MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

brevetto corrente rete pastorello

Collapse
X
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • brevetto corrente rete pastorello

    Salve , oggi ho messo la rete di recinzione per le pecore la rete arancione da metri 50 x 100 circa di altezza , i prati adesso sono rasi privi di erba , i suoi paletti sono in ordine e nessuna credo dispersione di corrente , ho messo il pastorello che noi chiamiamo cosi ..sarebbe quello strumento, dove inserisci la batteria x dare corrente ... visto che me lo anno regalato usato e funzionante , non avendo una batteria da 9 vol e 90 amper ... come scritto sulla plastica involucro 9 v 20ah .. ho utilizzato la batteria della macchina da 12 inserendo un tranzistor sui cavi che vanno al pastorello , questo transistor da 2 euro serve per portare la batteria in entrata a 9 volt .... ho fatto tutte le misure tester e il risultato è 8,9 di uscita = perfetta .... il problema è che ; io provo a toccare il terreno con una mano e con quel altra mano toccando la rete sento poca scossa ..ogni tanto una scossa fortina e ogni tanto poco ... toccando i vari fili in altezza chiaramente x vedere se cambiava scossa , cosi la pecora grande l'unica volta che si è appoggiata col naso la sentita idem l'agnellino , e alcune volte mi sa che la sentita poco ... come mai ? grazie per le eventuali risposte
    foto transistor

  • #2
    Devi isolare i fili. Prova a legare un piccolo tubo in plastica al tutore della rete.
    Fai passare il filo all'interno del tubo.
    In questo modo eviti la dispersione.

    P.S. vi sono anche degli appositi ganci che evitano questo inconveniente.

    Commenta


    • #3
      ottimo grazie ..... ho provato a sedermi a terra e toccare la rete , la corrente lo sentita ...bene ...bene ....

      Commenta


      • #4
        Hai una tensione di 12 Volt,la devi abbassare a 9 Volt,cioè provocare una caduta di tensione di 3 Volt,dici d'aver usato un transistor,dalla foto non leggo la sigla,per cui è difficile stabilire se in quello involucro ci sia veramente un transistor,che da solo non fà abbassare niente,o invece ( come immagino ) sia un integrato stabilizzatore a 9 Volt,con il terminale di destra alla batteria il centrale a massa.
        In tal caso va bene ,comunque dovredde essere montato su un dissipatore di calore:

        Commenta


        • #5
          Originalmente inviato da E355 Visualizza messaggio
          In tal caso va bene ,comunque dovredde essere montato su un dissipatore di calore:
          Quindi "spreca" energia? .
          Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

          Commenta


          • #6
            Il discorso resta valido anche se vado ad usare un transistor con opportuno circuito di controllo,se sto usando un 7809,questo mi fornisce corrente fino a 1,5 Ampere,con un assorbimento di un centinaio di milliampere non succede niente ma con assorbimenti superiori da parte del circuito che devo alimentare,c'è sviluppo di calore che necessità di dissipazione.
            Alla domanda spreca energia? la risposta è si.
            Alla domanda quanta energia?bisogna calcolare ,o moltiplicare il valore della tesione tra entrata è uscita per il valore della corrente assorbita.
            Vale per tutti i circuiti ? No,ci sono circuiti a commutazione o negli inverter dove le cadute di tensione sono (approssivativamente) quelle dei componenti.
            Per altri dubbi chiedere.

            Commenta


            • #7
              Originalmente inviato da E355 Visualizza messaggio
              Hai una tensione di 12 Volt,la devi abbassare a 9 Volt,cioè provocare una caduta di tensione di 3 Volt,dici d'aver usato un transistor,dalla foto non leggo la sigla,per cui è difficile stabilire se in quello involucro ci sia veramente un transistor,che da solo non fà abbassare niente,o invece ( come immagino ) sia un integrato stabilizzatore a 9 Volt,con il terminale di destra alla batteria il centrale a massa.
              In tal caso va bene ,comunque dovredde essere montato su un dissipatore di calore:
              non vedi scritto niente perchè la foto lo presa dal web ,eho messo qquesta foto per rendervi l'idea della tipologia transistor , si è un integrato , io ho scritto transistor perchè molti non sanno cosa è un integrato e scrivendo transistr magari qualcuno rifletteva all'opportunità di farselo lui , si il lavoretto è stato fatto a ok , con dissipatore ecc... anche se è improbabile che si surriscaldi vispo l'amperaggio molto basso della batteria e le pecore non sono sulla rete ogni tot secondi , indubbiamente che questo non cambierebbe , il problema era , che a toccare il filo con una mano , e l'altra mano a toccare il terreno si sente una scossa solletico quasi niente , poi quando mi sono seduto a terra una volta e toccando la rete ho sentito la corrente chiaramente non fortissima ma a basso voltaggio ... devo riprovare ancora a sedermi a terra e toccare il cavo rete ..

              Commenta


              • #8
                Perfetto,quindi il circuito può essere alimentato anche con una batteria da 9 Volt?
                Dopotutto la scossa non può andare oltre il solletico,almeno da quel che ricordo di circuiti simili ,scariche maggiori sono vietate.
                Quando a capirne la differenza,è capitato di assemblare qualche circuito.............

                Commenta


                • #9
                  si può essere ancora alimentato con la sua batteria da 9 volt ..questo perchè ; la batteria da 9 volt ha ataccato ai due poli i due cavetti di polarità + e polarità - questi due cavetti fissati fissi alla batteria alle due estremità anno i due attacchi capicorda femmine e i maschi sono sul pastorello = il scatolame , quando la sua batteria originale è scarica essendo usa e getta io prima di gettarla ho tagliato i due fili attaccandoli alla batteria da auto da un lato , tagliati e ho collegato l' integrato molto alto di amper e assieme al collegamento ho messo i due spezzoni di filo con i capi corda da fissare normalmente al pastorello , quando metto la batteria da 9 stacco e metto la batteria con i cavi già suoi in dotazione fissi ) ( poi vabbè due capi cprda e qualcosa del genere per fissare si trovano abbastanza facilmente x dire anche al brico alla peggio in quelle stupide cassettine pronto uso vario ) si Esatto come logica a pensarci bene è veramente giusto che devono produrre solletico al tatto umano a piedi calzi = isolati , poi allora la maggioranza che tirano i fili x le mucche cavalli nei fili elettrici piatti sono abusivi o toccati mano messi , perchè quando li si tocca si sente la bottarella anche a piedi isolati ) saranno vietate le strumentazioni che senti la bottarella per un motivo come ... : se uno ha il pesmaker al cuore e problemi del genere ci resterebbe " fulminato secco " indi io sono stato in regola nel mio lavoro , tribolavo meno a levare la resistenza a 9vol dall pastorello e entrare in diretta a 12 tanto le pecore non ci restano secche per cosi poca differenza ... no meglio non giocare con la salute nemmeno quella degli animali e delle persone sopratutto dove ci sono animali immancabilmente ci sono bambini indi ... andiamo con la 9 e scarica a terra giusto sig e 355

                  praticamente entra la corrente trova un oscillatore e un trasformatorino che quando va a massa lancia l'impulso a 9 volt ..più amperaggio più ore di durata batteria e molte più scosse a 9v essendo a circuito chiuso , la corrente che è sempre attiva è quella famosa del solletico quasi a zero , però se sei scalzo apri il circuito e prendi la bottarella ... le pecore o animali sono a massa e non isolati , indi il zoccolo è conduttore non isola l'animale ,per questo molti animali restano fulminati ai temporali e saette varie negli alpeggi o pascoli ...

                  Commenta

                  Annunci usato

                  Collapse

                  Caricamento...
                  X