MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

pompa oleodinamica mf200

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • pompa oleodinamica mf200

    Nei giorni passati ho notato il formarsi in terra di una copiosa pozza di olio sotto il radiatore della mia mf200. Oggi mi sono messo alla ricerca della causa e ho scoperto che il paraolio posto sull'albero della pompa mi ha abbandonato. Nei prossimi giorni dovrei procedere a sostituirlo ed essendo una operazione che non ho mai fatto chiedo a chi ne sa piu di me ( e sono molti ) se esistono particolari accorgimenti da adottare.
    Grazie

  • #2
    Si tratta di una pompa ad ingranaggi mossa dal motore attraverso un giunto? (ovviamente non conosco l'mf200...)

    Commenta


    • #3
      Attenzione, in genere quando il paraolio cede è segno che la pompa trafila e scarica pressione sul paraolio. Il costo di un paraolio non è eccessivo ma, rischi di dover cambiare la pompa. Per trovare il paraolio, puoi smontarlo e andare presso un rivenditore di materiale oleodinamico.

      Commenta


      • #4
        ciao Peppo
        revisionare la pompa che ne dici si risolve???

        Commenta


        • #5
          anchea me è capitato in una pressa bonfiglioli ,ho cambiato il paraolio della pompa ad ingranaggi ed ho risolto la perdita

          Commenta


          • #6
            Una pompa ad ingranaggi non è particolarmente complicata, devi segnarti come sono abbinati i componenti, usa molta pulizia, stai attento alle guarnizioni di alta pressione, che sono abbinate ad un bordino di teflon antiestrusione molto delicato; però quando un paraolio perde, magari dall'oggi al domani, un motivo c'è sempre; può capitare che trovi i perni degli ingranaggi molto consumati, e non solo le boccole; la pompa, quando lavora sotto sforzo, spinge gli ingranaggi verso l'aspirazione, consumando l'alluminio della carcassa, e se le boccole prendono gioco questo fenomeno si ingigantisce; se i perni sono molto consumati, anche se la pompa "va sempre", forse ti conviene cambiarla; se invece i perni ingranaggi sono buoni e le boccole non hanno troppo gioco allora sei a posto. Prima di smontare il paraolio puliscilo bene ed esamina attentamente il labbro di tenuta( magari con una lente), per avere informazioni sul problema che hai denunciato: controlla se ci sono dei tagli o abrasioni, se c'è una zona di consumo anulare e di che larghezza, che interferenza c'è con l'albero dell'ingranaggio, e se c'è una zona di consumo sull'albero in corrispondenza del labbro del paraolio, oppure ruggine che possa, con i movimenti che si determinano nel funzionamento, causare un consumo anomalo; sulla base di questi elementi e del gioco albero-boccola puoi capire il motivo della perdita; poi ci può essere una contropressione come detto nel messaggio precedente; quando togli il paraolio fai attenzione, perchè è montato in una sede dove non arrivi da "dietro",quindi ti rimane il vecchio sistema del cacciavite(veramente abominevole): abbi almeno l'avvertenza di interporre qualche spessore tra cacciavite e pompa, per non ammaccare lo smusso introduttivo; l'ideale sarebbe togliere il paraolio con un estrattore, tipo tre lamierine spessore 2 mm piegate a 90 gradi che si infilino dentro il p. e fissate ad un perno un pò più sottile al posto dell'albero(magari con tre punti a filo) in modo da spingerlo fuori da dentro, ma non ho MAI visto nessuno arrivare a tanto. Ovviamente quando reinfili il coperchio col paraolio nella pompa metti qualcosa a protezione del labbro dagli spigoli vari dell'albero( se ce ne sono). E via dicendo. Mi permetto di dirti queste cose, che sono banali, perchè hai scritto di non averlo mai fatto; io non sono certo un esperto e quindi prendi i miei consigli con cautela e magari ascolta di più gli altri che senz'altro di pompe ne sanno più di me.

            Commenta


            • #7
              Originalmente inviato da bobmat Visualizza messaggio
              io non sono certo un esperto .
              Non sarai un esperto,ma hai spiegato molto bene e con precisione maniacale nei minimi dettagli la pompa ad ingranaggi con relativa sostituzione del paraolio.......Sei uno di quei pochi fortunati che nascono già imparati?.......
              Luca C.

              Commenta


              • #8
                Mi associo a Luca, hai dato una spiegazione da enciclopedia dell'oleodinamica.. Non è che dici che non sei esperto per nasconderti?

                Commenta


                • #9
                  Lo prendo come un complimento, perchè in effetti sono un pò logorroico...sono nuovo del forum, scrivo per stare in compagnia,poi se c'è da imparare qualcosa...Quando scrivi puoi solo rischiare di pestare delle m., ma se poi qualcuno corregge si impara qualcosa, diversamente si rimane nella convinzione di aver ragione, fino alla prova pratica. W la comunicazione!

                  Commenta


                  • #10
                    Originalmente inviato da bobmat Visualizza messaggio
                    Lo prendo come un complimento,!
                    Certo che si!...il mio oltre che un complimento voleva essere un invito a presentarti
                    Originalmente inviato da bobmat Visualizza messaggio
                    Quando scrivi puoi solo rischiare di pestare delle m.,
                    ma se poi qualcuno corregge si impara qualcosa, diversamente si rimane nella convinzione di aver ragione, fino alla prova pratica. W la comunicazione!
                    Questo è normale,tutti possiamo sbagliare,ma alla fine ne vale la pena....
                    Luca C.

                    Commenta


                    • #11
                      Ho un problema: devo movimentare(dare moto a) dei mezzi e sono indeciso sul sistema da utilizzare: posso optare tra una trasmissione idrostatica, una trasmissione elettrica, ed una trasmissione a pistoni. Più avanti ti spiego e ti chiederò dei consigli( probabilmente dovrò aprire una discussione). Ciao.

                      Commenta


                      • #12
                        Cosa intendi per presentazione?

                        Commenta


                        • #13
                          Nel riassociarmi a Luca, provo a a darti spiegazione circa la "presentazione", dire cosa fai nella vita e cosa ti porta ad evere passione per le macchine e l'oleodinamica.

                          Commenta


                          • #14
                            Obbedisco(in loco). Sono un giovane di una volta, un saggittario, un pò(molto) inconcludente. Ogni dieci-quindici anni cambio interesse, con i risultati che puoi immaginare: costruisco poco. Ho sempre lavorato nel settore delle motociclette,comunque.

                            Ho cominciato facendo per un pò di anni l'artigiano, prima producendo un mio prodotto(detta così si presenta bene), poi realizzando servizi. Poi ho fatto il dipendente, prima in un reparto prototipi, poi in una ditta di progettazione; in questa fase ho realizzato attrezzature e macchine di collaudo (di motociclette). Sembra un curriculum di assunzione. Attualmente con l'aria che tira di queste cose non se ne fa più, e l'azienda per cui lavoro sta facendo molta cassa ed ha avviato una ristrutturazione. Io attendo l'esito della contrattazione sindacale, ma ormai il mio percorso volge al termine, vedrò come concluderlo.

                            La passione per la meccanica intesa come mezzo di realizzazione di un progetto l'ho sempre avuta; ad un certo punto, nell'indecisione sul progetto da perseguire, ho cominciato a costruirmi le attrezzature; ora, nella mia piccola realtà di hobbista, utilizzo quasi esclusivamente cose realizzate con le mie attrezzature. Una catena. Un vero autarchico di condominio.

                            Questo atteggiamento comporta qualche controindicazione, tipo perdere un mese per fare una sega da legno del valore commerciale di un centinaio di euro che alla fine non funziona, oppure programmare un lavoro molto lungo che durante il tragitto si rivela non più necessario, e così via. Le cose che funzionano poi puoi immaginare come funzionano.

                            Ma il meglio di me lo dò quando invece di copiare semplicemente, progetto: un delirio. Ma qui vorrei esprimere un concetto: quando hai un" progettino" in testa, sei galvanizzato, sei in una fase talmente eccitante che per certi versi è paragonabile all'innamoramento; non ha più importanza se riuscirai a portarlo a conclusione,perchè comunque godi come un matto nell'impostare e tentare la sua realizzazione. Quando non hai un "progettino" attendi pazientemente che succeda il "miracolo": un'altro progettino. Una droga. Qualcuno penso possa capirmi(non tutti).

                            La passione per l'oleodinamica invece mi è venuta verso i trent'anni, ma non ho mai avuto occasione di fare più che qualche attuatore di dimensioni microscopiche,o qualche macchinetta automatica con dei pistoni di diametro 30- 40 mm.

                            Ultimamente ho preso un pezzetto di terra e mi sono dato all'orto(dopo mi rimangono solo i viaggi organizzati e poi abbiamo concluso); così adesso mi sono "appassionato" alle macchine movimento terra ad uso personale, possibilmente datate, o peggio, autocostruite, e lì sto toccando veramente il fondo; mi sa che ve ne state accorgendo.

                            Sono stato prolisso come al solito, ma se uno non vuole arrivare fino in fondo... Ciao.

                            Commenta


                            • #15
                              Sarai anche come dici tu inconcludente ma, io ti definisco una fenice, risorgi sempre dalle tue ceneri....... e con rinnovato vigore.

                              Commenta


                              • #16
                                In direzione ostinata e contraria, diceva De Andrè. Comunque ti ringrazio.

                                Commenta


                                • #17
                                  Salve...

                                  Mi reinserisco qui per esprimere alcune considerazioni sulla pompa della mia fl6, che volevo evidenziare per Sergiom, ma anche per Peppo e Luca, che non sento da tanto, per loro fortuna...

                                  Spero di poter usare questa discussione...

                                  Allora...

                                  Facendo i conti per il cardano (discussione "cardani e sistemi di trasmissione del moto") mi sono accorto di una cosa: nella mia ruspa la pompa è stata cambiata, ed è stata montata una cilindrata maggiore; non conosco la cilindrata di quella originale, ma con questa 270 (180 cc / giro) aumenta la velocità di lavoro (non serve certo a me...), ma cala la forza realizzabile.

                                  Se con 50 Bar il motore si siede, i pistoni si muoveranno in fretta, ma la forza...

                                  Una pompa del genere, da catalogo, a 150 Bar e 2400 giri assorbe 120 KW...

                                  Lungi da me l'idea di sostituire la pompa, ma poichè ho già verificato che è difficile dosare il distributore, perchè il braccio parte a razzo, ed il richiamo della benna è impensabile coi pistoni, tutto torna...avrei bisogno di una pompa 130 (87 cc /giro), che con 46 KW a 2500 giri garantisce 120-130 Bar, o al massimo una 160 (106 cc / giro), che con 46 KW a 2500 giri dà 100 Bar.

                                  Chissà in origine la fl6 che pompa monta...

                                  A presto.
                                  Ultima modifica di bobmat; 16/04/2011, 01:21.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Originalmente inviato da bobmat Visualizza messaggio
                                    Sa
                                    nella mia ruspa la pompa è stata cambiata, ed è stata montata una cilindrata maggiore; non conosco la cilindrata di quella originale, ma con questa 270 (180 cc / giro) aumenta la velocità di lavoro (non serve certo a me...), ma cala la forza realizzabile.

                                    Se con 50 Bar il motore si siede, i pistoni si muoveranno in fretta, ma la forza...

                                    Una pompa del genere, da catalogo, a 150 Bar e 2400 giri assorbe 120 KW...

                                    Lungi da me l'idea di sostituire la pompa, ma poichè ho già verificato che è difficile dosare il distributore, perchè il braccio parte a razzo, ed il richiamo della benna è impensabile coi pistoni, tutto torna...avrei bisogno di una pompa 130 (87 cc /giro), che con 46 KW a 2500 giri garantisce 120-130 Bar, o al massimo una 160 (106 cc / giro), che con 46 KW a 2500 giri dà 100 Bar.

                                    Chissà in origine la fl6 che pompa monta...

                                    A presto.
                                    Ciao Bob, mi fà piacere risentirti!
                                    Il tuo ragionamento è giusto, se aumenta la cilindrata a parità di potenza utilizzabile del motore, devi diminuire la pressione (oppure i giri della pompa) per rimanere nel giusto assorbimento di potenza del motore termico.......
                                    Non mi è chiaro invece quanti giri fà la tua pompa,è molto importante saperlo.....sopra hai calcolato al massimo una pompa dà 106 cc che da 160 litri a 1500 giri, non a 2500.......una 106 cc a 2500 giri da 265 litri che a 100 bar hanno un assorbimento maggiore
                                    Luca C.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Allora...

                                      Parto dall'inizio del ragionamento, perchè non ricordo più che conti avevo fatto, ed alcuni dati forse non erano corretti.

                                      Ho rilevato in maniera approssimativa la cilindrata della pompa attualmente montata: 180-190 cc circa.

                                      Poi ho guardato su un catalogo Marzocchi le curve caratteristiche di una pompa di cilindrata simile (anche di dimensioni esterne e flangiature varie):
                                      ALP4-270, cilindrata 181 cc, 258 litri/min a 1500 giri/min, P1 (esercizio) 140 Bar, velocità massima 2400 giri/min.

                                      Ipotizziamo una potenza disponibile di 65 cv (47 KW).

                                      Guardando le curve, se il motore gira a 2400 giri/min, la pompa eroga 400 litri/min, e la pressione massima ottenibile è di 50 Bar.

                                      Se invece il motore gira a 2000 giri/min, la pompa eroga 340 litri/min, e la pressione massima ottenibile è poco meno di 70 Bar.

                                      Se invece il motore gira a1500 giri/min, la pompa eroga 260 litri/min, e la pressione massima ottenibile raggiunge i 90 Bar.

                                      Questo ipotizzando che la potenza motrice sia stabile dai 1500 ai 2400 giri/min.

                                      Non ho a disposizione le curve di potenza e coppia del motore (OM 55?), nemmeno di altri simili, ma a detta di Sergiom, dovrei presupporre una trentina di Kgm di coppia massima, ad un regime sicuramente minore del regime massimo.

                                      Con la formuletta di Michele, il motore a 2500 giri dovrebbe avere 17-18 Kgm.

                                      Sono tutti valori approssimativi, senza queste curve.

                                      Il motore potrebbe anche girare a 2800 giri/min, non ho dati al riguardo.

                                      Quindi, ragionando su queste valutazioni, non è verissimo che la pressione massima ottenibile è di 50 Bar; se tengo il gas basso (se è troppo basso me ne accorgo...), riducendo la portata, dovrei ottenere pressioni superiori.

                                      Sotto un determinato regime la coppia dovrebbe precipitare, per cui, anche con portate basse, la pressione ottenibile torna a calare rapidamente.

                                      A grandi linee, penso che possa corrispondere; però, senza le curve di coppia e potenza del motore, non avendo esperienza al riguardo, non so valutare la pressione massima ottenibile, ed a che regime si può avere.

                                      In pratica dovrei fare delle prove di sollevamento, per valutare a che regime solleva il massimo sollevabile.

                                      Però posso dire che se mi metto con la benna sotto un peso e forzo, se sono a 2800 giri faccio meno forza che se sono a 1500 giri?

                                      Comunque la pompa è stata cambiata; ma probabilmente la differnza con l'originale non è del doppio, ma molto meno, perchè ho capito che il fenomeno di fare poca pressione al regime massimo è fisiologico.

                                      P.S.: Le considerazioni sulle pompe ALP4-130 e ALP4-160 le ho fatte nello stesso modo, guardando le curve corrispondenti, e cercando una curva che, con 46 KW a 2500 giri/min mi desse almeno un centinaio di Bar.

                                      P.P.S.: La pressione si può livellare con la valvola di massima; se così fosse, io avrei sicuramente ancora la valvola regolata per la vecchia pompa, per cui ora è meno livellata.
                                      Altra fesseria?

                                      HO CORRETTO ALCUNI PUNTI DEL MESSAGGIO; ED AGGIUNGO UN PENSIERO MATTUTINO, CORREDATO DA UN GRAFICO FITTIZIO:

                                      Allora...

                                      Ho schematizzato un grafico dove ho sovrapposto le curve di coppia assorbita dalla pompa con quella disponibile dal motore.

                                      Ovviamente i valori sono arbitrari, ma giusto per capire cosa succede.

                                      Che le curve della pompa siano quasi rettilinee ci sta, poichè la pressione generata è proporzionale alla forza che il dente deve imprimere all'olio.

                                      Se col motore mi trovo a 2600 giri (punto G), la coppia generata dal motore mi garantisce 50 Bar.

                                      Se io chiedo più forza, provando a sollevare un peso maggiore, per cui servono 60 Bar, e la valvola di massima resta chiusa, il motore rallenterà fino a 2500 giri (punto F).

                                      Se chiedo ancora più forza, provando a sollevare un peso ancora maggiore, per cui servono 80 Bar, e la valvola di massima resta chiusa, il motore rallenterà fino a 2000 giri (punto D).

                                      A questo punto, se io chiedo ancora più forza, provando a sollevare un peso maggiore, per cui servirebbero 90 bar, e la valvola di massima resta chiusa, il motore rallenterà rapidamente fino a spegnersi, se io non interrompo il tentativo di sollevamento.

                                      Poi procederò il ragionamento paragonando più pompe, ed inserendo la regolazione della valvola di massima.

                                      Che ne pensi?
                                      Attached Files
                                      Ultima modifica di bobmat; 16/05/2011, 00:04.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Salve ha tutti... sapete dirmi che pompa monta l mf200 ? Litri e pressione, cosi posso adattarne una

                                        Commenta


                                        • #21
                                          La togli,identifichi le caratteristiche,e poi puoi prendere il ricambio adatto.
                                          Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Ho acquistato la pala ma non ha pompa..

                                            Commenta

                                            Caricamento...
                                            X