MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Autocarri ribaltabili

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • Autocarri ribaltabili

    Salve, a breve dovrei effettuare il progetto di un cassone ribaltabile trilaterale (2 assi). Premesso che non ho alcuna esperienza di questi calcoli, vi chiedo se avete qualche relazione tecnica o dipensa a riguardo con calcoli dettagliati passo passo,per poter affrontare l'argomento e tutte le verifiche necessarie.
    Vorrei capire come funziona il dimensionamento dei longheroni del controtelaio,il calcolo della spinte verticali e orizzontali (nei vari casi),il posizionamento della culla ecc.
    Il fine è quello del collaudo alla motorizzazione.
    Spero mi possiate aiutare
    Saluti

  • #2
    Originalmente inviato da peppe83 Visualizza messaggio
    Salve, a breve dovrei effettuare il progetto di un cassone ribaltabile trilaterale (2 assi). Premesso che non ho alcuna esperienza di questi calcoli, vi chiedo se avete qualche relazione tecnica o dipensa a riguardo con calcoli dettagliati passo passo,per poter affrontare l'argomento e tutte le verifiche necessarie.
    Vorrei capire come funziona il dimensionamento dei longheroni del controtelaio,il calcolo della spinte verticali e orizzontali (nei vari casi),il posizionamento della culla ecc.
    Il fine è quello del collaudo alla motorizzazione.
    Spero mi possiate aiutare
    Saluti
    Salve peppe
    Se non stiamo parlando di modellismo, non credi di chiedere troppo? Il progetto di un cassone, se non si conoscono la partenza ed risultato che si vuole ottenere, non penso che si possa trovare su un forum anche perché dietro ci sono anni di esperienze, studio, conoscenze normative e via discorrendo. Comunque tanto per darti una piccola dritta, il dimensionamento(e anche il tipo) dei longheroni si ricavano sulla base delle direttive per la trasformazione e l'allestimento, emanato dal costruttore del veicolo industriale e/o commerciale che sia, per cui per prima cosa è da stabilire il veicolo dove questo cassone deve essere allestito. Spero di essere stato di aiuto.
    Saluti

    Commenta


    • #3
      Il mezzo ancora lo devono portare in officina, e sò solo che è un 2 assi da allestire per ribaltamento trilaterale.
      Essendo un ingegnere ed avendo tutte le basi per il calcolo delle strutture in acciaio, volevo avere qualche relazione già fatta o dispensa per capire il filo logico del ragionamento che stà dietro alla progettazione dei cassoni ribaltabili.
      Solo questo.
      Spero mi possiate dare una mano.

      Commenta


      • #4
        Originalmente inviato da enovob Visualizza messaggio
        Comunque tanto per darti una piccola dritta, il dimensionamento(e anche il tipo) dei longheroni si ricavano sulla base delle direttive per la trasformazione e l'allestimento, emanato dal costruttore del veicolo industriale e/o commerciale che sia, per cui per prima cosa è da stabilire il veicolo dove questo cassone deve essere allestito. Spero di essere stato di aiuto.
        Saluti
        Infatti, su questi manuali trovi tutto quello che ti serve.
        Non so le altre marche, ma per Iveco rivolgendoti a Torino (i contatti dovresti trovarli sul sito) oppure presso una concessionaria, potrai acquistare il manuale "Trasformazione ed allestimenti dei veicoli industriali" o qualcosa di simile, realizzato da Iveco come guida per gli allestitori.
        E se il veicolo è di un'altra marca, penso che le indicazioni siano ugualmente applicabili, dovrebbe trattarsi di regole generali.

        Commenta


        • #5
          Originalmente inviato da Engineman Visualizza messaggio
          Infatti, su questi manuali trovi tutto quello che ti serve.
          Non so le altre marche, ma per Iveco rivolgendoti a Torino (i contatti dovresti trovarli sul sito) oppure presso una concessionaria, potrai acquistare il manuale "Trasformazione ed allestimenti dei veicoli industriali" o qualcosa di simile, realizzato da Iveco come guida per gli allestitori.
          E se il veicolo è di un'altra marca, penso che le indicazioni siano ugualmente applicabili, dovrebbe trattarsi di regole generali.
          Salve Engineman
          E' prerogativa di qualsiasi costruttore di veicoli emanare direttive tecniche per evitare "pasticci" nella realizzazione di attrezzature da parte degli allestitori sui propri camion, per cui, almeno ai miei tempi, tutti davano questo tipo di supporto tecnico, adesso è da vedere...
          Saluti

          Commenta


          • #6
            Originalmente inviato da enovob Visualizza messaggio
            Salve Engineman
            E' prerogativa di qualsiasi costruttore di veicoli emanare direttive tecniche per evitare "pasticci" nella realizzazione di attrezzature da parte degli allestitori sui propri camion, per cui, almeno ai miei tempi, tutti davano questo tipo di supporto tecnico, adesso è da vedere...
            Saluti
            Ciao Enovob, oggi è ancora così, quando lavoravo conoscevo bene il manuale di direttive di Iveco che insegna come allungare telai e altre cose del genere, oggi illustra anche le prese / interfacce / centraline predisposte per gli allestitori a cui interfacciarsi per prelevare o fornire segnali, alimentazioni o comandi, cosa indispensabile in questi veicoli moderni multiplexati con diverse linee CAN dove non puoi più "attaccarti" alla buona per collegare allestimenti esterni.

            Commenta


            • #7
              Originalmente inviato da peppe83 Visualizza messaggio
              ... volevo avere qualche relazione già fatta o dispensa per capire il filo logico del ragionamento che stà dietro alla progettazione dei cassoni ribaltabili.
              Salve peppe
              La vedo dura per la relazione tecnica, posso aggiungere che sulle direttive tecniche trovi indicazioni di massima circa materiali, spessori e profili dei longheroni del falso telaio che andresti a realizzare per far appoggiare il cassone, indicazioni anche per l'ancoraggio al telaio, trovi indicazioni circa la presa di forza(coppia prelevabile) e quant'altro strettamente connesso al veicolo. Inoltre per rendere piu' stabile la struttura falso telaio nel ribaltamento posteriore è consigliabile inserire due traverse incrociate nella parte terminale del falso telaio legate all'albero fulcrante posteriore. La posizione della culla cilindro dovrebbe essere centrale, il condizionale è d'obbligo perché non deve in alcun modo andare ad interferire con la trasmissione veicolo.
              Saluti
              Originalmente inviato da Engineman Visualizza messaggio
              Ciao Enovob, oggi è ancora così, quando lavoravo conoscevo bene il manuale di direttive di Iveco che insegna come allungare telai e altre cose del genere, oggi illustra anche le prese / interfacce / centraline predisposte per gli allestitori a cui interfacciarsi per prelevare o fornire segnali, alimentazioni o comandi, cosa indispensabile in questi veicoli moderni multiplexati con diverse linee CAN dove non puoi più "attaccarti" alla buona per collegare allestimenti esterni.
              Ciao Engineman
              Quoto in pieno, non conosco gli ultimi sviluppi e quando ancora lavoravo erano già stati diffusi i manuali con linee CAN, però, mentre da noi le direttive venivano applicate puntualmente, spesso si vedevano allestimenti di altri con fili che, nella migliore delle ipotesi, venivano scorticati per prendere il segnale(vedi accelerazione automatica per la pto).
              Saluti
              Ultima modifica di Motivo: aggiunta

              Commenta


              • #8
                questo è quello Iveco:
                https://www.thbiveco.com
                [FONT=Impact]Acco Dozer[/FONT]

                Commenta

                Caricamento...
                X