MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Verifiche mezzi di sollevamento

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • Verifiche mezzi di sollevamento

    Cari amici mi presento
    sono un coordinatore per la sicurezza alle prese con un grosso problema:
    L'allegato VII del D.Lgv. 81/2008 prevede si la verifica annuale per i mezzi di sollevamento con portata otre i 200kg, ma definisce anche l'abilitazione a strutture esterne per l'esecuzione di queste verifiche, morale:
    mi ritrovo spesso in cantiere mezzi di sollevamento (nel mio caso gru poste su carri ferroviari o su camion e caricatori del tipo strada/rotaia) con verifica non eseguita da parte dell'ente verificatore ma regolarmente richiesta annualmente dall'azienda.
    Naturalmente ho ricevuto le più disparate risposte:
    1) assolutamente devi fermare le macchine (anche se mi risulta che può farlo solo l'ente preposto)
    2) Sono problemi del DdL, fatti fare una liberatoria
    3) Il DdL deve fare verificare i mezzi di sollevamento presso officina che può rilasciare certificato (non sostituisce la verifica annuale dell'ASS) che la macchina può "lavorare secondo quanto previsto dalla casa costruttrice.
    Capisco che è un casino e non so se il problema e diffuso in tutta Italia, ma veramente questo è un caso per il quale come coordinatori ci si trova tra incudine e martello;
    le verifiche non ci sono causa mancanza verificatori, ma l'impresa perchè dovrebbe fermare le macchine che ha comperato per produrre " lavoro"....
    Che fare
    grazie in anticipo e saluti

  • #2
    Salve gipi61, il D.Lgs 81/08 integrato dal D.Lgs. 106/09 all'art.71 comma 11, prevede si la verifica periodica delle macchine riportate in allegato VII (allegato che indica anche la periodicità di tali verifiche) tramite soggetti pubblici o privati abilitati (trascorsi inutilmente 90gg dalla richiesta all'ISPESL e all'ASL). Purtroppo al momento non esiste ancora un albo di soggetti abilitati, perchè non è stato istituito. Siamo in attesa di un decreto attuativo del quale esiste già una bozza. Se ne parlerà nei prossimi mesi.
    Quanto al suo quesito mi rifarei al punto 3. La richiesta di verifica periodica annuale la farei comunque ogni anno all'ASL/ARPA e, in assenza di un loro sopralluogo, va benissimo la verifica certificata di una officina autorizzata (che non sostituisce la verifica degli organi pubblici) ma diciamo così "tampona" la situazione, anche perchè più di così il datore di lavoro che cosa dovrebbe fare? Ovviamente tutte le macchine che sollevano più di 200kg (e tutti i PLE indipendentemente dalla portata) devono essere denunciati all'ISPESL per l'omologazione (l'INAIL non è ancora operativa benchè l'ISPESL sia stato soppresso).

    Commenta


    • #3
      Verifica annuale gru-controlli preliminari

      Ciao vorrei sapere se sapete indicarmi quali controlli vanno fatti ad una GRU HIAB del 1980 con portata massima 6000 kg. installata su autocarro.
      Il 30 avrò la visita ispettiva del ASS ed essendo la prima volta che la faccio vorrei sapere quali controlli devo fare.
      Grazie

      Commenta


      • #4
        Originalmente inviato da FrancescoGO Visualizza messaggio
        Ciao vorrei sapere se sapete indicarmi quali controlli vanno fatti ad una GRU HIAB del 1980 con portata massima 6000 kg. installata su autocarro.
        Il 30 avrò la visita ispettiva del ASS ed essendo la prima volta che la faccio vorrei sapere quali controlli devo fare.
        Grazie
        Salve Francesco
        Mi son capitate qualche decennio fà, ma sono da verificare con l'attuale normativa(la relazione tecnica vita residua è necessaria???) e consistono in:
        - conoscenza dell'apparato di sollevamento in maniera approfondita in tutte le sicurezze dagli stabilizzatori a tutti gli sfili;
        - verifica e ripristino di tutte le sicurezze sia elettriche che idrauliche,sono compresi anche i fine corsa;
        - ove presenti, verifica e/o sostituzione cavi di acciaio procurandosi il certificato di conformità;
        - verifica tubi flessibili impianto idraulico ad alta pressione(a prescindere dallo stato d'uso apparente, superati i 5 anni di esercizio,sostituirli)
        - Verifica generale tenuta pistoni,eventuali giochi articolazioni,intervenire ove necessario;
        - Prova di carico con peso max consentito ai vari sbracci.
        Questo è quanto dai miei ricordi e potrei aver dimenticato qualcosa...trattandosi di qualche decennio fà e non conoscendo le attuali normative e la zona in cui operi.
        Saluti

        P.s. per correttezza ti informo che c'è una sezione del forum che tratta le grù retrocabina dai un'occhiata prima lì
        Ultima modifica di Motivo: correzione-aggiunto p.s.

        Commenta


        • #5
          Ciao e grazie,
          parlando con il geometra del ASS, chiedendo spiegazioni mi ha detto che:
          va eseguita la manutenzione periodica con sostituzione dell'olio;
          prova tenuta circuito a varie lunghezze di sbraccio come da tabella;
          stato tubi e organi meccanici in buono stato.
          Se fosse cosi allora sarebbe molto semplice il tutto....

          Commenta


          • #6
            Originalmente inviato da FrancescoGO Visualizza messaggio
            Se fosse cosi allora sarebbe molto semplice il tutto....
            Ci sono solo due possibilità perchè le cose siano "semplici".
            1)Conoscere la materia alla perfezione.
            2) Essere "faciloni" e non riuscire neppure ad immaginare cosa ci possa essere oltre al poco che conosciamo.
            Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

            Commenta


            • #7
              Sul sito dell'INAIL c'è l'elenco delle società private abilitate a fare le verifiche annuali.Per la 1° verifica prima c'è l'INAIL poi c'è l'ASL poi c'è la società privata,dal 2° anno prima l'ASL poi la società privata.Le richieste vanno inviate con raccomandata 90-60 e 30 giorni prima della scadenza............ahahahahah siamo proprio in ITALIA!!

              Commenta


              • #8
                Originalmente inviato da mefito Visualizza messaggio
                Ci sono solo due possibilità perchè le cose siano "semplici".
                1)Conoscere la materia alla perfezione.
                2) Essere "faciloni" e non riuscire neppure ad immaginare cosa ci possa essere oltre al poco che conosciamo.
                Ciao hai ragione, infatti ho chiesto alla persona preposta a fare questi controlli che oltre a parlarmi di tubi in buono stato e tenuta sotto carico del braccio non mi ha detto niente....

                Commenta


                • #9
                  Originalmente inviato da FrancescoGO Visualizza messaggio
                  Ciao hai ragione, infatti ho chiesto alla persona preposta a fare questi controlli che oltre a parlarmi di tubi in buono stato e tenuta sotto carico del braccio non mi ha detto niente....
                  Probabilmente Il suo mestiere è fare controlli,non istruire il primo che passa per sostituirlo.
                  Io mi aspetto che chi deve controllare attrezzatura che può creare pericolo a chi la usa e chi è nelle vicinanze,abbia la formazione professionale adeguata e verificata.
                  Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                  Commenta


                  • #10
                    Originalmente inviato da mefito Visualizza messaggio
                    Io mi aspetto che chi deve controllare attrezzatura che può creare pericolo a chi la usa e chi è nelle vicinanze,abbia la formazione professionale adeguata e verificata.
                    Tutti ci si aspetta e si augura questo perchè sono respomsabilità serie
                    Originalmente inviato da enovob Visualizza messaggio
                    Salve Francesco
                    ..... consistono in:
                    - conoscenza dell'apparato di sollevamento in maniera approfondita in tutte le sicurezze dagli...
                    aggiungo di essere stato coadiuvato nei casi che si sono presentati da uno staff tecnico di tutto rispetto rendendomi un pò più semplice il tutto ma ti assicuro che non è una passeggiata.
                    Saluti
                    Ultima modifica di Motivo: correzione

                    Commenta


                    • #11
                      Originalmente inviato da enovob Visualizza messaggio
                      Tutti ci si aspetta e si augura questo perchè sono respomsabilità serie

                      aggiungo di essere stato coadiuvato nei casi che si sono presentati da uno staff tecnico di tutto rispetto rendendomi un pò più semplice il tutto ma ti assicuro che non è una passeggiata.
                      Saluti
                      Ritorno all'argomento principale:

                      Decreto Ministero del Lavoro 11 Aprile 2011 (Decreto Verifiche) per prime verifiche e verifiche periodiche apparecchi sollevamento (SC)e ponti sviluppabili (SP)

                      Le Verifiche Periodiche stabilite dall’art. 71 comma 11 del D. Lgs. N° 81 del 9/4/2008 (con periodicità delle verifiche indicata nell’allegato VII), hanno subito sostanziali modifiche legislative. In data 23 maggio 2012 è infatti entrato in vigore il nuovo Decreto del Ministero del Lavoro (più volte prorogato) dell’11 Aprile 2011, il quale in breve recita;
                      per la prima verifica (INAIL ex ISPESL): “almeno 60 gg prima della data di scadenza della verifica il datore di lavoro richiede all’Inail l’esecuzione della prima delle verifiche periodiche”;
                      per le verifiche successive (ASL): “almeno 30 gg prima della data di scadenza della verifica il datore di lavoro richiede all’Ausl l’esecuzione della stessa”.

                      L’articolo 2 comma 3 del Decreto indica che l’ASL può effettuare la prima verifica INAIIL solamente su accordo con l’INAIL stessa, accordo al momento non esistente. Quindi nel caso l’INAIL per le prima verifiche e l’ASL per le verifiche periodiche successive non siano in grado di effettuare il servizio nei tempi previsti il datore di lavoro deve avvalersi di soggetti pubblici o privati abilitati. Nelle richieste di prima verifica o verifica successiva (ribadisco che l’obbligo di tali richieste è sempre in capo al datore di lavoro) andrà indicato pertanto anche il soggetto abilitato all’effettuazione del servizio nel caso in cui INAIL od ASL non riescano a garantire il servizio. In buona sostanza, all’incirca come già avviene per gli ascensori, alcuni Istituti Notificati privati dichiarati soggetti abilitati possono effettuare le verifiche obbligatorie. Nel sito Inail è presente l'elenco dei soggetti abilitati.

                      Altra novità del Decreto (all.II punto 2 lett. C) riguarda l’introduzione di una indagine supplementare da eseguirsi su apparecchi di oltre 20 anni di vita. Come spiegato nel punto 3.2.3. all. II gli apparecchi di tale anzianità sottoposti a verifica periodica dovranno essere dotati di attestazione sullo stato d’uso, di manutenzione e di vita residua. Tale attestazione prevederà, se effettuata in modo serio, e comunque rispondente alle norme (UNI ISO 9927-1 per apparecchi di sollevamento, UNI EN 473 per le prove non distruttive) controlli approfonditi sulle zone maggiormente sollecitate dell’apparecchio e comunque ove si possano manifestare criticità strutturali, oltre ad una relazione tecnica di calcolo redatta da Ingegnere esperto ove si possa dichiarare la vita residua della macchina (o l’eventuale declassamento).

                      Ultima novità il costo delle verifiche che sarà standardizzato per tutto il territorio nazionale (deve però ancora essere pubblicato il decreto) e, penso, sarà considerevolmente aumentato rispetto alle tariffe precedenti

                      DIVIENE COMUNQUE DI MASSIMA IMPORTANZA LA PUNTUALITA’ DELLA VERIFICA. Sinora, da parte di alcune ASL, c’è stato un atteggiamento non sanzionatorio in caso di ritardi della verifica perché il servizio spesso non riusciva a garantire la totalità delle verifiche ma l’orientamento attuale, avendo a disposizione altri istituti e presumendo quindi la copertura della totalità o quasi delle verifiche, sta decisamente cambiando.

                      Ovviamente consiglio, prima di sottoporre a verifica ispettiva la gru o la piattaforma aerea, un controllo preventivo ed una manutenzione specifica (anch’essa obbligatoria per legge se prevista come nella maggioranza dei casi dal libretto di uso e manutenzione) presso officina specializzata od autorizzata.

                      Commenta


                      • #12
                        nei mezzi di sollevamento da sottoporre a verifica vi sono anche i telelescopici sempre e comunque,oppure solo se utilizzati anche in modalità particolari(per esempio con verricello)?
                        Stesso discorso per una pala gommata o escavatore,si devono verificare solo se usati anche a sollevare con gancio ,o sempre a prescindere?
                        Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                        Commenta


                        • #13
                          Per quanto riguarda i sollevatori telescopici (tipo Merlo) sono da verificare solamente i macchinari che conferiscono la funzione di sollevamento materiali con sospensione del carico, oppure che conferiscono la funzione di sollevamento persone.
                          Va eseguita una verifica unica che comprenda il mezzo di sollevamento e tutti gli accessori ad esso abbinati e regolarmente messi in servizio tramite denuncia all'Inail.
                          Gli accessori che obbligano il fattore verifica periodica sono dunque: gancio fisso-argano-cestello. Ho dubbi per quanto riguarda le forche e la benna in quanto non è ben definito cosa voglia dire "sospensione del carico"
                          [url]ScaligeraService.com[/url]

                          Commenta


                          • #14
                            Originalmente inviato da Scal service Visualizza messaggio
                            Gli accessori che obbligano il fattore verifica periodica sono dunque: gancio fisso-argano-cestello. Ho dubbi per quanto riguarda le forche e la benna in quanto non è ben definito cosa voglia dire "sospensione del carico"
                            Ok,questo è quanto mi risultava.
                            per esempio ricordo mi era stato detto che, se su una benna è presente un gancio saldato,viene considerata atta al sollevamento (e quindi necessita di valvole di blocco)ora probabilmente necessita anche di verifica.
                            Rimane non chiarito il telescopico con solo forche e benna ?
                            Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                            Commenta


                            • #15
                              Sono sottoposti a verifica anche i carrelli semoventi a braccio telescopico dotati solo di forche, la discriminante da allegato VII, DM11/04/2011 e nuovo tariffario è il braccio telescopico, non le forche. Qualsiasi carrello semovente a braccio telescopico va denunciato e verificato, nella scheda tecnica INAIL verranno poi indicati i vari accessori per il sollevamento persone e cose (forche, gancio, verricello, falcone, cestello) e se i carrelli sono fissi o rotativi.

                              Commenta


                              • #16
                                Originalmente inviato da Luca8484 Visualizza messaggio
                                Sono sottoposti a verifica anche i carrelli semoventi a braccio telescopico dotati solo di forche, la discriminante da allegato VII, DM11/04/2011 e nuovo tariffario è il braccio telescopico, non le forche. Qualsiasi carrello semovente a braccio telescopico va denunciato e verificato, .
                                Me lo ha confermato poco fà lo studio che mi fà la sicurezza.
                                Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                                Commenta


                                • #17
                                  Originalmente inviato da Luca8484 Visualizza messaggio
                                  Sono sottoposti a verifica anche i carrelli semoventi a braccio telescopico dotati solo di forche, la discriminante da allegato VII, DM11/04/2011 e nuovo tariffario è il braccio telescopico, non le forche. Qualsiasi carrello semovente a braccio telescopico va denunciato e verificato, nella scheda tecnica INAIL verranno poi indicati i vari accessori per il sollevamento persone e cose (forche, gancio, verricello, falcone, cestello) e se i carrelli sono fissi o rotativi.
                                  Confermo, occorre anche vedere il peso e l'omologazione del sollevatore.
                                  Se vengono omologati come pale al di sotto dei 45 q.li (quei pochi che ci sono) non rientrano fra le verifiche.
                                  Più lavoro e meno ferie

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Scusa Deggio ma non ho capito a cosa ti riferisci relativamente alla pale
                                    Le pale non rientrano nel regime delle verifiche periodiche (l'abilitazione all'uso è un'altra cosa, discriminato se inferiore o superiore ai 4,5 ton o 6 ton per gli escavatori) Qualsiasi apparecchio sia dotato di gancio di sollevamento superiore ai 200 kg. tranne quelli azionati a mano rientrano nel campo di applicazione delle verifiche periodiche, indipendentemente dalla macchina sulla quale è montata.
                                    Forse però non ho bene inteso....

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Originalmente inviato da Django Visualizza messaggio
                                      Scusa Deggio ma non ho capito a cosa ti riferisci relativamente alla pale
                                      Le pale non rientrano nel regime delle verifiche periodiche (l'abilitazione all'uso è un'altra cosa, discriminato se inferiore o superiore ai 4,5 ton o 6 ton per gli escavatori) Qualsiasi apparecchio sia dotato di gancio di sollevamento superiore ai 200 kg. tranne quelli azionati a mano rientrano nel campo di applicazione delle verifiche periodiche, indipendentemente dalla macchina sulla quale è montata.
                                      Forse però non ho bene inteso....
                                      Dopo che il dubbio ha in passato colto anche me, ti riporto l'esempio dei mezzi multifunzione, es. MULTIONE, AVANT, eccc...
                                      Nel caso specifico i mezzi sono omologati come macchine caricatrici al di sotto di un certo peso, e pertanto esonerate dalle verifiche nonostante le ben superiori capacità di sollevamento rispetto ai 200 Kg.

                                      Se poi vuoi sapere perchè e percome, ecco .... questo non lo so
                                      Più lavoro e meno ferie

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Sono veicoli che onestamente non conosco, ho guardato il sito ma secondo logica se sollevano oltre i 200 kg, devono essere collaudati INAIL. puoi chiedere a qualche funzionario ASL o INAIL?

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Già fatto, hanno detto che dipende dalla omologazione, così me la sono fatta mandare dalla casa costrutrice che mi ha più volte ribadito per iscritto l'esenzione dalla verifica per le suddette motivazioni.

                                          N.B.: io arrivo fino a qui, se poi per motivi oscuri mi hanno mentito non so che farci
                                          Più lavoro e meno ferie

                                          Commenta

                                          Annunci usato

                                          Collapse

                                          Caricamento...
                                          X