MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Targhe e passaggi di proprietà

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • Ecco ... esattamente un argomento che mi interesa da vicino bravo Barnaba!
    Credo nn ci siano limitazioni
    Io dovrei prendere un trasporto cavalli e lo vorrei intestare all'azienda (dove ho il pensionato cavalli e il mio cavallo) Che tipo di licenza devo prendere per portare in giro i cavalli miei e di altri (saltuariamente) - E' formalmente sufficiente un contratto di comodato d'uso per i cavalli (così che risultino miei ad un eventuale controllo??) - Pensate sia necessari fare anche il CAP???? E poi lo posso guidare solo io e i miei dipendenti???
    [FONT=Times New Roman]Luca Bini
    [I][URL="http://www.lacapannaccia.com"][COLOR=Green]www.lacapannaccia.com[/COLOR][/URL][/I][/FONT]

    Commenta


    • Originalmente inviato da Barnaba Visualizza messaggio
      Domanda: ci sono limitazioni per un'azienda agricola per immatricolarsi un autocarro con licenza conto proprio?
      Se una persona è titolare di partita iva per reddito dominicale o qualcosa del genere, può immatricolarsi una macchina agricola, giusto? E un autocarro, se serve sempre all'espletamento della stessa attività?
      Cosa intendi con limitazioni?
      Ho avuto nel passato un autocarro intestato all'azienda,e non ricordo limitazioni particolari ,certamente dovresti poter portare tutto ciò che sia inerente all'attività agricola.
      Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

      Commenta


      • Prima faccio una precisazione: sto parlando di una persona che ha una PI da reddito dominicale (o qualcosa del genere) nel senso che l'agricoltura non è la sua attività principale ma supponiamo che abbia un piccolo appezzamento in cui raccoglie le olive e fa l'olio da vendere e ci lavora a tempo perso.

        Con limitazioni mi riferivo a limitazioni di dimensioni, nel senso che può una persona con quel tipo di azienda prendersi qualsiasi camion, anche un bilico?
        Per le macchine agricole non mi pare ci sia alcun limite, giusto? Potrei anche comprare un trattore da 200cv per lavorarmi 500mq di orto, sempre avendo la partita iva.

        Commenta


        • Buongiorno a tutti,
          mi rivolgo a tutti coloro che devono immatricolare il trattore nuovo senza essere possessori di partita iva.
          Ebbene, proprio venerdì scorso ho ritirato in motorizzazione la targa per il mio nuovo trattore.
          Ho regolarmente pagato dei versamenti (tre x l'esattezza9 e dopo avere riempito la modulistica apposita, il funzionario dell'ufficio mi ha rilasciato la targa.
          Io l'ho immatricolato senza PI e tra sessanta giorni ritirerò il libretto di circolazione, mi era stato proposto anche di effettuare l'iscrizione all'UMA, ma io ho rinunciato perchè non essendo possessore di PI non usufruirò della nafta a prezzo agevolato.
          Comunque la cosa che tenevo a sottolineare è appunto il fatto che non è una cosa proibitiva immatricollare un trattore - macchina agricola senza essere possessore di partita iva.
          dalle mie parti si può fare questa operazione, in altre zone invece penso che alcuni uffici della MCTC creino dei problemi agli utenti.

          Commenta


          • Com'è possibile questa cosa???? Il CdS dovrebbe essere lo stesso in tutta Italia, no? A te non hanno fatto alcun problema per il fatto che fossi una persona fisica?

            Commenta


            • Originalmente inviato da Barnaba Visualizza messaggio
              Com'è possibile questa cosa???? Il CdS dovrebbe essere lo stesso in tutta Italia, no? A te non hanno fatto alcun problema per il fatto che fossi una persona fisica?

              Assolutamente no! Anzi mi è stato proprio detto che non è necessario avere la PI per immatricolare un trattore come macchina agricola.
              Qui da noi funziona che devi aprire la PI se vuoi usufruire della nafta agricola e in questo caso è obbligatoria l'iscrizione alla camera di commercio nella sezione speciale del registro imprese come imprenditore agricolo.
              Penso comunque che sia una procedura corretta, io vivo in Sicilia, capisco che siamo a statuto speciale, però penso anche che il CdS sia uguale per tutta Italia.
              penso che questa norma comunque vada ristudiata meglio, perchè in base a questo assioma a questo punto una persona fisica non potrebbe nemmeno più comprare un trattore per uso personale come nel mio caso appunto, tant'è vero che il concessionario dopo che firmai il contratto mi chiese: "Lei è possessore di partita iva? Le serve la fattura?"Io ho semplicemente risposto che non mi serviva la fattura (per scaricarla sulla dichiarazione redditi), nè tantomeno ero possessore di PI come imprenditore agricolo, nè tantomeno ancora mi serviva per fare l'iscrizione all'UMA.

              Per quanto riguarda ancora il discorso targa, dò qualche altra informazione che potrebbe essere sicuramente utile per chi si accinge a richiedere la targa:
              io tra le altre cose ho esibito il certificato di proprietà del trattore e la dichiarazione di conformità dello stesso che mi è stata rilasciata dalla casa madre da parte del mio concessionario.

              Commenta


              • Originalmente inviato da tex76 Visualizza messaggio
                Qui da noi funziona che devi aprire la PI se vuoi usufruire della nafta agricola e in questo caso è obbligatoria l'iscrizione alla camera di commercio nella sezione speciale del registro imprese come imprenditore agricolo.
                Anche perchè se ti presenti alla Camera di commercio senza P.IVA ti ridono dietro per giorni...

                Originalmente inviato da tex76 Visualizza messaggio
                il concessionario dopo che firmai il contratto mi chiese: "Lei è possessore di partita iva? Le serve la fattura?"Io ho semplicemente risposto che non mi serviva la fattura (per scaricarla sulla dichiarazione redditi), nè tantomeno ero possessore di PI come imprenditore agricolo, nè tantomeno ancora mi serviva per fare l'iscrizione all'UMA.
                Originalmente inviato da tex76 Visualizza messaggio
                io tra le altre cose ho esibito il certificato di proprietà del trattore
                E cosa hai esibito come certificato di proprietà? La carta del formaggio?
                E scusa, come avresti fatto a "scaricare" il trattore se non sei imprenditore agricolo, ovvero non hai partita IVA e iscrizione alla CCIA?
                Quindi da come dici, il trattore non è stato fatturato...se così fosse non penso esista manco uno straccio di scontrino o di documento fiscale che ne confermi l'acquisto...e, senza documento fiscale caro Tex qualcosa mi dice che tu o il tuo concessionario avete "evaso" qualcosina...
                Lo dice pure l' ENAMA ceh serve la P.Iva...
                http://www.enama.it/it/risponde.php
                Ciao
                Ultima modifica di
                ACTROS
                "CB COMINO"

                Commenta


                • Si, il codice della strada parla chiaro ed è la prima volta che sento di un caso del genere. Se ti hanno rilasciato il Certificato di proprietà senza dichiarazione di appartenenza ad una delle categorie previste dall'art. 110 (titolare di impresa agricola o forestale ovvero di impresa che effettua lavorazioni agromeccaniche o locazione di macchine agricole, nonchè nome di enti e consorzi pubblici), sono contento per te; che sia stata una "distrazione" della MTC?
                  Non potrebbe essere possibile adempiere a questo obbligo anche con una semplice autocertificazione, che magari ti hanno fatto firmare tra le altre cose e non ci hai fatto caso?

                  Commenta


                  • mi intrometto un attimo , poi magari sono in ot o sto "tavanando",
                    ma anche a me x intestarmi il trattore e rimorchio agricolo targato e x 20q.li, non ho avuto problemi anche non avendo p.iva e iscrizione uma,
                    ho solo firmato un'autodichiarazione che vado a ricercare x darvi gli estremi di riferimento normativi.
                    buona festa.

                    Commenta


                    • Un altro caso: interessante! Se ci sono altre persone a cui è accaduta la stessa cosa sono pregate di segnalarlo qui.

                      x Gabri
                      Mi raccomando, se trovi l'autocertificazione, facci sapere cosa c'è scritto.
                      Cmq dipende anche da quando hai acquistato il trattore; se era prima dell'introduzione di questa limitazione al cds, non c'era problema.

                      Commenta


                      • Originalmente inviato da Actros 1857 Visualizza messaggio
                        Anche perchè se ti presenti alla Camera di commercio senza P.IVA ti ridono dietro per giorni...



                        E cosa hai esibito come certificato di proprietà? La carta del formaggio?
                        E scusa, come avresti fatto a "scaricare" il trattore se non sei imprenditore agricolo, ovvero non hai partita IVA e iscrizione alla CCIA?
                        Quindi da come dici, il trattore non è stato fatturato...se così fosse non penso esista manco uno straccio di scontrino o di documento fiscale che ne confermi l'acquisto...e, senza documento fiscale caro Tex qualcosa mi dice che tu o il tuo concessionario avete "evaso" qualcosina...
                        Lo dice pure l' ENAMA ceh serve la P.Iva...
                        http://www.enama.it/it/risponde.php
                        Ciao
                        Vedi caro Actros, la polemica sterile ed inutile tanto per...non mi intereressa!! Io ho riportato semplicemente la mia esperienza e posso dirti che da noi in zona è una prassi normale e diffusa, magari per te vorrà dire che i funzionari della Motorizzazione della nostra provincia sono tutti una massa di incompetenti ed ignoranti, ma basterebbe leggere meglio l'articolo relativo del CdS:

                        "L'art.110 del Codice della strada (DLgs 30/04/1992 n.285 e successive modificazioni ed integrazioni) dispone che l'immatricolazione di una macchina agricola avvenga a nome di colui che dichiari di esserne il proprietario e dichiari di essere titolare di impresa agricola o forestale ovvero di impresa che effettua lavorazioni agromeccaniche o locazione di macchine agricole, nonchè nome di enti e consorzi pubblici.
                        Come indicatoLe dal rivenditore non è prevista l'immatricolazione di macchine agricole da parte di soggetti diversi da quelli sopracitati."

                        Da me alla motorizzazione danno proprio questa interpretazione: basta essere il propietario, fanno compilare l'autocertificazione ed esibire il certificato di proprietà del mezzo, e tutto qua!
                        Per quanto riguarda il discorso "fattura"io ho avuto rilasciato dal concessionario regolare fattura, semplicemente io non la devo scaricare perchè non sono imprenditore agricolo e sopratutto detentore di Partita Iva, tutto qua il discorso.
                        Ben diverso è invece il discorso per la nafta agricola: in questo caso è indispensabile avere la partita iva ed effettuare l'iscrizione come imprenditore agricolo alla CCIAA tanto è vero che in Motorizzazione mi hanno chiesto se dovevo usufruirne e allora in questo caso avrei dovuto esibire il libretto all'Uma, libretto che tra l'altro mi verrà regolarmente rilasciato dalla Motorizzazione 60 giorni dopo l'immatricolazione, tenendo presente che già possiedo regolarmente la targa.
                        La scelta di iscrivere il mezzo all'UMA, infatti è una libera scelta del proprietario del mezzo nel caso in cui voglia usufruire della nafta a prezzo agevolato.

                        Il discorso funziona così anche per i contoterzisti, i quali essendo proprietari del mezzo ed effettuanto lavorazioni agromeccaniche per conto terzi, esibendo il libretto all'uma ed essendo già possessori di PI e risultando iscritti alla CCIAA, non hanno difficoltà alcuna ad usufruire del gasolio agevolato così come da parte dei funzionari dell'UMA nulla quaestio per il rilascio del gasolio!

                        Commenta


                        • Originalmente inviato da tex76 Visualizza messaggio
                          l'immatricolazione di una macchina agricola avvenga a nome di colui che dichiari di esserne il proprietario e dichiari di essere titolare di impresa agricola o forestale ovvero di impresa che effettua lavorazioni agromeccaniche o locazione di macchine agricole, nonchè nome di enti e consorzi pubblici.
                          Se hanno interpretato il Codice alla lettera si sono dimenticati della lettera E che sta alla fine della parte da te evidenziata.
                          Ovvero che oltre a dichiarare di esserne il proprietario (per quello QUA DA NOI vogliono la fattura) DEVI DICHIARARE DI ESSERE TITOLARE DI IMPRESA AGRICOLA O FORESTALE. Spiegami come hai fatto a dimostrarlo se non hai partita iva e non sei manco iscritto alla CCIA.
                          Non c'è nessuna polemica, solo la costatazione che in alcune motorizzazioni le pratiche sono molto più facili e snelle, tutto qua. E che come al solito in Italia, chi interpreta meglio una codice o una legge riesce a trarne maggior vantaggio...
                          ACTROS
                          "CB COMINO"

                          Commenta


                          • Originalmente inviato da tex76 Visualizza messaggio
                            Vedi caro Actros, la polemica sterile ed inutile tanto per...non mi intereressa!! Io ho riportato semplicemente la mia esperienza e posso dirti che da noi in zona è una prassi normale e diffusa, magari per te vorrà dire che i funzionari della Motorizzazione della nostra provincia sono tutti una massa di incompetenti ed ignoranti, ma basterebbe leggere meglio l'articolo relativo del CdS:

                            "L'art.110 del Codice della strada (DLgs 30/04/1992 n.285 e successive modificazioni ed integrazioni) dispone che l'immatricolazione di una macchina agricola avvenga a nome di colui che dichiari di esserne il proprietario e dichiari di essere titolare di impresa agricola o forestale ovvero di impresa che effettua lavorazioni agromeccaniche o locazione di macchine agricole, nonchè nome di enti e consorzi pubblici.
                            Come indicatoLe dal rivenditore non è prevista l'immatricolazione di macchine agricole da parte di soggetti diversi da quelli sopracitati."

                            Da me alla motorizzazione danno proprio questa interpretazione: basta essere il propietario, fanno compilare l'autocertificazione ed esibire il certificato di proprietà del mezzo, e tutto qua!
                            Per quanto riguarda il discorso "fattura"io ho avuto rilasciato dal concessionario regolare fattura, semplicemente io non la devo scaricare perchè non sono imprenditore agricolo e sopratutto detentore di Partita Iva, tutto qua il discorso.
                            Ben diverso è invece il discorso per la nafta agricola: in questo caso è indispensabile avere la partita iva ed effettuare l'iscrizione come imprenditore agricolo alla CCIAA tanto è vero che in Motorizzazione mi hanno chiesto se dovevo usufruirne e allora in questo caso avrei dovuto esibire il libretto all'Uma, libretto che tra l'altro mi verrà regolarmente rilasciato dalla Motorizzazione 60 giorni dopo l'immatricolazione, tenendo presente che già possiedo regolarmente la targa.
                            La scelta di iscrivere il mezzo all'UMA, infatti è una libera scelta del proprietario del mezzo nel caso in cui voglia usufruire della nafta a prezzo agevolato.

                            Il discorso funziona così anche per i contoterzisti, i quali essendo proprietari del mezzo ed effettuanto lavorazioni agromeccaniche per conto terzi, esibendo il libretto all'uma ed essendo già possessori di PI e risultando iscritti alla CCIAA, non hanno difficoltà alcuna ad usufruire del gasolio agevolato così come da parte dei funzionari dell'UMA nulla quaestio per il rilascio del gasolio!

                            Salve a Tutti,
                            sono registrato da non molto tempo, pur seguendo molte delle discussioni è la prima volta che scrivo.
                            Volevo confermare quanto detto da Tex76, io a Dicembre scorso ho comprato un trattore usato (Lamborghini r 235 dt) ed un rimorchio nuovo (15ql),
                            Ho proceduto al passaggio di proprietà (provincia di RIETI) pur non essendo agricoltore,possessore di P.IVA o proprietario di terreni , la prassi è stata la seguente:
                            Ho aperto una posizione UMA presso il comune dove ho il trattore, senza richiesta di carburante agevolato, presentando un atto notorio fatto da mia madre che concedeva a me il suo terreno "conto lavorazione".
                            Con il certificato del Uma del comune, dopo aver pagato dei bollettini, la fattura di acquisto del trattore e del rimorchio che attestavano la mia proprietà, tramite un CAF per agricoltori ho presentato la richiesta di passaggio di proprietà e la richiesta per la targa ripetitrice per il rimorchio.
                            In totale ho speso circa 180€ compreso il compenso per il CAF.

                            Pazienza!!!!

                            Commenta


                            • Originalmente inviato da Actros 1857 Visualizza messaggio
                              Se hanno interpretato il Codice alla lettera si sono dimenticati della lettera E che sta alla fine della parte da te evidenziata.
                              Ovvero che oltre a dichiarare di esserne il proprietario (per quello QUA DA NOI vogliono la fattura) DEVI DICHIARARE DI ESSERE TITOLARE DI IMPRESA AGRICOLA O FORESTALE. Spiegami come hai fatto a dimostrarlo se non hai partita iva e non sei manco iscritto alla CCIA.
                              Non c'è nessuna polemica, solo la costatazione che in alcune motorizzazioni le pratiche sono molto più facili e snelle, tutto qua. E che come al solito in Italia, chi interpreta meglio una codice o una legge riesce a trarne maggior vantaggio...

                              Allora ripeto: in origine è vero che il concessionario non mi doveva emettere la fattura semplicemente perchè io non devo scaricare, ma ovviamente in motorizzazione è sorto il problema, quindi torno dal concessionario il quale mi rilascia la fattura che io esibisco alla motorizzazione e dal quale si evincono i dati anagrafici del proprietario insiema al titolo di proprietà.Dopodichè in motorizzazione mi hanno fatto fare l'autocertificazione più la compilazione della modulistica apposita per il rilascio della targa previo pagamento e conseguente attestazione di pagamento di n. 3 versamenti da effettuare per il rilascio della targa.
                              Evidentemente alla motorizzazione della mia provincia hanno dato alla norma un'interpretazione più semplice e meno estensiva che in altre parti d'Italia.
                              Pazienza..., vuol dire che questa volta ci abbiamo guadagnato noi come utenti della nostra zona!

                              Commenta


                              • In effetti quando sono riportate due frasi unite da una "e" non mi pare che resti molto spazio all'interpretazione: il cds in questo mi pare abbastanza chiaro.
                                Non sono un esperto, ma mi meraviglia che ci siano interpretazioni diverse da parte di alcune mtc, quando interpretazioni non possono essercene.
                                Sarebbe interessante andare a fondo e vedere se ci sono altri uffici che l'hanno preso in maniera simile.
                                Potrebbe successivamente alla fine venir fuori per non so quale ragione (ad esempio un'assicurazione che trova un cavillo a cui appellarsi), che l'immatricolazione è stata fatta irregolarmente e, in questo caso, quali sarebbero le conseguenze e chi ne sarebbe responsabile, il proprietario della macchina o l'ufficio che ha rilasciato la carta di circolazione?

                                Commenta


                                • arieccomi qua dopo una bella ricerca,
                                  ho finalmente trovato quell'autocertificazione che mi han fatto firmare alla mtc qua di biella,
                                  riporto tutto il testo:
                                  dichiara la titolarità di impresa/azienda agricola con sede in__(qua mi han fatto mettere il comune ove io possiedo i terreni a uso bosco) e che la stessa è esente dall'iscrizione al registro delle imprese ai sensi dell'art2 comma 3 della Legge 25.03.97 n°77, in quanto avente acartteristiche di cui all'art.34 del D.P.R. 633/712.
                                  data e firma, tutto qua.
                                  e aggiungo che anche quando ho compilato il modello su carta copiativa per i dati del trattore prima e rimorchio dopo, ho inserito solamente il mio cod. fiscale.
                                  in più sono andato a fondo sulla questione con il mio concessionario che mi ha venduto i mezzi.
                                  anche loro mi han confermato che non serviva p.iva e in più, e lo so solo adesso (poc..puzz), mi han venduto i mezzi in "conto vendita"...
                                  ciao e buona giornata a tutti.
                                  gabri
                                  Ultima modifica di Motivo: correzione errore battitura testo

                                  Commenta


                                  • Originalmente inviato da gabri78 Visualizza messaggio
                                    arieccomi qua dopo una bella ricerca,
                                    ho finalmente trovato quell'autocertificazione che mi han fatto firmare alla mtc qua di biella,
                                    riporto tutto il testo:
                                    dichiara la titolarità di impresa/azienda agricola con sede in__(qua mi han fatto mettere il comune ove io possiedo i terreni a uso bosco) e che la stessa è esente dall'iscrizione al registro delle imprese ai sensi dell'art2 comma 3 della Legge 25.03.97 n°77, in quanto avente acartteristiche di cui all'art.34 del D.P.R. 633/712.
                                    data e firma, tutto qua.
                                    e aggiungo che anche quando ho compilato il modello su carta copiativa per i dati del trattore prima e rimorchio dopo, ho inserito solamente il mio cod. fiscale.
                                    in più sono andato a fondo sulla questione con il mio concessionario che mi ha venduto i mezzi.
                                    anche loro mi han confermato che non serviva p.iva e in più, e lo so solo adesso (poc..puzz), mi han venduto i mezzi in "conto vendita"...
                                    ciao e buona giornata a tutti.
                                    gabri
                                    Ciao Gabri,

                                    mi piacerebbe che approfondissi questo passaggio del conto vendita, cosa voleva dire il tuo concessionario?

                                    Commenta


                                    • Originalmente inviato da gabri78 Visualizza messaggio
                                      arieccomi qua dopo una bella ricerca,
                                      ho finalmente trovato quell'autocertificazione che mi han fatto firmare alla mtc qua di biella,
                                      riporto tutto il testo:
                                      dichiara la titolarità di impresa/azienda agricola con sede in__(qua mi han fatto mettere il comune ove io possiedo i terreni a uso bosco) e che la stessa è esente dall'iscrizione al registro delle imprese ai sensi dell'art2 comma 3 della Legge 25.03.97 n°77, in quanto avente acartteristiche di cui all'art.34 del D.P.R. 633/712.
                                      data e firma, tutto qua.
                                      Un autocertificazione è un atto in cui tu consapevole delle responsabilità in caso di false dichiarazioni affermi di essere in possesso delle caratteristiche richieste dei commi citati.
                                      Non conosco tali caratteristiche,ma spero tu le conosca e ne sia in possesso.
                                      Originalmente inviato da gabri78 Visualizza messaggio
                                      e aggiungo che anche quando ho compilato il modello su carta copiativa per i dati del trattore prima e rimorchio dopo, ho inserito solamente il mio cod. fiscale.
                                      Aggiunta irrilevante....
                                      Originalmente inviato da gabri78 Visualizza messaggio
                                      in più sono andato a fondo sulla questione con il mio concessionario che mi ha venduto i mezzi.
                                      anche loro mi han confermato che non serviva p.iva
                                      Le loro affermazioni valgono quanto le tue e quelle di qualsiasi altro,se sono esatte ,tutto bene,se non lo sono è solo un problema tuo.
                                      Tutti possono acquistare un trattore(essere proprietari),la limitazione è solo nell'esserne intestatario
                                      Originalmente inviato da gabri78 Visualizza messaggio
                                      ,e in più e lo so solo adesso (poc..puzz), mi han venduto i mezzi in "conto vendita"...
                                      ciao e buona giornata a tutti.
                                      gabri
                                      Conto vendita è la causale che indica che un documento è emesso per vendita.
                                      Forse ti confondi con"tentata vendita"
                                      Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                                      Commenta


                                      • Originalmente inviato da gabri78 Visualizza messaggio
                                        dell'art2 comma 3 della Legge 25.03.97 n°77
                                        eccola: http://www.parlamento.it/leggi/97077l.htm

                                        Originalmente inviato da gabri78 Visualizza messaggio
                                        all'art.34 del D.P.R. 633/712.
                                        Presumo si tratti del DPR 633 del 1972 (forse hai ricopiato male) che si trova qui: http://www.unisi.it/ammin/uff-ragi/Fisco/DPR633-72.htm

                                        Io non ci capisco nulla. Qualcuno che ci capisca li legga e ci faccia una sintesi.
                                        http://www.urbo.altervista.org

                                        Commenta


                                        • Originalmente inviato da gabri78 Visualizza messaggio
                                          dichiara la titolarità di impresa/azienda agricola con sede in__(qua mi han fatto mettere il comune ove io possiedo i terreni a uso bosco) e che la stessa è esente dall'iscrizione al registro delle imprese ai sensi dell'art2 comma 3 della Legge 25.03.97 n°77, in quanto avente acartteristiche di cui all'art.34 del D.P.R. 633/712.
                                          data e firma, tutto qua.
                                          Io non ci capisco nulla di fisco&co ma il registro delle imprese e in numero di P.Iva non sono affatto la medesima cosa.
                                          Infatti uno può ottenere il n° di P.Iva a regime di esonero e non iscriversi al registro delle imprese...
                                          Gabri, prima di firmare quell'autodichiarazione hai provato ad informarti presso un commercialista, un CAF o un'associazione d'impresa? o ti sei fidato solo della MCTC e del venditore?
                                          Ciao
                                          ACTROS
                                          "CB COMINO"

                                          Commenta


                                          • in effetti mi sono fermato a quanto mi han detto sia alla mtc che al concessionario perchè io il trattore lo uso per farmi la legna x riscaldamento senza vendere nulla.
                                            proverò ad andare dai coltivatori diretti di biella a chiedere..
                                            maremmina se necessita di una p.iva anche x farsi la legna sono a posto..
                                            p.s. ho scritto conto vendita perchè mi ha poi detto dopo il concessionario, che il mezzo lui lo ha solo ritirato da sto privato x venderlo a me..
                                            Ultima modifica di Motivo: modifica testo

                                            Commenta


                                            • Originalmente inviato da gabri78 Visualizza messaggio
                                              maremmina se necessita di una p.iva anche x farsi la legna sono a posto..
                                              Il fatto è che la P.IVA non serve per far legna (a meno che tu non voglia fatturarla), ma serv per intestarti il trattore.
                                              Pure io mi faccio legna per casa ( ) ma la p.iva l'ho dovuta aprire per intestarmi il trattore e per immatricolare il carro...
                                              Ciao
                                              ACTROS
                                              "CB COMINO"

                                              Commenta


                                              • per intestarsi il trattore, non è obbligatorio avere la partita iva. ieri sono andato all'uma a novara, per fare il passaggio di proprietà di un trattore usato che ho acquistato. con il mappale di un terreno che ho in comodato d'uso gratuito, mi hanno fatto il libretto uma, e il passaggio di proprietà del mezzo. se poi uno ha terreni propri, ancora meglio!

                                                Commenta


                                                • Originalmente inviato da Tommy361 Visualizza messaggio
                                                  per intestarsi il trattore, non è obbligatorio avere la partita iva. ieri sono andato all'uma a novara, per fare il passaggio di proprietà di un trattore usato che ho acquistato. con il mappale di un terreno che ho in comodato d'uso gratuito, mi hanno fatto il libretto uma, e il passaggio di proprietà del mezzo. se poi uno ha terreni propri, ancora meglio!
                                                  Ma hai indicato solo il mappale o hai portato un documento che certificava il comodato?
                                                  C'è però qualcosa che non mi torna ,La mia UMA (Cremona)non fà passaggi di proprietà(quello lo fà la MCTC),L'UMA quando dimostri di possedere i requisiti(terreno/allevamento) ed i motori (trattori/generatori/macchine operatrici)ti fà semplicemente l'iscrizione di questi nel "libretto UMA" e la relativa assegnazione annuale di carburante.
                                                  Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                                                  Commenta


                                                  • Nella Regione Lombardia,con la fine del 2003,le operazioni per il passaggio di proprieta' dei trattori immatricolati per la circolazione stradale non sono piu' di competenza dell'UMA,ma sono passate alla MCTC.
                                                    Nell'Italia del 3° millennio e del nuovo feudalesimo puo' darsi che in Piemonte usi ancora il vecchio sistema,non ci sarebbe da stupirsi.

                                                    Commenta


                                                    • Anche qui in liguria il passaggio di proprietà lo fa l'Uma, anche se non si ha la partita iva, però a chi non ha la p. iva non danno il gasolio agricolo, ma i mezzi vengono comunque segnati sul libretto UMA.

                                                      Commenta


                                                      • Originalmente inviato da mefito Visualizza messaggio
                                                        Ma hai indicato solo il mappale o hai portato un documento che certificava il comodato?
                                                        C'è però qualcosa che non mi torna ,La mia UMA (Cremona)non fà passaggi di proprietà(quello lo fà la MCTC),L'UMA quando dimostri di possedere i requisiti(terreno/allevamento) ed i motori (trattori/generatori/macchine operatrici)ti fà semplicemente l'iscrizione di questi nel "libretto UMA" e la relativa assegnazione annuale di carburante.

                                                        io ho portato solo il mappale. visto anche che il comodato d'uso può essere un semplice accordo verbale.
                                                        a me ha fatto il libretto uma, e mi ha messo su il trattore sul libretto. poi mi ha detto che tra un paio di settimane mi avrebbero spedito il libretto del mezzo via posta

                                                        Commenta


                                                        • Originalmente inviato da centauro Visualizza messaggio
                                                          Anche qui in liguria il passaggio di proprietà lo fa l'Uma, anche se non si ha la partita iva, però a chi non ha la p. iva non danno il gasolio agricolo, ma i mezzi vengono comunque segnati sul libretto UMA.
                                                          Non capisco,te lo mettono sul libretto UMA(senza P.iva)e non lo considerano valido per il gasolio agevolato?

                                                          P:S le perplessità non riguardano gli autori dei messaggi,ma l'anomalia generale di quanto da loro riportato,sopratutto quest'ultima riportata da centauro non mi pare logica.
                                                          Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                                                          Commenta


                                                          • Anni fa lo davano in base a quanti motori si avevano,poi hanno cambiato e lo danno solo a chi ha la p.iva, poi ogni regione ha un modo diverso, io di trattori ne ho già cambiati parecchi e hanno sempre fatto così, ho chiesto qualche mese fa se potevo avere il gasolio agricolo e mi hanno detto che dovrei prendere la p.iva, emettere fatture (a chi se non vendo niente?) e alla fine tra cosa spenderei di iscrizione alla camera di commercio e altri problemi mi costerebbe tanto come al distributore, con il vantaggio dei filtri meno sporchi.

                                                            Commenta


                                                            • anche dalle mie parti, il gasolio agricolo lo danno solo ai titolari di partita Iva

                                                              Commenta

                                                              Caricamento...
                                                              X