MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

una grande passione

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • una grande passione

    salve a tutti sono nuovo del forum,sono sempre stato un grande appasionato di escavatori cingolati fin da piccolo,adesso ho 28 anni e il mio + grande desiderio è di manovrarne uno...desideravo sapere se bisogna frequentare un corso prima o si va a imparare direttamente in cantiere senza esperienza alcuna,oppure se x me è troppo tardi x imparare...vorrei un vostro consiglio se siete del mestiere ciao grazie

  • #2
    un caloroso benvenuto in questo forum...........
    non è mai troppo tardi per iniziare ad imparare ....specialmente in questo campo visto che di buoni operatori ce ne sono sempre di meno .........
    pero devi tener presente che una cosa e saper manovrare.......
    un altra è saper lavorare.........affidati sempre a chi ha piu esperienza di te..... un passetto per volta.... uno dopo l'altro e saprai camminare da solo anche tu............ BUONA FORTUNA.......
    c.b. robertino

    Commenta


    • #3
      Ciao Rolly e benvenuto su MMT Italia da parte dello Staff e di tutti i Membri.
      Imparare a manovrare e/ comunque lavorare con un escavatore è. come ha detto cb Robertino, subordinato all'acquisizione dell'esperienza da parte di chi, queste macchine, le guida già !!
      ... in pratica devi fare esperienza sul campo con un maestro che ti insegni ... devi tornare a "Scuola Guida" !!!
      Paolo Raffaelli

      Commenta


      • #4
        Ciao rolly e benvenuto nel forum!!!

        Ti rimando a questo post dove è già stato trattato l'argomento....

        http://www.forum-macchine.it/showthread.php?t=660

        ci sono informazioni utili e altri due collegamenti utili....
        sperando possano esserti d'aiuto

        ciao e ancora benvenuto!!!

        Commenta


        • #5
          Ciao Rolly, sebbene questo settore non sia preso molto in considerazione dagli enti statali di formazione, so che in alcune scuole edili, nei programmi didattici sono state inserite diverse ore, dedicate alla guida di miniescavatori e skid loader.Sicuramente questo, potrebbe essere un primo passo per avvicinarti alle mmt, anche se, logicamente, ciò che si puo' apprendere, durante le lezioni, non sarà mai paragonabile all' esperienza che potresti maturare lavorando in cantiere.Non è nemmeno detto che l' utilizzo dei mini sia una buona scuola per passare ai maxi, anche perchè le differenze di guida, delle due categorie, sono abbastanza importanti.E' vero, però, che solitamente, nelle aziende di scavo, il primo approccio che si tende a dare, ai nuovi operatori, è proprio sui mini escavatori....l' importante è provarci, usando prima di tutto la testa, poi la buona volontà, perchè nessuno è nato escavatorista!!!!Buona fortuna.

          Commenta


          • #6
            un grazie

            grazie a tutti voi x i vostri consigli.Ciao da Rolly

            Commenta


            • #7
              secondo me il miglior modo per imparare la professione eè quella di calpestare giorno dopo giorno con umilta la polvere dei vari cantieri...........
              senza toglere nulla alle scuole di formazione che a mio avviso ti insegnano solamente a "manovrare" trascurando moltissimo il lavoro da svolgere.......
              ops mi sorge spontanea una domanda da porre a tutto il forum "quanti di voi hanno frequentato quelle scuole??????"
              mi ricordo che da fanciullo (5/6 anni) mio nonno la domenica mattina visto che una volta il sabato si lavorava tutta la giornata mi portava a fare manutenzione hai mezzi e mezzi come il fiat 693 300 160 691 gli ingrassatori ce li avevano perfino nelle cerniere dei sportelli e dopo quella sana e robusta impastrocchiata mi portava alle giostre....
              c.b. robertino

              Commenta


              • #8
                Roby, pensa a me che ho studiato 5 anni il ITIS e adesso voglio mettermi a fare l'autista...
                appena sarò costretto a dirlo ai miei come minimo mi linciano dopo i sacrifici fatti per farmi studiare
                Fede, BID Division Member

                Commenta


                • #9
                  io mi sono fermato al terzo anno di economia e commercio .........
                  per tutta la mia carriera studentesca come potevo anche all'uscita di scuola inforcavo il mio vespino rosso ed andavo nei cantieri di posto in posto che si trovavano e come minimo andavo a combinare qualche guaio........
                  per friz il marchiavelli nel 1300 diceva che" ognuno è artefice del proprio destino....... "io non ti giudico per il sacrilegio che devi perpetrare nei confronti dei tuoi genitori ma se devi fare una cosa o la fai fatta bene o non la fai per niente , insomma parole povere devi impegnarti per essere un buon autista avere rispetto del mezzo e del codice della strada e non diventare un galoppino qualunque........
                  buona fortuna di cuore..........
                  Ultima modifica di
                  c.b. robertino

                  Commenta


                  • #10
                    Roberti', non parlare delle cerniere degli sportelli dei 682... se malaguaratamente succedeva di avere problemi con le lamelline della pompa di iniezione e non avevi dei bulloncini a portat di mano...bastava svitare quelli delle cerniere..ed arrivavi a casa o in officina...

                    Commenta


                    • #11
                      io lo definirei piu il metoto montessori o forza della disperazione................
                      comunque a casa ci si tornava sempre e forse ci si ripartiva anche il giorno dopo per non andare in officina........
                      c.b. robertino

                      Commenta


                      • #12
                        trakker tutte queste cose allora le hai apprese ad una scuola profesionale????
                        c.b. robertino

                        Commenta


                        • #13
                          No, le ho imaparate dalle smadonnate che faceva mio padre per strada quando gli sfarfallava il 682..

                          Commenta


                          • #14
                            comunque,ad uno di quei corsi ci sarei voluta andare..soloche quando lo fecero, io avevo appena finito il primo anno al Geometra..a pieni voti

                            Commenta


                            • #15
                              X Robbè.......è chiaro che l' esperienza che maturi in cantiere non è sostituibile con nessuna scuola.....inoltre la nostra generazione non ha potuto frequentare corsi vari per svariati motivi.Il primo è senza dubbio il fatto che corsi di formazione non ne esistevano, inoltre non esistevano nemmeno scuole edili, intese quanto tali.Inoltre, anni fa, le aziende avevano il tempo di insegnare ai nuovi operatori, il mestiere...ora per esigenze di contabilità e tempi di cantiere, purtroppo, non è piu' così semplice lasciare il tempo necessario ai giovani, per apprendere i segreti necessari.So' benissimo che è un controsenso, ma, nonostante oggi, esistono scuole (o pseudoscuole) di formazione, la qualità degli operatori, invece che crescere, è calata, senza togliere nulla alle nuove leve.Questo è quanto accade in Emilia....spero che, in altre regioni italiane, non funzioni così, anche se temo il contrario....o mi sbaglio?

                              Commenta


                              • #16
                                io voglio iniziare ora perchè so che tanto prima o poi il cambiamento lo farei comunque.
                                e sicuramente è più facile trovare un posto di lavoro e imparare a 22 anni che a 30 o 35.
                                quindi è meglio che mi affretto.
                                cmq sono d'accordo anche io che le cose o si fan bene o non si fanno....speriamo in bene
                                personalmente penso che ciò che si studia a scuola possa servire come base, ma nessuno appena uscito da scuola può dire di conoscere un mestiere.
                                io tutto quel che so del mio lavoro di elettricista l'ho imparato sul campo, anche se sono perito elettrotecnico e mi sono pure diplomato con un voto abbastanza buono.
                                la scuola ti da un' infarinatura, poi devi essere tu a "rubare il mestiere", vale in tutti i settori, anche nel mio.
                                anche perchè, toccato con mano, una cosa te la possono spiegare 1000 volte, ma finchè non la fai con le tue mani non sei capace a farla.
                                insomma , come sempre, tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare....
                                Fede, BID Division Member

                                Commenta


                                • #17
                                  X Friz....in bocca al lupo.E' giusto quello che stai facendo!!!Se credi in una cosa o in un progetto, o in quello che vuoi fare, fallo e basta.E' fondamentale non avere rimpianti.Poi, alla tua età, le porte del mondo professionale sono tutte spalancate!!!!!

                                  Commenta


                                  • #18
                                    io l'idea della scuola professionale la presi in considerazione pero era mal collegata e mi ci volevano quindici giorni per andarci e quindici per tornare (il vespino ancora non c'e l'avevo) e poi tutti i professori delle medie gridavano al sacrilegio in quanto avevo ottimi voti e con la matematica ero una scheggia....
                                    quindi su consiglio dei mie e dei professori presi ragioneria....
                                    frequentai poi la facolta di economia e commercio l'ho interrotta in quanto mio padre per motivi di salute dovette lasciar perdere di lavorare cosi continuai io... senza na lira in saccocia un 300pc una cat 920 una famiglia sulle spalle e tanta voglia di fare........ adesso come adesso se ci penso sono passati quindici anni e questo lavora piu lo faccio e piu mi piace.........
                                    c.b. robertino

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Certo che tra il 300PC e la 920..stavi messo proprio malissimo ne avevi 3 famiglie da mantanere Uff, co0me so simpatica

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Comunque, pensa a me che a 8 anni fregai la FL6 a mio padre e non arrivavo neanche alle leve....Finite le medie (con il massimo dei giudizi...), i miei decisero di manadarmi al Geometra..mentre io mi ero iscritta di nascosto all'Industriale.. mamma le urla a casa!!!! Figurati poi quando l'anno successivo, seppi di un corso per meccanici e dissi che volevo frequentarlo fermandomi per un anno ( )...mio padre disse che non era cosa..e credo sapesse il perchè...dse avessi fatto quel corso..addio diploma...io ora penso...ERA MEGLIO LO AVESSI FATTO!!!!

                                        Commenta


                                        • #21
                                          il 300pc aveva un cassone da 21 mc a raso lo chiamavano il pellicano......
                                          la mattina presto presto lo facevo caricare a "paglia" passavo prtima in un cantiere e scaricavo mezzo viaggio poi andavo in un altro e scaricavo l'altro mezzo viaggio in mezzo praticamente da un viaggio ne facevo diventare due e qualche volta anche tre viaggi.........
                                          la 920 lo tutta rimessa a nuovo un paio di anni fa adesso è pari al nuovo e giace placidamete in un apposito spazio ricavato sotto il mio capannone e si gode una tenera pensione.........
                                          vedo che la pomata incomincia a fare effetto......... continua cosi.......
                                          a quei tempi o mangiavo quella minestra o mi buttavo dalla finestra........
                                          c.b. robertino

                                          Commenta


                                          • #22
                                            X Robbe'.....hai fatto bene così!!!!Una cosa è certa.....se mio figlio, quando sarà in grado di ragionare con la propria testa, mi dovesse chiedere di frequentare una di queste scuole...spero di potergli dare il mio benestare, perchè, cmq, non partire completamente digiuno, nel settore, potrebbe sicuramente aiutare molto.Vedi il fatto che, esistano queste scuole, è comunque positivo, anche se, come ho già affermato in precedenza, il nostro rimane un settore abbandonato a se stesso dallo stato.....da sempre!Per il resto riguardo al tuo cat 920.....già sai!!!

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Caspita!!! Ce ne hai speso soldini!!! Comunque, era na macchinetta, ne piccola ne grande, al pari della 930, la quale pero', secondo me (sarà che la fesseria la combinai io...)aveva i tiranti di rinvio della benna un po debolucci...

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Robè, dimmi na cosa: quante volte sei rimasto senza i freni (a causa delle membrane di gomma dei servofeni)? Quante volte ti ha fatto dannare la pompa dell'acqua? E le camicie dei cilindri? E gli iniettori? Quante nottate per poter andare a lavorare la mattina dopo...e pensa che na volta mi tocco andarci con 3 punti di sutura n fronte datomi all'una di notte dalla Guardia medica...perchè mio era scappata di mano la chiave..e sono andata a sbattere la fronte, rompendomela...

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  no i tiranti non mi hanno mai dato fastidio aveva come difetto il compressore si sporcavano le lamelline (fac silmile alle cinquanta lire) e non caricava piu aria ....
                                                  un altro difetto che aveva era quello che i pistoncini della pinza dei freni si arruginivano e si inchiodavano succedeva sempre con le pasticche freno al 50%
                                                  altri problemi non me li ha dati la macchina è datata 1973 due anni fa feci rifare il motore e smontare il converter che era in buon econdizioni e cambiai solamente i gommini..... lo spettacolo di quella pala è che mi stava precisa precisa nel cassone del "pellicano" solo la benda la tenevo furi dal cassone perche in larghezza non c'entrava dentro..........
                                                  c.b. robertino

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    quei gommini che dici tu hai ragione ne ho comprati a quantita industriali mi ricordo ancora il tipo " un pollice ed un quarto della wagner se cosi si scrive"
                                                    a quel tempo la cabina rops fops era costituito dal cappello di paglia e petto nudo per l'estate (a quei tempi c'avevo er fisico) giacchetto cappotto e controcappotto e passamontyagna per l'inverno..... insomma tutto a norma........
                                                    Ultima modifica di
                                                    c.b. robertino

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Ancora ne ho na serie nel garage in Calabria, sai com'è, tra la 930 e la 955..ne consumavo a cassette...quante volte, mente lavoravo, sentivo puzza di gasolio venire su...ed io subito:"Porc, mannagg, accident....." e subito giu di chiave a smontäre. e cambiare.. a proposito delle pinze feni...ACCIDENTI A LORO!!! na volta, per poco non tornavo a casa con le pastiglie rosse..

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Pensa la gioia, quando mio padre prese la pala gommata con la cabina...alla 955K il tettuccio glielo facemmo io e mio padre...

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          basta con i ricordi che se no mi metto a piangere....... a per quelli di famiglia cristiana il 300pc aveva i passi lunghi raggiungeva 115km orari ( strada pianeggiante e carico "cristiano") pero' se prendevo una bella salita di giorno dietro di me lasciavo il buio alla faccia del motore eco 4.........
                                                          c.b. robertino

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            e la finivi col buio

                                                            Commenta

                                                            Caricamento...
                                                            X