MMT Forum Macchine

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

LANDINI testa calda - aspetti tecnici

Collapse
X
 
  • Filtro
  • Data
  • Visualizza
Cancella tutto
new posts

  • ciao,
    la risposta alla tua domanda è molto semplice:
    -trasforma la potenza massima da cv a W ( moltiplica i cv per 1000/1.36=735)
    -trasforma i giri/min in rad/s ( moltiplica i giri/min per 6.28/60=0.1)
    -calcola potenza diviso il regime di rotazione ed hai la coppia in Nm+

    Comunque parlando del 45cv che citavi anche se l'altro trattore li svilkuppa a 3000 giri, il che implica una coppia all'albero molto bassa, con la rapportatura del cambio adeguata la coppia alla ruota puo' essere la stessa di un L45.

    Il punto è che i landini testacalda sono stati progettati pensando di montare direttamente pulegge e cinghie sull'albero motore che difatti è a vista con volani esterni. E' chiaro che stando così le cose si è obbligati ad avere una coppia motrice elevata già all'albero e per far questo si debbono avere cilindrate esagerate visto che nei testacalda il rapp di compressione e la pressione media efficace è quella che è!

    Commenta


    • Ciao Ironmanu, grazie per la formula, però non mi porta a conoscere realmente il valore di coppia massima, infatti si ottiene il valore di coppia al regime di potenza massima. La coppia motrice si sviluppa in basso e descresce alll'aumentare del numero di giri e della potenza.

      Anche se non si tratta del valore massimo è interessante far notare che un L45 a 720rpm dispone di una coppia di 487Nm come il suo discendente attuale il Landpower 125TDI , mostruosi anche L55 con 569Nm e il Super con 543Nm, dispongono di valori simili a trattori di 130-140cv attualmente in produzione.

      L'avviamento elettrico dei testacalda, è possibile anche direttamente a gasolio tramite motorino di avviamento e candelette apposite, senza far ricorso alla benzina, utilizzata invece nei periodi freddi

      Commenta


      • Oggi ad una dimostrazione di aratura ho visto un SuperLandini gommato, con una leva e un pedale anomali a sinistra:

        Click image for larger version

Name:	pic00938pe8.jpg
Views:	1
Size:	301,1 KB
ID:	1076535

        Non ho avuto tempo di chiedere spiegazioni al proprietario, ma ho dedotto che, mediante la leva, si inserisce una gamma più veloce.

        Qui si può vedere il punto in cui è collegata al cambio.

        Click image for larger version

Name:	pic00939rt9.jpg
Views:	1
Size:	307,6 KB
ID:	1076536

        Ma il pedale a cosa serve?

        E si tratta di modifiche "d'epoca" o è un allestimento industriale?
        Ultima modifica di

        Commenta


        • Erano delle modifiche agricole,veniva aggiunta la 4 marcia e il bloccaggio del differenziale

          Commenta


          • Ma come fa a essere il bloccagio del differenziale se il pedale è collegato vicino alla scatola dello sterzo?

            Commenta


            • Un mio amico aveva un Super che aveva quelle modifiche li,e la leva se ricordo bene serviva solo per innestare la 4,peccato perche l'ha venduto da poco.Non e'che magari e'lo stesso?

              Commenta


              • Quasi sicuramente si tratta di una leva aggiunta successivamente per ingranare la macia veloce.Veniva aggiunta in genere quando venivano sostituite le ruote in ferro con quelle con pneumatico.
                Sul super di un mio amio è stata fatta la stessa cosa anche se in maniera diversa.
                Suo padre che ha fatto fare la modifica mi racconta che prima vide da un meccanico un landini con la stessa modifica e con il permesso del padrone apri la scatola e copio il tutto.
                Mandò in forgia gli ingranaggi originali per farli stemprare, li fece tornire per ridurli e poi li fece ricementare compreso quello della 4 marcia che fece costruire. applico poi il leveraggio per l'innesto e rimontò il tutto.con la 4 marcia il trattore raggiungeva circa i 16 km orari.
                era la fine degli anni 50, quel landini ha arato terreni epr conto terzi fino al 1999 e il tutto è ancora sano.
                nello stesso momento al suo è stato applicato anche il bloccaggio del differenziale ma quello non è quello raffigurato nella foto di carraroturbo.

                ecco una foto del posto guida del super suddetto(la foto è stata fatta alla festa dell'agricoltura di mirano) si vede la leva della marcia veloce in primo piano ma non si vede la leva dle bloccagigo (che è a destra del sedile a livello dell'asse) e non si vede neppure la priam parte della leva dove è collegata al cambio.
                quando andrò a casa sua chiedero informazioni più dettaggliate e fotograferò meglio il tutto.

                intanto una foto è questa

                Click image for larger version

Name:	01014822gx3.jpg
Views:	1
Size:	354,3 KB
ID:	1076532

                ciao
                Ultima modifica di

                Commenta


                • ciao a tutti
                  una curiosità il landini testacalda se non erro è un due tempi giusto?
                  come fa a lubrificare il manovellismo biella pistone? si lubrifica come nei motori a miscela o c'è un circuito come in un 4 tempi?
                  Ultima modifica di

                  Commenta


                  • per chi non ha mai visto il pistone e l'albero motore del super
                    Ultima modifica di Motivo: L'albero delle canne non l'hanno ancora inventato!!!

                    Commenta


                    • mi sembra non ci siano i forelli di lubrificazione sull'albero o sbaglio?

                      Commenta


                      • i buchi ci sono
                        ma nn c'era ingrassatore e nn prendeva il grasso

                        Commenta


                        • è vero che il rapporto di compressione è basso in un testacalda? tipo 8, 10 a 1 ?

                          Commenta


                          • Numero di matricola landini L 45-50

                            Buonasera, avrei una domanda riguardo ad un numero di matricola che mi e' capitato restaurando un landini L 45-50, si tratta di una srie di numeri e lettere nella sequenza che vado ha trscrivere di seguito 12548 e subito sotto Z17x60, dopo aver chiesto ha in giro nessuno ha saputo chiarire questa scuenza
                            può essere legato ad una serie equpaggiata con ingranaggi del
                            cambio con rapporti diversi? o equpeggiata con zavorre del tipo uguale al L55B in aggiunta alla omologazione? essendo una matricola alta risulta acquistato dal proprietario nel 1960 e trascritto alla motorizzazione di Firenze in quell'anno , ringrazio per la risposta.

                            Saluti

                            Commenta


                            • Originalmente inviato da alex55 Visualizza messaggio
                              Buonasera, avrei una domanda riguardo ad un numero di matricola che mi e' capitato restaurando un landini L 45-50, Saluti
                              Hai provato a porre la domanda direttamente alla Landini
                              Ognuno è ciò che è,non ciò che finge di essere....

                              Commenta


                              • Buongiorno, ho chiesto ad un amico concessionario Landini ma mi ha risposto che la Landini non ha piu' nessuna documentazione in merito e non sanno di cosa si tratta, gli iviai anche una foto del numero di matricola tramite il magazzino ricambi ma non sono arrivati ha niente, grazie.

                                Commenta


                                • di solito le cifre precedute da z indicano la riduzione della coppia conica che nei testacalda però non è presente

                                  Commenta


                                  • matricola Landini L45-50

                                    Buonasera, in risposta ha micki88 le lettere che sono riportate sul numero di matricola si trovano sotto al numero, spiego meglio, sopra si trova il numero di matricola in un unica fila e subito sotto si trova la sigla ZA17x60 che potrebbe stare in < zavorra tipo A 17"x60 Kg. > che potevano essere le zavorre applicate la l 55-60 del tipo A senza riduttore nella prima serie costruito nel 52-53
                                    oppure qualcosa che riguarda il diametro degli ingranaggi della 4° macia del cambio, ho visto diverse coppie coniche di questi trattori e risultano tutti uguali,grazie.

                                    Commenta


                                    • informazioni

                                      Salve. Sto restaurando un landini mayer 44 e lo quasi finito però ho un problema. Ha il sollevatore ad aria e smontando il pistone all'interno ho trovato la gomma tutta distrutta. qualcuno sa dove si può trovare o cosa bisogna fare? grazie Giovanni

                                      Commenta


                                      • Se posso vorrei intervenire sulla definizione di serie da non confondere con la matricola e con il modello. La Landini considerava ogni serie costruita con la stessa identificazione la serie non significa il modello, la serie L modello 25 oppure 30 oppure 35-40 mentre tutte le volte che apportatava dei cambiamenti sulla trattrice specificava su alcuni manuali di servizio in dotazione alle officine che a partire dalla matr.xxxxxxx fino alla matr.xxxxxxx della serie xxx adottare la seguenti modifiche, oppure sostituire quel pezzo con cod. xxx l'altro con cod. xxx, quindi correttamente si deve dire la trattrice serie L modello 25, matr.xxxxx, per correttezza.


                                        Originalmente inviato da dozza Visualizza messaggio
                                        Sono tutt'occhi. Attendo le fotografie degli L20 e sono molto, molto curioso.

                                        Alfre scusa, un "esperto di machine agricole storiche" non dovrebbe mai intervenire e trinciare giudizi su argomenti che non conosce. Scrivendo anche sciocchezze. Perdi di credibilità quando poi invece ti capita di dire anche delle cose giuste.
                                        Di L20 ce ne sono in giro? Sai dove sono? Se lo sai, fuori le foto o gli indirizzi. Altrimenti è una sparata infantile.
                                        E se non bastasse, scrivi che gli L20 "praticamente sono una specie di pre-serie mal riuscita dell'L25". Hai mai visto fisicamente da vicino o guidato un L20? Come fai ad affermare che era mal riuscito?
                                        Alfre, io ti stimo per quanto dici o fai di giusto al punto che ti ho affidato anche un paio di miei "ragazzini" da mettere in ordine, ma quando vai fuori dal seminato devo bacchettarti.
                                        Alcune te le ho lasciate correre, ma non vorrei che tu credessi che non le ho viste.
                                        Con più amicizioa di prima. Dozza

                                        Il trattore Landini modello L25 è uno solo. Se ce ne fossero altri si chiamerebbero in altro modo, perchè se si chiamasero L25 sarebbero L25 e quindi lo stesso modello.
                                        Durante la produzione che proseguì per parecchi anni, il modello L25 subì alcune modifiche più o meno importanti ma continuò a chiamarsi sempre L25. Detto questo, la storia scritta della Landini non ci dice più nulla, probabilmente perchè la Casa considerava ininfluenti questi cambiamenti, al punto che non li defrinì neppure "serie". I documenti più probanti che sono i libretti d'istruzione e la pubblicità, non chiariscono con certezza i limiti di anno o di numerazione che sono alla base di una corretta identificazione di una serie, o di una modifica.
                                        A questo punto, quando qualcuno nota qualcosa di diverso tra un trattore e l'altro (sempre modello L25) si mette in testa di definirlo "serie", "tipo" e, i più audaci, anche "modello". In realtà queste differenze ci sono e sono anche visibili ma, sino a quando questi "profondi conoscitori delle cose Landini" non decideranno di mettere nero su bianco e di firmare queste loro teorie, mettendo in condizione tutti di valutarne la consistenza, io mi permetterò di considerarli dei parolai. Parolai che inquinano la storia tanto per dare aria alla bocca.
                                        Scusate le sfogo ma i ciarlatani nel settore sono ormai troppi!

                                        Carraro Turbo. Non so se il Pavesi poteva circolare su rotaie. Cercherò e ti saprò dire poichè la cosa incuriosisce anche me. Mi sembra che i primi tipi stradali avessero una doppia banda di gomma piena. Non ricordo d'aver visto la "cresta" indispensabile per restare sulle rotaie. Cerca di individuare lo scartamento dei binari (prendi un metro e misuralo ad un passaggio a livello) e fammelo sapere. Io andrò a vedere la largezza del veicolo. Attento al treno!

                                        Commenta


                                        • Correta procedura per Accensione Landini Testacalda L25

                                          Salve a tutti. Chi mi può descrivere passo passo la corretta procedura per la messa in moto di un Landini L25 testacalda delle prime serie? L'anno scorso ho acquistato un Landini L25 testacalda, uno delle prime serie con i freni separati e la pompa del gasolio sensa la manetta, di quelle insomma che per adescarla bisogna lavorare sulla manetta dell'accelleratore portandola tutta in alto, come sul Velite mi sembra mi sia stato detto da altri più esperti di me. Il trattore andava in moto e chi me lo ha venuto me lo ha portato in moto parcheggiandolo nella mia officina. Ora a distanza di circa un anno volevo metterlo in moto per spostarlo, e mi chiedevo quale fosse la giusta procedura da seguire. Mi sono procurato un bruciatore apposito per scaldare la testa acquistandolo su subito da un esperto che li produce con il relativo piedistallo e mi sono procurato una bombola di GPL nuova al quale l'ho collegato. Solo che questo bruciatore credo non riesca a portarmi in temperatura la calotta in quanto dalla valvola di sfiato non mi esce anche dopo 15 minuti il famoso fumo bianco che dovrebbe, se ho capito bene, indicare che il motore è pronto per l'accensione. Infatti facendo ripetutamente basculare in avanti e indietro i volano non succede praticamente nulla. Non esce fumo neanche dallo scappamento.... Il problema forse è che ho interposto tra la bombola e il bruciatore un regolatore di pressione fisso per un normale bruciatore da campeggio, che forse ha poca pressione per alimentare il bruciatore? Oggi me ne sono procurato un altro professionale ad alta pressione da 6l/h di quelli che si mettono sui cannelli per sciogliere i fogli di carta catramata per intenderci, e provato poco fa con questo ho una fiamma molto più vigorosa. Ho anche verificato che arriva la nafta all'iniettore svitando la cannetta subito sopra e girando i volani.
                                          Comunque per l'accensione io pensavo di riprovare fare così: Scaldare bene la testa per un quarto d'ora e quindi aprire l'alsivalvola e far girare il volano finche non vedo del fumo bianco uscire dallo sfiato della valvola. A questo punto richiudere la valvola, dare un paio di pompate sulla pompa iniezione e 2 o 3 tacche di accelleratore, quindi incomincio a lanciare il volano nel senso di rotazione indicato dalla sua freccia gialla finche non sento i primi scoppi. Tutto questo lo ho desunto da come ho visto fare da altri in varie feste paesane o da alcuni video su internet. Se non volesse partire ma facesse solo qualche scoppio producendo solo tanto fumo dallo scarico vuol dire che è ingolfato? in tale caso ha senso insistere sui volani? Qualcuno che ha il mio stesso trattore mi sa dire se farò bene? Sono ansioso di risentire il vecchio Landini in moto...

                                          Commenta


                                          • Ciao, la procedura in sé è giusta, ma devi portare in compressione
                                            il pistone e lo slancio al volano va dalla parte opposta alla freccia.
                                            Allego.
                                            Ultima modifica di

                                            Commenta


                                            • Frizione incollata landini L25

                                              Ciao a tutti. Ok, con il nuovo regolatore ad alta pressione il bruciatore ha fatto finalmente il suo lavoro e dopo appena 7 minuti ha scaldato a sufficienza la testa e il motore dell'L25 è partito. Ora però ho un altro grave problema, mi sono praticamente accorto che la frizione anche premendo il pedale a fondo non stacca e le marce non entrano perché grattano. Che sia incollata la frizione? che si può fare? Ho provato anche a trainare il trattore da spento ingranando la prima e premendo il pedale sperando che la frizione si scollasse ma niente da fare le ruote strisciano per terra ma la frizione rimane incollata. A questo punto non so cosa fare. Se non erro la frizione si trova dietro il volano di destra ma non ho la più pallida idea di come sia fatta. Mi è poi venuto un dubbio, questo L25 quando l'ho preso non aveva la puleggia per la dinamo che si applica sul volano con dietro la frizione e me ne sono procurata una e l'ho fissata con dei bulloni che però non ho badato a quanto fossero lunghi. Può capitare che i bulloni vadano ad interferire con la frizione dietro? chi mi può aiutare? Grazie

                                              Commenta


                                              • Frizione che non stacca Landini L25

                                                Problema risolto. Erano i bulloni troppo lunghi della puleggia che ho montato per la dinamo che andavano a dar fastidio. Una volta scorciati di un centimetro la frizione è ritornata a funzionare benissimo

                                                Commenta


                                                • gomme posteriori LANDINI L25

                                                  Ragazzi adulti giovani tutti, buonasera complimenti al forum, ho acquistato un LANDINI L25 parzialmente restaurato e ho notato che le gomme posteriori montate sono basse, il trattore sembra andare in salita. Potete cortesemente dirmi che misura monta, grazie e saluti a tutti

                                                  Commenta

                                                  Annunci usato

                                                  Collapse

                                                  Caricamento...
                                                  X