione ma un privato che lo fa per hobby ed infine devo allegare una visura catastale di questi terreni di mia proprietà).
    che ne pensate? procedo?
    ps: per l'assicurazione avete qualche proposta? quale è la cifra media da spendere circa?
    grazie.

    Lascia un commento:


  • trincia
    ha risposto
    ..ok grazie 1000 della risposta, telefono alla comunità montana allora; ma allora la signora dell'aci che mi faceva il passaggio di proprietà senza partita iva avrebbe fatto una grave infrazione dell'articolo del codice stradade da te postato, avrei avuto problemi per eventuale assicurazione in futuro? premetto che il trattore in questione fara l'80% della sua vita su strada pubblica...un'ultima cosa, per aprire quella partita iva ad esonero(è la sua denominazione corretta??) devo recarmi all'agenzia delle entrate del mio comune di residenza giusto? di che documentazione ho bisogno? dai post precedenti non ho capito se devo pagare qualche cifra annualmente o quando viene aperta, e se si quale cifra.
    Risultando disoccupato ora come ra avrei qualche problema? l'agricoltura è solo un passatempo per me..inoltre se io vendessi qualche prodotto agricolo(ortaggi, legna da ardere, olio in esubero)sarei protetto(entro i limiti, fino a 7000 euro o 2500, non ho capito quale e in che casi, la mia provincia di residenza è in pianura, ma i terreni sono a 450metri s.l.m. in altra regione) in caso di controlli della finanza sarei coperto fino a tale cifra giusto? anche vendendo a privati? perdonate la mia insistenza ma sono a completo digiuno di queste norme..per me è un mondo "nuovo.."
    grazie a tutti dell'attenzione.

    Lascia un commento:


  • Actros 1857
    ha risposto
    Premesso che come ho già scritto più volte, in MCTC a Como non fanno tutte queste storie...evidentemente il sig. Benenti che è il funzionario addetto sa fare bene il suo lavoro (sempre molto gentile e disponibile).
    A me non risulta che la C.M. sia un
    ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri competente per territorio
    .
    Questo quanto riportato nel sito della MCTC di Roma
    REIMMATRICOLAZIONE DI UNA MACCHINA AGRICOLA
    E’ un’operazione che si richiede a seguito di deterioramento, smarrimento o furto della targa di prima immatricolazione. La pratica da presentare allo sportello è composta dai documenti appresso indicati.

    1) modello TT2119, in distribuzione gratuita presso lo sportello informazioni, compilato con i dati del proprietario e dell’azienda agricola o impresa o ente;

    2) carta di circolazione originale (se anch’essa è smarrita oppure oggetto di furto occorre allegare la denuncia originale presentata agli organi di Polizia Giudiziaria);

    3) targa originale deteriorata oppure denuncia di smarrimento o furto presentata agli organi di Polizia Giudiziaria;

    4) fotocopia del documento di identità e del codice fiscale della persona fisica o del rappresentante legale dell’azienda agricola o impresa;

    5) attestazioni dei versamenti effettuati secondo lo schema riportato nella sottostante tabella:

    euro 9,00 sul bollettino di conto corrente n. 9001 tariffa motorizzazione
    euro 29,24 sul bollettino di conto corrente n. 4028 imposta di bollo
    euro (*) sul bollettino di conto corrente n. 121012 acquisto targa

    (*) PREZZI TARGHE
    € 17,49 per la targa di macchina agricola semovente (trattrice agricola);
    € 18,36 per la targa di macchine agricole rimorchiate (rimorchio agricolo);
    € 17,49 per la targa ripetitrice dei numeri della trattrice trainante da applicare dietro al rimorchio.

    Se la richiesta è contestuale ad un passaggio di proprietà occorre presentare anche:
    1) attestazione di titolarità rilasciata dall’UMA competente in base all’ubicazione del terreno (in alternativa, è sufficiente produrre una copia dell’assegnazione di PARTITA IVA AGRICOLA ove sia specificata l’attività esercitata dalla persona fisica (Azienda agricola o forestale). Le persone giuridiche (Società) devono esercitare almeno una delle attività di cui ai punti a1, a2 e a3 riscontrabili dal certificato rilasciato dalla competente Camera di Commercio alla voce “attività esercitate”;

    2) nel caso di possesso della sola PARTITA IVA AGRICOLA occorre allegare anche un’autocertificazione, ai sensi del DPR 445/2000, redatta su apposito modello in distribuzione gratuita allo sportello. I modelli sono diversi a seconda che il dichiarante sia persona fisica o persona giuridica (società)
    Dimenticavo...l'ACI a me aveva chiesto meno di 140€
    Ultima modifica di

    Lascia un commento:


  • GabrieleB.
    ha risposto
    CODICE DELLA STRADA, art. 110 comma 2.

    2. La carta di circolazione ovvero il certificato di idoneità tecnica alla circolazione sono rilasciati dall'ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri competente per territorio; il medesimo ufficio provvede alla immatricolazione delle macchine agricole indicate nell'art. 57, comma 2, lettera a), punto 1) e punto 2), e lettera b), punto 2), ad esclusione dei rimorchi agricoli di massa complessiva non superiore a 1,5 t ed aventi le altre caratteristiche fissate dal regolamento, a nome di colui che dichiari di essere titolare di impresa agricola o forestale ovvero di impresa che effettua lavorazioni agromeccaniche o locazione di macchine agricole, nonché a nome di enti e consorzi pubblici.

    Effettivamente tale articolo è stato modificato dall'ultima volta che lo avevo postato (1 annetto fa) e non si fa riferimento più alla Motorizzazione Civile quindi evidentemente tale compito è stato delocalizzato alla Comunità Montana (nel tuo caso).
    Per il resto si parla sempre di impresa agricola, quindi direi che la P.IVA sia comunque fondamentale.

    saluti

    Gabriele

    Lascia un commento:


  • trincia
    ha risposto
    Salve a tutti, non voglio ripetere quello che è già stato detto, riporto solo la mia esperienza(non ancora finita...): ho acquistato un trattore usato, e devo fare il passaggio di proprietà; mi sono recato alla motorizzazione della mia provincia e mi hanno detto che loro non si occupano dei mezzi agricoli, avrei dovuto fare riferimento alla comunità montana...mah.....secondo voi c'entra qualcosa? premetto che tutto questo l'ho fatto prima di cercare info nel Foum, dopodichè ho sentito il mio commercialista per aprire una partita iva come detto piu volte nel forum e lui mi ha detto che la cosa gli sembrava strana e che avrei dovuto chiedere a un centro ACI. allora così ho fatto, parlo con la signorina, mi chiede se ho un'azienda agricola o se sono un privato(rispondo che sono privato, che non ho attività agricole a scopo di lucro e che non ho un azienda) e mi dice che me lo può fare, basta presentare una visura catastale dei miei possedimenti, siano boschi o terreni coltivabili. Non mi ha chiesto nessuna partita iva...Spesa per l'operazione 140 euro...Al che non ci ho capito piu niente...secondo voi la signora è male informata oppure nella mia regione(terreni in toscana, centro ACI nella medesima regione e residenza in liguria) funziona diversamente? vi chiedo di aiutarmi a capire meglio...sono molto confuso..
    grazie..

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da apatino Visualizza messaggio
    ciao a tutti!
    tra qualche giorno parteciperò ad un' asta nella quale saranno battuti dei trattori. questi trattori sono targati e con anche la propria carta di circolazione. volevo sapere se dopo l'eventuale aggidicazione della macchina oltre a pagare il prezzo devo anche pagare il passaggio di proprietà...se è importante posso anke dirvi che non mi servirebbero per andarci in strada...
    I trattori non sono iscritti al PRA,la trascrizione di proprietà costerà poco più di 100euro.

    Lascia un commento:


  • apatino
    ha risposto
    ciao a tutti!
    tra qualche giorno parteciperò ad un' asta nella quale saranno battuti dei trattori. questi trattori sono targati e con anche la propria carta di circolazione. volevo sapere se dopo l'eventuale aggidicazione della macchina oltre a pagare il prezzo devo anche pagare il passaggio di proprietà...se è importante posso anke dirvi che non mi servirebbero per andarci in strada...

    Lascia un commento:


  • beppezntt
    ha risposto
    Per l'acquisto di un trattore, essendo solo un semplice appassionato, ho telefonato all'UMA di Novara e mi hanno suggerito di recarmi presso una sede dei coltivatori diretti del mio paese per la pratica necessaria. In ogni caso mi hanno detto che non ci sono problemi per il passaggio di proprieta' a patto che si possegga anche un minimo di terreno per giustificare l'utilizzo del trattore. Non occorre essere coltivatori di professione. Basta un estratto catastale dei terreni posseduti. E' evidente che non essendo un coltivatore non posso pretendere di avere il gasolio agevolato.

    Lascia un commento:


  • Actros 1857
    ha risposto
    Tranquillo, hai fatto benissimo a riportare la tue esperienza, la cosa che stona sono i commenti successivi al tuo post...

    Lascia un commento:


  • mcapiluppi
    ha risposto
    Carissimi,

    non volevo sollevare bagarre, volevo solo portare la mia esperienza diretta, avendo imparato diverse cose da semplice lettore del forum.
    Visto che la mia trafile si è conclusa con esito positivo ho pensao di postarla per condividerla con voi.

    Come vedete dai messaggi scritti sono abbastanza nuovo come scrittore del forum, ma come lettore vi seguo da un po!!!!

    CIAO!!!!

    Lascia un commento:


  • GabrieleB.
    ha risposto
    Originalmente inviato da HD 15 Visualizza messaggio
    Grazie, finalmente ci si capisce, in questo "post" tanti consigli ( a puntate e poche esperienze dirette) come la tua e il massimo.
    PS.. in caso di divorzio restano a lei..
    Saluti.
    Mah, o non vuoi capire, o non chiedi effettivamente ciò che ti serve, o ci prendi per i fondelli. A volte mi chiedo perchè devo passare tempo sul forum a cercare di dare risposta ai quesiti di mia competenza, rigorosamente gratis. O forse pensi che ci guadagniamo qualcosa?
    Ci sono parecchie esperienze dirette sul forum, quasi una ogni pagina. Chiaramente difficile trovare quella che calza a pennello, ma basta un piccolo sforzo ed unire un paio di consigli e trovi ciò che serve.

    QUESTO post è praticamente la Motorizzazione Civile in casa!Certo, qualcosa è cambiato (tutto cambia in sto mondo) ma in vari post successivi si sono apportate nozioni più che sufficienti. Post che tra l'altro ho riproposto a pagina 17 (e ora siamo a pag. 18).
    Senza contare quanti altri post in risposta a richieste di utenti.

    Fortunatamente ci sono parecchi utenti che ringraziano.

    saluti

    Gabriele

    Lascia un commento:


  • Actros 1857
    ha risposto
    Non so, ma penso che HD15 abbia qualche problema di comprensione.
    Come fai a definirti NELLe MEDESIME CONDIZIONI di Mcapiluppi quando tu devi SOLO fare un passaggio di proprietà del trattore mentre lui ne ha IMMATRICOLATO uno nuovo?
    Hai letto quanto ti ha scritto Gabriele B poco sopra? ti ha dato la semplicissima soluzione ai tuoi problemi...

    Lascia un commento:


  • HD 15
    ha risposto
    Grazie, finalmente ci si capisce, in questo "post" tanti consigli ( a puntate e poche esperienze dirette) come la tua e il massimo.
    PS.. in caso di divorzio restano a lei..
    Saluti.

    Lascia un commento:


  • mcapiluppi
    ha risposto
    Sono contento di esserti utile.
    Mia moglie è titolare dell'azienda agricola e di conseguenza del trattore.
    Mia moglie mi ha firmato una delega, hanno un modulo in motorizzazione, ove dichiara che tutti i giri per l'immatricolazione del suo trattore li faccio io.

    La partita iva è a nome di mia moglie, ma non cambia niente, mia moglie, come me facciamo tutt'altro lavoro.

    In visura catastale compariamo entrambi. La visura serve solo per dimostrare che hai dei terreni, e penso debba comparire il nome del titolare. Nel mio caso non ci sono problemi visto che appunto siamo in condivisione dei beni e compare pure lei!!

    Lascia un commento:


  • HD 15
    ha risposto
    ok, BELLA NOTIZA, ben dettagliata con esperienza diretta è questo che conta, alcune domande: cosa intendi con delega...( tua moglie delega te alla manutenzione., tipo scrittura privata o altro... ,.)la azienda intestata alla moglie, nella visura catastale c'è solo lei...la partita IVA è a nome tuo vero?, il libretto è intestato a te?
    sono nelle tue stesse condizioni.
    fammi sapere.Grazie
    grazie del dettaglio della tua esperienza descritta nel forum.

    Lascia un commento:


  • mcapiluppi
    ha risposto
    Immatricolazione trattore NUOVO. Fatto.

    Carissimi,

    spero sia il posto giusto in cui inserire la mia esperienza immatricolatrice.
    Premetto che sono dell'emilia romagna provincia Reggio Emilia e ciò che scrivo è la mia esperienza.

    Io ho comprato un GOLDONI base 20 NUOVO. Che uso per hobby (al momento).
    Il venditore mi ha subito avvertito circa il fatto che la fattura doveva necessariamente essere intestata ad un azienda agricola.
    Ho aperto la P. IVA agricola, 5 minuti all'agenzia delle entrate, costo 0 euro, (era il 14 Agosto 2010), e ho consegnato la P.IVA agricola al rivenditore che l'ha messa in fattura.
    Il venditore mi ha anche detto di non far passare troppo tempo prima dell'immatricolazione in quanto le omologazioni potrebbero scadere. Nel senso che potrebbero non essere più valide in quanto ne escono delle nuove.
    Per una serie di motivi, in primis non ho avuto tempo, mi sono recato in motorizzazione una volta a chiedere i documenti necessari per immatricolare il mezzo a metà gennaio.
    Mi hanno dato 3 bollettini : 17,49euro acquisto targa; 29,24 euro imposta bollo; 9 euro diritti L 14 -67. Mi hanno cnsegnato anche un foglio da compilare con tutte le informazioni circa numeri di telaio e altre robe (sul foglio stesso ci sono le istruzioni per la compilazione). Mi hanno consegnato un foglio ove veniva richiesta l'iscrizione alla camera di commercio e il numero UMA. Io ho risposto che non faccio vendita, quindi non ho iscrizione camera di commercio e che il gasolio lo compro al distributore, quindi no UMA. AL che mi hanno chiesto di presentare la visura catastale con i terreni che lavoro. Tutto questo in 10 minuti in quanto all'ufficio immatricolazioni della motorizzazione non c'era nessuno.
    Pago i bollettini, preparo la visura catastale (che avevo in casa) torno in motorizzazione a consegnare il tutto. Conesenga pratica 10 minuti.
    Quindi consegno: bollettini pagati, alcuni fogli rilasciati dal venditore del trattore, visura catastale, dichiarazione di apertura della partita iva, fattura di acquisto, delega (l'azienda è intestata a mia moglie). Ricevono la pratica e mi dicono di tornare dopo una settimana.
    Dopo una settimana torno, mi danno la TARGA, e il libretto di circolazione provvisiorio. Tra 2 settimane devo tornare a prendere il libretto di circolazione definitivo!

    Questa la mia esperienza. Spero che possa essere di aiuto a qualcuno.
    Ho fatto tutto io senza l'appoggio di nessuna associazione.

    PS : targa rilasciata il 2 febbraio 2011.
    Ultima modifica di

    Lascia un commento:


  • Actros 1857
    ha risposto
    Ieri ennesima dimostrazione che ogni tanto le MCTC funzionano....per lo meno quella di Como ha sempre funzionato. (ringrazio il sig. Benenti per la disponibilità)

    Tempo necessario per compilare gli incartamenti per il passaggio di prorietà del trattore = 5minuti.
    Documenti presentati:
    - Fattura d'acquisto
    - Copia certificato di attribuzione P.IVA (non necessario ma preferibile)
    - Autocertificazione della titolarità della P.IVA
    - Versamento di €9 su CC. 9001
    - Versamento di €29.24 su CC 4028

    Ora attendo solo i tempi tecnici per la ristampa del libretto a mio nome.

    Notare che un ufficio ACI mi ha chiesto 150€ per effettuare tali operazioni.

    Lascia un commento:


  • GabrieleB.
    ha risposto
    Carrellata (alcuni in mega ritardo, magari può essere ancora utile)

    Originalmente inviato da ciccio466 Visualizza messaggio
    A meno che la questione dell'obbligo di PI per intestarsi il trattore non sia corretta. Quindi, se qualcun altro ha qualche chiarimento a riguardo gliene sarei grato!
    Saluti
    Qui

    Originalmente inviato da andrea b Visualizza messaggio
    Per comprare, ma soprattutto intestarsi un trattore agricolo, è necessario essere titolare di partita IVA agricola. non ho capito se possedere terreno intestato sia necessario o possa bastare che sia intestato ad un familiare. Se io ho già una P.IVA come libero professionista in tutt'altro campo, posso "ampliare" in qualche modo la mia? Per quello che so non posso averne 2 (detto dal commercialista, che però non sapeva bene come rispondere all'altro quesito). Gli introiti del mio lavoro spero che non pesino sulla eventuale PI agricola, nel caso, visto che sono già regolarmente denunciati, ecc. Grazie a tutti, ciao.
    Non serve alcun terreno. Possibile con la medesima P.IVA aprire una secondaria attività agricola.
    Se non hai terreni condotti non dichiari nulla nel mod. Unico.

    Originalmente inviato da MalinskaDolina Visualizza messaggio
    Ho una domanda,dovrei acquistare un rimorchio agricolo che ha avuto già 2 proprietari ma l'attuale posseditore non ha fatto a suo tempo nessun passaggio di proprietà e quindi risulta intestato ancora al proprietario originale.
    Se decido di acquistarlo,cosa devo fare? Basta che vado ad intestarmelo da solo senza il vecchio proprietario o lui deve farmi qualche dichiarazione?
    In Motorizzazione compilerai l'apposita dichiarazione sostitutiva ove dichiari di essere l'attuale proprietario del rimorchio

    Originalmente inviato da HD 15 Visualizza messaggio
    ciao anche io sono attualmente in una situazione simile( quasi identica), vediamo , 3 ha , terreno intestato ai genitori,in collina e abbastanza franoso,non coltivato, con laghetto irriguo con motopoma 30hp, un terna cigolata 120 hp (senza targa, nessun documento), un cingolino senza documento, un cingolino ed un gommato 25 hp, con targhe e libretti,tutti e due con scarico uma del precedente proprietario, con documento di vendita ( non fattura)tra le parti di cui io sono l'acquirente, ho già partita iva in edilizia, come posso fare per regolarizzare il tutto?.
    riassunto terreno di proprietà dei genitori, attrezzature per la manutenzione da intestare a me (figlio),vediamo qualche soluzione o consiglio da chi è esperto o chi ha già avuto e risolto un problema simile. grazie della collaborazione a chi vuole intervenire

    Medesima P.IVA (una e una sola per soggetto) ma apertura seconda attività (in poche parole avrai un codice attività edile e uno agricola). Validi i consigli di Actros e Alle per il regime di esonero. Per i terreni affitto o comodato (essendo i tuoi genitori).

    saluti a tutti

    Gabriele

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da HD 15 Visualizza messaggio
    altro quesito
    una volta aggiornato il libretto di circolazione, in strada ( anche assicurato),chi può condurre( si intende con patente) il trattore solo il propietario della P.IVA e del trattore o tutti patentati???
    Qualsiasi patentato di categoria adeguata può guidare un trattore.
    Originalmente inviato da HD 15 Visualizza messaggio
    deve esserci un articolo del codice della strada che al di sotto dei 15Km i trattori agricoli si può usare senza patente vedi i fiat 25R a 4 o 5 marcie uno fa i 15 km/h il 5marce i 18km/h
    No,non è la velocità a fare da discriminante nel caso che citi.

    Lascia un commento:


  • HD 15
    ha risposto
    Originalmente inviato da cepy75 Visualizza messaggio
    Ot....Aveva la targa a sfondo verde e caratteri bianchi fino ad un certo anno (non me lo ricordo di preciso), poi sono divenute a sfondo giallo e caratteri neri, per i mezzi agricoli, e sfondo giallo con caratteri rossi, per le macchine operatrici......fine Ot
    intendevo, i miei hanno le targhe con fondo verde (ho omesso i numeri bianchi)non ho detto tutti
    visto che esponevo il mio tipo di problema (post 518)non vedo perche devo cambiare tipologia di targa, come mi era stato suggerito/scritto.

    Lascia un commento:


  • cepy75
    ha risposto
    Originalmente inviato da HD 15
    i trattori hanno le targhe verdi,
    Ot....Aveva la targa a sfondo verde e caratteri bianchi fino ad un certo anno (non me lo ricordo di preciso), poi sono divenute a sfondo giallo e caratteri neri, per i mezzi agricoli, e sfondo giallo con caratteri rossi, per le macchine operatrici......fine Ot

    Lascia un commento:


  • HD 15
    ha risposto
    ciao,
    ok, per il regime speciale si può fare,
    prendo in affitto un terreno dai genitori per farci niente, i genitori lo devono registrare, e anche nella denuncia dei redditi, ecc,ecc, sono complicazioni che non ci dovrebbero esserci,
    altro quesito
    una volta aggiornato il libretto di circolazione, in strada ( anche assicurato),chi può condurre( si intende con patente) il trattore solo il propietario della P.IVA e del trattore o tutti patentati???
    deve esserci un articolo del codice della strada che al di sotto dei 15Km i trattori agricoli si può usare senza patente vedi i fiat 25R a 4 o 5 marcie uno fa i 15 km/h il 5marce i 18km/h

    Lascia un commento:


  • Alle
    ha risposto
    Originalmente inviato da HD 15 Visualizza messaggio
    il problema che complica un po è la non proprietà del terreno
    Nessun problema, ti fai affittare il terreno, apri una P.IVA agricola a regime speciale che sei in esonero fino a 7.000€ e ti intesti le macchine

    Lascia un commento:


  • HD 15
    ha risposto
    post di rif e partenza 518
    ok , ho posto il quesito anche alle associazioni conf AGR e CNA, risposte dettagliate e precise non le ho avute, anche diverse uni da altri
    ho letto molti post del forum mi sono fatto una idea di come fare
    per Mefito
    i trattori hanno le targhe verdi, per gli altri non si recupera niente
    intendo regolarizzare per fare manutenzione per tenere "vivo" il terreno e sicuro
    tenere separato il tutto dalla mia attività senza aumentarne i costi (con quella aria che tira)
    il problema che complica un po è la non proprietà del terreno

    Lascia un commento:


  • Actros 1857
    ha risposto
    Non puoi aprire una p.iva agricola "ad esonero"? Provato a chiedere al commercialista?

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da HD 15 Visualizza messaggio
    ok , è un po difficile, i trattori agricoli hanno la targa verde, nascono e muoiono cosi, quelli senza targa "non esistono", inoltre con troppe attrezzature lo "studio di settore" si appesentirebbe.
    Non è esattamente così........
    La targa verde ormai è un ricordo,adesso è gialla.
    Si potrebbe acquistare un trattore e non immatricolarlo,in questo caso si sarebbe proprietari e non intestatari.
    <<per un trattore nuovoè possibile immatricolarlo come macchina operatrice,ed intestarselo sia come ditta che come persona fisica,però perde la possibilità di trainare su strada.
    Che siano senza documenti e targa non esclude che non siano immatricolati con documenti smarriti,ma se non si conosce l'intestatario non si può far nulla.
    Eventualmente con la matricola si può provare una visura.

    Lascia un commento:


  • HD 15
    ha risposto
    ok , è un po difficile, i trattori agricoli hanno la targa verde, nascono e muoiono cosi, quelli senza targa "non esistono", inoltre con troppe attrezzature lo "studio di settore" si appesentirebbe.

    Lascia un commento:


  • ciccio466
    ha risposto
    Per HD 15: HAi provato a chiedere alla motorizzazione civile se la tua partita IVA è utile anche per l'intestazione del trattore (sopratattutto in campo edile, potrebbe esserti necessaria come macchina di lavoro?!).
    ciao

    Originalmente inviato da HD 15 Visualizza messaggio
    ciao anche io sono attualmente in una situazione simile( quasi identica), vediamo , 3 ha , terreno intestato ai genitori,in collina e abbastanza franoso,non coltivato, con laghetto irriguo con motopoma 30hp, un terna cigolata 120 hp (senza targa, nessun documento), un cingolino senza documento, un cingolino ed un gommato 25 hp, con targhe e libretti,tutti e due con scarico uma del precedente proprietario, con documento di vendita ( non fattura)tra le parti di cui io sono l'acquirente, ho già partita iva in edilizia, come posso fare per regolarizzare il tutto?.
    riassunto terreno di proprietà dei genitori, attrezzature per la manutenzione da intestare a me (figlio),vediamo qualche soluzione o consiglio da chi è esperto o chi ha già avuto e risolto un problema simile. grazie della collaborazione a chi vuole intervenire

    Lascia un commento:


  • HD 15
    ha risposto
    Originalmente inviato da andrea b Visualizza messaggio
    Ciao a tutti: una domanda, o più che altro una precisazione, se qualcuno mi sa rispondere con qualche riferimento legislativo o normativo.
    Non mi è ben chiara una cosa, parto dall'inizio con un piccolo riassunto. Per comprare, ma soprattutto intestarsi un trattore agricolo, è necessario essere titolare di partita IVA agricola. non ho capito se possedere terreno intestato sia necessario o possa bastare che sia intestato ad un familiare. Se io ho già una P.IVA come libero professionista in tutt'altro campo, posso "ampliare" in qualche modo la mia? Per quello che so non posso averne 2 (detto dal commercialista, che però non sapeva bene come rispondere all'altro quesito). Gli introiti del mio lavoro spero che non pesino sulla eventuale PI agricola, nel caso, visto che sono già regolarmente denunciati, ecc. Grazie a tutti, ciao.
    ciao anche io sono attualmente in una situazione simile( quasi identica), vediamo , 3 ha , terreno intestato ai genitori,in collina e abbastanza franoso,non coltivato, con laghetto irriguo con motopoma 30hp, un terna cigolata 120 hp (senza targa, nessun documento), un cingolino senza documento, un cingolino ed un gommato 25 hp, con targhe e libretti,tutti e due con scarico uma del precedente proprietario, con documento di vendita ( non fattura)tra le parti di cui io sono l'acquirente, ho già partita iva in edilizia, come posso fare per regolarizzare il tutto?.
    riassunto terreno di proprietà dei genitori, attrezzature per la manutenzione da intestare a me (figlio),vediamo qualche soluzione o consiglio da chi è esperto o chi ha già avuto e risolto un problema simile. grazie della collaborazione a chi vuole intervenire

    Lascia un commento:


  • GIOVANNIB
    ha risposto
    Che differenza c'è tra un trattore immatricolato come macchina operatrice o macchina agricola?

    Lascia un commento:

Caricamento...
X