MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Consiglio per trincia miniescavatore

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • Consiglio per trincia miniescavatore

    Buongiorno a tutti vorrei un vostro parere in merito a una trincia per miniescavatore . Dopo aver interpellato varie ditte produttrici di trince finalmente sono in procinto di acquistare una per il mio fiat hitachi 17.2.la domanda e' questa : la trincia viene fatta funzionare dall impianto del martello senza il terzo tubo di drenaggio, il costruttore dice che è' progettata così e il drenaggio va in by pass sul ritorno, vorrei sapere se e' una cosa corretta? Grazie

  • #2
    Dipende.
    Se la trincia è azionata da un motore ad ingranaggi, allora, purché non fai girare la trincia in senso inverso e purché non ci siano grosse strozzature sul tubo di ritorno, è corretto così e funziona.
    Se il motore è un orbitale a drenaggio interno, allora funziona senza problemi in ogni modo.

    Nota: che sappia io, solo alcuni motori orbitali (specificatamente allestiti così) hanno realmente un drenaggio interno con doppia valvola di ritorno che scarica sulle quella delle due linee di alimentazione che è a pressione minore (esiste un limite di pressione max comunque).
    Un motore ad ingranaggi cosiddetto a drenaggio interno non è altro che una pompa (che non ha drenaggio esterno) usata come motore. Però puoi pressurizzare solo la bocca di mandata. L'altra dev'essere a bassissima pressione, altrimenti salta il paraolio.

    Commenta


    • #3
      Grazie mille ero rimasto un po' indietro tecnicamente comunque per quello che ho capito devo controllare che il ritorno dell impianto vada diretto nel serbatoio. In realtà l'impianto fa sia singolo che doppio effetto però commutando la valvola manuale che fa cambiare le mandate, dovrebbe mandare l'olio in scarico senza troppi giri ( spero)

      Commenta


      • #4
        in realtà, pur confermando quanto detto da Renotcha sul funzionamento generale, devo purtroppo dire che IN FASE APPLICATIVA con il ritorno non diretto a serbatoio, con quella configurazione può succedere che salti il paraolio del motore perchè all'interno del circuito si costituisce una contropressione dovuta dal fatto che lo scarico passa per il distributore del martello (che di fatto è una stroxzzatura - soprattutto se l'apertura è dosata e non di tipo on-off come le pilotate elettricamente, ma azioni attraverso il pedibolatore).

        A ME E' SUCCESSO...

        consiglio di mettere una valvola a 3 vie per realizzare un circuito ad effetto singolo con scarico diretto a serbatoio
        Ultima modifica di riccardo281063; 08/09/2014, 11:41. Motivo: incompleto

        Commenta


        • #5
          Confermo quanto detto da Riccardo281063, un'inconveniente simile mi è capitato su un piatto trinciante comandato da una eletrovalvola con le uscite A e B non comunicanti, una volta tolta la pressione il motore stesso continuava a girare per inerzia creando una pressione nello scarico che faceva saltare il paraolio.
          Marco B

          Commenta


          • #6
            Concordo con Marco e Riccardo, in assenza di drenaggio esterno le contropressioni sul ritorno sono la morte del paraolio.
            Altamente raccomandato usare solo una bocca del distributore di comando e far tornare l'olio dal motore trincia direttamente al serbatoio o, quantomeno e dopo controllo che non ci siano contropressioni residue su di esso, sul tubo T del distributore, cioè scavalcando la spola del distributore.
            Mi rimane un dubbio: se la spola del distributore è a centro chiuso (A e B tappati in posizione centrale), quando si arresta la trincia il motore continua a girare per inerzia, ma la sua bocca di alimentazione non è più alimentata dall'olio. C'è pericolo di dannosissima cavitazione. Sarebbe igienico montare una valvola anticavitazione che colleghi a ponte lo scarico (diretto al serbatoio) con il tubo di alimentazione (che rimane tappato e a secco d'olio nella fase di arresto inerziale).
            Problema automaticamente risolto se il distributore è a centro aperto, cioè con A e B collegati a T in neutro.

            Commenta


            • #7
              Grazie per le risposte ma sono meno tecnicamente preparato l'escavatore in questione e' un fiat hitachi 17,2 e non so se l'impianto sia a centro aperto o no e non saprei come constatarlo in pratica mi spieghereste come montare questa valvola tre vie ? In pratica dovrei aggiungere un tubo che torna diretto al serbatoio ? Posso collegarmi a uno dei tubi di ritorno che sono frangiati sul serbatoio con un T ? Comunque sulla trincia viene montata una valvola anticavitazione a protezione del motore secondo il costruttore. Grazie ancora

              Commenta


              • #8
                per spendere poco e fare in fretta si possono usare 2 attacchi a T ed una valvola unidirezionale.... così:

                poi monterei una valvola a 3 vie sulla linea del martello in modo da poter commutare a piacimento l'impianto da doppio a singolo effetto, portando una linea direttamente a serbatoio... molti mini ne escono già dotati...
                Attached Files
                Ultima modifica di mefito; 09/09/2014, 10:24.

                Commenta


                • #9
                  Grazie per le risposte allora penso di aver capito la valvola a tre vie fa già parte dell impianto del mini in quanto può essere anche a doppio effetto mentre il collegamento con i due T dovrebbe già essere in dotazione alla trincia . Quello che non ho capito e' se devo modificare l'impianto del mini portando un ritorno diretto al serbatoio o è' sufficiente l'impianto originale del martello

                  Commenta


                  • #10
                    Originalmente inviato da JanniBmw Visualizza messaggio
                    Grazie per le risposte ma sono meno tecnicamente preparato l'escavatore in questione e' un fiat hitachi 17,2 e non so se l'impianto sia a centro aperto o no e non saprei come constatarlo in pratica mi spieghereste come montare questa valvola tre vie ? In pratica dovrei aggiungere un tubo che torna diretto al serbatoio ? Posso collegarmi a uno dei tubi di ritorno che sono frangiati sul serbatoio con un T ? Comunque sulla trincia viene montata una valvola anticavitazione a protezione del motore secondo il costruttore. Grazie ancora
                    Chi ti vende l'accessorio non ti può predisporre anche la parte idraulica del mini e certificartela?
                    Non basta ricevere indicazioni sulle parti tecniche,si dovrebbe avere anche un minimo di pratica per essere certo che siano istallati i giusti componenti in modo corretto.
                    In questo caso difficilmente i danni possono non essere solo economici,ma,c'e sempre un ma.......
                    Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                    Commenta


                    • #11
                      Lo so che sarebbe meglio ma su Genova non c'è nessuno che tratta queste attrezzature e quindi sto cercando fuori regione ma sempre con trattative telefoniche

                      Commenta


                      • #12
                        Non conosco in dettaglio l'Hitachi 17.2 e nemmeno le trince. Quindi chiedo scusa preventivamente se dico cavolate.

                        Mi sembra di capire che l'escavatore ha un distributore a doppio effetto (due bocche, diciamo A e B) predisposto per l'azionamento di attrezzi ausiliari, al quale devi collegare i tubi di alimentazione trincia.
                        Se è così, dovresti:
                        1) tappare una delle due bocche del distributore, diciamo B: non ti serve, la trincia è monodirezionale
                        2) verificare subito da quale lato del comando (elettrico? servoidraulico?) ottieni pressione sulla bocca A. Segnala.
                        3) collegare la bocca A all'ingresso motore trincia per mezzo di un tubo adeguato in diametro (dipende dalla portata che non so)
                        Spero bene che sul motore della trincia siano ben identificati e distinti la bocca di ingresso (da collegare ad A) e la bocca di uscita per lo scarico diretto a serbatoio
                        4) collegare la bocca di uscita motore trincia direttamente al serbatoio, per esempio, come giustamente hai proposto, tramite un raccordo a T su un tubo di ritorno già esistente. Scegli un attacco grande, non lesinare (pericolo contropressioni). Attento anche alla dimensione del tubo di ritorno: normalmente, dovrebbe essere di una taglia più grande di quello di mandata (per es. ritorno da 3/4" se mandata 1/2" o 1" se mandata 3/4").
                        Se puoi, monta il raccordo a T il più vicino possibile al serbatoio prima del filtro. Evita il T prima del radiatore (dà contropressioni).
                        5) se, come garantito dal costruttore, la valvola anticavitazione è già integrata nel motore trincia, non devi fare altro.
                        6) metti in moto e in bocca al lupo

                        Commenta


                        • #13
                          Ok grazie quindi il tubo diciamo B come l'esempio che hai fatto , non lo uso come ritorno ?anche se commutando in impianto martello , lo diventerebbe, ma per sicurezza aggiungo un terzo tubo che vada diretto nel serbatoio??

                          Commenta


                          • #14
                            Originalmente inviato da JanniBmw Visualizza messaggio
                            Ok grazie quindi il tubo diciamo B come l'esempio che hai fatto , non lo uso come ritorno ?anche se commutando in impianto martello , lo diventerebbe, ma per sicurezza aggiungo un terzo tubo che vada diretto nel serbatoio??
                            Esatto.
                            Un chiarimento: perché parli di "tubo" e non di attacco? La macchina ha già i tubi, diciamo A e B, montati lungo il braccio?
                            Se è così, allora ti conviene staccare il tubo B dall'attacco sul distributore, tappare la bocca B del distributore e, tramite un nipplo di giunzione, proseguire col tubo B diretto verso il serbatoio, come detto sopra.
                            Così eviti il terzo tubo lungo il braccio.

                            Commenta


                            • #15
                              Si effettivamente ci sono due tubi con due attacchi rapidi . Secondo questa logica allora mi conviene intercettare il tubo di " ritorno" magari dove finisce il braccio lato torretta e mettere una valvola che lo devi nel serbatoio in modo che riazionando suddetta valvola ritorna tutto in modo originale e il tubo di " ritorno" mi funziona anche da mandata per qualche altro attrezzo commutando con la valvola di serie dell escavatore , cosa che non potrei fare se stacco il " ritorno " dal distributore

                              Commenta


                              • #16
                                Come credi. Però attento: con la nuova valvola rischi di ricreare proprio quella contropressione, dannosa per il paraolio, che si voleva evitare.
                                A questo punto, potresti mettere un raccordo a T sul tubo B, senza tappare l'attacco del distributore. Un attacco viene dal ritorno trincia; uno va al serbatoio; il terzo torna al B del distributore
                                Inoltre, metti un rubinetto a 2 vie, molto generoso in dimensione, sul tubo che dal raccordo T sul tubo B va diretto a serbatoio (dopo il T, lato serbatoio).

                                Quando usi altri attrezzi, chiudi il rubinetto.

                                Quando usi la trincia, lo apri. L'olio ha due strade parallele per tornare al serbatoio (tubo aggiunto e lo scarico tradizionale del distributore attraverso l'attacco B) e si dividerà fra le due in proporzione inversa alle contropressioni che trova; quindi, si abbatte ulteriormente la contropressione, magari compensando quella creata dal rubinetto aggiunto.

                                Se in trincia ti dimentichi il rubinetto chiuso, lo scarico attraverso il distributore può salvarti per un po'.
                                Se comandi la trincia, per errore, in senso inverso, l'olio scarica dal rubinetto aperto e ti salva il paraolio. Se il rubinetto è chiuso, in senso inverso della trincia, fotti il paraolio.

                                Se usi un attrezzo bidirezionale, se dimentichi il rubinetto aperto l'attrezzo non va in un senso (l'olio in B va a serbatoio attraverso il rubinetto, invece che all'attrezzo). Nell'altro senso, su A, nessun problema, se non che diminuisci o azzeri le eventuali portate al radiatore.

                                Ti ho fatto confusione? Spero di no. Pardon.

                                Commenta


                                • #17
                                  Invece no chiarissimo e una bella soluzione con poca spesa grazie se avrò bisogno invece della valvola prioritaria sulla mandata ti interpellerò se avrai la pazienza di ascoltare chi è' meno preparato in materia grazie mille ancora per l'assistenza

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Salve a tutti, sono nuovo del forum, ho bisogno del vostro aiuto, sono possessore di un volvo ecr 58 con impianto martello a semplice e doppio effetto, avrei trovato una trincia ferri TME80 però ha anche il terzo tubo di drenaggio.la mia domanda è:devo montare assolutamente il tubo di scarico o si può eliminare questo tubo dalla trincia? Perché ho visto che molte trince non c'è l anno nemmeno il terzo tubo, altra domanda:con l impianto martello riuscirò a lavorare bene o ho bisogno di un intero impianto prioritario? Grazie mille per l aiuto!!

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Originalmente inviato da Dani91 Visualizza messaggio
                                      Salve a tutti, sono nuovo del forum, ho bisogno del vostro aiuto, sono possessore di un volvo ecr 58 con impianto martello a semplice e doppio effetto, avrei trovato una trincia ferri TME80 però ha anche il terzo tubo di drenaggio.la mia domanda è:devo montare assolutamente il tubo di scarico o si può eliminare questo tubo dalla trincia? Perché ho visto che molte trince non c'è l anno nemmeno il terzo tubo, altra domanda:con l impianto martello riuscirò a lavorare bene o ho bisogno di un intero impianto prioritario? Grazie mille per l aiuto!!
                                      ciao,diciamo che i trincia anche ferri è da qualche anno che non fanno il terzo tubo,
                                      ma non puoi eliminarlo se il trincia ce l'ha vuol dire che è di qualche anno fà e il terzo tubo lo devi montare..
                                      non ho capito bene la seconda domanda,perche' non dovresti lavorare bene?
                                      chiaro che come quasi in tutti i mini,non puoi trinciare e usare la traslazione insieme,ma lavorare con la rotazione mentre trici..e con i muovimenti che non son collegati alla pompa 2 che manda anche il trincia...

                                      Commenta


                                      • #20
                                        A ok ho capito, quindi spendo un po di più sulla trincia e ne compro una senza drenaggio così evito di montare un altro tubo,andare avanti e indietro con i cingoli non mi interessa molto, sarebbe abbastanza che vada il braccio e la rotazione, io non ho idea a che movimenti sia collegato l impianto martello sul mio ecr 58 ma proverò prima di fare un impianto prioritario perché la userò 5 ore al anno la trincia.grazie mille

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Sulla scheda tecnica volvo parla di 3 pompe una dice:impianti idraulici a doppia azione regolabili a punta di dito 70 litri minuto, mi verrebbe da dire che ha una pompa solo per l impianto martello..

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Originalmente inviato da Dani91 Visualizza messaggio
                                            A ok ho capito, quindi spendo un po di più sulla trincia e ne compro una senza drenaggio così evito di montare un altro tubo,andare avanti e indietro con i cingoli non mi interessa molto, sarebbe abbastanza che vada il braccio e la rotazione, io non ho idea a che movimenti sia collegato l impianto martello sul mio ecr 58 ma proverò prima di fare un impianto prioritario perché la userò 5 ore al anno la trincia.grazie mille
                                            ok,forse meglio,ferri o berti te li consiglio per i mini.anche perche' se hai gia' la possibilità di fare il doppio effetto ed il mono,vuol dire che hai già un rubinetto che quando fai il mono ti và gia a scarico al serbatoio...
                                            io sono sempre a favore dell'evoluzione,che poi tra l'altro il terzo tubo non lo montano piu' nemmeno le trivelle,
                                            ti metto una scaletta di muovimenti che vale per quasi tutti i mini..
                                            pompa p1
                                            sollevamento-benna-cingolo dx
                                            p2
                                            bilancere-impianto martello-cingolo sx
                                            p3
                                            lama-rotazione-brandeggio

                                            chiaro che da come vedi sopra anche il bilancere puo' limitarti il tricia,devi avere un po' di occhio nei muovimenti quanto lo usi,perche' il trincia richiede molti litri al minuto di olio
                                            io tempo fa' feci un impianto con un ripartitore di flusso,per sommare le portate e dare precedenza al trincia,ma non lo consiglio,perche' è abbastanza complesso e devi poi aggiungere anche un refrigerante dell'olio,
                                            visto che lo useresti poco,non vale la pena,perche andresti a modificare proprio l'impianto della macchina e per esperienza le macchine devono morire come nascono...

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Salve a tutti volevo avere qualche info riguardo una valvola prioritaria e cioè: visto e considerato che nella mia zona nn esiste nessuno che vuole installarla sul mio miniscavatore, volevo sapere come posso fare, una volta installata, x la taratura, o meglio per regolarla in modo da nn creare possibili danni alla macchina. Lo scopo e dare la priorità alla trincia. Grazie a tutti

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Originalmente inviato da maxxi70 Visualizza messaggio
                                                Salve a tutti volevo avere qualche info riguardo una valvola prioritaria e cioè: visto e considerato che nella mia zona nn esiste nessuno che vuole installarla sul mio miniscavatore, volevo sapere come posso fare, una volta installata, x la taratura, o meglio per regolarla in modo da nn creare possibili danni alla macchina. Lo scopo e dare la priorità alla trincia. Grazie a tutti
                                                ciao dacci qualche dettaglio in piu',tipo di macchina ecc..
                                                è comunque complicato per chi non è di mestiere istallare un ripartitore di flusso....
                                                non tanto per la valvola,è poi perche l'olio va' alle stelle la temperatura

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  la valvola che uso io (semplice o doppia a seconda che si abbia 1 o 2 pompe principali) è quella allegata. La scelgo di 1 taglia superiore alle tubazioni che collegano pompa/e con distributore per evitare surriscaldamenti. In uscita sulla priority flow metto una valvola unidirezionale ed un rubinetto elettrico collegato in serie alla bobina della valvola (in questo modo evito ritorni indesiderati e trafilamenti vari).

                                                  Per la trincia uso un impianto a semplice effetto (far girare indietro una trincia per pulirla serve a poco o nulla - se è intasata da fil di ferro o altro devi tagliare).

                                                  L'impianto ovviamente deve essere pilotato; ovvero il consenso all'apertura dell'uscita prioritaria deve contestualmente pilotare il/i regolatore/i ... altrimenti l'impianto resta "sordo"

                                                  per le tubazioni, solitamente metto un T su una mandata dell'impianto supplementare (martello) e una valvola a 3 vie sull'altra parte; una uscita della valvola a 3 vie deve andare a scarico (tra distributore e valvola che parzializza il flusso al radiatore dell'olio)
                                                  Attached Files
                                                  Ultima modifica di riccardo281063; 10/06/2015, 13:55.

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Originalmente inviato da riccardo281063 Visualizza messaggio
                                                    la valvola che uso io (semplice o doppia a seconda che si abbia 1 o 2 pompe principali) è quella allegata. La scelgo di 1 taglia superiore alle tubazioni che collegano pompa/e con distributore per evitare surriscaldamenti. In uscita sulla priority flow metto una valvola unidirezionale ed un rubinetto elettrico collegato in serie alla bobina della valvola (in questo modo evito ritorni indesiderati e trafilamenti vari).

                                                    Per la trincia uso un impianto a semplice effetto (far girare indietro una trincia per pulirla serve a poco o nulla - se è intasata da fil di ferro o altro devi tagliare).

                                                    L'impianto ovviamente deve essere pilotato; ovvero il consenso all'apertura dell'uscita prioritaria deve contestualmente pilotare il/i regolatore/i ... altrimenti l'impianto resta "sordo"

                                                    per le tubazioni, solitamente metto un T su una mandata dell'impianto supplementare (martello) e una valvola a 3 vie sull'altra parte; una uscita della valvola a 3 vie deve andare a scarico (tra distributore e valvola che parzializza il flusso al radiatore dell'olio)
                                                    ciao riccardo...mi piace lo schema,non ti crea surriscaldamenti?specialmente se usi la valvola 2 dove sommi le portate?
                                                    scusa poi se non conosco il termine,ma che intendi quando dici impianto resta sordo?

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      se noti, l'olio di ritorno dal trincio va a monte del radiatore (e della valvola che ne parzializza il flusso), pertanto viene raffreddato tutto l'olio che è possibile raffreddare dalla macchina.

                                                      La valvola doppia ha 2 ingressi (da collegare alla pompa), 2 uscite eccedenti (da ricollegare al distributore ed 1 sola uscita prioritaria (la somma viene fatta all'interno della valvola stessa)

                                                      Nelle pompe a portata variabile, una pressione di servizio fa pilotare l'inclinazione del piattello tramite il regolatore per passare da portata minima a massima (o viceversa) passando per tutte le fasi intermedie. Questa funzione la fa il distributore con condotti secondari specifici che si azionano quando muovi le cloches.... ESEMPIO: se il regolatore è un NFC il calo di pressione di servizio fa passare da min a max; se è un positivo invece è l'aumento di pressione che determina l'aumento di portata; se è un load sensing invece è direttamente proporzionale alla press richiesta.

                                                      Se tu aggiungi una valvola per far funzionare un utilizzatore, quando la azioni (nel nostro caso con un comando elettrico sul solenoide) la valvola apre l'uscita prioritaria.... però la pompa è in regolazione minima perché nessuno gli ha detto che necessita più flusso...

                                                      insomma.... bisogna dire al sistema che deve dare flusso. Altrimenti resta sordo, ovvero all'uscita esce o la portata minima, o quella eccedente se si usa un altro qualsiasi movimento.... ma non certo la portata richiesta.

                                                      Scusate la terminologia e le semplificazioni, ma ho cercato di spiegare in modo comprensibile
                                                      Ultima modifica di riccardo281063; 11/06/2015, 11:05. Motivo: correzione

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Grazie ragazzi ma non ci ho ancora capito nulla....io ho un janmar 20qli, litri pompe circa quaranta, la trincia ne richiede 26. Ha tre pompe a ingranaggi (credo) e dotata già una valvola a tre vie,, la cosa antipatica che la pompa n 3 serve valvola a tre vie quindi trincia, la rotazione e la lama. Quindi logicamente quando usi la trincia, non gira ma fa tutti gli altri movimenti. Quindi mi hanno proposto di instal una valvola prioritaria messa a monte di tutto subito dopo le pompe, questa ha un uscita prioritaria per la trincia che va collegata sulla valvola a tre vie e va usata esclusivamente in pos martello visto che il ritorno va direttamente al serbatoio. Considerato che non vedo problemi per il montaggio ma chiedevo se può essere un problema poi la messa a punto delle portate o se, in mancanza di misuratori oleodin, posso eseguirla manualmente andando ad esclusione......grazie a tutti

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Originalmente inviato da maxxi70 Visualizza messaggio
                                                          Grazie ragazzi ma non ci ho ancora capito nulla....
                                                          E' un argomento tecnico,se non lo conosci ....

                                                          Originalmente inviato da maxxi70 Visualizza messaggio
                                                          . Considerato che non vedo problemi per il montaggio
                                                          Non si vedono problemi in due casi,quando si conosce bene la materia o quando non a si conosce....
                                                          Originalmente inviato da maxxi70 Visualizza messaggio
                                                          ma chiedevo se può essere un problema poi la messa a punto delle portate o se, in mancanza di misuratori oleodin, posso eseguirla manualmente andando ad esclusione......grazie a tutti
                                                          Con queste premesse:
                                                          Originalmente inviato da maxxi70 Visualizza messaggio
                                                          Grazie ragazzi ma non ci ho ancora capito nulla....
                                                          Diviene difficile pensare di andare oltre.
                                                          Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            grazie riccardo ho capito ora cosa vuol dire sordo,per il resto è come li facevo io...

                                                            maxxi70 guarda mi sembra strana la composizione della tua macchina amenoche' la tua macchina è vecchissima ,la pompa che fà il trincia è la n'2 quella che ti fà anche cingolo sinistro e bilancere.....comunque sia la tua macchina è troppo piccola per la valvola prioritaria...
                                                            poi gli dovresti fare regolazione di portata e di pressione di massima...quindi ti servirebbe un flussometro o a limite un conta giri per misurare il trincia,senza contare i manometri, non puoi pensare di farlo senza niente...
                                                            ti consiglio di usare il rubinetto che hai lo mandi in monoeffetto quando usi il trincia e la macchina la lasci come stà e usi il trincia come puoi...
                                                            non ti offendere,ma se non hai un minimo di conoscenza base su ste cose fai piu' danni che altro..

                                                            Commenta

                                                            Caricamento...
                                                            X