MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Fitofarmaci e trattamenti su vigneto

Collapse
X
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • Vigne coperte o no ?

    Mi pare di aver capito che la miglior soluzione per chi come me non ha il patentino ed ha un piccolo appezzamento sia quello di trattare con Poltiglia Bordolese e zolfo bagnabile max ogni 5/7 giorni dopo la regola del 10...
    Il rame non farà male in fioritura?
    Potrei allungare l'intervallo se non piovesse?
    Sto pensando di comprare un atomizzatore a spalla poichè il vecchio a traino comincia a dare problemi. Che ne dite?
    Saranno veramente coperte le vigne così o mi converrà pensare a prendere il patentino (140 euro a Verona) ?
    Grazie a tutti

    Commenta


    • 10-10-10, ovvero la regola dei tre dieci,cioè 10 cm di vegetazione,10 mm di pioggia caduta,temperatura "media" intorno ai 10 gradi,queste sono le condizioni che permettono un attacco di peronospora,in più va tenuto conto del periodo d'incubazione,cioè l'intervallo tra una pioggia infettante e la comparsa delle macchie d'olio.
      Tale periodo d'incubazione,purtroppo,è variabile da un massimo di 15 giorni di fine aprile inizi maggio a circa tre giorni della seconda parte di giugno.
      La poltiglia bordolese ( solfato di rame+calce ) regge fino a circa 60 mm di pioggia,poi a seguire l'idrossido di rame con 50 mm ed infine gli ossicloruri di rame con 40 mm.
      Il rame in fioritura non può essere usato,o si bruciano i fiori!
      I trattamenti è bene eseguirli in previsione di una pioggia,nelle 24-48 ore prima,o al massimo al 70-80 % del periodo d'incubazione ( metodo Baldacci),per cui gli intervalli reali sono determinati dalle piogge!
      Va effettuato un trattamento ad inizio della fioritura,anche in assenza di una previsione di pioggia.
      Sono attualmente di libera vendita tutti i prodotti registrati come concimi fogliari,e distribuiti da alcune aziende del nord-Italia,tutti i fosfiti tra cui il Fosetyl d'alluminio,il fosfito di potassio,il fosfito di magnesio.
      Per altri principi attivi,dato l'irrisorio consumo,valuta anche la possibilità di appoggiarti a qualche "amico" che ha il patentino.

      Commenta


      • In effetti, tutti le etichette, i libri e manuali riportano che il rame in fioritura è tossico per i fiori.

        Ricordo però, quando ero ragazzetto, intorno ai 14-15 anni, quando ho iniziato a seguire la vigna, che il vecchietto dell'epoca mi faceva usare la poltiglia bordolese a dose doppia (!?) perchè faceva meglio.
        Eppure non si verificavano perdite sensibili alla vendemmia!

        del resto, anni fa, c'era solo il verderame da sciogliere con la calce.

        Mi sono sempre posto domande su questa situazione...

        Mau

        Commenta


        • La risposta secondo me sta nel fatto che il rame è tossico in una specifica fase della fioritura, ma come sappiamo la fioritura è scalare, quindi trattando in questa fase possiamo provocare l'aborto di alcuni fiori che in quel momento si trovano nella fase di max sensibilità che sono una parte trascurabilissima rispetto agli altri.
          ciao

          Commenta


          • Originalmente inviato da mauorfei Visualizza messaggio
            Ricordo però, quando ero ragazzetto, intorno ai 14-15 anni, quando ho iniziato a seguire la vigna, che il vecchietto dell'epoca mi faceva usare la poltiglia bordolese a dose doppia (!?) perchè faceva meglio.
            Eppure non si verificavano perdite sensibili alla vendemmia!
            Si è usato fino agli anni settanta,e con dosaggi di 2kg per ettolitro d'acqua+ 1 kg di calce.
            Ho trattrato diverse volte ad inizio fioritura,o qualche giorno dopo,con rameici,ed effettivamente i fiori vengono bruciati,ma ciò spesso è un beneficio per il grappolo :
            primo perchè si effettua un diradamento del grappolo,con i relativi benefici.
            secondo,si decimano gli acini precoci,che poi anticipando la maturazione,rischiano di smaturare,aspettando la maturazione dei più tardivi.

            Commenta


            • Escoriosi

              Buon giorno, ho un piccolo vigneto maggiormente con montepulciano d'abruzzo ...Ho un bel problema di ESCORIOSI nonostante dopo la potatura brucio i sarmenti e prima della fase vegetativa ho trattato con FOLPET. Cosa mi consigliate?
              Grazie - Lorenzo

              Commenta


              • I normali prodotti antiperonosporici (rame, mancozeb, metiram, folpet...) sono sempre attivi anche contro escoriosi. Dovresti risolvere il problema così.

                Lorenzo
                Az. Agr. Il Tralcio

                Commenta


                • Buon giorno,
                  Non so se è il posto giusto ma vorrei chiedere, le vigne che soffrono di internodi stretti si curano con qualche prodotto? Ed è vero che è il gambo americano che fa questo effetto mentre la pianta da talea non ne soffre? E ancora ci sono varietà che non vengono attaccate da questa malattia? (so per esperienza che sono i terreni acquitrinosi responsabili)
                  saluti

                  Commenta


                  • qui trovi molti esperti ma se posti delle foto è sicuramente più facile capire il problema, credo che possano essere diverse le possibilità

                    Commenta


                    • Buon giorno,
                      guarda dovrebbe essere la Eutipiosi. Se qualcuno di voi ha esperienza diretta su come risolvere o prevenire il problema è già di grande aiuto. (foto non riesco a postarle )

                      saluti

                      Commenta


                      • info

                        Salve a tutti
                        Volevo chiedere agli esperti del forum alcune info sulla compatibilità tra i seguenti prodotti
                        Topas 10 EC (Penconazolo) --- oidio
                        Vitene R WG (Cymoxanil + poltiglia) --- peronospera

                        E' possibile usarli contemporaneamente?
                        Ho trattato venerdi scorso con Topas per un inizio di oidio sulle mie piante e al prossimo trattamento vorrei poter combinare anche il Vitene in quanto ho qualche segno di peronospera, oppure conviene darlo in modo alternato? A che distanza l'uno dall'altro?

                        Grazie

                        Commenta


                        • Si. compatibilissimi. Puoi usarli contemporaneamente.
                          saluti

                          Commenta


                          • Buonasera a tutti ! Premetto che sono nuovo del forum e sicuramente faró una domamda banale e ripetitiva. Ho effettuato trattamento con poltiglia e zolfo bagnabile lunedì 26 sulle mie 120 viti di malvasia bianca. Questa sera ha piovuto; non molto peró ha piovuto. Nei prossimi giorni le previsiono meteo non promettono di meglio, quindi volevo chiedervi se e quando effettuereste nuovemte il trattamento. Grazie !
                            Francesco

                            Commenta


                            • Se è (non ha, n. d. R.) piovuto poco, si può tranquillamente attendere la pioggia successiva, per poi trattare, naturalmente, accertandosi che le viti siano ben asciutte.

                              Commenta


                              • Buongiorno,
                                la poltiglia è solo di copertura. Cioè ti ha protetto per questa piovuta ma adesso è stata dilavata. Io la ripeterei. (cosa diversa sarebbe stato per i prodotti sistemici che entrano nella linfa, come endovenosa, e continuano l'azione per 10 giorni circa)
                                saluti

                                Commenta


                                • Originalmente inviato da Cinghiale Visualizza messaggio
                                  Se è (non ha, n. d. R.) piovuto poco.
                                  Trovo "fuoriluogo" questa nota.
                                  Chiediamo che si scriva correttamente,ma solo per la comprensione del testo e la traduzione automatica.Non siamo un forum di puristi della lingua italiana.
                                  Oltretutto , sembrerebbe che il rilievo da te mosso non sia neppure fondato.
                                  http://www.accademiadellacrusca.it/i...ole-lausiliare
                                  http://dizionari.corriere.it/diziona...-piovuto.shtml
                                  Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                                  Commenta


                                  • Ciao Volevo chiedere che tipo di armadio utilizzate per conservare i prodotti (da poco ho preso il patentino).



                                    pensavo di mettere un semplice scaffale ma mi hanno detto che la norma non lo prevede e già da qualche amico è arrivato il controllo.. ma a voi risulta?

                                    grazie Andrea.

                                    Commenta


                                    • Originalmente inviato da Jokerello Visualizza messaggio
                                      Ciao Volevo chiedere che tipo di armadio utilizzate per conservare i prodotti (da poco ho preso il patentino).



                                      pensavo di mettere un semplice scaffale ma mi hanno detto che la norma non lo prevede e già da qualche amico è arrivato il controllo.. ma a voi risulta?

                                      grazie Andrea.
                                      Dici di aver fatto da poco il corso,possibile che non ti hanno illustrato le possibili modalità di stoccaggio?
                                      L'armadio è la soluzione più pratica(posizionato in luogo idoneo),non l'unica.
                                      Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                                      Commenta

                                      Annunci usato

                                      Collapse

                                      Caricamento...
                                      X