MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

cassoni ribaltabili

Collapse
X
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • beh a mio parere oggi fanno tutte le case ottimi cassoni ribaltabili anche se io prediliggo Andreoli e Minerva.
    Io ho acquistato recentemente un vecchio om tigrotto d'epoca che monta un ribaltabile trilaterale isoli qualcuno conosce questa marca???

    Commenta


    • ribaltabile minerva.

      Salve a tutti,non so se questa domanda è postata nella giusta sezione.L'iveco 330.30 del mio capo monta un ribaltabile trilaterale minerva con mistone centrale ad apertura a compasso.L'altro giorno dopo 12 mesi di inatività abbiamo ribaltato e dai comandi del ribaltabile ha iniziato a gocciolare olio(primo problema)andando a riabassare il cassone la perdita d'olio(stavolta emulsionato) ha "riempito" la pedaliera e una volta smesso è comparsa una grossa perdita d'aria. La domanda è:da dove proviene quel' olio?da dove iniziare a sistemare il problema?Un grosso grazie a chiunque voglia aiutarmi.grazie

      Commenta


      • Originalmente inviato da maumelo Visualizza messaggio
        Salve a tutti,non so se questa domanda è postata nella giusta sezione.L'iveco 330.30 del mio capo monta un ribaltabile trilaterale minerva con mistone centrale ad apertura a compasso.L'altro giorno dopo 12 mesi di inatività abbiamo ribaltato e dai comandi del ribaltabile ha iniziato a gocciolare olio(primo problema)andando a riabassare il cassone la perdita d'olio(stavolta emulsionato) ha "riempito" la pedaliera e una volta smesso è comparsa una grossa perdita d'aria. La domanda è:da dove proviene quel' olio?da dove iniziare a sistemare il problema?Un grosso grazie a chiunque voglia aiutarmi.grazie
        Salve maumelo
        Non conosco nello specifico il ribaltabile da te citato, ma dal sintomo che descrivi e da come sono generalmente fatti gli impianti oleodinamici del settore, parrebbe olio(idraulico?) trafilato dal distributore(alzata, discesa normale e lenta) a comandi pneumatici. L'olio potrebbe trafilare dal cursore nella camera del cilindro attuatore comandato ad aria che attraverso i tubi dell'aria è arrivato in cabina nei comandi a leva.
        Saluti
        P.s. se invece è olio di cambio, il trafilamento e l'immissione nei tubi aria è dalla presa di forza;

        Commenta


        • grazie mille enovob per avermi risposto.L'olio sembrerebbe idraulico perchè abbastanza pulito,però forse penso centri la presa di forza,anche perchè ogni tanto ci fa inc....!Praticamente per poter azionare la presa di forza dobbimo mettere il cambio in 4,azionare il manettino presa di forza e poi la salita del ribaltabile,il manettino che comanda la salita o discesa veloce/lenta non funziona.Pensi possa assere qualche or nella presa di forza?grazie

          Commenta


          • Se monta un cambio Fuller con presa di forza montata posteriormente al cambio (cosa assai probabile dato che il portello inferiore veniva occupato da un rallentatore idraulico) allora è normale che si debba inserire una marcia, altrimenti la PTO non gira.
            Per le perdite d'olio confermo quanto già esposto da enovob.
            Attenzione che sui Minerva "pellicano" prima serie le pressioni di spunto a carico possono raggiungere picchi di 450-500 Bar e serve tutto materiale dimensionato a dovere.

            Commenta


            • Originalmente inviato da maumelo Visualizza messaggio
              grazie mille enovob per avermi risposto.L'olio sembrerebbe idraulico perchè abbastanza pulito,però forse penso centri la presa di forza,anche perchè ogni tanto ci fa inc....!Praticamente per poter azionare la presa di forza dobbimo mettere il cambio in 4,azionare il manettino presa di forza e poi la salita del ribaltabile,il manettino che comanda la salita o discesa veloce/lenta non funziona.Pensi possa assere qualche or nella presa di forza?grazie
              Salve maumelo
              Facciamo un po' d'ordine:
              1-Stiamo parlando di una motrice ribaltabile o di un trattore con semirimorchio ribaltabile?
              2-Confermi che per sollevare il ribaltabile è necessario inserire una marcia? Sembra decisamente sprecata una presa di forza integrale anche in presenza di un Fuller, per sollevare un ribaltabile.
              3-Escludendo a priori un passaggio di olio motore attraverso il compressore aria, anche in presenza di presa di forza integrale avremmo olio cambio, se come dici l'olio sembra essere idraulico, l'indagine la indirizzerei verso il distributore del ribaltabile però devi spiegare meglio cosa significa che il manettino salita/discesa non funziona?
              Saluti

              Originalmente inviato da doctor46 Visualizza messaggio
              Se monta un cambio Fuller con presa di forza montata posteriormente al cambio (cosa assai probabile dato che il portello inferiore veniva occupato da un rallentatore idraulico) allora è normale che si debba inserire una marcia, altrimenti la PTO non gira.
              Salve doctor46
              Quello che tu definisci rallentatore idraulico altro non è che un freno di inerzia per facilitare l'innesto delle marce(come ben noto il cambio Eaton/Fuller non è/era sincronizzato) durante lo stacco della frizione a comando pneumatico e per buona parte degli allestitori erano costretti ad eliminarlo, per far posto alla presa di forza che avesse una buona coppia prelevabile.Non è una decisione logica,lo ammetto, ma dal momento che i camion escono per ...non andare a..."passeggio", i piu' si regolavano cosi', ignorando in maniera opinabile,che la Eaton aveva un'altra finestra in cui montare tale freno di inerzia,quindi, bastava farlo presente nel momento del montaggio di primo impianto. Pertanto, montare una presa di forza integrale per il disagio che scaturiva da questa situazione mi sembra poco opportuno sia per i costi che per la realizzazione.
              Saluti

              Commenta


              • Originalmente inviato da enovob Visualizza messaggio
                Pertanto, montare una presa di forza integrale per il disagio che scaturiva da questa situazione mi sembra poco opportuno sia per i costi che per la realizzazione.
                Saluti
                Non parlo di una PTO integrale ma di una PTO montata sul portello posteriore del cambio che a volte per problemi di ingombro si è costretti ad utilizzare e funziona solo selezionando una marcia del veicolo.
                Non è molto diffusa perchè è preferibile usare gli altri due portelli del cambio però esiste.
                Per quella versione di veicolo, che dovrebbe avere circa una ventina d'anni, erano state realizzate PTO sagomate apposta per essere montate sul portello laterale del cambio, visto che quello inferiore era inutilizzabile.

                Commenta


                • buona sera,allora:
                  1:motrice con cassone ribaltabile trilaterale;
                  2:ti confermo che per poter ribaltare bisogna inserire una marcia(il vecchio proprietario ci eveva detto la 4a);
                  3:mi son dimenticato di completare la frase,intendevo dire che il manettino salita/discesa rapida o lenta non funziona,cioè il cassone sale e scende sempre alla stessa velocità.
                  Domani tempo se riesco faccio un pò di foto e le inserisco,così vi fate un'idea,ok?

                  Commenta


                  • Originalmente inviato da doctor46 Visualizza messaggio
                    Non parlo di una PTO integrale ma di una PTO montata sul portello posteriore del cambio che a volte per problemi di ingombro si è costretti ad utilizzare e funziona solo selezionando una marcia del veicolo.
                    Non è molto diffusa perchè è preferibile usare gli altri due portelli del cambio però esiste.
                    Per quella versione di veicolo, che dovrebbe avere circa una ventina d'anni, erano state realizzate PTO sagomate apposta per essere montate sul portello laterale del cambio, visto che quello inferiore era inutilizzabile.
                    Salve doctor
                    Mai vista ed è la prima volta che sento parlare di una presa di forza del genere, mentre quella sul portello laterale, avendo una coppia prelevabile spesso insufficiente, era lo stesso montata molto raramente. L'innesto facilitato delle marce(freno di inerzia) era un allestimento in optional quindi non sempre presente.
                    Saluti

                    Commenta


                    • Originalmente inviato da enovob Visualizza messaggio
                      Salve doctor
                      Mai vista ed è la prima volta che sento parlare di una presa di forza del genere, mentre quella sul portello laterale, avendo una coppia prelevabile spesso insufficiente, era lo stesso montata molto raramente. L'innesto facilitato delle marce(freno di inerzia) era un allestimento in optional quindi non sempre presente.
                      Saluti
                      Salve enovob.
                      La PTO di cui parlo è quella dell'allegato nominato "posteriore", esiste da quando esiste il cambio Fuller ma non è molto diffusa, soprattuto tra i ribaltabilisti, perchè il suo innesto implica l'inserimento di una marcia (quarta o quinta di solito) e il simultaneo disinnesto della trasmissione, quindi l'impossibilità di muoversi anche solo per far scendere il materiale dal cassone.
                      Quando uscì questa versione di 330.30 negli anni '90 il portello inferiore era spesso impegnato dal freno d'inerzia tant'è che si è dovuta sviluppare una PTO laterale (vedi allegato "laterale") che sfuggisse agli ingombri del telaio, molto vicino al portello, viste le pressanti richieste degli allestitori che non accettavano la soluzione posteriore per i motivi sopracitati e non potevano eliminare il freno d'inerzia.
                      Ormai queste due PTO fanno parte della storia, ma si vendono tuttora entrambe in vari paesi del mondo dove questi veicoli vanno spesso a finire riscoprendo una seconda giovinezza.
                      Spero di aver chiarito ogni dubbio.
                      Attached Files

                      Commenta


                      • Originalmente inviato da doctor46 Visualizza messaggio
                        Salve enovob.
                        La PTO di cui parlo è quella dell'allegato nominato "posteriore", esiste da quando esiste il cambio Fuller ma non è molto diffusa, soprattuto tra i ribaltabilisti, perchè il suo innesto implica l'inserimento di una marcia (quarta o quinta di solito) e il simultaneo disinnesto della trasmissione, quindi l'impossibilità di muoversi anche solo per far scendere il materiale dal cassone.
                        Quando uscì questa versione di 330.30 negli anni '90 il portello inferiore era spesso impegnato dal freno d'inerzia tant'è che si è dovuta sviluppare una PTO laterale (vedi allegato "laterale") che sfuggisse agli ingombri del telaio, molto vicino al portello, viste le pressanti richieste degli allestitori che non accettavano la soluzione posteriore per i motivi sopracitati e non potevano eliminare il freno d'inerzia.
                        Salve doctor
                        Grazie per l'informazione, conoscevo la versione del portello laterale ma pur avendo trattato questo cambio già dalla fine degli anni '70, su una flotta di circa 500 Fiat 300 PC/PT, mi sfuggiva questa soluzione del portello posteriore, forse un po' complicata o sbaglio? Come si dice: buono a sapersi.
                        Saluti

                        Commenta


                        • Originalmente inviato da enovob Visualizza messaggio
                          forse un po' complicata o sbaglio?
                          Come si suol dire raprresenta "l'ultima spiaggia", se si può evitare è meglio ma in certi casi risolve il problema.
                          Visto che conosce il cambio mentre le mie conoscenze si limitano alla sola PTO, mi può spiegare come si ottiene la messa in folle della trasmissione tramite quel blocchetto ausiliario che fa una corsa di pochi millimetri solamente ? Su cosa agisce all'interno del cambio ? E' una cosa che in tanti anni non ho mai capito.

                          Grazie.

                          Commenta


                          • Originalmente inviato da doctor46 Visualizza messaggio
                            Come si suol dire raprresenta "l'ultima spiaggia", se si può evitare è meglio ma in certi casi risolve il problema.
                            Visto che conosce il cambio mentre le mie conoscenze si limitano alla sola PTO, mi può spiegare come si ottiene la messa in folle della trasmissione tramite quel blocchetto ausiliario che fa una corsa di pochi millimetri solamente ? Su cosa agisce all'interno del cambio ? E' una cosa che in tanti anni non ho mai capito.

                            Grazie.
                            Salve doctor
                            Francamente avevo pensato istintivamente(per l'innesto della marcia che diceva maumelo) ad una pto integrale che prevede appunto l'innesto di una marcia per azionarla, per cui non essendomi mai imbattuto in una pto posteriore non mi è capitato di approfondire la questione ed i miei dubbi sono nati proprio per questo e mi ha incuriosito: come fa a staccare il moto della trazione? La butto lì: probabilmente l'albero primario dovrebbe avere internamente un manicotto scorrevole che permette il distacco del moto destinato alla trazione, contestualmente all'innesto della pto, per la pressione dell'aria che viene inviata a quel blocchetto ausiliario. Ovviamente sono bene accette eventuali correzioni se sbaglio.
                            Saluti

                            Commenta


                            • Le PTO standard (chiamiamole così) che ho visto su svariati modelli di autocarro, sono quasi sempre montate sul coperchio laterale ed a inserimento pneumatico (premere la frizione, azionare il comando, rilasciare la frizione) e permettono il movimento del mezzo inserendo una qualsiasi marcia, indipendentemente dal fatto che siano inserite o meno.
                              Su alcuni tipi di mezzi antincendio (Autobotti, Autopolisoccorso e Autoscale, mezzi fino ai primi anni 90) vi èra un'altro tipo di PTO, quella famosa nella quale si doveva inserire una marcia.
                              In cabina era sempre presente la targhetta con le modalità e la marcia da inserire.
                              La PTO stessa era composta da una scatola ingranaggi supplementare posta all'uscita del cambio, azionandola si "deviava" il movimento del cardano principale (asse delle ruote posteriori) ad un cardano ausiliario, che arrivava al centro della ralla in caso di Autoscala o Snorkel, oppure direttamente alla pompa centrifuga posteriore in caso di Autobotte o Autopolisoccorso.
                              In alcuni casi (il famoso 190/26 APS) sull'uscita del cardano secondario era collegata una pompa idraulica, che alimantava un motore idraulico posto sul cardano dell'assale posteriore, tramite un distributore in cabina, si poteva far muovere il mezzo in avanti ed indietro mentre l'impianto era in funzione.

                              Le moderne PTO di oggi, sono nella maggior parte dei casi azionate dal motore stesso, a monte della frizione, quando sono inserite il mezzo rimane bloccato (frenato e non si può azionare la frizione) ed alcune hanno la gestione elettronica (la centralina fissa un regime massimo di rotazione del motore quando tale PTO è inserita)
                              Marco B

                              Commenta


                              • [QUOTE=Marco Bellincam;644366]
                                Le PTO standard (chiamiamole così) che ho visto su svariati modelli di autocarro, sono quasi sempre montate sul coperchio laterale ed a inserimento pneumatico (premere la frizione, azionare il comando, rilasciare la frizione) e permettono il movimento del mezzo inserendo una qualsiasi marcia, indipendentemente dal fatto che siano inserite o meno.
                                Sui ZF concordo sulla posizione laterale ma sul Fuller sono rare.
                                Sui ZF sono montate anche posteriormente ma senza necessità di inserire la marcia.
                                Su alcuni tipi di mezzi antincendio (Autobotti, Autopolisoccorso e Autoscale, mezzi fino ai primi anni 90) vi èra un'altro tipo di PTO, quella famosa nella quale si doveva inserire una marcia.
                                In cabina era sempre presente la targhetta con le modalità e la marcia da inserire.
                                La PTO stessa era composta da una scatola ingranaggi supplementare posta all'uscita del cambio, azionandola si "deviava" il movimento del cardano principale (asse delle ruote posteriori) ad un cardano ausiliario, che arrivava al centro della ralla in caso di Autoscala o Snorkel, oppure direttamente alla pompa centrifuga posteriore in caso di Autobotte o Autopolisoccorso.
                                In alcuni casi (il famoso 190/26 APS) sull'uscita del cardano secondario era collegata una pompa idraulica, che alimantava un motore idraulico posto sul cardano dell'assale posteriore, tramite un distributore in cabina, si poteva far muovere il mezzo in avanti ed indietro mentre l'impianto era in funzione.
                                Forse stai parlando di pto integrali, sono gruppi a se stanti montati sulla trasmissione di trazione del veicolo dopo il cambio che fanno funzionare l'attrezzatura dando altresì la possibilità di spostare il veicolo, senza necessariamente aggiungere la trasmissione idraulica
                                Le moderne PTO di oggi, sono nella maggior parte dei casi azionate dal motore stesso, a monte della frizione, quando sono inserite il mezzo rimane bloccato (frenato e non si può azionare la frizione) ed alcune hanno la gestione elettronica (la centralina fissa un regime massimo di rotazione del motore quando tale PTO è inserita)
                                Non mi risulta che quando sono inserite il veicolo deve rimanere bloccato e non si può azionare la frizione, dipende dalla programmazione che si sceglie a seconda delle esigenze.
                                Saluti

                                Commenta


                                • Ciao a tutti, scusate la mai latitanza. vorrei postarvi le foto ma sono di una dimensione troppo grande per inserirle,come posso fare?

                                  Commenta


                                  • Puoi caricarle su siti appositi ed evitare di appesantire il forum, tipo questi:
                                    http://imageshack.us/
                                    http://tinypic.com/

                                    Commenta


                                    • ragazzi cerco URGENTEMENTE depliant cassoni OCM ribaltabili roccia anni 90! HELP aiutatemi perfavore!
                                      BENATI 1887-1995

                                      Commenta


                                      • ciao ragazzi,questo govrebbe essere il link dove ho inserito le foto
                                        http://imageshack.us/g/580/img8115am.jpg/

                                        Commenta


                                        • L'impianto che vedo nelle foto come ipotizzavo è uno di quelli che lavora a pressioni altissime, si capisce dalla valvola e dal tipo di pompa impiegate, sicuramente anche i tubi saranno di tipo adeguato, anche se con gli anni potrebbero essere a rischio scoppio, con le conseguenze che si possono immaginare.
                                          La PTO è quella che dipende dalla marcia inserita, la pompa a pistoni è una Volvo ad asse inclinato, probabilmente una F1-60 e la valvola è quella speciale sviluppata appositamente per questo allestimento.
                                          La perdita d'olio dipende quasi sicuramente dalla valvola, così come il mancato funzionamento della discesa lenta, per cui occorrerebbe controllarla. Per prima cosa accertati che lo stelo a cui è attaccata la corda di fine corsa si muova avanti e indietro quando vengono dati i comandi lenta e veloce, se non scorre vuol dire che è entrato qualcosa che ne impedisce il corretto spostamento in entrambe le direzioni.
                                          Il fatto che ci sia un comandino pneumatico a 4 levette in cabina è alquanto strano, perchè per tale attrezzatura ne basterebbe uno a 3, a meno che chi lo ha realizzato non abbia deciso di lasciare il disinnesto della trasmissione indipendente per poter ribaltare in movimento, ma la vedo come un opzione abbastanza rischiosa.

                                          Concentrati sulla valvola che il problema è li, e attento a non danneggiarla che non si trova più.

                                          Commenta


                                          • Ciao Roberto ! grazie per il giovane romano eheh ... comunque quel Tga 8x4 con l'Anteo di cui dicevo , è di colore blu e bianco e gira spesso nelle zone di Tivoli ( villa adriana e cave di guidonia )... lo vedrò con una media di 1 o 2 volte alla settimana ...

                                            Commenta


                                            • In sicilia ci sono ancora oggi cassoni da 24 mc roccia LA RIBALTA, che il mezzo gli pesa 19 tonn vuoto............

                                              Commenta


                                              • Novita' sapete che la molinaro e'ripartita col la produzione di ribaltabili????grandi.

                                                Qui nel lazio si vedono molti ribaltabili della dami sembrano davvero ben fatti

                                                Commenta


                                                • Comunque SILVER non si batte fanno qualsiasi tipo di allestimento sono veramente dei "sarti"del veicolo

                                                  Commenta

                                                  Annunci usato

                                                  Collapse

                                                  Caricamento...
                                                  X