MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Riduttori alle ruote: epicicloidali - a cascata

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • Riduttori alle ruote: epicicloidali - a cascata

    Ho letto in diversi post che si è parlato dei riduttori epicicloidali e di quelli a cascata (giudizio unanime nel dire che i primi sono i migliori).
    Premettendo che non sono un ingegnere meccanico, qualcuno potrebbe spiegare come funzionano, in particolare quelli dell'asse posteriore (io ho visto smontati solo quelli dell'asse anteriore, ed ho intuito come funzionano vedendoli, ma ora mi piacerebbe avere delle indicazioni più precise, pregi/dufetti, ecc. ecc.)
    Grazie a tutti

  • #2
    Se hai già visto quelli anteriori, tieni conto che quelli posteriori sono praticamente identici, cambiano le dimensioni, ma.... funzionano perchè l'ingranaggio centrale (detto ingranaggio solare) fa girare i satelliti posti in centro che a loro volta muovono la corona dentata esterna, essendo questa di diametro più grande ovviamente avviene la riduzione; da questa poi il moto viene trasmesso al semiasse o direttamente alla ruota (nel caso della dt). Esiste qualche variante, tipo impiegare 4 satelliti invece dei classici 3 oppure avere 2 riduttori di seguito ogni semiasse, ma funzionano sempre allo stesso modo. Rispetto agli altri vantano soprattutto carichi assiali superiori.
    Benatti Emanuele

    Commenta


    • #3
      Grazie Benny, molto chiaro.

      Quelli non epicicloidali (cioè quelli a cascata, se non sbaglio) come funzionano invece?

      Poi ho notato che sulla DT dei Same, a partire dai primi explorer e laser, la scatola dei riduttori era accessibile dalla parte esterna del cerchio (come mi pare sia su tutti gli altri trattori).
      Secondo voi per quale motivo same ha fatto questo cambiamento? solo per motivi estetici?
      a me sembra solo più scomodo!!!
      Per controllare il livello dell'olio o per rabboccare bisogna smontare il cerchio???

      scusate rettifico:
      fino ai vari Jaguar, Phanter, ecc. la scatola dei riduttori era accessibile dall'esterno del cerchio; dall'explorer e laser in poi è nascosta dietro al cerchio...
      Ultima modifica di Motivo: unito messaggi consecutivi

      Commenta


      • #4
        Quelli a cascata funzionano semplicemente perchè al semiasse è calettato un pignone che da il moto ad una corona molto più grande che a sua volta è collegata alla ruota. La differenza elevata tra i 2 ingranaggi genera la riduzione. Anche in questo sistema esiste la variante del riduttore doppio (tipo Fendt 515C), che consiste nel fatto che il pignone del semiasse agisce su 2 alberini a loro volta collegati alla corona. C'è da dire che questi riduttori non sono certo deboli se costruiti come si deve (erano presenti sul Cat D9H....) però in quel caso il peso diventerebbe eccessivo per una macchina agricola.
        Quanto ai Same, il riduttore posto internamente al cerchio non cambia niente dal punto di vista meccanico, per quanto riguarda l'olio sinceramente non ci ho mai fatto caso.. aspettiamo qualcuno che lo possiede. Comunque rimangono i migliori, perchè assieme al riduttore erano presenti pure i freni in bagno d'olio in un corpo unico.
        Benatti Emanuele

        Commenta


        • #5
          Aggiungo: gli epicicloidali trasmettono la coppia coassialmente tra i semialberi, mentre le chitarre essendo disassate tra semiasse e albero finale dove va flangiata la ruota, subiscono sollecitazioni maggiori in caso di coppie elevate. Queste ultime pero' risultano vantaggiose per lo sbalzo, si puo' posizionare la ruota piu indietro rispetto ad un epicicloidale con consegueti benefici per la distribuzione dei pesi, inoltre si puo' giocare sull'orientamento delle chitarre per modificare l'altezza da terra del mezzo. In linea di max sopra i 100 cv tutti usano gli epicicloidali per via del maggiore carico sopportabile, sotto invece ci sono entrambe le soluzioni, a discrezione del costruttore. Per quel che riguarda i costi di produzione secondo me le chitarre costano di piu come fusioni ma meno come cinematismi, quindi credo (credo=mia supposizione) che alla fine non ci siano grossissime differenze di costo tra le due soluzioni.

          Commenta

          Annunci usato

          Collapse

          Caricamento...
          X