MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Targhe e passaggi di proprietà

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • Actros 1857
    ha risposto
    Rileggiti la discussione e troverai tutte le info in merito.

    Lascia un commento:


  • Gi@como
    ha risposto
    ciao a tutti, sono titolare di alcuni terreni ed ho regolare p.iva agricola. vorrei acquistare da un concessionario un mezzo usato (trattore), che documenti devo produrre e dove mi devo recare per il passaggio di proprietà? mi serve il certificasto di proprietà del precedente proprietario?

    grazie a tutti

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da mil Visualizza messaggio
    E senza che gli altri eredi rinunciano a tutto il patrimonio del defunto immobili terreni autoveicoli trattori, (con la rinuncia davanti a un notaio), come si intesta il trattore ad un solo erede? (con il doppio passaggio?)
    Grazie per tutti i chiarimenti
    No,dovrebbe bastare un atto privato di vendita in cui tutti gli eredi cedono la loro quota al neo acquirente, non serve notaio,non essendo registrato al pubblico registro.
    In questo modo si passa la proprietà,per l'intestazione ci vogliono requisiti specifici.

    Lascia un commento:


  • mil
    ha risposto
    E senza che gli altri eredi rinunciano a tutto il patrimonio del defunto immobili terreni autoveicoli trattori, (con la rinuncia davanti a un notaio), come si intesta il trattore ad un solo erede? (con il doppio passaggio?)
    Grazie per tutti i chiarimenti

    Lascia un commento:


  • RocchiLuciano
    ha risposto
    Ciao Mil. La rinuncia all'eredità non può riguardare solo una quota del patrimonio (nel tuo caso il trattore) ma tutta la parte, quindi anche eventuali immobili, che spetta ad ogni erede. Ciao Luciano.

    Lascia un commento:


  • Cinghiale
    ha risposto
    La rinuncia ad un'eredità deve essere sottoscritta di fronte ad un notaio.

    Lascia un commento:


  • mil
    ha risposto
    La rinuncia come viene fatta? Presso l'agenzia o la motorizzazione di presenza o davanti ad un legale (avvocato o notaio)

    Lascia un commento:


  • Cinghiale
    ha risposto
    In caso di rinuncia da parte di alcuni e conseguente assegnazione ad uno solo, non è necessario il doppio passaggio.
    L'operazione di passaggio si può effettuare presso qualunque agenzia pratiche auto oppure direttamente agli Uffici della Motorizzazione civile.

    Lascia un commento:


  • mil
    ha risposto
    Grazie per le risposte, quindi il trattore agricolo è come una comune automobile dove in caso di eredità e più eredi si fa il doppio passaggio prima viene intestata a tutti gli eredi e poi ad uno degli eredi o a una terza persona con la stessa pratica o sbaglio?
    Un'altra cosa mentre per le automobili tale procedura si fa all'aci o in un'agenzia di pratiche automobilistiche Quella per i trattori dove si fa?

    Lascia un commento:


  • Cinghiale
    ha risposto
    L'erede designato deve avere partita I. V. A. a norma del Codice della Strada; gli altri firmano un documento di rinuncia all'eredità del trattore, mentre l'intestatario potrebbe indennizzare i medesimi in denaro.
    Ultima modifica di

    Lascia un commento:


  • mil
    ha risposto
    salve volevo delle informazioni sul passaggio di proprietà per eredità di un trattore agricolo intestato ad un defunto in presenza di più eredi dove uno degli eredi vorrebbe intestarsi il trattore
    vorrei delle informazioni sulla procedura e sui moduli da presentare, penso che sia la stessa in tutta italia comunque io sono della sicilia
    grazie in anticipo distinti saluti

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da Cinghiale Visualizza messaggio
    Senza partita I. V. A., non può essere targato e, di conseguenza, non può circolare su strada pubblica.
    Il mezzo è giá targato.
    Premesso che non è riconosciuta legalmente la macchina agricola d'epoca,per cui burocraticamente segue gli stessi canali e regolamenti di quelle da lavoro,si possono fare due precisazioni.
    La proprietà è definita da un atto fiscale,che sia una fattura od una scrittura privata,se hai uno di questi atti di vendita,la proprietà è ufficialmente tua.
    l'intestazione sul libretto presuppone dei requisiti,li trovi rileggendo la discussione.
    Attenzione perchè un mezzo targato è uno "strumento di lavoro",se non è evidente ed incontestabile che viene detenuto a fine collezionistico, potrebbe essere verificato e sanzionato per il non rispetto dei dispositivi di sicurezza sul lavoro.
    Sempre che venga acquistato a fine collezionistico e non sia invece solo un vecchio mezzo da lavoro.

    Lascia un commento:


  • Cinghiale
    ha risposto
    Senza partita I. V. A., non può essere targato e, di conseguenza, non può circolare su strada pubblica.

    Lascia un commento:


  • MM97
    ha risposto
    Buona sera a tutti, è il mio prima messaggio in questo forum, quindi domando scusa per eventuali errori da me commessi. Detto ciò, vorrei acquistare un trattore d'epoca, è completo di targa e documenti, alcuni mi hanno chiesto di aprire una partita iva, altri mi hanno detto che è sufficiente avere una dichiarazione di vendita, in quest'ultima ipotesi per il passaggio di proprietà come dovrei fare? premetto che deve essere un mezzo da collezione e non da lavoro, è per questa ragione che vorrei evitare se possibile intrecci burocratici....ovvero aprire una partita iva.

    Ringrazio in anticipo coloro che mi risponderanno

    Lascia un commento:


  • mario.sa
    ha risposto
    Originalmente inviato da mefito Visualizza messaggio
    La conformità all'immatricolazione del mezzo è una cosa,se quella c'è ,per la sola mancanza della targa ripetitrice è prevista solo una sanzione,nessun rischio di rivalsa.
    Ti ringrazio per la precisazione.
    CIAO

    Lascia un commento:


  • Actros 1857
    ha risposto
    Eccomi qua...di ritorno dopo 20 minuti scarsi passati tra MCTC e Poste Italiane, con in mano la targa del mio rimorchio nuovo.
    Premesso, trattasi della MCTC di Como.

    Documenti consegnati:

    - Fattura comprovante l'acquisto.
    - Documento del costruttore che ne certifica l'omologazione.
    - Visura camerale (o qualsiasi documento che attesti la titolarità della P.IVA).
    - Documento di identità dell'intestatario.

    Vanno pagati i seguenti bollettini:

    - 32.00€ su CC 4028 (Imposta di bollo)
    - 9.00€ su CC 9001 (Diritti L 14-67)
    - 18.78€ su CC 121012 (Acquisto targa)

    Poi si compila l'apposito modulo TT2129
    E si viene via con la propria targa in mano e il foglio provvisorio che ti autorizza a circolare in attesa della stampa del libreto (tempo 1 settimana circa)

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da mario.sa Visualizza messaggio
    Quoto in particolare l'ultimo periodo... si vedono troppi mezzi con "targa ripetitrice" fuori dalla norma... una domanda mi viene spontanea: in caso di danno a terzi, se la targa è fuori norma, cioè senza il logo della Motorizzazione, l'assicurazione copre il danno? è sanzionabile in caso di controllo delle forze dell'ordine?
    Grazie per la risposta
    La conformità all'immatricolazione del mezzo è una cosa,se quella c'è ,per la sola mancanza della targa ripetitrice è prevista solo una sanzione,nessun rischio di rivalsa.

    Lascia un commento:


  • mario.sa
    ha risposto
    Originalmente inviato da Actros 1857 Visualizza messaggio
    Il CdS non si "interpreta", si applica. (per lo meno così dovrebbe essere).
    ............................................omissi s.................................................
    Ricordo a tutti che per targa ripetitrice non si intende qualsiasi quadrato giallo con attaccato i numeri, bensi l'apposito quadrato su cui è stampigliato il logo della MCTC e che a loro va richiesto tramite apposito modulo e relativi versamenti (pratica+costo targa).
    Quoto in particolare l'ultimo periodo... si vedono troppi mezzi con "targa ripetitrice" fuori dalla norma... una domanda mi viene spontanea: in caso di danno a terzi, se la targa è fuori norma, cioè senza il logo della Motorizzazione, l'assicurazione copre il danno? è sanzionabile in caso di controllo delle forze dell'ordine?
    Grazie per la risposta

    Lascia un commento:


  • Actros 1857
    ha risposto
    Originalmente inviato da castagnetto Visualizza messaggio
    Beh,sarà questione di interpretazioni.
    Il CdS non si "interpreta", si applica. (per lo meno così dovrebbe essere).
    Non è questione di larghezza del rimorchio, ma dell'ingombro alla visuale della targa del trattore che questo da.
    Ti sei mai chiesto come mai nei nuovi trattori l'alloggiamento della targa viene predisposto in cima alla cabina?
    Comunque io la targa ce l'ho dal rimorchio precedente e la utilizzerò comunque per questo pianale.
    Ricordo a tutti che per targa ripetitrice non si intende qualsiasi quadrato giallo con attaccato i numeri, bensi l'apposito quadrato su cui è stampigliato il logo della MCTC e che a loro va richiesto tramite apposito modulo e relativi versamenti (pratica+costo targa).

    Lascia un commento:


  • castagnetto
    ha risposto
    Beh,sarà questione di interpretazioni.
    Avendo avuto a che fare,tramite ACI,con la motorizzazione cosi ho fatto,anche perchè dalle mie parti non sono in vendita rimorchi agricoli larghi un metro.
    C

    Lascia un commento:


  • Actros 1857
    ha risposto
    Leggere per cortesia quanto riportato al comma 2, grazie!

    "Nuovo codice della strada", decreto legisl. 30 aprile 1992 n. 285 e successive modificazioni.

    TITOLO III - DEI VEICOLI

    Capo IV- CIRCOLAZIONE SU STRADA DELLE MACCHINE AGRICOLE E DELLE MACCHINE OPERATRICI

    Art. 113. Targhe delle macchine agricole.

    1. Le macchine agricole semoventi di cui all'art. 57, comma 2, lettera a), punti 1) e 2), per circolare su strada devono essere munite posteriormente di una targa contenente i dati di immatricolazione.

    2. L'ultimo elemento del convoglio di macchine agricole deve essere individuato con la targa ripetitrice della macchina agricola traente, quando sia occultata la visibilità della targa d'immatricolazione di quest'ultima.

    3. I rimorchi agricoli, esclusi quelli di massa complessiva non superiore a 1,5 t, devono essere muniti di una speciale targa contenente i dati di immatricolazione del rimorchio stesso.

    4. La targatura è disciplinata dalle disposizioni degli articoli 99, 100 e 102, in quanto applicabili. Per la produzione, distribuzione e restituzione delle targhe si applica l'art. 101.

    5. Chiunque viola le disposizioni del presente articolo è soggetto alle sanzioni amministrative, comprese quelle accessorie, stabilite dagli articoli 100, 101 e 102 (1).

    6. Il Ministro dei trasporti e della navigazione stabilisce, con proprio decreto, le modalità per l'applicazione di quanto previsto al comma 4.
    In caso Castagnetto fosse al corrente di una modifica a questo codice è pregato di riportarla qua.

    Originalmente inviato da vito52 Visualizza messaggio
    Ja super Actros piú chiaro di cosi non puo essere era quello che mi immaginavo Grazie
    Altra piccola domanda con il Libretto proprio il rimorchio si trainare con un altro trattore ?
    Certo che si Vito, La targa del rimorchio serve propri a quello...

    Lascia un commento:


  • castagnetto
    ha risposto
    Salve,
    forse confondiamo gli attrezzi con i rimorchi,dove serve la targa ripetitrice.
    Questo link spiega tutto: http://www.motorizzazioneroma.it/sportveic18.php (NB del secondo titolo)
    C

    Lascia un commento:


  • vito52
    ha risposto
    Targhe e passaggi

    Originalmente inviato da Actros 1857 Visualizza messaggio
    La targa ripetitrice serve SOLO, come scritto da Mefito, se una volta attaccato al rimorchio la targa del trattore non è visibile "da dietro".
    Altrimenti non serve.
    Tu hai giustamente due libretti relativi uno alla targa del trattore ed uno a quella del rimorchio.
    Sei perfettamente in regola allo stato attuale della normativa, fatto salvo il fatto che i mezzi sono intestati a te e non a tuo padre, altrimenti devi fare la voltura a tuo nome.
    In tal caso serve la p.iva tua e (penso che sia sufficiente), una autodichiarazione che dica che tu hai avuto in eredità i mezzi da tuo padre defunto.

    Nei prossimi giorni sarò in MCTC per immatricolare un pianale nuovo e vi riporterò tutto quanto mi viene richiesto come documentazione.
    Ja super Actros piú chiaro di cosi non puo essere era quello che mi immaginavo Grazie
    Altra piccola domanda con il Libretto proprio il rimorchio si trainare con un altro trattore ?

    Lascia un commento:


  • Actros 1857
    ha risposto
    La targa ripetitrice serve SOLO, come scritto da Mefito, se una volta attaccato al rimorchio la targa del trattore non è visibile "da dietro".
    Altrimenti non serve.
    Tu hai giustamente due libretti relativi uno alla targa del trattore ed uno a quella del rimorchio.
    Sei perfettamente in regola allo stato attuale della normativa, fatto salvo il fatto che i mezzi sono intestati a te e non a tuo padre, altrimenti devi fare la voltura a tuo nome.
    In tal caso serve la p.iva tua e (penso che sia sufficiente), una autodichiarazione che dica che tu hai avuto in eredità i mezzi da tuo padre defunto.

    Nei prossimi giorni sarò in MCTC per immatricolare un pianale nuovo e vi riporterò tutto quanto mi viene richiesto come documentazione.

    Lascia un commento:


  • vito52
    ha risposto
    Targhe e passaggi

    Originalmente inviato da Cinghiale Visualizza messaggio
    Il numero di targa del trattore è uguale a quello del rimorchio?
    Nel poster ho scritto che ho un Libretto per ogni macchina uno per il trattore e uno per il rimorchio e ho domandato se mi serve(eventualmente)la traga ripetitrice conclusione che ho logicamente due Numeri di targa differenti uno per ogni targa

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da Cinghiale Visualizza messaggio
    Una persona aveva acquistato, nel lontano 1966, un trattore FIAT 215 DT ed un rimorchio Nardi: egli fu obbligato, a termini di legge, ad accoppiare burocraticamente i due mezzi presso la sede Provinciale del Consorzio Agrario; essendo questa lontana circa 50 km, l'operazione fu compiuta a cura di un cugino che, all'epoca, lavorava nell'Ufficio, ma, a rigore, sarebbe stato necessario portare i mezzi per la visione diretta.
    Passi(non passa) che riporti un fatto per sentito dire, avvenuto 50 anni fà, con una normativa non più attuale,che utilità dovrebbe avere ora?

    Lascia un commento:


  • Cinghiale
    ha risposto
    Originalmente inviato da mefito Visualizza messaggio
    Non so [senz'accento sulla vocale, N. d. R.] cosa succedeva un tempo: ora non è così ... (omissis)
    Una persona aveva acquistato, nel lontano 1966, un trattore FIAT 215 DT ed un rimorchio Nardi: egli fu obbligato, a termini di legge, ad accoppiare burocraticamente i due mezzi presso la sede Provinciale del Consorzio Agrario; essendo questa lontana circa 50 km, l'operazione fu compiuta a cura di un cugino che, all'epoca, lavorava nell'Ufficio, ma, a rigore, sarebbe stato necessario portare i mezzi per la visione diretta.

    Lascia un commento:


  • castagnetto
    ha risposto
    Originalmente inviato da ZAmpa Visualizza messaggio
    Ciao a tutti,
    sono in regola per girare per strada se acquisto il rimorchio facendo una scrittura private fra le parti per l’avvenuta cessione e dopodichè facendo un'autodichiarazione in cui dico che il rimorchio è stato costruito prima del 97, riporto numero di telaio, le misure ecc???
    Ovviamente luci, gomme in ordine.
    Io ho fatto la stessa cosa su indicazione del costruttore del rimorchio,quindi si è in regola.
    Sul rimorchio devono essere presenti i dati originali del costruttore stampigliati o su targhetta.
    Serve sempre la targa ripetitrice.
    C

    Lascia un commento:


  • mefito
    ha risposto
    Originalmente inviato da Cinghiale Visualizza messaggio
    Un tempo, un rimorchio poteva circolare solamente trainato da uno specifico trattore: il tutto era annotato sui rispettivi libretti di circolazione.
    Questo sembrerebbe essere il carrello appendice delle auto.
    Non sò cosa succedeva "un tempo",ora non è così.
    Originalmente inviato da vito52 Visualizza messaggio
    io ho avuto il trattore e rimorchio del mio padre defunto e ho due Libretti uno con i dati del trattore e uno con quelli del rimorchio .IL rimorchio ha una sola targa ed é quella che si metteva laterale verde (per chi si ricorda) e 32 Q.li comlessivi


    IL trattore uguale targa verde che per nessun motivo voglio cambiarla .

    ma se cosi allora sono un fuori legge ?(ammetiamo che mi permettessi di uscire per le strade anche comunali )?
    Le vecchie targhe verdi hanno ancora validità

    Originalmente inviato da vito52 Visualizza messaggio
    Nessuna na targa ripetitrice
    la targa ripetitrice è prevista se il rimorchio copre (alla vista)la targa del trattore.

    Lascia un commento:


  • Cinghiale
    ha risposto
    Il numero di targa del trattore è uguale a quello del rimorchio?

    Lascia un commento:

Annunci usato

Collapse

Caricamento...
X