MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

STORIA: Trattori OM

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • #31
    Questo e'il 50R

    Questo e'il 512 Super

    Allora vi metto il mio cosi'siete contenti.Ma io nn ho quei libri,vengono dal Web.Del Dinosauro ho una fotocopia a colori del depliant originale

    Solo per chi sa'apprezzare

    E'lo so'che e'venuto caro di verniciatura ma,rimarra'sempre lucido anche tra vent'anni!Si,si puo'verniciarlo opaco ma,il risultato e'deludente.Intanto beccateve sta'chicca!

    E questa!
    Attached Files
    Ultima modifica di Motivo: unito messaggi

    Commenta


    • #32
      Om 45r
      Attached Files

      Commenta


      • #33
        E' l'850 prima serie,antecedente al 1974.

        Per il 45R, è arancio, il fatto è che le "moderne" vernici bicomponenti hanno una lucentezza molto piu marcata delle vecchie a nitrocellulosa (si chiamavano cosi???) , e pertanto il colpo d'occhio (o in questo caso la fotocamera) puo' trarre in inganno. Comunque cosi "cangiante" al sottoscritto non piace.

        Commenta


        • #34
          Qualcuno sa indicarmi un link dove trovare foto di OM 750 e 850 DT?

          Su Konedata c'è qualcosa e tutti i dati tecnici lo so, ma volevo vedere una galleria fotografica + ricca se ne conoscete una.

          Ah... dimenticavo una domanda...
          750 e 850 portano il differenziale anteriore al centro come i moderni trattori o hanno ancora il ponte anteriore spostato sulla sinistra?
          In questo caso... quali sono i possibili svantaggi che ha quella trasmissione per così dire... "asimmetrica"?
          Ultima modifica di Motivo: Unione messaggi consecutivi.

          Commenta


          • #35
            il differenziale è ancora a sinistra,unico svantaggio pratico con i coetanei differenziali centrali una minore luce libera da terra sul lato sx.

            Commenta


            • #36
              Originalmente inviato da challenger
              il differenziale è ancora a sinistra,unico svantaggio pratico con i coetanei differenziali centrali una minore luce libera da terra sul lato sx.
              E' a sinistra nell'850, nel 750 dipende dal modello il mio ce l'ha centrale
              Tosi Alessandro

              Commenta


              • #37
                Ciao a tutti...
                mi è giunta voce che un privato non molto lantano da me vende un OM 850 DT e anche se in azienda possediamo una macchina della stessa potenza , sarei interessato all'aquisto del mezzo; nel fine settimana andro' a vederlo, ma per non essere all'oscuro di tutto vi chiedo alcune particolarita' che mi lasciano dubbioso:

                ...dell'850 credo esistano vari modelli e versioni che si susseguirono nel tempo...
                come faccio a colpo d'occhio ad individuare di che versione si tratta? e soprattutto, quali sono le differenze meccaniche e funzionali che distinguono i vari modelli? c'è differenza tra una versione FIAT ed una OM? quest'ultime possono essere coetanee?


                infine...
                cosa dovrei aspettarmi da un trattore del genere?
                il cambio è sincronizzato in tutte le marcie?
                possiede gia' la ''doppia frizione'' o è dotato di soluzioni alternative? le prime versioni erano gia' dotate di distributori idraulici e idroguida di serie o questi sono accessori eventualmente montati in un tempo secondario?

                Vi ringrazio per le risposte che vorrete darmi.

                Roby.
                Ultima modifica di Motivo: tolto OT

                Commenta


                • #38
                  non vi è differenza fra versione om e fiat tranne la decalcomania,anche i primo 850, sono usciti sotto l'orbita fiat,i primi ante 1970 al max li puoi riconoscere dal libretto di circolazione che puo recare la scritta fabbricato all'estero in quanto erano alcuni come il mio fabbricati in francia.Quelli ante 1974 li riconosci dai parafanghi piu tondeggianti ed avvolgenti che comprendono pure il seggiolino paseggeri in tubi di ferro, i post 1974 li vedi a vista in quanto hanno i montanti antiribaltamento, da una annata che ora non ricordo la colorazione del carro è cambiata dal blu al colore marrone i i cerchi ruote furono colorati in bianco, ma le colorazioni possono essere state alterate per fare sembrare il mezzo più giovane,non sono sicuro, e qui i colleghi con piu memoria storica ti poptranno aiutare se vi furono 850 con carozzeria color terracotta e non arancio, ma non credo a mia memoria,vi fù poi la versione evoluta dell'850, cioè il super, non distinguibile a vista tranne che per le scritte,questa versione eroga 10 cv in più e il regime di rotazione sale fino a 2400 giri al posto dei 2100 della versione base.

                  scordavo , il mezzo ha 2 frizioni indipendenti,una per il cambio marce ed una a mano per la pdf,pure il servosterzo è di serie sul dt
                  Ultima modifica di Motivo: unito messaggi

                  Commenta


                  • #39
                    Om 35/40 R

                    Finalmente ho finito di rimettere in sesto l'OM 35/40 R

                    Allego alcune foto
                    Attached Files
                    Ultima modifica di Motivo: tolta parte OT

                    Commenta


                    • #40
                      Sollevatore OM 35/40
                      Attached Files

                      Commenta


                      • #41
                        Om 513 R

                        Alla fine ho fatto la pazzia, ed ho comprato il 513 (anche perchè aveva le ruote da 36 pollici che stavo cercando ).

                        Oggi l'ho portato a casa è gli ho dato una prima lavata. Ha un rombo spaventoso

                        Vi faccio già la prima domanda:

                        Su un depliant (di un 513 R automatic) ho letto le seguenti caratteristiche:
                        motore CO1D/55, 105x120, cilindrata 4156 cm3, Cv. 62
                        Sul libretto c'è scritto:
                        motore OM CO1D55, cilindrata 4397 cm3, Kw 47,00 (cioè 64 Cv)

                        Su konedata ho trovato i dati del Fiat/Om 615, che ha proprio una cilindrata di 4397 cm3 (ha le canne da 108) ed ha 66 Cv perchè gira 150 giri più alto del 513.

                        Su puddings, non mi sono messo neppure a fare le conversioni dei pollici perchè ho visto che dichiarava 55 Hp (pari a 55,xxx Cv )

                        Quali sono le caratteristiche corrette del motore OM CO1D55???

                        Commenta


                        • #42
                          Ah dimenticavo, il mio non è "automatic", ma il motore dovrebbe essere sempre lo stesso....

                          Allego due foto fatte oggi (magari dopo una bella sistematina rifarò qualche foto migliore...)
                          Attached Files

                          Commenta


                          • #43
                            Il 513 ha avuto 3 motorizzazioni.
                            La prima serie montava il motore del 512Super da 55cv, la seconda serie(come quello che avevo io)montava il motore CO1/55D 105x120 da 62 cv.
                            La terza e ultima serie montava già il motore che poi fù montato anche sul 615, ha la stessa sigla solo che gli è stato portato l'alesaggio a 108 e aumentato di 150-200 rpm e sviluppa 65cv. Il tuo da quello che ho visto dalle foto è dell'ultima serie e si riconosce dal filtro dell'olio perchè è a cartuccia, mentre nelle due serie precedenti è centrifugo.Se mi fai una foto del motore più dettagliata posso dirti con certezza se è una seconda o terza serie.
                            Tosi Alessandro

                            Commenta


                            • #44
                              Originalmente inviato da Alle
                              Il 513 ha avuto 3 motorizzazioni.
                              La prima serie montava il motore del 512Super da 55cv, la seconda serie(come quello che avevo io)montava il motore CO1/55D 105x120 da 62 cv.
                              La terza e ultima serie montava già il motore che poi fù montato anche sul 615, ha la stessa sigla solo che gli è stato portato l'alesaggio a 108 e aumentato di 150-200 rpm e sviluppa 65cv. Il tuo da quello che ho visto dalle foto è dell'ultima serie e si riconosce dal filtro dell'olio perchè è a cartuccia, mentre nelle due serie precedenti è centrifugo.Se mi fai una foto del motore più dettagliata posso dirti con certezza se è una seconda o terza serie.
                              Grazie Alle, ti dico direttamente il codice stampato sul motore, così mi puoi dare conferma.

                              CO2D-60-10

                              Il tipo che me l'ha venduto mi ha detto che aveva il motore del 615, ma io temevo che fosse letteralmente preso da un 615, per cui temevo che non fosse originale.
                              Invece ho verificato sulla targhetta del telaio (che riporta anche il modello del motore) e il codice del modello stampato sul motore (CO2D-60-10) e per fortuna corrispondevano

                              Commenta


                              • #45
                                posso confermare che è un ultima serie come il mio,lo scarico è uguale al mio forse un poco ribassato,in origine uscivano con lo scarico posteriore,quello in alto era a richiesta.

                                Commenta


                                • #46
                                  X Challenger: grazie per la info della marmitta alta come optional, non lo sapevo ed ero dubbioso dell'originalità
                                  Attached Files
                                  Ultima modifica di

                                  Commenta


                                  • #47
                                    ciao a tutti-da quel che ricordo,(quando ero bambino),il 58 OM era in realtà il 50 ma a fine serie fu potenziato di una decina di cavalli-e veniva chiamato in giro 58

                                    Commenta


                                    • #48
                                      Per quello che so, ufficialmente non esiste l' OM 58, (come la Fiat 27!) pero' veniva cosi' identificata l'ultima serie dei congolati OM 50C che si riconoscevano esteticamente per le ruote dentate motrici che avevano 8 bulloni anziche' l'unico vitone centrale, e mi pare di avere sentito dire che avesse i pistoni da 108 anziche' da 100, sviluppante appunto 58cv, se cosi' era per il cingolato, penso che sicuramente fosse esistita la rispettiva versione a ruote!
                                      La parola ai piu' esperti!

                                      Commenta


                                      • #49
                                        Attenzione a non fare confusione ufficialmente il 58 C non è mai esistito ma era commercialmente chiamato comunque Om 50 C anche se poi dai documenti il nome poteva variare facendoci capire che avesse il motore con la nuova potenza.

                                        Ora non ho i dati sotto mano ma a memoria mi sembra che l'Om 50 C con motore potenziato montasse un motore diverso da quello dei primi 50 C (e 50 R) da 50 cavalli infatti mentre il 50 montava un motore identico a quello del 45 C ma portato a 50 Cv (le sigle erano CO1D/45 e CO1D/50) per la versione da 58 Cv se non erro si era passato al motore CO2 con cilindrata lievemente superiore ma devo verificare.

                                        Di certo la storia della ruota motrice è sbagliata visto che l'ultimo Om 50 C a montare la ruota con il vitone centrale è stato il 45C e che già dai modelli con 50 Cv era stata adottata la ruota più moderna con gli 8 bulloni e quindi non era di sola pertinenza del 58.

                                        Per quanto riguarda le marce tutti Gli Om 50(35-40, 45, 50 ecc) montavano lo stesso cambio con tre marce e una retro e con 2 gamme (lente e veloci leva in ferro basso a sinistra) che portavano il cambio ad avere 6 marce Av e 2 Rm.

                                        Saluti

                                        Commenta


                                        • #50
                                          Dopo una verifica dei testi confermo quanto ricordavo in merito agli Om.

                                          Infatti abbiamo tralasciando il vecchio 35-40:
                                          -il 45 C (periodo produzione 1956-1962) con motore CO1D/45 con misure 105X120 4156 cm3;
                                          -il 50 C (periodo produzione 1962-1963) con motore CO1D/50 con misure 105X120
                                          4156 cm3;
                                          -il 58 C (periodo produzione 1963-inizio anni 70) con motore CO2D/55 con misure 108X120
                                          4397 cm3;
                                          -Il 6550 C(inizio anni 70 fino alla fine) con motore CN 3 3 cilindri con misure 110X130 3701 Cm3 uguale all'Om 650 e al 655C.

                                          In abbinamento ad ogni versione Vi era la versione industriale che commercialmente veniva chiamate Ad 5 ma che sui documenti ufficialmente veniva denominata 50 Ci e che aveva la caratteristica di avere un cambio diverso visto che al posto delle ridotte montava l'inversore e aveva 4 marce avanti e 4 Rm.

                                          Saluti

                                          Commenta


                                          • #51
                                            Dubbio chiarito....almeno spero!!

                                            Ringrazio publicamente Delfo per le preziose informazione! Però caro Delfo, scusami se insisto ma non ho ben capito:
                                            Nel primo messaggio dicevi che il 58C (e quindi il 58R) non esiste. Poi però nel secondo messaggio lo inserisci nella lista! Dunque questo modello siste o meno? E, in entrambi i casi, tutto ciò che dici vale anche per le corrispondenti versioni a ruote? Oppure Om faceva un discorso per i cingolati ed un discorso per i gommati?
                                            Grazie ancora a tutti
                                            Ultima modifica di

                                            Commenta


                                            • #52
                                              Caro Apozzo grazie per i ringraziamenti ma forse mi sono spiegato male.

                                              L'Om 58 non è esistito inteso come modello commerciale nel senso che tutti i trattori Om di quel tipo erano etichettati Om 50 C e pur restando questa denominazione per tantissimi anni (dai primi anni 50 fino ai primi anni 70) le caratteristiche del motore e le sue prestazioni sono state via via aggiornate dando origine ai modelli che ho elencato nel mio post.

                                              Confermo però che le denominazioni riportate sono denominazione presenti solo sui documento ufficiali (libretto e fogli tecnici) e rigurdano per alcuni modelli la denominazione tecnica del trattore (ad esempio nel 45 C sebbene sui cofani fosse scritto Om 50 C sul libretto e sul telaio il nome riportato era 45 C) mentre per altri erano individuabili solo grazie alla diversa denominazione del motore (ad esempio il famoso Om 58 C commercialmente si chiamava ancora 50 C sul libretto era denominato 50 C1 ma la .
                                              differenza la faceva il motore che era il nuovo Om CO2/D 55)

                                              Quindi i nomi elencati sopra non sono i commerciali ma quelli delle schede tecniche e sull'effettiva esistenza di un Om 50 C con un nuovo motore potenziato e portato alle soglie dei 58 CV non ci sono mai stati dubbi.

                                              Per quanto rigurda il discorso dei gommati l'andamento temporale ha seguito quello dei cingolati anche se ci possono essere dei disallineamenti di qualche mese visto che solitamente il modello gommato anticipava quello cingolato e inoltre bisogna dire che la vita dei gommati si è interrotta molto prima visto che con l'avvento delle nuove serie 12 e 13 i gommati Om sono stati rinnovati mentre i cingolati sono sopravvissuti fino all'avvento della Serie oro quando fu lanciata l'Om 655 C.

                                              Saluti

                                              Commenta


                                              • #53
                                                Visto la notevole longevità del codice CO di denominazione dei motori Om (quattro cilindri) è il caso di provare a fare una tabellina riassuntiva che potrebbe essere di aiuto per qualcuno.

                                                Naturalmente poichè come al solito faccio principalmente appello alla memoria quanto riportato non dovrà essere assolutamente considerato esaustivo e se anzi qualcuno fosse in grado di fare delle integrazioni sarebbero senz'altro bene accette.

                                                I motori OM della serie CO nascono nei primi anni 50 con il motore denominato CO D che aveva le seguenti misure:
                                                100X120 per una cilindrata tot. di 3770 Cm3 ed esistito (come del resto le serie successive) sia in campo agricolo che in quello industriale; la variante agricola più nota era la COD/40 che ha motorizzato il trattore OM 35-40 sia in versione a ruote che cingolato. Per quanto rigurda il discorso industriale ha trovato posto anche sui primi modelli dei camion della cosiddetta serie zoologica (leoncino, e simili).

                                                Dopo qualche anno la Om rimette mano a questo propulsore in maniera pesante (cambia testata, sistema di iniezione, cilindrata, ecc) e crea la prima evoluzione di una lunga serie, infatti il propulsore in questione prende la denominazione di CO1 D con le seguenti caratteristiche: misure 105X120; cilindrata 4156 cm 3.
                                                Il CO1 D venne declinato in molte tarature diverse infatti in campo agricolo abbiamo il C01 D/ 45 (om 45 R/C); il CO1 D/50 (Om50); il CO1 D/55 (con varie potenze lo ritroviamo ad esepio sugli Om -513).

                                                Nella prima meta' degli anni 60 la Om rimette mano a questa fortunata serie di propulsori e ne aumenta la cilindrata creando la serie CO 2/D che ha le seguenti caratteristiche:
                                                misure 108X120; cilindrata tot. di 4397 cm 3.

                                                Anche in questo caso il nuovo propulsore viene utilizzato un pò in tutti i campi con diverse tarature le più note in campo agricolo sono quella denominata CO 2 D/55 (Om 513) e la successiva CO2 D/60 (che oltre agli ultimi modelli della serie 13 motorizzerà il 615 con potenza portata al limite dei 70 Cv).

                                                Verso la fine degli anni 60 in Om si decide di rinnovare ancora questi straordinari propulsori e quindi si arrotonda la misura dell'alesaggio a 110 mm creando la arcinota e longeva Serie CO 3 che aveva di base le seguenti caratteristiche:
                                                misure 110X120 ; cilindrata totale 4562 cm 3.

                                                Anche questa Serie è stata utilizzata in tutti i settori con tarature molto diverse tra loro in campo agricolo ebbe l'onore di motorizzare tra gli altri il mai troppo celebrato OM 750.

                                                La particolarità della Serie CO3 a confronto dei suoi predecessori e' quella che pur mantenendo lo stesso codice ha dato vita a delle sottofamiglie di propulsori con caratteristiche ma anche misure diverse e così abbiamo:

                                                La serie la già citata serie base che si chiama per esteso CO3 /70 con le misure di 110x120 e 4562 cm3;
                                                poi abbiamo la CO3 /80 con misure di 110 X130 e una cilindrata di 4940 cm 3 ed in campo agricolo ha motorizzato tra gli altri il Fiat 715 5 L e il mitico Om 850; infine abbiamo la CO 3 /130 T con misure di 115 X 130 e una cilindrata totale di 5401 cm3 ed in campo agricolo lo ritroviamo tra gli altri sotto il cofano delle Fiat 80c e 90 c.

                                                Quindi come si vede un albero genealogico molto interessante e peraltro parziale visto che da queste famiglie di 4 cilindri sono originati dei propulsori di differente frazionamento, infatti insieme alla Serie CO3 vi erano i sei cilindri targati CP3 e i 3 cilindri targati CN3.

                                                Peraltro molto sospetto risulta il fatto che proprio negli anni del CO3 /130 T la Fiat abbia lanciato sul mercato il famoso propulsore fiat 8365 di 8100 cm3 (quello che ha motorizzato ad esempio il 160 ed il 180/90) con le stesse misure di 115x 130 e delle sospette similitudini estetiche...quindi in quest'albero genealogico potremmo avere anche un figlio illeggittimo....

                                                A questo punto facciamo un passetto avanti e diciamo che questa serie di motori soprattutto all'inizio della sua carriera aveva anche delle versioni ad aria che era possibile riconoscere dalla lettera K al posto della D.

                                                Dai dati in mio possesso sono sicuro che sia esistito il CO1 K con misure di 105X120 e cilindrata di 4156 cm 3 con utilizzi sia agricoli (mietitrebbie Orsi) che industriali (solita serie zoologica) che il fratello maggiore CO 1 K /130 con misure di 105X130 cilindrata di 4503 cm3 anch'esso utilizzato nei vari settori e nello specifico in campo agricolo veniva fornito su alcuni mercati in opzione ai classici motori raffreddati a Liquido sui modelli 615 e 715.

                                                Sperando di non aver complicato ancora di più le cose vi lascio un mio saluto.

                                                Commenta


                                                • #54
                                                  Grazie delfo per l'interessantissima descrizione della storia dei motori diesel OM

                                                  Io non ho mai visto dal vivo un OM 715 (ho visto solo dei 615, ed a dir la verità non sapevo neppure che esistesse il 715 ).
                                                  Ho cercato su konedata e su puddingsworld, ma non ho trovato nessuna notizia e foto del 715.

                                                  Qualcuno ha una foto da postare del 715?
                                                  Quali differenze ha rispetto al 615 (oltre al motore come già ha precisato delfo)?
                                                  immagino che sia stato prodotto per poco tempo, visto la presenza dei 750 e 850, o sbaglio?

                                                  Un'altra domanda che mi assilla è questa:
                                                  della serie 15 marchiati OM ho sempre visto solo il 615.
                                                  I vari 215, 315 e 415 erano solo marchiati Fiat oppure c'erano anche Om? è vero che questi avevano motori Fiat e non OM, ma d'altro canto anche il 513 (ad esempio) aveva motore Om, ma mi pare che lo marchiassero anche fiat...

                                                  Commenta


                                                  • #55
                                                    Trattori OM e "esperti e gallonati" del Forum

                                                    La piu'grossa differenza estetica tra il 615 e il 715 sono i parafanghi,il 715 li ha molto piu grossi,coprono la ruota,diciamo tipo 450 UTB,i vari Fiatini fino al 415 erano marchiati Fiat e motore Fiat.Il 513 e'marchiato OM,perlomeno sul mercato italiano.
                                                    P.S.:noto con dispiacere che parecchia gente si rivolge ai 2 arcinoti siti per attingere notizie,purtroppo pero'sono dati da prenderen con le pinze,in quanto possono variare parecchio rispetto alle macchine del mercato nostrano,quindi andateci piano.
                                                    P.S 2:ci sono anche utenti che hanno fatto la loro "fama"di esperti andando a copiare pari pari i dati e riscriverli sul Forum,nn sapendo quello che scrivono.Pero'qualcuno se ne accorge
                                                    P:S 3:lo sapete che il buon Delfo erano giorni che stava preparando la cronistoria(con la mia modesta collaborazione)dei motori OM e,e'tutta farina del suo sacco!!!Quindi bravo Delfo!!!!!

                                                    Commenta


                                                    • #56
                                                      X Delfo piccola nota il motore del 715 5 L è lo stesso dell'850 ma con i giri limitati a 2000 rpm a causa dell'assenza delle masse controrotanti nell'albero motore(X Alfre questo non c'è scritto su Konedata o su Puddings ma è un particolare che sanno solo i veri conoscitori di OM) mentre sull'850 ha un regime se non ricordo male di 2200-2300 rpm.
                                                      I parafanghi del 715 sono gli stessi che sono sul 750 e sono detti parafanghi "tipo Someca" perchè ereditati dall'omonima ditta, il parafango quadro fà la sua comparsa sui modelli della serie Super (850-1000)
                                                      Tosi Alessandro

                                                      Commenta


                                                      • #57
                                                        x alle, se ben ricordo l'850 normale si fermava a 2100, mentre il super arrivava a 2400

                                                        Commenta


                                                        • #58
                                                          Caro Alle hai perfettamente ragione anche se nel mio discorso mi riferivo al tipo di motore (CO3/80) e non alle differenti versioni dello stesso.

                                                          Una sola precisazione va fatta che le masse Controrotanti che mancavano al 715 erano quelle che riequilibravano l'albero motore e che si trovano (nei co3 più recenti) sotto allo stesso dando al motore quel'altezza che lo fa sembrare enorme, mentre anche il 715 era dotato delle masse addizionali con cui il Co3/80 nacque che servivano a riequilibrare le altre vibrazioni create dal propulsore.

                                                          Ti confermo peraltro quanto detto in merito ai diversi regimi che anche secondo me dovrebbero essere a memoria 2100 per il normale e 2400 per il Super anche se va verificato.

                                                          Peraltro Va detto che non sono stati i parafanghi francesi ad essere ereditati dalle Serie successive ma bensi interi trattori infatti nei documenti di omologazione i primi trattori nastro Oro del tipo 650-1300 sono addirittura omologati come Fiat-France essendo in tutto e per tutto delle copie di quanto gia' commercializzato con il marchio Someca in Francia.

                                                          Peraltro va detto che i cosiddetti parafanghi ad ala nonstante la comparsa dei parafanghi quadri riamasero come opzione anche nella seconda serie degli indimenticati alto di gamma.

                                                          Saluti
                                                          Ultima modifica di

                                                          Commenta


                                                          • #59
                                                            Bhè Delfo come tu saprai se non ricordo male la serie 15 era una collaborazione sia di progetto che di fabbricazione con la Simca-Someca poi accorpata nel gruppo Fiat, mi rimane il dubbio per la serie 12 e 13 se era tutta farina del sacco Fiat o no
                                                            Tosi Alessandro

                                                            Commenta


                                                            • #60
                                                              I parafanghi quadri uscirono prima della serie ''super''.Il mio 850 non e' super ma ha i parafanghi quadri dall'origine,e' con carro marrone.Era dato per 2100 giri.
                                                              Ne ho visto altri della stessa serie,normali e dt,con parafanghi a spigoli.
                                                              Quella dei due alberi controrotanti fu una notevole miglioria nell'ottica di una riduzione delle vibrazioni e della migliore equilibratura del motore.

                                                              Commenta

                                                              Annunci usato

                                                              Collapse

                                                              Caricamento...
                                                              X