MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Frantoi - spiegazioni sulla frantumazione

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • Frantoi - spiegazioni sulla frantumazione

    Ciao tutti
    Vorrei semplicemente una spiegazione
    Mi serve sapere, se possibile, come avviene all'interno del frantoio la macinatura delle pietre. Sarò più preciso
    La mascella che frantuma che movimento fà?

    Chiedo aiuto agli esperti del settore!
    grazie
    ciao

  • #2
    il frantoio fa un movimento lineare cioe allarga e stringe una bocca in cui massa il materiale

    Commenta


    • #3
      Ti ringrazio per la risposta ma è vero che nei frantoi non vale la velocità con cui girano ma dal peso delle pulegge che girano? (perdonatemi i termini perchè non sono un esperto)

      Per le cave di pietra oltre al frantoio a mascella va bene anche il frantoio a cilindro rotativo? oppure non è molto adatto?

      Ciao

      Commenta


      • #4
        Una certa velocità deve averla altrimenti quando la mascella arriva contro al materiale si ferma,ovviamente le pulegge danno il moto alla mascella mobile e più grandi sono più forza producono. Con cilindro rotativo credo tu intenda i frantoi conici.. Si vengono usati nelle cave di roccia, in una grossa cava di calcare qui vicino ce n'è uno.

        Commenta


        • #5
          Nelle cave delle mie zone usano anche a mascella, frantoi conici non ne ho mai visti ma vengono usati solo per materiale molto duri?

          Grazie della spiegazione

          Ciao a tutti

          Commenta


          • #6
            Originalmente inviato da FULMINE870 LCH Visualizza messaggio
            Ciao tutti
            Vorrei semplicemente una spiegazione
            Mi serve sapere, se possibile, come avviene all'interno del frantoio la macinatura delle pietre. Sarò più preciso
            La mascella che frantuma che movimento fà?

            Chiedo aiuto agli esperti del settore!
            grazie
            ciao
            Provo a spiegartelo :il movimento della mascella mobile è generato dalla rotazione di un albero,normalmente in orizzontale che alle estremità porta i volani e nella parte centrale che è eccentrica muove la parte alta della mascella che pertanto ha moto circolare.L'eccentricità può essere circa 20 -30 mm quindi la corsa è il doppio.L'altro lato della mascella è spalleggiata verso 3/4 da una piastra (diciamo per capire) in orizzontale detta ginocchiera, che punta dalla mascella ad un punto fisso distante 50-60 cm quindi la parte bassa della mascella va su e giu sull'arco di cerchio generato dalla ginocchiera . la velocità di rotazione è essenziale ed è circa 200-250 giri/min

            Commenta


            • #7
              Grazie per la spiegazione dettagliata

              Commenta


              • #8
                Ben detto i volani danno energia alla mascella essi ricevono il moto da un motore oleodinamico tramite cinghie arriva ad uno dei volani da li essi trasmettono il moto all albero eccentrico che fa muovere la mascella tipo una mazzetta che scarica il colpo su una pietra ripetutamente...............
                Costruttore meccanico

                Commenta


                • #9
                  Ciao a tutti se adesso ci sono i frantoi nelle cave, prima della loro invenzione come avveniva la produzione nelle cave?
                  Avete qualche informazione a riguardo?
                  Vi ringrazio
                  Ciao

                  Commenta


                  • #10
                    In tempi non industrializzati il materiale sfuso era estratto direttamente dai minatori con punte o piccozze, poi si è passati all'uso di frantoi a maglio (sostanzialmente una mazza battente) che venivano usati direttamente dalle industrie di produzione, parallelamente alla diffusione nelle zone di estrazione dei martelli prima elettrici e poi pneumatici. La pneumatica (e successivamente l'oledinamica) è stata introdotta perchè anche se il rendimento è più basso, se ti si blocca qualcosa non bruci il motore
                    Ultima modifica di Motivo: chiarimento

                    Commenta


                    • #11
                      si' anche qui' da me' l'inizio di queste cave veniva fatto solo ed eslusivamente a mano con punte che venivano giornalmente ripristinate da mastri forgiatori,nella zona erano presenti anche decine di miniere d'oro(valle anzasca)fanno anche una festa dedicata agli scalpellini chiamati PICASAS quando incominciarono ad usare le prime perforatrici pneumatiche il lavoro cambio' notevolmente. spero di non essermi dilungato troppo ciao a tutti..
                      [FONT=Garamond]Tottoli Livio[/FONT]

                      Commenta


                      • #12
                        Grazie a tutti certo che all'epoca il lavoro in cava o in miniera era pesante. Vi ringrazio per le spiegazioni
                        A presto
                        CIAO

                        Commenta


                        • #13
                          avete delle foto dei frantoi a maglio...?
                          Costruttore meccanico

                          Commenta


                          • #14
                            prova a vedere sul sito della OM - officine meccaniche di Ponzano Veneto

                            Commenta


                            • #15
                              D qualche anno stanno prendendo piede gli assi verticali che rispetto ai frantoi a mascella uniscono una elevata produttivita' ad una migliore qualita'

                              Commenta


                              • #16
                                Sono perfettamente d'accordo, quelli ad asse verticale avendo un moto costante (e non alternativo) sono molto più semplici dal punto di vista costruttivo e molto più redditizi in termini di produzione oraria, ma sono convenienti solo se usati in impianti fissi come cave o miniere. Quelli a mascelle, volgarmente chiamati "crusher", sono molto più versatili in quanto semoventi e motorizzati in maniera autonoma, per cui possono essere tresportati in zone dove vengono effettuate demolizioni o scavi in terreni pietrosi per ottenere un prodotto da riutilizzare direttamente come sottofondo. Ci sono anche frantumatori a martelli, che hanno degli elementi centrifughi funzionanti con lo stesso schema dei mulini; le caratteristiche di semplicità e produttività sono intermedie tra quelli a mascelle e quelli a cono

                                Commenta


                                • #17
                                  i martelli per alcuni materiali non vanno bene e fanno un casino,,,,,,,,,,,,guardate quello su bob a mascella
                                  Costruttore meccanico

                                  Commenta

                                  Caricamento...
                                  X