MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Elicicoltura

Collapse
X
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • Elicicoltura

    c' è qualcuno che alleva lumache?

  • #2
    quali lumache......... .........?????????____ ____

    Commenta


    • #3
      Qui ci fanno anche le sagre _____ma da quanto ne sò sono di importazione
      Gianpietro

      Commenta


      • #4
        No no, ci sono diversi allevamenti anche in italia (basso trentino e anche in provincia di vicenza tanto per citare delle zone vicino a dove abito io).

        Comunque credo che stia parlando delle Helix aspersa, Helix aperta, Helix Pomatia, Helix Lucorum oppure Helix vermiculata.

        In sè la spesa iniziale per impiantare un allevamento non è eccessivamente alta, e poi la cosa interessante è che poi procedere a piccoli passi ed eventualmente crescere nel tempo. Se poi sei un artista e ti arrangi e hai tempo per partire ti puoi "arrangiare".
        Stringi stringi l'allevamento di lumache non è complicatissimo. I riproduttori depongono le uova e quindi successivamente avviene la separazione dei piccoli nati, che a quel punto devono diventare adulti impiegando quasi due anni. L'importante è avere del terreno ampio e pulito. Le lumache sono molto sensibili. Solitamente cè un doppio recinto quello con rete a doppia balza per contenere le lumache, e un successivo recinto normale per chiudere l'interno allevamento. Le strisce dove vengono allevate le lumache sono lunghe a piacimento e non molto larghe, il tanto per potervi accedere dall'esterno.

        Per quanto riguarda l'alimentazione trovi in commercio prodotti già belli e pronti (anche se dubito dei risultati), oppure è possibile seminare direttamente in campo varie qualità di vegetali con cui si nutriranno le lumache.

        Personalmente a suo tempo mi ero informato a suo tempo mi ero informato più che altro per la produzione di lumache con l'opercolo, che è la cappa che fanno durante l'inverno e che ha un mercato sicuramente migliore delle lumache sgusciate.

        Commenta


        • #5
          Originalmente inviato da Gianpi
          Qui ci fanno anche le sagre _____ma da quanto ne sò sono di importazione
          a non sono autoctone?????-----------------

          Commenta


          • #6
            Ed è un tipo di allevamento redditizio?
            sono facili da vendere le lumache?
            Lo chiedo non per velleità di allevatore ma per semplice curiosità.

            Commenta


            • #7
              al mio paese un ex allevatore si è inventato pure la corsa delle lumache, per quello che ne so determinante è il terreno e la gestione dell'allevamento,non devono esservi ristagni di acqua, se vi sono alberi per l'ombreggiatura tutto di guadagnato, risparmi sulle reti di ombreggiamento,poi generalmente si usa pure u8n impianto di aspersione dell'acqua per tenere un ambiente piu fresco la rete di recinzione mi sembra che vada bene una normale, importante che la parte terminale sia ripiegata all'interno, in modo che arrampicandosi non riescano a scappare, le parcelle vanno seminate con apposite erbe con cui si ciberanno poi le lumache, come in ogni allevamento importante per le malattie è fare una turnazione delle parcelle per risanare le stesse.

              Commenta


              • #8
                questo nn lo sapevo che si allevavano le lumache.... io quando ne ho voglia le vado a trovare in montagna dopo che ha piovuto.... interessante questo argomento.....
                Diego

                Commenta


                • #9
                  durso, se allevare scarafaggi fosse redditizzio alleverebbero pure quelli

                  Comunque è ovvio che la lumaca raccolta nel suo habitat per gusto e consistenza della carne non è comparabile con quelle allevate in cattività.

                  Per uso casalingo la raccolta va più che bene ma per la vendita non è redditizzia. C'è poi da dire che in questi ultimi anno la presenza di lumache si è ridotta drasticamente qui dalle mie parti. Forse a causa dell'inquinamento maggiore, ma soprattutto a causa della raccolta indiscriminata. Il periodo in cui è permessa per legge la raccolta è nel periodo che va da luglio fino a metà agosto (almeno qui nel nord), questo dovuto al fatto che le lumache dalla primavera fino a giugno depongono le uova. Se invece finiscono in pentola le uova non le depongono e l'habitat si impoverisce.

                  Anzi in alta montagna si dovrebbe aspettare adirittura dopo la metà di luglio, ma invece c'è gente che già ad aprile spazza il territorio...bah

                  Commenta


                  • #10
                    Originalmente inviato da CristianP
                    durso, se allevare scarafaggi fosse redditizzio alleverebbero pure quelli

                    Comunque è ovvio che la lumaca raccolta nel suo habitat per gusto e consistenza della carne non è comparabile con quelle allevate in cattività.

                    Per uso casalingo la raccolta va più che bene ma per la vendita non è redditizzia. C'è poi da dire che in questi ultimi anno la presenza di lumache si è ridotta drasticamente qui dalle mie parti. Forse a causa dell'inquinamento maggiore, ma soprattutto a causa della raccolta indiscriminata. Il periodo in cui è permessa per legge la raccolta è nel periodo che va da luglio fino a metà agosto (almeno qui nel nord), questo dovuto al fatto che le lumache dalla primavera fino a giugno depongono le uova. Se invece finiscono in pentola le uova non le depongono e l'habitat si impoverisce.

                    Anzi in alta montagna si dovrebbe aspettare adirittura dopo la metà di luglio, ma invece c'è gente che già ad aprile spazza il territorio...bah
                    chi sa che sapore hanno... io non le ho mai mangiate

                    Commenta


                    • #11
                      Originalmente inviato da Teo81
                      a non sono autoctone?????-----------------
                      A giudicare dalle dimensioni non sono autoctone ....non sono sicuro che siano di importazione (comunque mi pare che i francesi siano molto forti in questo campo) forse provengono da un qualche allevamento specializziato.
                      Mia nonna cucinava le lumache recuperate nei campi le ho anche mangiate e devo dire che sono buone però serve molto tempo x prepararle....và tolto il guscio, lavate ecc...
                      Fino a qualche anno fà si vedeva ancora qualche vecchia signora raccolgierle (anche 2 o 3 borse colme) però oggi se ti beccano ti fanno un verbale da paura
                      Gianpietro

                      Commenta


                      • #12
                        io ho sempre mangiato le lumache di mare... (in napoletano li chiamano "maruzzielli") e sono davvero buoni... ci si fa un sugo mica male... invece quelle di terra non le ho mai assaggiate... il pensiero per la verità mi fa un po senso... però credo che assaggiandole potrei ricredermi. Devo trovare qualcuno che le sappia cucinare per fare questo test

                        Commenta


                        • #13
                          Dopo un temporale in estate, mio padre esce sempre a farsi un giro e ne trovo sempre molte, di quelle grandi che non piacciono a tutti ... poi le lasciano 4 o 5 giorni a spurgare eppoi ci si riunisce tutti muniti di stuzzicadenti e con il pane "casareccio", ce ne facciamo una mangiata estraendole dal guscio eppoi succhiandolo per prendere anche il sughetto al suo interno .... sono buone anche se capisco che per chi non e' abituato puo' fare un po' senso.
                          Ma non le ho mai comprate .... anche perche' c'e' sempre la solita vecchia storia " chissa' da dove vengono" .....

                          Commenta


                          • #14
                            Originalmente inviato da ACUTO
                            Dopo un temporale in estate, mio padre esce sempre a farsi un giro e ne trovo sempre molte, di quelle grandi che non piacciono a tutti ... poi le lasciano 4 o 5 giorni a spurgare eppoi ci si riunisce tutti muniti di stuzzicadenti e con il pane "casareccio", ce ne facciamo una mangiata estraendole dal guscio eppoi succhiandolo per prendere anche il sughetto al suo interno .... sono buone anche se capisco che per chi non e' abituato puo' fare un po' senso.
                            Ma non le ho mai comprate .... anche perche' c'e' sempre la solita vecchia storia " chissa' da dove vengono" .....
                            ma che significa spurgare? Farle stare in acqua e sale?
                            E poi le mangiate crude????

                            Commenta


                            • #15
                              spurgare signifaca che le lasciano qualche giorno in un recipiente senza mangiare in modo che nn hanno niente dentro quando te le mangi...
                              Diego

                              Commenta


                              • #16
                                Originalmente inviato da 555-M
                                ma che significa spurgare? Farle stare in acqua e sale?
                                E poi le mangiate crude????
                                No le lumache solitamente vanno cucinate in qualche modo (tegame, lesse, brace), ma c'è anche chi se le mangia crude dicono che faccia bene allo stomaco e all'ulcera.

                                Commenta


                                • #17
                                  Mio padre mi racconta che sua madre... quindi mia nonna, quando lui era piccolo ci faceva il sugo con le lumache... e dice che era davvero buono.
                                  Secondo me non devono essere malvagie. Devo provare.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Non sono niente male, ci puoi fare il sugo o anche una specie di spezzatino. Anche qui si dice che magiarle crude faccia bene allo stomaco....però fa un pò senso.
                                    Gianpietro

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Ragazzi alla fine le ho assaggiate... mia madre ci ha fatto il sugo. Le lumache già pulite e lessate me le ha date una vicina che ne è appassionata. A dire il vero non mi hanno entusiasmato... non erano male ma quello che mi dava un po fastidio era la scarsa consistenza... insomma un po mollicce... del resto essendo abituato con le lumache di mare (i maruzzelli) che invece hanno il corpo molto più consistente...
                                      Ah... erano quelle grosse col guscio crigio scuro a strisce non quelle normali e biancastre. quali sono migliori che voi sappiate?

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Ottime le lumache alla parigina...
                                        Gia' assaggiate?


                                        Originalmente inviato da 555-M
                                        Ragazzi alla fine le ho assaggiate... mia madre ci ha fatto il sugo. Le lumache già pulite e lessate me le ha date una vicina che ne è appassionata. A dire il vero non mi hanno entusiasmato... non erano male ma quello che mi dava un po fastidio era la scarsa consistenza... insomma un po mollicce... del resto essendo abituato con le lumache di mare (i maruzzelli) che invece hanno il corpo molto più consistente...
                                        Ah... erano quelle grosse col guscio crigio scuro a strisce non quelle normali e biancastre. quali sono migliori che voi sappiate?

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Mi sono andato a dare una letta sui siti di elicicoltura,sembrerebbe che si vendano intorno ai 4 euro al chilo e non hanno bisogno di chissa' quali cure o spese per iniziare l'allevamento ...

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Dalle mie parti si commerciano (per pochi) un tipo di lumache di taglia medio-piccola che nel periodo estivo, con la siccità, si interrano a circa 15-20 cm.e si chiudono nel loro "guscio" con una membrana calcarea bianca; 18 euro al kg.
                                            Non credo ci sia una pratica d'allevamento vero e proprio ma c'è gente che le raccoglie durante tutto l'anno in giro per le campagne (soprattutto carciofeti), le chiude in specie di piccoli recinti, le nutre con scarti di insalata, radicchio, cicorie ecc. fino al momento dell'interramento e all'occorrenza le tira fuori e le mette in vendita ripeto a 15-18-20 euro al kg. dipende dalla pezzatura.
                                            In dialetto leccese le chiamiamo "cozze culla panna".
                                            Ciao...Ciao!
                                            Luigi

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Che fanno scavano per andarle a cercare ? Che significa che le nutre fino al momento dell'interramento ?

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Francamente 20€ al kg per delle lumache mi pare un'esagerazione.
                                                E riescono a venderle a quel prezzo? Poi come caspita sopravvivono 20cm sotto terra?

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  I praticanti di questo hobby già dall'autunno e per tutto l'inverno e la primavera successiva cercano (sanno dove) le lumache in campagna che nelle giornate piovose se ne stanno tranquille a pascolare. Le chiudono in un piccolo recinto costruito ad hoc con reti tipo olive e, visto che sono rinchiuse, il praticante deve assicurare loro la sussistenza alimentare. Ai primi caldi della tarda primavera, queste lumache cessano il loro girovagare ed, approfittando della terra ancora umida, scavano una tana e si chiudono con la membrana già descritta in una sorta di letargo estivo. All'occorrenza, basta scavare 15-20 cm. all'interno del recinto e si recuperano le lumache di cui si vede il guscio marrone e il "tappo" biancheggiante. E così rimangono (anche mesi in luoghi asciutti) fino a che, per prepararle, si immergono in acqua e da sole rimuovono la chiusura e ricominciano a muoversi. Una piccola percentuale che non si schiude va buttata perchè morte. Vi garantisco che sono una prelibatezza, si possono preparare in diversi modi ed hanno la particolarità di morire in fase di cottura con il corpo parzialmente ma abbondantemente fuori dal guscio (come se si stessero muovendo); basta afferrarle delicatamente tra gli incisivi ed il goico è fatto. E' necessario e tollerato il succhio per recuperare il sughetto rimasto all'interno del guscio vuoto.

                                                  Dire che vanno a ruba è poco e sono presenti nei più quotati ristoranti.
                                                  Ciao...Ciao!
                                                  Luigi

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Per chi fosse interessato, su questo sito spiegano un pò di cose sull'elicicoltura.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Vorrei chiedere se le lumache rosse, quelle senza guscio, che normalmente invadono il mio terreno per banchettare con la mia insalata, le posso utilizzare/reciclare per qualche altro uso o devo per forza sopprimerle?

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Una forte realta per l'elicicoltura e' a Marene, vicino cuneo, dove c'e anche un centro per la ricerca e il mercato ..

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Originalmente inviato da George
                                                          Vorrei chiedere se le lumache rosse, quelle senza guscio, che normalmente invadono il mio terreno per banchettare con la mia insalata, le posso utilizzare/reciclare per qualche altro uso o devo per forza sopprimerle?

                                                          quelle senza guscio credo non siano usate per l'alimentazione quindi devi solo eliminarle. strano che ce ne siano così tante... di solito io le incontro molto di rado... ma ovviamente varia da zona a zona dell'Italia

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            magari i tacchini e le galline se le mangiano!!!!

                                                            Commenta

                                                            Annunci usato

                                                            Collapse

                                                            Caricamento...
                                                            X