MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Motoseghe: problemi e soluzioni (cercare anche le discussioni sui singoli modelli)

Collapse
Questo è un argomento evidenziato.
X
X
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • motosega valex

    scusatemi sono nuovo nel forum perdonatemi se faccio errori
    ho un problema con la mia motosega valex praticamente se accellero a vuoto tutto ok ma se sto tagliando la legna quando va sotto sforzo si spegne come posso risolvere
    grazie

    Commenta


    • Prova a svitare di un quarto di giro la vite H,se non trovi miglioramento,esamineremo altre possibilita'.

      Commenta


      • Un piccolo sfogo personale, dedicato a tutti coloro, manutentori e non, che riparano motoseghe.

        LA FRIZIONE SI AVVITA A MANO E NON CON LA BULLONATRICE O PISTOLA A PERCUSSIONE.
        HO APPENA FATTO ESPLODERE IL PISTONE DI UNA MS180 (AVENDO APPOSTO IL BLOCCA PISTONE IN SEDE CANDELA) E NON SONO ANCORA RIUSCITO A SVITARLA.
        RISULTATO DOVRO' COMPRARE UNA NUOVA MOTOSEGA AL CLIENTE IN SOSTITUZIONE, DATO CHE SE NON SI TOGLIE LA FRIZIONE NON VI E' MODO DI TOGLIERE IL CILINDRO PER ARRIVARE AL PISTONE.


        Scusate tutti, spero non cancelliate a memoria di tale inconveniente.
        Più lavoro e meno ferie

        Commenta


        • Quello che faccio io non è poi tanto meglio,faccio uso di un bullino che era in dotazione con le chiavi della FIAT 600,con cui do qualche colpo col martello sulle masse frizioni,sfruttando la compressione,non vi è il rischio di sfondare il pistone,ma la possibilità di storcere l'asso motore si. Mi permetto di darti un suggerimento,costruisciti una chiave sul modello di quelle per svitare i dischi alle smerigliatrici angolari,puoi fare uso anche di prolunghe eventualmente e svita stà benedetta frizione,a questo punto peggio non puoi fare.

          Commenta


          • Originalmente inviato da E355 Visualizza messaggio
            Quello che faccio io non è poi tanto meglio,faccio uso di un bullino che era in dotazione con le chiavi della FIAT 600,con cui do qualche colpo col martello sulle masse frizioni,sfruttando la compressione,non vi è il rischio di sfondare il pistone,ma la possibilità di storcere l'asso motore si. Mi permetto di darti un suggerimento,costruisciti una chiave sul modello di quelle per svitare i dischi alle smerigliatrici angolari,puoi fare uso anche di prolunghe eventualmente e svita stà benedetta frizione,a questo punto peggio non puoi fare.
            Ringrazio molto per il suggerimento.
            Fai però conto che, a seguito della rottura del pistone, ho comunque voluto effettuare lo smontaggio e sono passato ai ferri pesanti: pistola a percussione per le gomme dei camion.
            Risultato .... nulla ... ma frizione ancora montata.
            Ho quindi deciso di scaldarla, vuoi mai che il personaggio che l'ha montata in precedenza abbia utilizzato il frena filetti ..... nulla da fare .....

            Prima che qualcuno lo scriva, il verso di svitamento è quello giusto.
            Più lavoro e meno ferie

            Commenta


            • fai attenzione a scaldare la frizione c'è il rischio di fondere i paraoli che ci sono sotto.prova con una pistola pneumatica a impulsi io le friz le smonto sempre cosi e non serve neanche mettere il bloccapistone

              Commenta


              • beh, persi per persi, io, se possibile, taglierei con un microdisco dremel, il bullone fino a sfiorare la filettatura dell'albero motore, mi é capitato di doverlo fare su un dado completamente spanato,
                lavoro lunghetto, non molto divertente, ma poi ho svitato il dado con un paio di pinze a becchi con minimo sforzo.


                Originalmente inviato da deggio Visualizza messaggio
                Ringrazio molto per il suggerimento.
                Fai però conto che, a seguito della rottura del pistone, ho comunque voluto effettuare lo smontaggio e sono passato ai ferri pesanti: pistola a percussione per le gomme dei camion.
                Risultato .... nulla ... ma frizione ancora montata.
                Ho quindi deciso di scaldarla, vuoi mai che il personaggio che l'ha montata in precedenza abbia utilizzato il frena filetti ..... nulla da fare .....

                Prima che qualcuno lo scriva, il verso di svitamento è quello giusto.

                Commenta


                • Che si bruci un paraolio "non c'è ne pò fregà de meno"tanto si estrae senza aprire i carter.
                  E' molto fattibile che la frizione si sia stretta sotto l'azione della catena se usata con scarsa affilatura.
                  La tecnica del riscaldamento la uso nei casi disperati,uso la fiamma ossiacetilenica o ossipropanica,si arriva a temperature più alte senza far spandere le alte temperature;
                  l'effetto è che l'adeguato riscaldamento porta alla dilatazione termica delle parti che non essendo omogenee tra loro e anche perche offrono diversa perdita termica,si ottiene "quando il tutto si è raffreddato"un aumento del gioco di accopiamento e relativa facilità di smontaggio;inconveniente: sono sempre titubante quando i materiali sono acciai temprati,perchè il rischio di stemperare è abbastanza alto.
                  Il suggerimento di pederz ( da addetto ai lavori !! ) è molto vadito : devi sacrificare la campana effettuare un taglio stretto fino alle vicinanze della filettatura,possibilmente in verticale e poi poggi il tutto su una sorte d'incudine e con uno scalpello per tagliare metalli l'ho inchiodi o incunei nel taglio che avevi precedentemente effettuato,è inevitabile che la frizione non si "spacchi"poi togli tutto pulisci la filettatura dell'asso motore e....

                  Commenta


                  • Originalmente inviato da E355 Visualizza messaggio
                    Che si bruci un paraolio "non c'è ne pò fregà de meno"tanto si estrae senza aprire i carter.
                    E' molto fattibile che la frizione si sia strenta sotto l'azione della catena se usata con scarsa affilatura.
                    La tecnica del riscaldamento la uso nei casi disperati,uso la fiamma ossiacetilenica o ossipropanica,si arriva a temperature più alte senza far spandere le alte temperature;
                    l'effetto è che l'adeguato riscaldamento porta alla dilatazione termica delle parti che non essendo omogenee tra loro e anche perche offrono diversa perdita termica,si ottiene "quando il tutto si è raffreddato"un aumento del gioco di accopiamento e relativa facilità di smontaggio;inconveniente: sono sempre titubante quando i materiali sono acciai temprati,perchè il rischio di stemperare è abbastanza alto.
                    Il suggerimento di pederz ( da addetto ai lavori !! ) è molto vadito : devi sacrificare la campana effettuare un taglio stretto fino alle vicinanze della filettatura,possibilmente in verticale e poi poggi il tutto su una sorte d'incudine e con uno scalpello per tagliare metalli l'ho inchiodi o incunei nel taglio che avevi precedentemente effettuato,è inevitabili che la frizione non si "spacchi"poi togli tutto pulisci la filettatura dell'asso motore e....

                    e...... lo fai solo per non darla vinta a motosega e meccanici barbari, e per dimostrare a te stesso e al cliente che a te non la si fa....oppure se non hai proprio niente da fare, perché se guardi le ore, i dischi da taglio, se al posto di aggiustarla, gli compri una motosega nuova, ci guadagni........

                    Commenta


                    • Sarà dura!
                      La cosa più sbrigativa è fare due tagli paralleli tangenti l'albero motore utilizzando la smerigliatrice angolare.
                      C

                      Commenta


                      • e...... hai risolto! E' solo questo il mio omessis.
                        La verità e che quando mi è capitato un caso ostico e non l'ho risolto,poi col passare del tempo diventa un'abitudine,che poi finisce in apatia cronica per le riparazioni,e forse in passato era il caso di dare peso al rapporto energie spese e risultati,ma questo ci ha inevitabilmente portato all'attuale contingenza storica economica ...... e forse è giunto il momento in cui è necessario fermare il mondo e scendere con i piedi per terra,e rimboccarsi le maniche...... ma questo è solo un mio pensiero.

                        Commenta


                        • Originalmente inviato da E355 Visualizza messaggio
                          e...... hai risolto! E' solo questo il mio omessis.
                          La verità e che quando mi è capitato un caso ostico e non l'ho risolto,poi col passare del tempo diventa un'abitudine,che poi finisce in apatia cronica per le riparazioni,e forse in passato era il caso di dare peso al rapporto energie spese e risultati,ma questo ci ha inevitabilmente portato all'attuale contingenza storica economica ...... e forse è giunto il momento in cui è necessario fermare il mondo e scendere con i piedi per terra,e rimboccarsi le maniche...... ma questo è solo un mio pensiero.
                          io pure, la mia era una battuta, qui in brasile, al momento, si recupera quasi di tutto, dai camion alle lavatrici, che vengono ricostruiti piú volte....
                          non sono un consumista a tutti i costi, anche a causa dei costi delle attrezzature che in brasile sono molto piú alti, sia nuove che usate, il mio parco macchine brasiliano é una motosega stihl 038, un decespugliatore fs260, un trinciatutto della branco (il piú nuovo) tutti con moltissime ore.... poi un monte di attrezzi manuali....

                          Commenta


                          • Non ho esperienza di persona della realtà Brasiliana,ma stando a quel che si sente nel nostro sistema d'informazione,è abbastanza noto che in linea generale la moda consumistica da voi non è ancora attecchita,anzi è probabile che tanti cittadini di quella nazione facciano fatica a mettere insieme il pranzo con la cena! Una realtà purtroppo presente anche da noi nel Napoletano,dove in tanti devono sviluppare "l'arte di arrangiarsi".
                            Quando i soldi mancano,o "non ci sono mai stati" bisogna fare di necessità virtù!
                            Praticamente è in questi casi che si escogitano i più svariati sistemi per risolvere problemi,certo oggi è facile,vai in rete poni un quesito,e qualcuno quasi sempre ti da un info; ma bisogna fare qualche considerazio di tipo storica,il popolo egiziano che è annoverato tra quelli all'inizio della umana civiltà,non aveva le risorse tecnologiche nostre,ma ha contribuito a crearle,in pratica quando era necessario trovare una soluzione,digiunavano fino a che non escogitavano la soluzione.
                            Desumo che spesso non mangiavano! Da questo si può anche dedurre: che la pancia piena non è proprio un sintomo di progresso!! Ma questo è sempre un mio pensiero!
                            Tornando alla motosega e all'eventuale sostituzione,ricordo un episodio occorsomi nel 92,quando stavo riparando una pompa sommersa e nottetempo è sparità,valeva niente,ma l'ho dovuta ricomprare!
                            E' chiaro che m'immedesimo nella disavventura capitata a deggio,ed è per me INACCETTABILE che un mezzo meccanico non si possa smontare,e contenere almeno i danni economici,tanto più che immaggino come sia stata trattata quella mts per essere arrivati alla situazione attuale di difficoltà di smontaggio.
                            Comprendo che di fronte ad una stronzata del genere,si perde la pazienza e si ricorre alle maniere drastiche come usare un svitatore ad aria compressa per gommisti.
                            Ad esperienza personale questa chiave da 3/4" è meno efficace di quella da 1/2" poi un'altra concausa è purtroppo la perdita della calma e lucidità in queste contingenze e si commettono errori spesso gravi: parlo per esperieza personale,quando effettuavo riparazioni di mezzi altrui ero distaccato,non cosi nel'82 quando revisionando il motore della mia auto sono stato capace di rovinare quattro pistoni nuovi,all'epoca ben 100000 di vecchie lire,causa la perdità di lucidità,perchè schiavo del mezzo di trasporto mi sentivo in quel momento come impotente.
                            Scrivo questo perchè poi e dagli errori che s'impara tanto,non dall'esperienze facili.

                            Commenta


                            • Infatti ho imparato.
                              Da ora in poi, se un pezzo non si smonta alla prima preghiera chiamo il cliente e gli rendo la macchina.

                              Per quella rotta, dato che il tempo è denaro, ho già provveduto a fornire al cliente una macchina nuova di pari valore.
                              Più lavoro e meno ferie

                              Commenta


                              • In questi disperati, meglio uno buono straccio per evitare rotture…. sinceramente il blocca pistone non mi e' mai piaciuto tanto……. ma dicevo… se l'han fatto ci sarà un motivo….. ora ho capito che può anche fare danni in casi disperati
                                GAAAASSSSSSSSSSSSSS

                                Commenta


                                • Purtroppo deggio si è trovato di fronte a un caso limite,dove frizione e albero motore è diventato un tuttuno,e la successiva forzatura ha provocato l'inevitabile rottura del famoso punto debole in un sistema meccanico,in questo caso il pistone.

                                  Commenta


                                  • Dolmar ps 221 thc

                                    Ciao a tutti, posseggo la dolmar ps 221thc, come è noto, ottima maneggevolezza, motore piccolo e quindi relativamente prestante. Penso che sia ormai alla fine, e così ho fatto fasce e paraoli albero motore. Ultimamente stenta a partire a freddo, penso che le cause possano essere tre....ovvero collettore aspirazione che prende aria anche se smontandolo non sembra che sia rotto, candela...anche questa sostituita da poco ....oppure carburatore, che a quanto sembra nelle ps 222 sono stati sostituiti per via proprio di questi tipi di difetti che davano. Sapete dirmi la marca e modello del carburatore che monta la ps 222, che costituisce alla fine la vera differenza tra la 221 e la 222? Grazie.

                                    Commenta


                                    • X sardegna green
                                      Leggi la discussione si è gia parlato di un problema analogo.
                                      X sun 68
                                      Hai pure sostituito i cuscinetti e paraoli dell'asse motore?
                                      Poi è essenziale la regolazione del carburatore a regime minimo,

                                      Commenta


                                      • Originalmente inviato da E355 Visualizza messaggio
                                        X sardegna green
                                        Leggi la discussione si è gia parlato di un problema analogo.
                                        X sun 68
                                        Hai pure sostituito i cuscinetti e paraoli dell'asse motore?
                                        Poi è essenziale la regolazione del carburatore a regime minimo,
                                        si gli ho sostituiti, il carburatore della 221 non si regola......non ha le viti H e L ......mentre nella ps 222 forse si....ecco perchè cerco per sostituire il carburatore.

                                        Commenta


                                        • Sei sicuro che non si regoli? Vedi che negli ultimi anni i carburatori sono diversi da quelli di prima,ci sono viti di regolazione non classiche per cacciaviti piatti.

                                          Commenta


                                          • Originalmente inviato da E355 Visualizza messaggio
                                            Sei sicuro che non si regoli? Vedi che negli ultimi anni i carburatori sono diversi da quelli di prima,ci sono viti di regolazione non classiche per cacciaviti piatti.
                                            Si...ho capito a cosa ti riferisci, ma purtroppo questo tipo di carburatore non ne ha di registri, a parte quella del minimo, ovvero T

                                            Commenta


                                            • Originalmente inviato da sun 68 Visualizza messaggio
                                              Si...ho capito a cosa ti riferisci, ma purtroppo questo tipo di carburatore non ne ha di registri, a parte quella del minimo, ovvero T
                                              Comunque poco fà ho sostituito la candela mettendone una nuova. NGK CMR 7A ....invece che la NGK CMR 6A......il rivenditore mi dice che va bene uguale.........ma il problema rimane: corrente arriva, ma non si avvia.......quindi escludiamo corrente. Collettore? Carburatore da sostituire?....boh.....vedremo.
                                              :

                                              Commenta


                                              • Originalmente inviato da sun 68 Visualizza messaggio
                                                Comunque poco fà ho sostituito la candela mettendone una nuova. NGK CMR 7A ....invece che la NGK CMR 6A......il rivenditore mi dice che va bene uguale.........ma il problema rimane: corrente arriva, ma non si avvia.......quindi escludiamo corrente. Collettore? Carburatore da sostituire?....boh.....vedremo.
                                                :
                                                Sulla candela non concordo, a prescindere dal problema.
                                                Un grado di freddezza differente può dare problemi sia di accensione che di regime di giri.
                                                Più lavoro e meno ferie

                                                Commenta


                                                • salve a tutti... ho un problema cn la mia motosega jonsored cs 2156... è dura a farla partire e quando parte và a tavoletta.... inutile carburarla xkè nn ne vuole sapere e a volte si decellera e nn regge il minimo.... cosa può essere? il mio pensiero và tra carburatore e membrane....

                                                  Commenta


                                                  • Il modello della motosega niente mi dice; tuttavia viene da pensare ad un problema di collettore.

                                                    Commenta


                                                    • Originalmente inviato da E355 Visualizza messaggio
                                                      Il modello della motosega niente mi dice; tuttavia viene da pensare ad un problema di collettore.
                                                      ho pure sostituito il gommino che và dal cilindro al carburatore xkè un pò rovinato, ma niente.... sempre lo stesso problema và sempre a tavoletta....

                                                      Commenta


                                                      • La tua motosega è una 25 cc da potatura o altro.
                                                        In genere è quel collettore in gomma a creare problemi,invece la difficoltè d'avviamento fa pensare a un paraolio sull'asse motore difettoso.

                                                        Commenta


                                                        • é da abbattimento e questo problema me lo ha causato lavorando... e ho visto smontando che era piena di una pasta bianca dura agli accoppiamenti e il gommino era rotto sotto.... l'ho cambiato ma nn migliora di tanto... nn vorrei che in passato ci hanno messo la pasta xkè creava quel problema... se è così che tipo di pasta è? xkè che io sappia la normale pasta forma guarnizioni a contatto cn la benzina nn serve a niente.... un'altra domanda da inesperto, ma quella valvola vicino al cilindro a che serve?

                                                          Commenta


                                                          • Ci sono tante tipi di paste,con varie funzioni ed usi.
                                                            Vedi che i mastici siliconici reggono bene alle benzine.
                                                            Il collettore unisce il cilindro con il carburatore,e dovrebbe impedire al calore del motore di giungere al carburatore.
                                                            Dal cartere del motore parte un tubicino che finisce sotto al carburatore,e serve per azionare la pompa carburante.

                                                            Commenta


                                                            • Ho sostituito anche le membrane ma niente, sempre uguale.... è come se gli mancasse la benzina xkè senza aria parte stà un pò accellerata a tavoletta da sola e poi si spegne. invece se parte cn l'aria e nn la tolgo resta accesa piu a lungo.... un mistero questa motosega.... è come se nn ha forza di spingere la benzina avanti.... il carburatore ha un solo tubicino e cioè quello della benzina....

                                                              Commenta

                                                              Annunci usato

                                                              Collapse

                                                              Caricamento...
                                                              X