MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Alternatori: funzionamento, dimensionamento e prove

Collapse
Questo è un argomento evidenziato.
X
X
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • #31
    UAU!!!ora sono diventato il mago dell'alternatore.Grazie Riccardo

    Commenta


    • #32
      Complimenti veramente Riccardo. Eccellente!

      Commenta


      • #33
        Innanzitutto complimenti per questo post dettagliatissimo che offre riccardo, era proprio quello che stavo cercando visto che sono un " aggeggione".
        Mi stavo domandando ma gli alternatori a quanti giri devono iniziare a far spengere la spia rossa, naturalmente da non confondere coi giri motore che sono variabili in base alle puleggie,( di solito circa la metà).
        Appena spenta la spia rossa l'alternatore dovrebbe iniziare la carica al max amperaggio di targa poichè la batteria gli richiede la corrente che ha perso durante la fase di avviamento.
        Oppure ad un regime troppo basso di giri l'alternatore può fornire solo una parte delle ampere di targa?
        Stavo cercando un diagramma di erogazione di potenza degli alternatori ma non ho trovato niente del genere in rete.

        Grazie

        Commenta


        • #34
          Originalmente inviato da mefito
          cosa centra la batteria?
          Buongiorno Mefito,la batteria centra nel momento in cui non dovesse trovarsi perfettamente carica al momento dell' avviamento.
          Questo per esempio accade quando si monta una batteria nuova senza averla preventivamente caricata:se si esegue una misura in Ampere si trovera' un assorbimento da parte della batteria superiore (ovviamente) alla norma e decrescente mano a mano che l'alternatore e' in funzione.
          Originalmente inviato da mefito
          Non sono un elettrauto(figurati che verifico gli alternatori solo misurando la tensione),ma non mi è chiara questa "misurazione"
          in effetti dovrebbe essere sufficiente misurare in tensione la presenza dei circa 14 Volt (o 28 a seconda dei casi).
          In realta' accade questo: parliamo solamente di strumento digitale;
          la pinza amperometrica somiglia proprio ad una pinza (tipo pappagallo per intenderci) che con una levetta si apre e ci si fa' passare il cavo elettrico interessato all'interno,
          il verso della corrente e' appunto indicato da una freccia,se la corrente segue la freccia si avra' un valore in positivo,altrimenti sara' in negativo.
          Questo e' fondamentale per capire cosa accade al nostro sistema.Inserendo la pinza,diciamo cosi,"tra la batteria e l'alternatore"sul cavo "grosso" del positivo vicino al morsetto + con la freccia opposta alla batteria,e sapendo che la batteria carica con il motore attivo non deve erogare corrente (0 al massimo +-2A) attivamo possibilmente tutti gli utilizzi.
          Gia'al minimo il regolatore dell'alternatore dara' corrente sufficiente per alimentare i servizi e mantenere la batteria.
          Una misura in negativo (la corrente entra in batteria) significa che la batteria sta' chiedendo corrente (scarica,esausta) e aggrava il carico sull'alternatore.
          Viceversa una misura in positivo(la corrente esce dalla batteria)significa che l'alternatore non riesce ad erogare la corrente sufficiente agli utilizzi e quindi ,diciamo cosi',la chiede alla batteria;
          ovviamente se questa richiesta e' prolungata inesorabilmente la batteria si scarichera'!
          Tutto questo in proporzione ai valori reali riscontrati,e riguardano SOLO la batteria.
          Accanto al B+ dell'altern. invece la pinza va' orientata con la freccia in uscita,dara' un valore positivo e quantifichera' gli Ampere che in quel momento sta erogando.
          Originalmente inviato da mefito
          Perchè questo?
          Perche' accade che si debba risolvere un problema su macchine su cui sono stati aggiunti utilizzi o sostituiti con altri con assorbim.diversi,magari non tenendo conto di quello che potenzialmente e possibile fare .
          E' automatico,dopo queste considerazioni,che la spia da sola e' utile solamente a segnalare guasti "standard" (alternatore rotto,cinghia spezzata ecc) e ovviamente a dare eccitazione ai campi dell'alternatore (non so' se su tutti i modelli: se la lampada -spia e' bruciata(interrotta) viene a mancare la resistenza e lo statore dell'alternatore non si eccita,quindi non carica).
          Originalmente inviato da mefito
          Considerando che solo un anno fà scrivevi questo:

          Ne hai fatta di strada...........
          .....
          Lo prendo come un complimento (spero).......
          e aggiungo che la tua osservazione cade a pennello : proprio perche' dimostra,a mio modesto parere,che questo Forum aiuta!
          Quando aprii questa discussione era in occasione di numerosi problemi che mi accingevo a risolvere su sette macchine a cui furono applicati utilizzi non previsti senza opportunamente dimensionare l'impianto.(ci tengo a precisare modifiche non eseguite da noi).
          In sintesi tutto questo servi' a dimensionare le batterie,alternatore era ok, ma soprattutto a capire che la sezione dei cavi interessati non era sufficiente a garantire il mantenimento dello stato di carica (si bruciavano) e quidi si procedette alla loro sostituzione.
          Questo ando' a buon fine con un bel po' di pazienza,sicuramente ha accresciuto la nostra esperienza al riguardo,e torno a ringraziare Riccardo ed il Forum perche' hanno contribuito

          Commenta


          • #35
            bobina mobile???

            Che significa voltmetro e amperometro con "bobina mobile"?

            Originalmente inviato da riccardo281063 Visualizza messaggio
            boniiiii!!!!!

            intanto incomincio col dirvi quali strumenti servono per un utilizzo ed una esecuzione di prove di tipo PROFESSIONALE:

            - voltmetro 0-30 V con bobina mobile
            - millivoltmetro 0-1 V
            - amperometro 0-110 A con bobina mobile
            - resistenza a carico variabile 1,5 ohm 110 A

            è chiaro che i primi due possono essere sostituiti con dei multimetri qualsiasi, purchè di buona precisione.
            anche l'amperometro si può sostituire l'amperometro con una pinza amperometrica... ma io preferisco usare un bel amperometro con la sua bella bobina tarata....

            nel prossimo post descriverò la prima prova

            Commenta


            • #36
              controllo carica alternatore con amperometro

              salve chiedo come collegare l'amperometro in serie per ferificare la carica dell'alternatore dato che sul mio amperometro e' presente il + e il -.grazie.

              Commenta


              • #37
                informazione

                ho un trattore landini con contagiri che funziona tramite un cavo che esce dall'alternatore contrassegnato dalla lettera w con motore in moto il contagiri non funziona ,metto una lampada per verificare la tensione sul simbolo w dell'alternatore e non si rileva nulla dopo circa 15 minuti che il motore gira tutto ad un tratto si rileva la tensione ed il contagiri funziona regolare.questo fatto avviene ogni volta che metto in moto .chiedo cosa possa essere successo al mio alternatore,il resto sembra che funziona tutto.grazie

                Commenta


                • #38
                  Originalmente inviato da rcc Visualizza messaggio
                  ho un trattore landini con contagiri che funziona tramite un cavo che esce dall'alternatore contrassegnato dalla lettera w con motore in moto il contagiri non funziona ,metto una lampada per verificare la tensione sul simbolo w dell'alternatore e non si rileva nulla dopo circa 15 minuti che il motore gira tutto ad un tratto si rileva la tensione ed il contagiri funziona regolare.questo fatto avviene ogni volta che metto in moto .chiedo cosa possa essere successo al mio alternatore,il resto sembra che funziona tutto.grazie
                  Il terminale "W" è connesso ad una delle 3 fasi direttamente prima dei diodi raddrizzatori.
                  Pertanto dal terminale "W" esce una "mezza onda alternata" che potrebbe essere erroneamente scambiata con una corrente continua .... MA E' AD IMPULSI !!!!!

                  frequenza (Hz)= p x n/60

                  dove "p" è il numero di poli dell'alternatore ed "n" il numero di giri

                  I contagiri elettronici a microprocessore vanno collegati a questo terminale "W" e sono tarabili in base al n. di giri dell'alternatore.

                  Per tornare al tuo problema....
                  non è facile stabilire a distanza cosa può essere successo...

                  ... chiedo: non è che in qualche modo l'alternatore giri piano e quindi la frequenza di pulsazioni sia inferiore al limite minimo? ... per esempio quando l'alternatore carica molto (dopo l'avviamento) diventa duro e la cinghia slitta finchè la batteria non è carica... a questo punto l'alternatore è più scorrevole, la cinghia non slitta e la frequenza di impulsi torna ad un valore sufficiente per far funzionare il tutto?...

                  ma ripeto..... è impossibile fare diagnosi a distanza... potrebbe essere un'infinità di cose.... si dovrebbe partire dal controllo degli impulsi dal morsetto "W" .... ma non con una lampadina....

                  Commenta


                  • #39
                    grazie per aver risposto .oggi provo ha misurare se l'alernatore carica oppure no.

                    Commenta


                    • #40
                      volevo dire che è strano che il tutto si metta a funzionare dopo 15 minuti.... il morsetto W è direttamente collegato ad una delle 3 fasi.... tanto che alcune officine possono installarlo su alternatori che non l'hanno....

                      ... quindi... o non arrivano gli impulsi.... ma se gli impulsi non arrivano come fa a caricare? o non funziona più bene il contagiri....
                      oppure c'è uno slittamento meccanico che fa perdere giri in modo che la frequenza sia troppo bassa per essere letta dal contagiri.

                      fai prove .... poi vedremo..

                      Commenta


                      • #41
                        ciao riccardo oggi ho provato se l'alternatore carica ,con tutte le utenze accese caricava 3 A,penso che questo valore sia nella norma,ho provato ha smontare il regolatore ho notato che le spazzole sono un po consumate circa 4 mm.attento qualche vostro consiglio.grazie.

                        Commenta


                        • #42
                          Se leggi bene la discussione dall'inizio, capirai che questa informazione non è utile.... caricare 3 A può andar bene oppure no... dipende dal carico...
                          Non ricordo se ho già detto cose simili in precedenza ma:

                          La potenza elettrica in un circuito in corrente continua è definita dalla semplice relazione
                          P = U*I
                          dove P è la potenza espressa in watt (W), U la tensione espressa in volt (V) e I la corrente espressa in ampére. In realtà a noi interessano valori di corrente, pertanto, conoscendo la potenza assorbita da un'apparecchiatura si ricorre alla relazione I = P/V.

                          ora... devi togliere la batteria per provare l'alternatore.....

                          fai il conto del carico e guarda quanti Ampere butta fuori....

                          Commenta


                          • #43
                            puleggia?

                            Ciao belli,quesito per riccardo281063 : ho una macchina a 24v con alternatore regolato a 28V (standard) in buone condizioni.
                            Il problema e' che al minimo supera di poco la tensione batteria,poi accelerando va' a posto.
                            Sicuramente alzando il minimo risolverei ,il problema sta nella trasmissione idrodinamica che non permette di andare oltre un certo regime al minimo altrimenti la macchina diventa brusca (e' vecchia oltretutto e il cliente la usa solo per tirarla dentro e fuori dal capannone per cui gira praticamente al minimo sempre)).
                            Devo quindi necessariamente ridurre il diametro puleggia per guadagnare giri al minimo.
                            Pero' non a caso ovviamente...che ne pensi/ate?

                            Commenta


                            • #44
                              intanto una macchina che gira al minimo non è il massimo.... pertanto il mio consiglio è quello di tarare la trasmissione idrodinamica in modo che sia meno "brusca" e la macchina possa essere usata ad un regime di giri accettabile (almeno 200-300 giri oltre il minimo del motore)
                              Non conosco l'impianto idraulico specifico ma sono sicuro che qualcosa può essere fatto con spesa modica.

                              poi se proprio uno vuole insistere a "risolvere" problemi introducendone altri che si può fare?

                              ... boh... dipende dai valori in campo nel circuito.... se quando la machina è al minimo la spia resta accesa in modo incandescente come se la macchina fosse spenta, temo che non si possa far altro che aumentare i giri cambiando la puleggia...

                              se invece quando il motore è in moto la spia cala di intensità ma non riesce a spegnersi completamente, allora qualcosa si può fare...

                              ... si può seguire la legge di Ohm... V=R x I ovvero nella sua applicazione inversa I=V/R

                              pertanto.... se la tensione applicata ai capi del nostro circuito e fissa, come faccio a inalzare la corrente?

                              SFORZATEVI e date qualche risposta...

                              Commenta


                              • #45
                                Riducendo la resistenza nel circuito?
                                Tipo....cavi di sezione maggiore ?
                                Luca C.

                                Commenta


                                • #46
                                  non avevo dubbi sulla tua compenza!!!!

                                  ... certo .... è un "accrocchio".... ma se può servire....

                                  .... magari anche cavi di qualità migliore, tipo quelli dorati per casse acustiche...

                                  Commenta


                                  • #47
                                    Originalmente inviato da riccardo281063 Visualizza messaggio
                                    non avevo dubbi sulla tua compenza!!!!

                                    ... certo .... è un "accrocchio".... ma se può servire....

                                    .... magari anche cavi di qualità migliore, tipo quelli dorati per casse acustiche...
                                    Grazie per la fiducia....non ho capito però se alla macchina di Alecattelan gli rimane accesa la spia della batteria.....oppure la spia si spegne ma la batteria non si carica a sufficenza.
                                    Luca C.

                                    Commenta


                                    • #48
                                      Ciao rigoalessandro@ ,
                                      volevo chiederti se gentilmente mi fornisci qualche modello di macchine MMT che utilizzano alternatori a magneti permanenti.

                                      Grazie mille !! ;-)

                                      Dartagnan

                                      Commenta


                                      • #49
                                        Originalmente inviato da riccardo281063

                                        io dicevo di sostituire il cavetto (che certo non sarà superiore a 2,5 mmq) del circuito della lampadina...
                                        ma sostituire la lampadina con un altra di wattaggio diverso.?...

                                        a me è capitato di istallare in parallelo al portalampade originale un altro portalampade nascosto nel quadro....così facendo il valore totale della resistenza risultava +basso.....

                                        Commenta


                                        • #50
                                          ciao sono nuovo del forum e volevo chiedere un'informazione all'esperto riccardo. ho visto che sull'alternatore oltre al cavo che va ad alimentare la batteria (b+) c'e' anche una spinetta con 2 fili e non ho capito a cosa serve.sarei contento di avere una risposta ben dettagliata.grazie.

                                          Ho risolto,grazie lo stesso.
                                          Sara per la prossima.......

                                          Commenta


                                          • #51
                                            A motore spento e chiave inserita non mi si accende piu la spia generatore...
                                            cosa sarà successo...dove cerco il guasto?

                                            Commenta


                                            • #52
                                              Originalmente inviato da vincent Visualizza messaggio
                                              A motore spento e chiave inserita non mi si accende piu la spia generatore...
                                              cosa sarà successo...dove cerco il guasto?
                                              inizia dalla lampadina della spia

                                              Commenta


                                              • #53
                                                A motore acceso la spia generatore si accende con una luce fioca fioca....molto debole

                                                Commenta


                                                • #54
                                                  Salve a tutti io sto facendo girare un alternatore con un motorino da 1,5Hp...solo che non riesco a capire se carica o meno!!

                                                  Due settimane fa ho fatto la stessa prova con la batteria scarica e dovevo tenere il motore molto accellarato e la tensione della batteria da 11,20 che era saliva piano piano fino a 12,70 e più di li non riuscia a salire....poi ho tenuto per una notte la batteria sotto carica con un caricabatterie e poi ho rifatto la prova da filmato e questo è il risultato!

                                                  Vorrei capire se non saliva perchè la batteria era molto scarica oppure perche l'alternatore non carica!

                                                  http://www.youtube.com/watch?v=Or-zw8a3WYU

                                                  Ho fatto un video per capire un pò...Ho messo il tester in serie per misurare la corrente,a motore spento misuro 250mA (l'assorbimento della lampadina)metto in moto misuro subito 4,5Ampere poi dopo circa 20-30 secondi scende scende fino a 2A poi addirittura arriva quasi a 0Ampere

                                                  Però noto una cosa sia che collego la spia luminosa o no la tensione alla batteria una volta in moto e sempre 14Votl

                                                  Ho preso una lampada a 12Volt 50W...metto in moto,attacco con i morsetti della batteria alla lampada e improvvisamente devo accellerare il motore perchè l'alternatore entra in induzione e il motore cala di giri,guardo il tester e ho 4,60Ampere quindi con il carico alla batteria l'alternatore funziona!!


                                                  Quello che mi rimane strano è il fatto della lampadina....sia che collegata che scollegata l'alternatore appena arriva ai suoi giri da 4,60A deve fare così!

                                                  Non serve a nulla la lampadina....o forse si è bruciato il sistema che innesca induzione?

                                                  Si è bruciato il regolatore?



                                                  Ciao grazie
                                                  Max187

                                                  Commenta


                                                  • #55
                                                    buongiorno vi volevo porre il mio problema e ringrazio anticipatamente a tutti colore che potranno aiutarmi e che quindi mi risponderanno.
                                                    pochi giorni fà d'un tratto non mi partiva più la mia macchina (miniescavatore komatsu pc 45 anno '99). facendo personalmente dei controlli ho notato che non arriva gasolio sulla pompa elettrica. credendo che si era rotto quell'affare che mi apre la pompa...controllando bene ho notato che non mi arrivava corrente. vi spiego, arrivano 3 fili uno nero di massa uno rosso che mantiene tirato quell'asse all'interno e uno blu che da lo spunto cioè che tira l'asse indietro. ho lavorato 2/3 giorni dandoci lo spunto con un filo dalla batteria. poi tornato a casa ho notato che quel filo blu viene dall'alternatore il quale però carica solo che su quell'uscita non mi funziona cosa potrebbe esser successo?

                                                    Commenta


                                                    • #56
                                                      per esempio che si è rotto il diodo su quell'uscita.... allego lo schema elettrico
                                                      Attached Files

                                                      Commenta


                                                      • #57
                                                        Originalmente inviato da giuseppeditocco Visualizza messaggio
                                                        ho notato che quel filo blu viene dall'alternatore il quale però carica solo che su quell'uscita non mi funziona cosa potrebbe esser successo?
                                                        IL filo blu non và sull'alternatore! infatti come da schema, il filo blu va al relè K2,il quale viene alimentato dal temporizzatore KT2,solamente per qualche secondo...il filo rosso arriva dal blocco chiave attraversando un fusibile,ed è permanente...il filo nero va a massa....... il problema può esser causato da: fusibile FU1,che alimenta K2 e temportizzatore - relè K2 o temporizzatore KT2 .....
                                                        Attached Files
                                                        Luca C.

                                                        Commenta


                                                        • #58
                                                          Grande Luca N.1 hai individuato perfettamente il problema ti meriti del tutto la qualifica di doc mmt. vi spiego ieri siccome non riuscivo a risolvere il problema è venuto un elettrauta e ha provato col tester e non andava il filo dietro l'alternatore anche se il colore era uguale e a me aveva ingannato. ha controllato i fusibile ed erano ok poi il relay e anche ok e poi ha ricontrollato i fusibili e c'era uno che apparentemente era buono ma invece non funzionava bene. quindi lo ha sostituito e tutto si è rimesso ok.
                                                          GRAZIE A TUTTI E A LUCA N.1 CHE HA CENTRATO IN PIENO IL PROBLEMA.
                                                          io avevo anche un problema che dopo qlc gg di lavoro mi si scarica la batteria spero di aver risolto anche quello tramite la sostituzione del fusibile e c'era anche un filo rotto vicino l'alternatore che ho sistemato. e cmq l'alternatore carica a 14 quindi credo bene anche perchè è un anno che l'ho montato nuovo alternatore e motorino per non avere di qst problemi. se si continua a scaricare la batteria vi faccio sapere grazie per ora a tutti voi.

                                                          Commenta


                                                          • #59
                                                            Nessuno mi sa aiutare nel mio problema?

                                                            Ciao
                                                            Max187

                                                            Commenta


                                                            • #60
                                                              Originalmente inviato da Max187 Visualizza messaggio

                                                              Ho messo il tester in serie per misurare la corrente,a motore spento misuro 250mA (l'assorbimento della lampadina)metto in moto misuro subito 4,5Ampere poi dopo circa 20-30 secondi scende scende fino a 2A poi addirittura arriva quasi a 0Ampere
                                                              fin qui tutto bene....


                                                              Originalmente inviato da Max187 Visualizza messaggio

                                                              Però noto una cosa sia che collego la spia luminosa o no la tensione alla batteria una volta in moto e sempre 14Votl
                                                              anche qui siamo a posto....

                                                              Originalmente inviato da Max187 Visualizza messaggio

                                                              Quello che mi rimane strano è il fatto della lampadina....sia che collegata che scollegata l'alternatore appena arriva ai suoi giri da 4,60A deve fare così!
                                                              qui non ti ho capito.


                                                              [/quote]

                                                              Commenta

                                                              Annunci usato

                                                              Collapse

                                                              Caricamento...
                                                              X