MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

revisione miniescavatore imef 14 quintali

Collapse
X
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • #31
    Il distributore è del tipo doppio,gestisce la rotazione e la lama anteriore,che dopo il rimontaggio non si mantiene più chiusa.
    Ieri a seguito di un incidente si è verificata la rottura di alcune tubazioni in zona distributore rotante,e furiesce olio da un tubo che va alla lama,è evidente che il relativo distributore non effettua la dovuta chiusura in posizione di riposo,mi tocca rismontare e verificare nuovamente.

    Commenta


    • #32
      Originalmente inviato da Marco Bellincam Visualizza messaggio
      Su tutti i cilindri solitamente sono installate delle valvole antishock
      (integrate spesso nel distributore idraulico) appunto per evitare sovrapressioni pericolose che potrebbero compromettere il cilindrio stesso (scoppio di un tubo, apertura della camicia, piegamento dello stelo)
      Potrebbe essere una di queste valvole a fare i capricci e rallentare il movimento di discesa.
      Mi viendifficile pensare all'intervento di una antishock,anche difettosa,quello che si manifesta si spiegherebbe con la presenza di una valvola tipo "paracadute".
      Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

      Commenta


      • #33
        Originalmente inviato da mefito Visualizza messaggio
        ...Mi viendifficile pensare all'intervento di una antishock,anche difettosa...
        Un difetto simile mi è capitato su un vecchio Simit FE 18, la rottura di una molla della valvola antishok del cilindro che alzava il braccio si era rotta i più punti e dava un difetto simile, sostituita la molla tutto è tornato normale.
        Magari la rottura potrebbe aver interferito con l'eventuale valvola paracadute.
        Marco B

        Commenta


        • #34
          [/IMG]Come ho già in precedenza anticipato,ho dovuto aprire il doppio distributore,che comanda la rotazione e la lama anteriore,ed ho trovato i due pistoncini cosi come si presentano in foto,teoricamente dovrebbero essere uguali,quindi desumo che siano stati manomessi.

          Commenta


          • #35
            Sei riuscito poi a rimettere in sesto il distributore?

            Oggi ho fatto le prove di pressione su tutte e 3 le pompe, per cercare di capire un po' meglio come funziona.
            Praticamente, nel mio scavatorino (imef HE12) ho che una delle tre pompe e' meno forte delle altre... almeno, cosi' sembra, dal momento che sia il cingolo, sia il secondo pistone del braccio, sia il movimento dato dal pistone laterale (cosi' lo chiamo io) sono piu' fiacchi rispetto ad altro cingolo, altro pistone...
            Speravo dunque ci fosse la possibilita' di aumentare la pressione della seconda pompa, regolando appunto i regolatori di pressione, che non so neanche dove si trovino.
            Il cingolo fiacco aziona la valvola di scarico pressione troppo presto... e cosi' se lo devo muovere da solo anche un piccolo ostacolo diventa un problema. A pieno regime viaggia a poco piu' della meta' della velocita' dell'altro.


            Pompa numero 1:


            cingolo sinistro raggiunge 140 atmosfere sia avanzando che arretrando
            ( di fabbrica sarebbe il destro, ma l'ho invertito l'anno scorso sul distributore col DX per provare a vedere se il problema era sul riduttore),

            secondo pistone del braccio sotto sforzo, a 60 atmosfere scatta la valvola di sicurezza, sfiata, e 'gna fa. Se non sotto sforzo, raggiunta la massima estensione scatta la valvola a 150 atmosfere

            pistone laterale sfoga da 50 atmosfere in su

            Pompa numero 2
            Comanda la rotazione della ralla, e l'alzo della lama
            La rotazione, sia in senso orario che antiorario, avviene a 60 atmosfere
            la lama, lavora a 90 / 100 atmosfere (scendendo/salendo) e quando sfoga la valvola indica 170 atmosfere

            Pompa numero 3
            Cingolo DX (sarebbe il sinistro, ma li ho invertiti) lavora a 140 atmosfere
            Primo pistone del braccio: sfoga a 160 atmosfere
            Terzo pistone del braccio(controlla la benna) : a vuoto, aprendo lavora a 50 atmosfere, e chiudendo lavora a 20 atmosfere

            Le misurazioni che ho preso ovviamente hanno poco senso dal momento che era la prima volta che le prendevo, e non sapevo bene come fare: immagino che avrei dovuto lavorare "sotto sforzo" e li' osservare il tutto, mentre essendo davanti a casa non ho potuto propriamente scavare trincee...

            Se qualcuno e' in ascolto, e ha voglia di spendere due parole sulla regolazione della pressione su ogni ramo della pompa...ne sarei grato!

            ciao
            nimo

            Commenta


            • #36
              Ciao nimo,il problema distributore non l'ho ancora risolto!
              La foto dei pistoncini interni stanno nell'album fotografico,ma non sono riuscito ad inserirle nel messaggio.
              Delle tre pompe una alimenta benna e rotazione,le altre due i movimenti da te descritti.
              La pressione della rotazione deve essere bassa!
              Per escludere la pompa basta invertire i tubi delle due e verificare.
              Per le valvole limitatrici,stanno nei relativi distributori,e devono aprirsi al superamento della pressione massima.
              Se alzi il braccio,avrai una pressione,quando arriva a fine corsa,si deve aprire la valvola ed hai la pressione max di lavoro,senti anche il motore sotto sforzo,senza sforzo è normale una pressione bassa.
              Per la benna,la infili nel terreno e con la lama giù agisci sul distributore in modo che traini tutta la macchina,ottieni la pressione alta ed in pratica avere anche il trascinamento dell'escavatore.
              La pompa n.3 ( braccio e benna ) arriva comunque a 160 atm,mentre lavora bassa con la benna,anche il mio escavatore ha meno forza su questo martinetto,confrontato con quello dell'avanbraccio,ma nel mio caso c'è anche trafilamento d'olio interno,50 in apertura e 20 in chiusura però sono strani a vuoto,misura la pressione con la benna aperta chiusa a fine corsa; l'unica variazione è meccanica perchè solo quando l'asta cromata è in rientro la forza prodotta è inferiore,dato la superfice del pistone che è inferiore rispetto a quando è spinto in uscita,e chiude la benna nell'azione di scavo.

              Commenta


              • #37
                misurazioni di pressione, taratura valvola di massima

                Quali saranno i valori di taratura delle valvole di massima pressione nell'imef HE12? si aggireranno sui 160 bar? Per la rotazione ralla, la pressione di lavoro era 60 bar, sembra regolare? La ralla ruota bene.

                Il braccio ha forza, come pure il cingolo corrispondente, come pure la benna. La valvola di massima di quel ramo sembra esser regolata a 160 atmosfere.

                L'avambraccio, il pistone laterale e l'altro cingolo sono mosci: sotto sforzo, ma ancora con pressioni basse (intorno ai 60) parte una valvola che sfiata... la pressione poi continua a salire, fino al raggiungimento della massima; e' lecito supporre che sia malregolata la valvola di protezione dell'utilizzatore, tarata troppo bassa rispetto a quella di protezione del circuito ? E se si, trovo entrambe le valvole nel distributore, giusto?

                ciao

                Commenta


                • #38
                  Originalmente inviato da nimo Visualizza messaggio
                  Quali saranno i valori di taratura delle valvole di massima pressione nell'imef HE12?


                  Le pressioni, come è dove si rilevano e quali sono i valori corretti,sono certamente appannaggio di tecnici specifici.
                  Se non hai padronanza delle modalità di controllo evita di intervenire.

                  Originalmente inviato da nimo Visualizza messaggio
                  L'avambraccio, il pistone laterale e l'altro cingolo sono mosci: sotto sforzo, ma ancora con pressioni basse (intorno ai 60) parte una valvola che sfiata... la pressione poi continua a salire, fino al raggiungimento della massima; e' lecito supporre che sia malregolata la valvola di protezione dell'utilizzatore, tarata troppo bassa rispetto a quella di protezione del circuito ? E se si, trovo entrambe le valvole nel distributore, giusto?

                  ciao
                  È improbabile che si verifichi ciò che descrivi per come lo descrivi,un motivo in più per rivolgerti ad un professionista.
                  Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                  Commenta


                  • #39
                    E' possibile che la pressione sia 160 Bar.
                    I due circuiti alimentati dalle due pompe dovrebbero presentare uguale comportamento,il fatto che il circuito motore avanbraccio e laterale ha una pressione di solo 60 Bar spiega le anomalie.
                    A macchina ferma,con i distributori in posizione di riposo,la pressione deve salire fino all'ntervento della valvola di regolazione, la pressione bassa indica un passaggio d'olio dal circuito allo scarico.
                    Che cosa poi fa aumentare questa pressione?
                    Sulle tre pompe stanno i tre raccordi per l'inserimento manometro,tolto i tappi si vedono le valvoline,chi le apre in fase di misura?
                    Ogni distributore ha due valvole limitatrici relative ai due movimenti specifici,tale da dare pressioni differenti su un martinetto,nel caso dell'avanbraccio si ha maggiore pressione in spinta,escludo che il problema siano causate da queste.

                    Commenta


                    • #40
                      Ciao a tutti. Riscontro una perdita di olio dal pistone. Decido di smontare il pistone per cambiare gli anelli di tenuta. A parte che mi devo fabbricare / acquistare la chiave per smontare le varie ghiere, mi chiedevo : smontando i flessibili che portano l'olio al cilindro, e non avendo tappi adatti, puo' bastare mettere un sacchetto (,,,) con elastico giusto per evitare che entrino schifezze? Se apro il circuito in un punto, come si comporta la perdita di pressione del circuito? E' localizzata da qualche valvola o si riflette su tutto?

                      saluti
                      Attached Files

                      Commenta


                      • #41
                        Ciao,quello che vuoi smontare si chiama "martinetto" ed è composto da un cilidro,da una testa guida,dall'asta cromata ed infine il pistone,che porta le tenute o polypak.
                        Non hai specificato quale dei tre martinetti devi revisionare,comunque per tappare ti bastano anche due tappi da 3/8" ,tuttavia se i tubi sono al di sopra del livello del serbatoio non rischi perdite di olio idraulico,bene è coprirli per evitare incontaminazioni dell'olio.
                        Per la chiave necessiti di due cilindretti da 6 mm ( il gambo di una punta da trapano ),due piastrine di ferro saldate a Y con prolunga con due fori con lo stesso asse della testa guida da svitare,in cui inserisci i due cilindretti preparati prima o che tagli dopo la saldatura.
                        I tre martinetti non sono uguali tra loro.
                        Buon lavoro!

                        Commenta


                        • #42
                          Ciao. Devo revisionare il martinetto che gestisce la rotazione del braccio, saldato sul corpo della ralla da un lato. Il piu' basso, sotto al livello del serbatioio dell'olio. Dovro' recuperarmi i tappi
                          ... Qual'eì il passo dei tappi da 3/8 di pollice per raccorderia idraulica ?
                          Apro una piccola parentesi:
                          raccorderie pneumatiche e raccorderie idrauliche: vechia raccorderia pneumatica usa passi "strani". Prima che venissero standardizzati? Sono passi inglesi? Mentre i metrici sono "standardizzati"???

                          Fine della divagazione -

                          Grazie del suggerimento per la chiave... provero' a costruire una chiave con perno che vada bene per tutti i martinetti, perche' mi immagino tra qualche settimana a cambiare il secondo... poi quello della lama, che perde anche lui... insomma, non vorrei passare il resto della mia estate a saldare chiavi per smontare martinetti eheh... scherzi a parte, vi terro' informati!!! ciao

                          Commenta


                          • #43
                            in oleodinamica si utilizzano innumerevoli tipologie di filetti,se nel tuo caso E355 conosce il mezzo e ti dice che sono "3/8",è già identificato,significa che è "Gas cilindrico"da 3/8.
                            Come tappi provvisori puoi utilizzare anche i tappi da idraulica(gas conico),con del teflon e avvitati a mano chiudono(maschio nel manicotto),diverso è tappare il girevole femmina,puoi lasci un nipplo e chiudi insieme i due tubi se possibile.
                            Ogni altra considerazione sui "passi strani" o "standardizzati" è fuoriluogo.
                            Ricordati sempre che non è "il tuo mestiere", far danni o farsi male è un attimo.....
                            Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                            Commenta


                            • #44
                              Come già in precedenza,ho un IMEF,e dovrebbe essere uguale!
                              Con 3/8" gas è lo stesso usato in oleodinamica,il similare è 14 passo 1,5,ma non sostituibile,o intercambiabile.
                              Il martinetto è quello per lo spostamento del braccio,teoricamente il distributore non dovrebbe consentire flusso d'olio,per la chiusura non è sufficiente il teflon,le filettature sono coniche non la faccia che va a chiudere contro il cono del raccordo.
                              Un ottima chiusura si ha ricorrendo a due niples da 3/8" oliodinamici e a due tappi femmina.
                              In caso fluisce olio,puoi aprire il circuito dopo il filtro dell'olio.

                              Commenta


                              • #45
                                Originalmente inviato da E355 Visualizza messaggio
                                ,per la chiusura non è sufficiente il teflon,le filettature sono coniche non la faccia che va a chiudere contro il cono del raccordo.
                                .
                                E' specificato che il teflon va sul maschio nel manicotto in caso di utilizzo di tappi da idraulica(gas conico),la femmina non ha comunque una filettatura conica ,ma una tenuta conica(tra coni).
                                Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                                Commenta


                                • #46
                                  E' stata una dura giornata ma ce l'ho fatta a smontare il pistone... .. un decimo di giro alla volta, per almeno una ventina di giri, quant'e' lunga la ghiera!

                                  Commenta


                                  • #47
                                    Nel precedente messaggio #44 a 3/8" ho associato la filettatura metrica 14 x 1,5 ,
                                    mentre 14 x1,5 sostituisce la misura di 1/4".
                                    I tubi flessibili in gomma hanno da almeno un lato il raccordo con dado girevole su questo mini,quindi il tappo deve essere necessariamente maschio.
                                    Il martinetto che fa ruotare il braccio nel mio IMEF è situato sotto al serbatoio dell'olio idraulico,per smontarlo va tolto il serbatoio o tutta una serie di tubi metallici per poi svitare in sede la testa guida,la filettatura sarà di ben 30 mm e il passo 1,5.
                                    Il diametro del cilindro è 85 mm esterni e 70 mm interno,come il martinetto del braccio e della lama.

                                    Commenta


                                    • #48
                                      Originalmente inviato da E355 Visualizza messaggio
                                      Nel precedente messaggio #44 a 3/8" ho associato la filettatura metrica 14 x 1,5 ,
                                      mentre 14 x1,5 sostituisce la misura di 1/4".
                                      Non la sostituisce,è simile dimensionalmente,come similitudini dimensionali ci sono con altre tipologie utilizzate in oleodinamica,dire che "la sostituisce" può creare fraintendimento.
                                      Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                                      Commenta


                                      • #49
                                        ragazzi no essendo esperto col compiuter o trovato casualmente la discussione sull'imef , io o il 14 con gyoistic e un grosso ploblema che non funzionano correttamente,ma o cercato di inserire la discussione sul forum ,ma credo di non essere riuscito ,percui vi chiedo come fare per fare domande e avere risposte , devo sciverle qui ,e come ci arrivo non casualmente qui grazie a chi mi aiuta

                                        Commenta


                                        • #50
                                          ma questi forum sono tutti morti ? non risponde mai nessuno

                                          Commenta

                                          Annunci usato

                                          Collapse

                                          Caricamento...
                                          X