MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Pomodoro da mensa: agronomia e tecniche colturali

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • #31
    Salve a tutti.Io personalmente in famiglia ho sempre avuto dei pomodori nell'orto sia da insalata che da industria dato che mia nonna ha sempre preparato la passata.Ogni anno mettiamo giù circa 150-200 piantine che acquistiamo da vivaisti della zona.Ovviamente l'allevamento è prettamente familiare in quanto teniamo le piante in aiuole dell'orto disposte a file di 10-12 piantine e sorrette da canne di bambù.La passata della nonna è veramente eccezzionale tanto che la gente ci viene a chiedere dei vasetti,dall'anno prossimo pensavo di ampliare la produzione meccanizzandola il più possibile.Ho un terreno di circa 500mq adibito a orto e di questi mi sarebbe piaciuto dedicarne 200 ai pomodori.Sapreste indicarmi qualche varietà resistente o delle ditte che vendono semenze e piantine ai professionisti?Perchè mi è capitato spesso di comprare una vaschetta contenente 6 piantine di una certa varietà e di trovarmene di tutt'altro tipo.Qualche link per curiosare un pò?consigli?

    Commenta


    • #32
      Sicuro che sia virosi ?

      Sono tornato da una settimana di perizie in provincia di Piacenza, sia per quanto riguarda il pomodoro da industria, che quello da tavola-mercato, la situazione è abbastanza compromessa. Meno però di quanto sembrasse un mese fa.

      Voi come siete messi ? Peronospora ? Eccesso idrico ? Palchi "mancanti" ?

      Commenta


      • #33
        dopo due mesi,
        moltissime piante sono morte o moribonde, quelle poche che si sono 'mezze salvate' hanno inizialmente fruttificato, sono cresciute anche discretamente ma ora stanno perdendo praticamente tutti i fiori sui palchi medi / superiori, proprio non capisco il motivo.

        I pisanello tutti kaputt , da ignorante mi sembra septoriosi (ci mancava )

        buona (per ora) la prova di qualche pianta trapiantata a fine giugno e pacciamata con telo nero, la via che seguirò il prox. anno

        Commenta


        • #34
          Originalmente inviato da millo_68 Visualizza messaggio
          dopo due mesi,
          moltissime piante sono morte o moribonde, quelle poche che si sono 'mezze salvate' hanno inizialmente fruttificato, sono cresciute anche discretamente ma ora stanno perdendo praticamente tutti i fiori sui palchi medi / superiori, proprio non capisco il motivo.

          I pisanello tutti kaputt , da ignorante mi sembra septoriosi (ci mancava )

          buona (per ora) la prova di qualche pianta trapiantata a fine giugno e pacciamata con telo nero, la via che seguirò il prox. anno
          ciao a tutti,scusate ma cosa c'è di meglio del prodotto per vigna anche per i pomodori?(di solito uso per i pomodori poltiglia bordolese ogni 8 gg)stesse cadenze e tutto rimane sano. ho miei pomodori sono belli e sani ,bisogna anche stare attenti a stress idrici,dare acqua se possibile agli stessi orari e non bagnare le foglie,questo io so.ciao a tutti
          vincenzo

          Commenta


          • #35
            Ciao a tutti ...
            Poichè questo dovrebbe essere il luogo adatto per consigli utili ... ne approffitto per delle domande :
            Quest'anno ho piantato nel mio orto 2 filari di pomodori .... le piante son cresciute a meraviglia ma ho avuto scarsità di frutti maturi generalmente spaccati sulla parte superiore, il restante purtoppo ho dovuto coglierlo acerbo quando ho estirpato tutta la cultura . Per la prossima stagione non vorrei incorrere allo stesso eventuale errore (se ne ho commesso qualcuno) perciò mi rivolgo a chi ne sa più di me per evitare la stessa sorpresa l'anno prossimo. Preciso che non disdegno il biologico ma accetto di buon grado i consigli per le cure preventive neccessarie ad avere almeno un raccolto decente nel giusto periodo, anche se la quantità del prodotto mi è del tutto indifferente. (Coltivo l'orto per uso personale e non commercio gli eccessi).
            Aspetto fiducioso ogni vostro utile consiglio e vi ringrazio per il tempo che dedicate a questo forum ---------- Emans
            Ultima modifica di

            Commenta


            • #36
              pomodori per serra.. quali???

              salve a tutti nel blog.
              Avrete capito che ho una piccola serra da circa 40 mq realizzata la scorsa primavera.
              Posto in quanto ho un problema.
              Ho piantato moltissime piante di pomodoro ma non ho abuto ottimi risultati, anzi non ho raccolto nemmeno 50 kg di pomodori questa estate (le piantine erano 150).
              Non so che specie erano ma mi hanno detto che non erano adatte per la coltivazione in serra e che sbagliavio con la concimazione.
              Chi mi ha detto questo tuttavia bon mi ha reso dotto su che specie coltivare d'ora in avanti e su che concimazione (prefesrisco il biologico comunque) usare.
              c'è qualche esperto che possa aiutarmi???
              Grazie in anticipo

              Commenta


              • #37
                Aiuto su pomodoro in serra

                salve a tutti i partecipanti al forum.
                Posto, tanto per cambiare, in quanto ho un problema ed essendo meno esperto del meno esperto di tutti i lettori del forum cerco possibilmente delle risposte.
                A febbraio di quest'anno, ho realizzato una serra con struttura metallica e telo Agrilux lungavita adatto.
                Su un fianco ho implementato un sistema con le carrucole per aprire per tutta la lunghezza una finestra per l'aerazione nelle giornate estive (vi dico questo per farvi capire che credo di aver realizzato l'opera con tutti i crismi del caso).
                Ho piantato circa 150 piantine di pomodoro tipo principe Borghese ad aprile.
                le piantine si sono fatte 2 e mezzo alte (bellissime) ma pomodori in totale ne ho raccolti circa 50 kg).
                Ho imputato, nalla mia ignoranza, la colpa al fatto che d'estate in serra fa troppo caldo e quindi le piante non rendono.
                A fine agosto ho messo a dimora in un'altra parte della serra ancora scoperta altre 50 pianyine dello stesso pomodoro. Ad oggi sono circa 2 metri alte e pomodoro a-5 a pianta.
                Dove sbaglio nella coltivazione???
                Innaffiature credo regolari in estate ogni 3-4 gg max ed adesso che fa più freschetto ogni settimana.
                Concimazione dopo una settimana dal trapianto un pà di solfato ammonico e 11-22-16 di fianco nel solco e poi ogni tanto utilizzo lo spandimento di liquami.
                Ma niente.
                Sbaglio la concimazione???
                Sbaglio l'irrigazione???
                Forse è il tipo di pomodoro che utilizzo che in serra non funziona???
                Quale varietà di pomodoto mi consigliate al posto del principe borghese???
                Io comunque abito in prov di messina a circa 6 km dal mare ad un'altitudine di 450-500 mt.
                Aspetto vs. cortesi e sicuramente saustive risposte.
                Intanto saluto tutti
                Emiliano<!-- google_ad_section_end -->

                Commenta


                • #38
                  Ciao alleganti li hai usati? .In Sicilia penso si possa piantare prima. Comunque ricordati che il pomodoro ha bisogno di molto ricambio di aria. luciano5300

                  Commenta


                  • #39
                    prova a usare alleganti, magari anche il solo zolfo può bastare a favorire tale processo. fai in modo che l'accesso dei pronubi sia garantito (in alternativa agli alleganti potresti usare dei bombi). per l'epoca di trapianto penso che il mese aprile sia un po tardi; io in pieno campo trapianto di solito nel mese di marzo, e ho terreni che si prensentano nelle medesime tue condizioni, pertanto in serra dovresti anticipare il trapianto di circa 20-30 giorni.
                    [COLOR=Green][/COLOR]

                    Commenta


                    • #40
                      salve a tutti, vorrei esporre un problema che si ripresenta da 2/3 anni a questa parte a tutti coloro che coltivano pomodori, in particolare cuor di bue. Spero che qualcuno abbia la soluzione, se esiste, per questo problema. Si tratta di questo: dal momento del trapianto delle piantine, acquistate dai soliti produttori della zona, in qualunque momento della crescita, in alcune piante (solitamente la metà o più) presto o tardi la punta della pianta ingiallisce e secca. Quando questo accade a piantine appena trapiantate come è il mio caso ora, la pianta secca e non arriva a produrre, a volte invece arriva a produrre ma poi la punta secca e l'accrescimento si arresta, facendo perdere almeno metà del raccolto. Mi piacerebbe capire a cosa è dovuto questo problema: virosi, piantine deboli in partenza, errori di allevamento?
                      Le piantine in questione sono in serra.

                      Commenta


                      • #41
                        Ciao a tutti,anche quest'anno ho provveduto a comprare le mie 120 piantine per l'orto.
                        nel fine settimana provvederò a metterle giù,vorrei però cambiare il sistema di sostegno delle piante.Fino all'anno scorso utilizzavo le classiche piante di bambù.
                        Avete qualche idea o consiglio?
                        Ultima modifica di

                        Commenta


                        • #42
                          Quest'anno ho voluto compare un pòdi varietà insolite,almeno per me,per cercare di capire come si comportano sul mio terreno.
                          Ecco l'elenco:
                          -Cuor di bue (bè non potevo non prenderlo)
                          -Pearson
                          -Optima F1
                          -Carmelo F1
                          -Orus F1
                          -Canestrino di Lucca
                          -Datterino Muscato
                          -Novoli
                          -A pera gialla William F1
                          -Paki F1
                          -San Marzano
                          A parte il primo e l'ultimo che conosco bene,gli altri mi vengono nuovi,almeno come nomi,anche se dalla fotografia sul platò gli ho sicuramente già coltivati.Ho evitato il Beef Master perchè gli hanni scorsi ho avuto problemi di marciume apicale e altro.
                          Voi avete queste varietà?Chi sa dirmi di più?
                          Ultima modifica di

                          Commenta


                          • #43
                            Tra i forumisti c'è qualcuno che coltiva pomodori da mensa in fuori suolo?
                            Potreste dare qualche suggerimento utile a chi vuole avvicinarsi a questo settore produttivo?
                            Grazie
                            Gianvi

                            Commenta


                            • #44
                              Per tutti i coltivatori "inesperti" di pomodoro, segnalo un sito (che ho trovato su un altro forum) molto esauriente sulle avversità del pomodoro.

                              http://www.sardegnaagricoltura.it/in...580&v=2&c=3535

                              Ciao.

                              Commenta


                              • #45
                                trichoderma harzianum

                                Non potendo eseguire disinfezioni profonde del terreno e neppure attuare ampie rotazioni colturali, cercando un po in rete ho trovato prodotti a base di trichoderma che in pratica altro non è che un agente parassita che si abbarbica alle radici delle piante impedendo l'entrata di ulteriori agenti patogeni aggressivi, di sui è antagonista. Oltre e prevenire infezioni pare sia utile anche a favorire la crescita delle radici e migliorarne le capacità estrattive.
                                Qualcuno lo usa? Io proverò quest'anno per vedere se riesco in qualche modo a limitare gli attacchi di fusariosi e similia.

                                Commenta


                                • #46
                                  Alcuni anni fa avevo un problema simile. Ingiallimento e poi disseccamento dell'apice inferiore delle bacche. Dopo vari tentativi ho scoperto un sito dove suggerivano la soluzione con due diverse "terapie".
                                  1. Una irrigazione regolare e non eccessiva.
                                  2. Aggiunta al terreno di nitrato di calcio. Sembra che i pomodori abbiano problemi di assorbimento ed utilizzazione del calcio.

                                  Ha funzionato anche se non so quale delle due, o forse tutte e due insieme.
                                  E' anche vero poi che la diversa qualita' e sanita' delle piantine che trapianto da un anno all'altro si vede eccome !

                                  Salutoni

                                  Commenta


                                  • #47
                                    Il calcio lo do via fogliare. Uso il chelato di calcio. Non so se sto dicendo *******, me lo hanno spiegato in questo modo. Il terreno può avere tutto il calcio che vuoi ma con alte temperature alcune varietà non lo assorbono più. Da qui il marciume apicale. Irrorandolo sulle foglie si risolve il problema.
                                    Comunque l'acqua data in modo regolare spesso risolve.
                                    Riguardo i pomodori roma ho fatto una prova.
                                    metà li messi in un orto dopo sovescio di favino e vecchia. in un altro con compost interrato. voglio vedere quali dei due viene meglio. per ora il favino e veccia vincono in bellezza piante. in resa vedremo più avanti.

                                    Commenta


                                    • #48
                                      ora mi dovete aiutare, i miei pomodori si screpolano tutti, in realtà solo i primi in basso per ora ma ho paura che man mano maturino anche gli altri facciano così.
                                      Qui potete vedere una foto:


                                      Mi sa che se continuano non vanno neanche bene per la conserva, mi toccherà buttare via tutto

                                      Premetto che sono coltivati su terra di riporto, prima coltura annuale. Ho messo un po' di concime organico presemina. In internet leggo che potrebbe essere una non regolare irrigazione ma non è il mio caso visto che la faccio a goccia un ora tutte le sere, avete qualche idea?

                                      Ciao gian

                                      Commenta


                                      • #49
                                        Salve gian,
                                        al 90% si tratta di un classico fenomeno da squilibrio idrico, solitamente si manifesta quando, successivamente a periodi di stress (o deficit) idrico, le piante ricevono molta acqua.
                                        Per il restante 10% di possibilità, andrebbe valutato uno squilibrio del rapporto K/Ca.
                                        Inoltre, serve a poco sapere che effettui irrigazione a goccia 1 ora al giorno... (quanti gocciolatori? quale portata?), quantomeno ragioniamo in litri/pianta... o ancora meglio in mc/ettaro (o mc/1000 mq)...
                                        ... ancora, qualità (salinità) dell'acqua utilizzata? ... tessitura e conducibilità del terreno?

                                        Saluti

                                        P.S. potresti postare una foto dell'intera pianta?

                                        Commenta


                                        • #50
                                          Qui andiamo sul tecnico ma provo a risponderti.
                                          Squilibrio idrico dopo un periodo di stress non credo sia questo il problema perchè come ho già detto dal momento del trapianto ho sempre irrigato con regolarità.
                                          Sul rapporto K/Ca mi devi un po' spiegare tu.

                                          I fori dei gocciolatori sono alla distanza di 30cm e le piante sono a 50cm tra loro, dovrebbero essere da 2/Litri ora ma non vorrei dire castronerie.

                                          L'acqua la prelevo da un laghetto dove la maggior parte è piovana e una piccola parte di sorgiva...

                                          La terra è stata riportata e francamente non pensavo di riuscire a vedere qualcosa, certo che mai avrei pensato di vederli scoppiare!

                                          Appena posso metto le foto della pianta.

                                          Commenta


                                          • #51
                                            Anche io piantato datterino.... adesso in fase di maturazione. Allego foto
                                            Attached Files

                                            Commenta


                                            • #52
                                              pomodoro &quot;principe Borghrse&quot; coltivazione

                                              Ciao,
                                              Qualcuno ha informazioni riguardo alla coltivazione in campo del pomodoro principe borghese?
                                              é vero che non vuole essere irrigato ma gradisce solo irrigazioni di soccorso?

                                              Grazie mille

                                              Commenta


                                              • #53
                                                C'è differenza tra il verde rame, la poltiglia borbolese o pasta blu caffaro?
                                                In casa ho la poltiglia bordolese pb13 e pb20 in cui varia la percentuale di rame all'interno tra i 2 e la pasta blu caffaro: mi dicono di utilizzare il verde rame ma, è la stessa cosa?
                                                Ho in casa anche la pasta blu caffaro.
                                                Tutti questi avendo del rame all'interno, bisogna somministrarlo la sera a fiori bassi giusto?
                                                Grazie

                                                Commenta


                                                • #54
                                                  Da quel che so:

                                                  "Verde rame" è un termine generico che indica un prodotto fungicida a base di rame...

                                                  Il Solfato di Rame è il sale puro: tossico per le piante (va neutralizzato con idrossido di calcio per essere utilizzabile).

                                                  La Poltiglia Bordolese è solfato rameico neutrlizzato con idrossido di calcio.. in sostanza la versione aggiornata del classico preparato che i nostri padri/nonni ottenevano con solfato di rame e la calce. Dovrebbe avere un tempo di carenza di 7gg (leggere ben le indicazioni sulla confezione!).

                                                  La Pasta Caffaro Blu è ossicloruro di rame, rispetto alla poltiglia Bordolese ha una minore fitotossicità e (correggetemi se sbaglio) ha minore tempo di carenza ed è meno dilavabile dalla pioggia.
                                                  Dalla scheda tecnica del prodotto:
                                                  Sospendere i trattamenti 3 giorni prima della raccolta per pomodoro, melanzana, fragola, cucurbitacee, aglio, cipolla, cipolline, scalogno, 7 giorni per patata, 20 giorni per le altre colture.

                                                  AVVERTENZE: Non trattare durante la fioritura.

                                                  Commenta


                                                  • #55
                                                    Ciao,
                                                    finalmente è terminato il tempo di carenza del kuki weinbau e, ora posso iniziare a raccogliere! Sapete per quanto tempo le piante sono protette con questo trattamento? Vorrei poi iniziare i trattamente con la pasta blu caffaro.
                                                    Grazie

                                                    Commenta


                                                    • #56
                                                      pomodori che non maturano: perché?

                                                      Ho piantato dei pomodori della varietà Piccadilly F1 (un ibrido di pomodoro vesuviano abbastanza famoso anche a livello professionale), insalatari della varietà Horus F1 e datterini della varietà Muscato F1. Sono piantine della Ortomio.
                                                      Premetto che sono anni che le coltivo e non ho mai avuto i problemi riscontrati quest' anno e di cui sto per dire.
                                                      Le bacche in pratica non maturano completamente, rimane un alone giallo nella parte, in prossimità del picciolo. Eppure i frutti sono maturi (nella restante parte della bacca). Ho provato ad aspettare ma niente, alcuni frutti sono persino sovramaturati e non c'è stato verso di far colorare quella parte. Anche al tatto si presenta più dura, acerba, il sapore è acido: in pratica quella porzione del frutto non è maturata.

                                                      Dicevo, gli anni passati non ho mai avuto questo problema. Ebbene, cosa è cambiato dagli anni passati? E' presto detto: per la prima volta ho voluto scacchiare completamente le piante - e direi in maniera talebana! diverse piante si presentano con un unico fusto, 7-8-9 palchi di fiori/frutti e poi cimatura. Fanno quasi pena, sembrano degli scheletri. Come da manuale. Visto che a destra e a manca la gente, i pensionati, gli umarell, sui forum, sulle riviste, dappertutto si continuava a parlare di scacchiatura, ho voluto finalmente provare. RIsultati: più svantaggi che vantaggi, ma non divaghiamo, questo sarebbe un altro discorso.
                                                      E' possibile che questo problema sia dovuta alla troppa illuminazione che ricevono i frutti, che con le piante scacchiate non sono minimamente ombreggiati dalle foglie?
                                                      Ma come fanno gli agricoltori siciliani, come fanno a Pachino, dove il sole ti cuoce solo a nominarlo? Io sto in Emilia, non in Sicilia, e sto ottenendo questi bruttissimi frutti, come è possibile?
                                                      Scusate ma è davvero frustrante questa cosa, ho delle piante scacchiate, quindi ho minore produzione,...che mi dovrebbe fregare se le bacche in questo modo diventano (un po') più dolci e (un po') più grandi, se poi alla fine non riescono a maturare perché sono "cotte" dal sole? Ma meglio non usare il termine "cotte" perché quelle non sono ustioni, l'ustione a lungo andare ti fa marcire la bacca, queste bacche invece sono sanissime, solo che non si colorano uniformemente...

                                                      Ecco alcune foto:



                                                      Uploaded with ImageShack.us


                                                      Uploaded with ImageShack.us

                                                      Commenta


                                                      • #57
                                                        melody contro optima

                                                        Ciao a tutti, io volevo chiedere un informazione o consiglio anche, son indeciso tra piantare nel mio orto quest anno il pomodoro melody f1 o l'optima f1 per consumazione a tavola con insalata, come sapore e produzione mi sapreste dire qual'è il migliore? grazie in anticipo

                                                        Commenta


                                                        • #58
                                                          se mi date qualche consiglio è la prima volta che provo quelle due varietà di pomodori

                                                          Commenta


                                                          • #59
                                                            Ho bisogno di un vostro aiuto! Quest'anno quasi tutte le piante di pomodoro piantate nell'orto sono state colpite da una malattia che non avevo mai visto! Vi posto le foto perché si fa prima a spiegare rispetto alle parole.




                                                            http://imageshack.us/photo/my-images...sc01012zr.jpg/

                                                            http://imageshack.us/photo/my-images/51/dsc01011eh.jpg/

                                                            Il pomodoro presenta una parte legnosa non maturata, di colore biancastro ovviamente immangiabile. La parte sana del frutto è commestibile anche se non ha il "solito" gusto dolce.

                                                            Sono state colpite le varietà: Tondo classico, Cuor di Bue(molto gravemente), Datterini (anche se in maniera molto lieve) e Romano. Tuttavia le piante di pomodoro da industria nel campo sembrano non aver subito nulla di strano.

                                                            Tutte le piante sono irrigate a goccia. Abbiamo fatto trattamenti con verde rame e insetticida (Meteor) quando c'è stato un forte attacco di afidi per le troppe piogge. Le piante non hanno MAI preso un chicco di grandine.

                                                            Aiutatemi

                                                            Commenta


                                                            • #60
                                                              help help help
                                                              temo che la mia serra sia fortemente infestata da fusarium che provoca la morte di pomodori e insalata (soprattutto gentilina)
                                                              oltre alla solarizzazione che comporta tempi molto lughi, ci sono altri rimedi???

                                                              Commenta

                                                              Caricamento...
                                                              X