MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Macchine agricole d'epoca: le Carioche

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • Macchine agricole d'epoca: le Carioche

    Il GAMAE, gruppo amatori macchine agricole d'epoca, uno dei più antichi e autorevoli gruppi in questo settore, organizzarà una esposizione di trattori derivati (detti anche "carioche) che si avrà luogo a Casteuovo di Sotto in prov di RE il 17 e 18 giugno prossimi.
    Le "Carioche" (chiamate buroraticamente "Derivate"), erano quelle macchine costruite dal 1939 sino al1949-50 con ciò che si trovava sul mercato dei ferrivecchi all'inizio, poi, terminata la guerra, tra i residuati bellici di tutti gli eserciti che avevano percorso la Penisola. Poichè si tratta di materiale rimasto sinora senza storia, gran parte è andato irrimediabilmente distrutto: Noi stiamo cercando di salvare il salvabile. Forse sotto qualche portico o peggio sotto qualche albero, c'è rimasta una Carioca. Stiamo facendo un inventario di cosa esiste ancora.
    Penso che i partecipanti a questo Forum che vedo spesso entusiasmarsi per gli argomenti storici, possano contribuire a salvare anche una sola di queste macchine destinate irrimediabilmente alla distruzione. Segnalateci la presenza di qualcuna di queste macchine, vedrenmo insieme di cosa si tratta e potremmo anche sponsorizzarne il recupero.
    Grazie in anticipo.

  • #2
    Chiedo scusa a Dozza se non ho provveduto subito, ma il tempo è quello che è....

    Notizie curiosita informazioni varie da chi ha, ha avuto o ha utilizzato le varie "Carioche". Se ne parla sempre poco, ma fanno parte della storia pure loro.....
    Anche foto se possibile. Ne alleghero' qualcuna anche io a breve.

    Commenta


    • #3
      Festa GAMAE 17-18 giugno a Castelnuovo di sotto - Reggio Emilia

      Grazie per darmi la possibilità di parlare di questo evento.
      La festa del Gamae è la madre di tutte le feste. Si è svolta praticamente ogni anno da una ventina d'anni. Fu la prima manifestazione di trattori d'epoca alla quale tutte le altre che vennero dopo, devono qualcosa.
      Già in partenza si svolgeva nel parco del castello di Castenuovo sotto, in concomitanza della "festa dei cavalli". I trattori erano quelli dei soci e in ogni edizione si potevano osservare gli ultimi acquisti. Pezzi di ricambio e biblioteca accompagnarono l'avvenimento.
      Da un pò di tempo, visto che le novità sono sempre più rare, all'interno della festa, viene dedicato uno spazio ad un argomento specifico che non intacca il grosso della manifestazione, ma ne aumenta l'interesse. Quest'anno l'argomento sarà la Carioca, macchina che consentì ai nostri nonni e ai nostri padri di sopravvivere negli anni a ridosso della guerra. Le Carioche sono macchine delle quali molti parlano ma pochi sono i documenti. Il Gamae ha creato un Comitato,del quale sono il presidente, con l'obiettivo di fare un censimento delle macchine esistenti e raccoglierne anche i ricordi e qualche fotografia.
      Grazie se c'è qualcuno che vuole darmi una mano. Grazie in anticipo e vediamoci tutti in piazza il 17-18 giugno.
      Dozza

      Commenta


      • #4
        dozza io ho una carioca!!!!!
        che sto cercando di restaurare però è dura! possiede un motore ford ed è ferma da vent' anni ti allegherò delle foto entro sabato!.
        Non pensavo ci fosse qualcuno interessato a quelle vecchie macchine!
        pensa che la mia era pure omologata per girare su strada!
        Ultima modifica di

        Commenta


        • #5
          Originalmente inviato da Carraro turbo
          Tempo fa vidi una sgranatrice, forse una Carra, montata su un'auto FIAT. Può essere definita una Carioca?
          percaso era questa? anche io mi sono chiesto se fosse una carioca...
          se non lo era allora non era una carioca vera e propria neanche quella di mio nonno, perchè d auna foto che non riesco più a trovare era circa così, però ne aveva una costruita su una jeep willys (arava anche la vigna con questa , per i campi aveva il Vèlite).
          Attached Files
          Ultima modifica di

          Commenta


          • #6
            Trattori - Derivate (carioche) - Macchine Agricole Autom..

            Per l'UMA, che era la burocrazia, quindi la legge, la suddivisione dei mezzi agricoli a motore era:
            - trattrici (sinomino di trattori, termine oggi più comune dell'altro)
            - derivate (chiamate anche "carioche" - nel ferrarese,"titine)
            - macchine agricole autom. (autom. potrebbe stare per automotrici oppure automobili, non so).

            I TRATTORI--sappiamo cosa sono.

            LE MACCHINE AGRICOLE AUTOM. sono macchine agricole specifiche in grado di muoversi in modo autonomo. Già alla fine degli anni Venti qualche contorerzista aveva montato la sua sgranatrice su un residuato bellico. L'idea venne sviluppata da alcune case costruttrici al punto che nel 1948 di queste macchine 1463 erano iscritte all'Uma.

            LA CARIOCHE sono trattori a tutti gli effetti, non si portano addosso nessuna macchina specifica. Sono dei camioncini o delle automobili tagliate e cucite con i materiali a disposizione in quel momento. Si riconoscono perchè non assomigliano praticamente a nessun trattore.
            Prendete mezzo telaio della Fiat 509 col suo sterzo, il motore della Bianchi, un secondo cambio della Isotta Fraschini (serve da riduttore), l'assale posteriore del 15 Ter, recuperate un qualsiasi cofano per proteggere dall'acqua il propulsore, un po di legname per farci un pavimento, una panchetta per sedersi alla buona ... questa e una CARIOCA!
            Ce ne sono state quasi 6 mila. E' possibile che da questo forum non esca la segnalazione di almeno una ventina di esemplari? Chiedete ai nonni. Fatevi dare le foto e dire dove sono andate a finire.
            Fatemi sapere!.

            Commenta


            • #7
              Buoni buoni!!!!! un po' di pazienza e qualcuno arriva!
              Questa e' la Carioca del mio amico Silvio che pessiede un vero arsenale di mezzi d'epoca!
              Non mi ricordo che marca e', pero' il motore e' un 6 cilindri Morris "petrolizzato" come quello adottato da Ferruccio Lamborghini nel suo primo trattore.
              Attached Files

              Commenta


              • #8
                Originalmente inviato da ralfg
                Buoni buoni!!!!! un po' di pazienza e qualcuno arriva!
                Questa e' la Carioca del mio amico Silvio che pessiede un vero arsenale di mezzi d'epoca!
                Non mi ricordo che marca e', pero' il motore e' un 6 cilindri Morris "petrolizzato" come quello adottato da Ferruccio Lamborghini nel suo primo trattore.
                Se non sbaglio dovrebbe essere un DEL MONTE ma il motore credo sia 4 cilindri a petrolio. Ne possiede uno simile il mio amico collezionista

                Commenta


                • #9
                  Signor Dozza, le cingolette trasformate in trattori nel dopoguerra, saranno state omologate tra le derivate o tra le trattrici normali?
                  Io l’ultima che ho visto era sepolta dai rovi in una demolizione ormai 10 anni fa comunque darò subito l’informazione ad un amico che abita nei paraggi per andare a vedere se si è salvata.
                  Una cosa che mi ha piuttosto stupito era che pensavo che fossero unicamente opera sporadica di fabbri/meccanici e non come ad esempio sulle moto ove le fabbriche ritiravano diciamo 300 Ariel e, revisionate, riverniciate ed applicato il telaio elastico le rivendevano.
                  Invece anni fa in un blocco di materiale cartaceo che ho comprato mi è saltato fuori, e chissà, come sempre, dove l’ho cacciato, un catalogo/depliant di una fabbrica specializzata nella trasformazione e rivendita diretta di vari tipi di questi trattori ex bellici.

                  Commenta


                  • #10
                    Junker,
                    1) Prego controllare se per caso la cingoletta si è salvata.
                    2) Le cingolette erano delle derivate. Durante e dopoguerra non esistevano le omologazioni. La UMA - Utenti macchine agricole - fu trasformata nel 1946 in "ente assistenziale" con il compito di distribuire carburante a prezzo agevolato. All'Uma si iscrivevano gli agricoltori che chiedevano il carburante. Dovevano dichiarare ovviamente il mezzo che possedevano e così nacque la statistica che la stessa Uma distribuì nel 1948.
                    3)Le moto restravano moto; la trasformazione riguardava la sospensione posteriore e veniva conservata la marca. Per le Carioche non c'erano trattori da modificare c'erano invece tante parti che una volta insieme perdevano la loro identità. La "marca" era eventualmente quella dell'assemblatore che divenne tale quando cominciò a costruirne un certo numero e cercò di venderle.
                    4) Le sarei molto grato se riuscisse a trovare quel catalogo.
                    Grazie in anticipo.

                    Commenta


                    • #11
                      Originalmente inviato da angelillo
                      Se non sbaglio dovrebbe essere un DEL MONTE ma il motore credo sia 4 cilindri a petrolio. Ne possiede uno simile il mio amico collezionista
                      Hai ragione, oggi ho fatto un sopralluogo, e' una Del Monte con motore Willis 4 cilindri
                      Attached Files

                      Commenta


                      • #12
                        Originalmente inviato da ralfg
                        Hai ragione, oggi ho fatto un sopralluogo, e' una Del Monte con motore Willis 4 cilindri
                        Conosco abbastanza bene la macchina
                        Non so se è normale ma quello che ho usato io su strada arriva a 60 km/h (è da suicidio andarci!)

                        Commenta


                        • #13
                          questa è la mia carioca: il motore è un ford 4 cilindri e l'assale penso sia quello di un camion che però è stato tagliato per accorciarlo poi ovviamente ricucito.
                          sapete se si trovano delle gomme da mettere dietro?
                          Attached Files
                          Ultima modifica di

                          Commenta


                          • #14
                            cigua90.
                            Grazie per la segnalazione. ti ho scritto privatamente per ottenere il tuo telefono al fine di combinare un appuntamento con un esperto che identificherà la macchina.
                            Ho visto le foto. Mi sembra che sia tutta originale. Mi raccomando, NON TOCCARE NULLA, neppure i pneumatici. ATTRENDI L'IDENTIFICAZIONE. Poi deciderai cosa fare.
                            Il Gamae ha nominato un Comitato per le Carioche del quale io sono il coordinatore e del quale fanno parte Begnozzi, d'Avolio, Mainardi, Righini, Risi, e Rosselli (gli ultimi tre sono ex costruttori di carioche). Risi o Righini (uno è di Anzola Emilia, l'altro è di San Giovanni in Persiceto), saranno da te e vedranno casa consigliare.
                            Obiettivo del Comitato Carioche è portare a Castelnuovo sotto (RE) il 17-18 giugno, una ventina di macchine ovviamente diverse l'una dall'altra.
                            Grazie a tutti coloro che stanno rispondendo e a quelli che lo faranno domani!

                            Commenta


                            • #15
                              Gentile Sig.Dozza,in occasione della recente manifestazione per trattori d'epoca svoltasi a Cavezzo MO il 1° maggio,mi sono imbattuto in un trattore che portava la dicitura CARIOCA nel cartello di identificazione rilasciato dall'organizzazione e ho scattato alcune foto che tento,sperando di riuscire,di allegare a questo messaggio.
                              Vista la sua preparazione anche su questo argomento dubito che non conosca già questo mezzo,tuttavia,se dovesse essere di suo interesse,credo sia facile rintracciare il proprietario contattando gli organizzatori.
                              Se dovessero eventualmente essere utili,dalle foto non ridotte,si possono vedere il numero di identificazione sulla targhetta di MOTORE AGRICOLO e,con un po' di fatica,si legge il nome del proprietario.
                              Saluti
                              Attached Files
                              Giuseppe

                              Commenta


                              • #16
                                Grazie ROSS. Questa è una Carioca. Grazie. Farò di tutto per identificarla e identificare il proprietario. Tra l'altro mi sembra di riconoscere un viso tra gli osservetori della foto panoramica.
                                Queste sono le macchine che cerchiamo. Coraggio, dateci una mano!

                                Commenta


                                • #17
                                  le carioche vanno...

                                  Sta andando avanti l'inventario delle Carioche. Sino ad oggi sono stati identificati 38 costruttori, grazie anche al lavoro di ricerca compiuta a suo tempo da don Leandro Paini, parroco di Coenzo, in provincia di Parma. Don Leandro, prematuramente scomparso, era figlio di un contoterzista, amava l'agricoltura e la conosceva. Fu l'inventore delle mostre (o feste) tematiche: Fiat, Landini, Orsi, Bubba..., ma anche Gilera e Guzzi.
                                  Lanciò la ricerca sulla Carioche (che a Parma sembra venissero chiamate "trattorini") nel 1988 con le nostre stesse motivazioni. Solo che noi ci abbiamo messo 18 anni per arrivarci. Un genio!
                                  Grazie a chi ha scritto sinora, anche se desiderei avere notizie da coloro che hanno promesso l'invio di foto, l'interessamento presso terzi e la ricerca approfondita tra le proprie carte.
                                  Faccio un appello: cerchiamo disperatamente una Carioca cingolata in qualsiasi stato si trovi. Guardatevi in giro e aguzzate la vista. Grazie in anticipo
                                  Ultima modifica di

                                  Commenta


                                  • #18
                                    signor dozza mi son messo dietro alla mia carioca:
                                    gli ho smontato il radiatore e lo portato a sistemare poi ho trovato un manicotto marcio e cosi bisogna che ne costruisca io uno nuovo. comunque una volta sistemato il radiatore conto di metterla in moto, tra una settimana le dico se ci riesco
                                    Ultima modifica di

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Franco Risi che ha visto la tua carioca, dice che si può portare alla mostra. Te la veniamo a prendere il 15 0 il 16 giugno e te la riportiamo dopo il 18. Se poi ti fai vedere il 18 ti invito anche a pranzo.
                                      Speriamo che vada in moto ma non è fondamentale. Però i pezzi tipo il radiatore devono essere al loro posto. E soprattutto i 4 pneumatici devono essere a tenuta d'aria! Dagli anche una bella lavata, che sembri nuova!
                                      Grazie in anticipo per tutto quello che fai.
                                      Ciao.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Gentile Sig. Dozza,parlando con un collega di lavoro sono venuto a sapere che suo suocero proprio ieri sera ha portato a casa una carioca,o presunta tale, da rimettere in moto e sono andato subito a fotografarla.
                                        Oltre alle foto che allego,ma ne ho anche altre se le interessano,ho rilevato i dati del motore:Marca CO.TI.EMME di Reggio Emilia;Tipo:CA/1;HP:8;Anno:1950;
                                        N.:551,alimentato,presumibilmente,a benzina/petrolio.
                                        Posseggo inoltre il numero di immatricolazione UMA che le passerò in privato se serve,tuttavia non dovrebbe essere un problema rintracciare il proprietario in quanto è del mio paese.
                                        La macchina,come vedrà, ha saldato sul retro un'impalcatura per il taglio della legna,segno che da parecchi anni era/è destinata solo a questo uso.
                                        Spero che la mia segnalazione,se interessante,non sia arrivata troppo tardi e se le servono altre informazioni non esiti a chiedere.
                                        Saluti
                                        Attached Files
                                        Giuseppe

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Grazie Ross.
                                          La macchina è del tutto simile alla Prandi e Scaravelli, azienda di Reggio Emilia., della quale ne abbiamo già una restaurata. Ti sono molto grato per l'interessamento. Vieni a trovarci il 17 e 18 a Castelnuovo. Ce ne sono già oltre 30!

                                          Per Cigua 90.
                                          Per l'amor del Cielo non sostituire il radiatore!
                                          L'oggetto che ti trovi tra le mani non potrà e dovrà mai lavorare come un tempo.
                                          E' un cimelio e tale deve restare. Questo vale per tutti gli oggetti da collezione, ma in particolare per una macchina come questa, il cui valore storico è esclusivamente legato alla originalità dei vari componenti.
                                          A presto, ciao.
                                          Ultima modifica di

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Gran bel lavoro!

                                            X Dozza:Veramente tanti complimenti a te e a tutto il tuo staff per la manifestazione che ho trovato riuscitissima!Sono stato molto contento di conoscerti,ti ringrazio per i gadget e scusami se ti ho seguito come un'ombra per un po' di tempo........

                                            X la cronaca:molte "derivate",che meritavano di essere ammirate nei loro particolari,ognuna originale per certi accorgimenti che le adattano ad un uso agricolo quando elettronica e idraulica erano ben lontani dai campi.
                                            In più cariche di 50/60 anni di storia raccontata a volte dai proprietari,dai figli o dai figli dei figli, con tutti gli aneddoti del caso che meritavano di essere ascoltati. Non sarebbe bastata una giornata,altro che due ore!

                                            Naturalmente le ho fotografate tutte,cercherò di postarle nell'album(datemi un po' di tempo sono 40!)

                                            Ne allego una della quale ho notato un particolare meccanico che non mi spiego(sarà sicuramente una banalità ma non ci arrivo)
                                            A cosa serve la dentatura nel manicotto di entrata del riduttore di sterzo a vite senzafine e perche' è bloccato?Notare che la dentatura è molto usurata segno forse di un uso frequente?
                                            C'è qualcuno che sa la risposta?(Dozza prima di dare la risposta,perchè so che tu lo sai,aspetta che provi qualcun altro.......)Grossi premi e cotillon!

                                            Ciao
                                            Attached Files
                                            Ultima modifica di
                                            Giuseppe

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Forse in aratura si bloccava lo sterzo per andare dritto???

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Io credo che la dentatura serva per avvitare il manicotto nella scatola guida, e poi viene bloccato col dentino per evitare che si sviti.
                                                Dubito che lo sterzo possa essere bloccato, perche il piantone vero e proprio dovrebbe scorrere all' interno del cannotto del piantone di sterzo.
                                                Probabilmente è rovinato perche potrebbe essere stato svitato usando il martello.
                                                Imprenditore agriRIDIcolo

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Concordo con POLARIS,ho pensato anch'io al supporto dell'albero in entrata del riduttore,funzione che comunque svolge,ma vi assicuro che è rovinato tutt'attorno e quindi mi chiedo,se è la dentatura per svitarlo e avvitarlo,quanto è bloccato quel filetto?
                                                  Sono più propenso a pensare che serva a qualcosa d'altro........

                                                  Sicuramente non blocca lo sterzo in quanto girando il volante questo non si muove,ho provato.

                                                  Il mistero continua..........

                                                  Ciao
                                                  Giuseppe

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Quoto polaris e aggiungo che il dentino di bloccaggio suggerisce un opzione "registro".
                                                    Il maltrattamento segnalato rende solo evidente che vi sono persone che cercano di fare cose che non rientrano nelle loro competenze.
                                                    Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Pur condividendo le ipotesi di Polaris e Mefito rimango ancora dubbioso per l'usura eccessiva dei dentini.Daccordo che ha 50 anni e chissa quante ne ha passate,ma non avevano altro di meglio da fare che prendere a martellate quel povero riduttore?

                                                      Ok,credo che siamo rimasti sulle spine abbastanza: DOZZA,che ci dici?

                                                      Ciao
                                                      Giuseppe

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Ross, non chiamarmi in causa in questioni di tecnica. Sono solo uno storico e di tecnica non conosco un passo (tipo gas per l'acqua)!
                                                        Posso dirti invece che quella carioca fu costruita da Giovanni Righini di Filo d'Argenta, in provincia di Ferrara, negli anni 1939-40 utilizzando telaio, motore, differenziale della Fiat 501, cruscotto della Fiat 521 e cambio Chevrolet.
                                                        Anch'io sono d'accordo con Polaris circa il fermo-canotto. Tu dici che la ghiera è troppo rovinata per un semplice fissaggio. Per serrare quel tipo di ghiera esiste una chiave che ho visto e che non so spiegare, ma che consiste in una specie di un dito curvo. Immagina l'agricoltore che l'ha usata aiutandosi col martello causando l'usura che ti sorprende, e pensa anche al meccanico di paese che ci ha messo un fermo. Ti puoi chiedere se c'era bisogno di un fermo del genere visto che per l'automobile non era previsto. Rispondo che la carioca (anzi, la Titina, perchè siamo nel ferrarese!), probabilmente presentava delle vibrazioni che non erano previste nell'auto.
                                                        Grazie di esserti fatto vedere a Reggio.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          La chiave, dovrebbe avere una forma simile, però non capita spesso di trovarle.
                                                          Probabilmente, non avendola sottomano, hanno cominciato a picchiare sui denti con martello e punteruolo, finche non sono riusciti a svitare(o avvitare),riducendo la dentatura a rottame.
                                                          Attached Files
                                                          Imprenditore agriRIDIcolo

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Polaris, la chiave è quella che intendevo. Grazie. Detto tra noi, a cosa serviva? Ne ho viste alcune nel corredo dei cingolati (Breda 50 D6). La Fiat le chiama "chiave a dente". Per il tipo 40 (Boghetto) serve a lavorare sul tendicinghia del ventilatore, mentre sul 55L intervine a livello frizione. Serve ancora sui trattori moderni?

                                                            Junker, salvo rarissime eccezioni, le Caroca non hanno alcun valore collezionistico. Non hanno storia e senza storia, anche un purosangue, quando ha finito di vincere, diventa un ronzino per il macello. E' triste, ma è così. Ci sono degli oggetti che piacciono e assumono il valore del piacere che ciascuno di noi prova nel possederli. Morta li.
                                                            Nessuno si monti la testa. Il prezzo? L'importo del peso in metallo al quale si aggiunge il valore del ricordo. Scomparsi i contemporanei per ragioni anagrafiche, i ricordi peseranno sul prezzo sempre meno, a favore del peso in metallo. In bocca al lupo! E non dimenticare il depliant.
                                                            Ultima modifica di Motivo: unito messaggi

                                                            Commenta

                                                            Annunci usato

                                                            Collapse

                                                            Caricamento...
                                                            X