MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Trivelle per miniescavatori

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • Trivelle per miniescavatori

    Avrei intenzione di autocostruirmi una trivella oleodinamica da adattare al mini escavatore di 16 q.
    pensavo di utilizzare un motore oleodinamico che ho su di una macchina scava/raccogli patate, dove in pratica fa girare un nastro trasportatore di 5/6 metri.
    Ora pensavo di adattarlo al mini e di raccordarlo alle uscite del martello, qindi attaccarci una punta da trivella, possibilmente con un mini giunto cardanico tipo pdf del trattore, visto che dal motore viene fuori tale innesto.
    COSA NE PENSATE?????
    si trovano le punte? e soprattutto a livello oleodinamico dove io sono ciecamente ignorante può funzionare?

  • #2
    Ciao Gianlux, non vorrei deludere il tuo progetto, ma secondo me un motore idraulico di un nastro trasportatore non ha abbastanza potenza per azionare una trivella, comunque aspetta consigli da chi conosce l'oleodinamica meglio di me

    Commenta


    • #3
      Questo purtroppo non posso saperlo se non dopo averlacostruita...
      che posso fare per saperlo prima? leggendo alcune schede di costruttori parlano di motori co tot litri al minuto ma non parlano di coppia, se qualcuno sapesse darmi qualche indicazione anche grossolana magari mi sarebbe di aiuto.
      in ogni caso il motore che ho è bello grosso, anche più grosso di quelli che normalmente montano sulle trivelle oleodinamiche, è per questo che avendo un modo qualunque di provarlo vorrei farlo...

      Commenta


      • #4
        Originalmente inviato da gianlux Visualizza messaggio
        Questo purtroppo non posso saperlo se non dopo averlacostruita...
        che posso fare per saperlo prima? leggendo alcune schede di costruttori parlano di motori co tot litri al minuto ma non parlano di coppia, se qualcuno sapesse darmi qualche indicazione anche grossolana magari mi sarebbe di aiuto.
        in ogni caso il motore che ho è bello grosso, anche più grosso di quelli che normalmente montano sulle trivelle oleodinamiche, è per questo che avendo un modo qualunque di provarlo vorrei farlo...
        In questa discussione troverai le formule per definirla.
        Il tuo motorino idraulico è diretto od ha un riduttore?
        Qual'era la potenza del (presumo) motore elettrico abbinato alla pompa del nastro trasportatore?
        considerato che hai eventualmente solo il motore(che potrebbe anche non essere adatto) ,credo ti convenga noleggiarla od acquistarne una completa.
        Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

        Commenta


        • #5
          dunque il motore che ho è idraulico e bello grosso non me ne intendo quindi non so se all'interno vi è anche un motoriduttore o meno, di sicuro all'uscita vi è collegato tramite giunto cardanico un pignone e una corona che tramite catene tipo moto ma più grosse azionano il nastro.
          Per quanto riguarda la pompa invece era azionata dalla pdf del trattore, poi tramite un distributore e un regolatore di pressione l'olio azionava il motore...
          Comunque pare che per una trivella ci vogliano pochi giri e molta coppia, tipo dai 1200 ai 2000 nm, quindi appena ho tempo lo smonto lo porto da qualcuno che fà oleodinamica, e vediamo cosa mi dice...

          Commenta


          • #6
            Problemi - autocostruita

            Ciao Gianlux, premetto che ho una esperienza di autocostruzione di una trivella ma alla fine ho comprato la TC1 della Ghedini.

            Il motore da solo non fa la trivella e ti spiego perchè:

            1) Senza riduttore epicicloidale la punta della trivella gira sempre troppo veloce e basta che incontri il più piccolo sassolino che ti si blocca( a meno che tu non vuoi forare sabbia per l'ombrellone del mare).

            2) Il perno del motore non può reggere le sollecitazioni di peso e in generale le sollecitazione fuori asse che quando buchi inevitabilmente si creano.

            L'autocostruzione è molto bella, ma è frustante vedersi il proprio manufatto funzionare male e successivamente rompersi per i problemi che ti ho riportato sopra.

            Per il momento mi faccio una siesta.



            Ciao.

            Commenta


            • #7
              giustissimo, la trivella ha bisogno sicuro di molta coppia e poca velocità, quindi devi trovare il modo di ridurre i giri, il giunto cardanico per la trasmissione è una buona idea, ma di devi costruire certamente un supporto per la trivella con dei cuscinetti e per collegarlo al mini...trova la trivella, poi al resto pensiamo noi
              Giovanni

              Commenta


              • #8
                Dunque se prima avevo dei dubbi ora sambron mi ha smontato del tutto, in ogni caso non ho ancora mollato la spugna, quindi volevo chiedere:
                1 cosa costa applicare un riduttore
                2 il ghedini ha l'inversione? e cosa costa circa?
                sinceramente avevo pensato di metterla diretta al perno motore la trivella, ma mi rendo conto che è una follia.
                Ora il discorso è questo autocostruire mi piace, ma se mi costa un occhio allora è meglio pensare ad un acquisto serio magari usato.infatti se riuscissi spenderei 250eur per la punta più varie ed eventuali per l'adattamento...
                Se invece la spesa si fà molto più sostanziosa allora c'è da vedere perchè a poco più di mille se ne prende una nuova per il trattore, oppure copio quella che è più semplice boh vedremo.grazie

                Commenta


                • #9
                  Non era mio intendo smontare la tua idea di autocostruzione, non sono da meno in queste opere anzi ti dirò che spendo quasi sempre di più del nuovo poiche tendo quando è possibile a realizzarmi da solo ciò che mi serve per pura passione.

                  La questione di realizzare una trivella è quella che devi per forza di cose interporre tra motore e punta della trivella un riduttore di giri molto meglio se di tipo epicicloidale.

                  Per quando riguarda l'inversione della rotazione è indispensabile averla ma ti viene gratis se l'escavatore ha gia l'impianto predisposto altrimenti devi mettere un'elettrovalvola per invertire il flusso.

                  Il costo della trivella con punta da 300 si aggira sulle 1.800Euro.

                  Volevo sapere a cosa ti serviva la trivella visto che parli di trivella per trattore?

                  Comunque non intendo minimamente sminuire il tuo progetto di autocostruzione, anzi se hai bisogno chiedi pure e casomai se realizzi la trivella faccela vedere.
                  Ciao.

                  Commenta


                  • #10
                    Dunque sambron la trivella mi serve per recinzione e piantagione di casa e terreno, siccome ho la schiena rotta e il lavoro da fare tra cui ristrutturare casa è tanto,ho pensato alla trivella oggetto didesiderio da anni... se poi la abbino al mini che ho chissà che non riesca a farla lavorare pure fuori casa...
                    Poi, per 1800 cosa intendi la ghedini con punta da 30? nuova?
                    per l'inversione non sò visto che non ho mai adoperato il martello(mai avuto).
                    Per il riduttore a giorni mi informo se viene una spesa fattibile ok la faccio (con i miei tempi). se invece costa più del nuovo no (soldi pochi)
                    Altra cosa, ti ci trovi bene?
                    Grazie a tutti.

                    Commenta


                    • #11
                      Gianlux visto che devi fare lavori per un paio di giorni ti converrebbe affittarla non andresti aspendere più di 100 euri.

                      Se vuoi buttarti nell'autocostruzione e visto che perfori terreno e la userai saltuariamente ti conviene prenderti da subito la trivella manuale che trovi nei brico o ferramenta ( max 50 euro), e un riduttore a vite senza fine che sono molto economici ( intorno alle 60 euro) presso elettroforniture o ferramenta industriale e assemblarli con una staffa a u così come vedi dalla foto che ti ho allegato.

                      La mia trivella la uso per lavori di recinzione e impianti per vigneti per piantare alberi ti conviene usare la benna in maniera che fai lo scasso per le radici( vedrai che le piante ti ringrazieranno).

                      Ti volevo dire un'altra cosetta:

                      La trivella da trattore e molto scomoda da usare e quando andrai a fare dei lavori non in campo aperto avrai difficoltà di accesso e di manovrabilità il solo posizionarsi esattamente nel punto dove devi bucare ti fa perdere un sacco di tenpo e pazienza.

                      Commenta


                      • #12
                        Originalmente inviato da sambron Visualizza messaggio
                        Gianlux visto che devi fare lavori per un paio di giorni ti converrebbe affittarla non andresti aspendere più di 100 euri.

                        Se vuoi buttarti nell'autocostruzione e visto che perfori terreno e la userai saltuariamente ti conviene prenderti da subito la trivella manuale che trovi nei brico o ferramenta ( max 50 euro), e un riduttore a vite senza fine che sono molto economici ( intorno alle 60 euro) presso elettroforniture o ferramenta industriale e assemblarli con una staffa a u così come vedi dalla foto che ti ho allegato.

                        La mia trivella la uso per lavori di recinzione e impianti per vigneti per piantare alberi ti conviene usare la benna in maniera che fai lo scasso per le radici( vedrai che le piante ti ringrazieranno).

                        Ti volevo dire un'altra cosetta:

                        La trivella da trattore e molto scomoda da usare e quando andrai a fare dei lavori non in campo aperto avrai difficoltà di accesso e di manovrabilità il solo posizionarsi esattamente nel punto dove devi bucare ti fa perdere un sacco di tenpo e pazienza.
                        Mi sembra di poter concordare su tutto,anche sul fatto che per alberi sia meglio lo scavo che un buco a pareti "lappate".
                        Ho una trivella autocostruita con motore a pistoni con un riduttore autoportante(ex attrezzo agricolo da 100cv)che utilizzo su un escavatore da 150q.li,con punte da 20/35x150 e 80x100(non ancora utilizzata)
                        Avendo spesso nel suolo a 40 cm una lastra di carbonati di calcio che non si riusciva ad oltrepassare con quelle a trattore ,con questa invece basta lasciar "cadere" il braccio e attendere qualche secondo ed è fatta.
                        Non ho l'inversione,ma la robustezza strutturale mi permette di estrarla comunque.
                        Per il caso in questione,ritengo che il solo motore(che neppure sei certo sia adatto) sia insufficiente per potersi immaginare di costruire una trivella,senza conoscere le specifiche necessarie ed oltretutto comprarsi a ricambio le trivelle.
                        Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                        Commenta


                        • #13
                          No ragazzi forse mi sono spiegato male:
                          1 devo farne qualche migliaio di buche tra recinzioni e vigneto
                          2 a spendere 3oo euro per noleggiare una cosa da utilizzare per forza una volta è meglio spendere 1000 e possedere una cosa che oltre ad essere sempre riutilizzabile ha sempre un valore vicino al costo senza contare che si può renderla produttiva...
                          3 le cose mi piace farle una volta, bene e per sempre quindi la trivella a mano brico...non mi convince in fatto di robustezza... ah, la foto dove è non la vedo?
                          Quindi appena riprendo un pò di salute o la faccio o la compro e amen. se poi fra un anno o due non mi servepiù vedo...

                          Commenta


                          • #14
                            rivolgiti a Ghedini di Ferrara. Lisa

                            Commenta

                            Caricamento...
                            X